menu
Condividi

Come portare il gatto in vacanza

 
Di Giovanni Rizzo. 5 agosto 2021
Come portare il gatto in vacanza

Vedi schede di Gatti

Anche se generalmente lasciamo il nostro gatto a casa quando andiamo in vacanza per evitare di sconvolgere la routine di un animale che è molto sensibile ai cambiamenti, la verità è che, per vari motivi, possiamo anche scegliere di portarlo con noi.

Se questo è il vostro caso, affinché lasciare casa sia piacevole per tutti, in questo articolo di AnimalPedia vi sveliamo i consigli per portare il gatto in vacanza con sicurezza e tranquillità.

Potrebbe interessarti anche: Inserimento gatto adulto in casa: come fare

Posso portare il gatto in vacanza?

In primo luogo, se la vacanza sarà breve, circa 2-3 giorni, potrebbe non valere la pena spostare il gatto, soprattutto se è timido, timoroso o si stressa facilmente. Inoltre, se sospetti che il tuo gatto possa essere malato, sia malato o si stia riprendendo da una malattia o da un intervento chirurgico, la cosa migliore da fare è non stravolgere la sua routine e non allontanarlo dal suo veterinario di fiducia. Nel nostro articolo di AnimalPedia ti spieghiamo in dettaglio come lasciare il gatto da solo in casa se vai in vacanza.

D'altra parte, se decidi di viaggiare con il tuo gatto, assicurati che nel luogo in cui pensi di soggiornare accettino gli animali. Informati, inoltre, che su treno, aereo, bus, roulotte ecc. vengano accettati questi felini e sulle condizioni nel trasporto che vuoi utilizzare. Infine, cerca un veterinario di fiducia nella luogo di destinazione e scopri in anticipo se avrà bisogno di essere sverminato o vaccinato contro qualche malattia o parassita in concreto.

Come portare il gatto in vacanza - Posso portare il gatto in vacanza?

Come preparare il gatto ad andare in vacanza?

Poiché la maggior parte dei gatti sono molto sensibili a qualsiasi cambiamento nel loro ambiente, potrebbe essere una buona idea, qualche giorno prima di uscire di casa, iniziare ad usare feromoni calmanti, sia diffusori che spray. Si tratta di sostanze che, sebbene inodori per noi, trasmettono ai gatti una sensazione di calma, sicurezza e familiarità. Il gatto marca i punti preferiti del suo territorio strusciando il muso contro di essi e così facendo deposita un feromone che lo aiuta a tranquillizzarsi e a catalogare tale ambiente come "conosciuto" e "sicuro. In questo modo può distinguere ciò che conosce da ciò che non conosce o che deve evitare. Possiamo spruzzare questi feromoni sul loro trasportino, la loro cuccia, i loro giocattoli o qualsiasi oggetto che vogliamo portare con noi in vacanza, come il loro tiragraffi preferito. In questo modo, si sentirà un po' meno perso quando sarà lontano da casa. Naturalmente, dovrai portare con te anche il suo cibo per evitare un ulteriore cambiamento nella sua routine.

Infine, è importante sottolineare che, in generale, i gatti si stressano molto in viaggio, in caso di necessità il veterinario può prescrivere farmaci per calmarli o sedarli. Tuttavia, se questo è il tuo caso, dovresti considerare se vale la pena sottoporlo a un livello di stress così elevato o se, invece, non sia meglio lasciarlo a casa con qualcuno di cui ti fidi.

Il viaggio, sempre in un trasportino

Sia che viaggiamo verso la nostra destinazione in un veicolo privato, in treno, in aereo, ecc, il trasportino è essenziale. Dovrà essere abbastanza alto in modo che un gatto adulto ci si possa stare in piedi e girarsi senza complicazioni. Deve anche essere abbastanza robusto da proteggere il gatto e, naturalmente, deve chiudersi perfettamente per evitare che si apra durante il trasporto. Se il gatto non viaggerà in auto, dovremo contattare la compagnia di trasporto corrispondente per informarci sui requisiti necessari del trasportino.

Nei viaggi più lunghi è consigliabile fermarsi ogni tanto, almeno per dare al gatto un bicchiere d'acqua. Se il tuo felino vomita, non offrirgli cibo durante il viaggio o nelle ore precedenti alla partenza da casa. Ti consigliamo di non far uscire il gatto dal trasportino per tutta la durata del viaggio, anche se fai qualche fermata. Se proprio vuoi farlo, ti consigliamo di usare un guinzaglio: lasciarlo libero in un'area di sosta in autostrada lo espone a numerosi pericoli, anche se è abituato a stare fuori casa da solo. Premialo quando si comporta bene.

Se volete saperne di più non perdetevi il notro articolo "Viaggiare in macchina con il gatto".

Come portare il gatto in vacanza - Come preparare il gatto ad andare in vacanza?

Consigli per favorire l'adattamento del gatto

All'arrivo nel nuovo alloggio, è bene collocare tutti gli accessori del gatto, aprire il trasportino e lasciare che scruti e conosca l'ambiente al suo ritmo e senza forzarlo. Possiamo usare di nuovo i feromoni per aiutarlo a sentirsi al sicuro. È molto importante indicargli la lettiera, la ciotola del cibo e dell'acqua in modo che possa soddisfare i suoi bisogni fondamentali dopo un viaggio stressante.

Per i gatti più timidi, può essere consigliabile ridurre il loro spazio a una sola stanza e assicurarsi che abbiano un posto dove nascondersi se lo desiderano. Una volta che si sentono un po' più a loro agio, potremo permettere loro di esplorare tutta la casa. Assicurati che le finestre e le porte siano tenute ben chiuse in tua assenza per evitare cadute e fughe. Porta delle zanzariere nel caso in cui il tuo alloggio ne sia sprovvisto. Inoltre, tieni a portata di mano il libretto sanitario del gatto e il numero di telefono di un veterinario.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come portare il gatto in vacanza, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Cosa devi sapere.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Come portare il gatto in vacanza
1 di 3
Come portare il gatto in vacanza

Torna su