Condividi

La rabbia canina - Cause, sintomi e prevenzione

Di Cecilia Natale, Traduttrice e copywriter di AnimalPedia. Aggiornato: 20 febbraio 2017
La rabbia canina - Cause, sintomi e prevenzione

Vedi schede di Cani

La rabbia canina è forse una delle malattie più conosciute perché i cani sono i principali portatori che la trasmettono a qualsiasi mammifero. L'unico continente del mondo in cui non esiste il virus della rabbia, appartenente alla famiglia Rhabdoviridae, è l'Antartide.

Identificarne le cause è fondamentale per prevenire questa patologia. Allo stesso tempo è imprescindibile riconoscerne i sintomi per garantire la sicurezza di chi vive con un animale. Ricorda che la rabbia è mortale e la possono prendere anche gli esseri umani. Per questo motivo, esistono dei vaccini per prevenirla, ridurne gli effetti e cercare di combatterla.

Da AnimalPedia ti spieghiamo vari dettagli sulla rabbia canina, cause, sintomi e prevenzione.

Potrebbe interessarti anche: Rabbia nei gatti - Sintomi, contagio e cura

Come si trasmette la rabbia?

Il contagio della rabbia avviene attraverso la trasmissione del virus Rhabdoviridae, che di solito viene passato con un morso o solo con la saliva di un animale malato. Tuttavia, sono stati registrati dei casi in cui il virus della rabbia canina è stato trasmesso attraverso particelle di aerosol che si trovavano nell'aria. Questi casi, tuttavia, sono rari e si sono verificati solo in grotte abitate da molti pipistrelli malati.

A livello mondiale i cani sono i principali portatori di questa malattia, in particolar modo gli esemplari che non sono stati vaccinati. Tuttavia, la rabbia può essere trasmessa anche da altri animali domestici come i gatti e da animali selvatici come puzzole, procioni o pipistrelli. Oltre a essere mortale per il cane, la rabbia può essere trasmessa agli umani se vengono morsi da un animale infetto. Per questo prevenirla e riconoscerne i sintomi in tempo è fondamentale per garantire la propria salute.

Il virus della rabbia non resiste a lungo in corpi senza vita; infatti, nelle carcasse, smette di essere pericoloso trascorse 24 ore.

La rabbia canina - Cause, sintomi e prevenzione - Come si trasmette la rabbia?

I sintomi della rabbia canina

Il virus della rabbia ha un periodo di incubazione che oscilla fra le 3 e le 8 settimane, anche se in alcuni casi può essere più lungo. Il periodo di incubazione varia anche a seconda della specie animale infetta. Ci sono tre fasi durante le quali si manifestano i sintomi caratteristici, anche se non sempre si presentano tutte. Anche se tutti i mammiferi possono avere la rabbia, le puzzole possono essere portatrici asintomatiche. Negli umani, i sintomi compaiono fra le 3 e le 6 settimane dopo il contagio, anche se ci sono stati casi di incubazione più lunga.

I sintomi della malattia, che colpisce il cervello e il sistema nervoso centrale del mammifero, appaiono in diverse fasi. Presta sempre attenzione alla salute fisica e mentale del tuo cane per riconoscere i sintomi della rabbia secondo le varie fasi.

  • Prima fase o prodromica: ha una durata di circa 3 giorni. In questa fase l'animale cambia comportamento e può mostrarsi nervoso, timoroso e con tendenza a isolarsi. In caso di animali poco docili o aggressivi, possono mostrarsi più affettuosi del solito. A volte il cane presenta febbre.
  • Fase di latenza o rabbia furiosa: si presentano i sintomi caratteristici della rabbia, anche se questa fase non si manifesta sempre in tutti i cani. I sintomi più comuni sono irritabilità, iperattività, scarso riposo e aggressività eccessiva, l'animale morde tutto ciò che vede. Possono presentarsi altri sintomi come difficoltà ad orientarsi e convulsioni. Questa fase può durare da un giorno a una settimana..
  • Ultima fase o rabbia paralitica: alcuni cani muoiono prima di raggiungere questa fase, in cui si paralizzano i muscoli della testa e del collo. I cani non riescono a deglutire e man mano si crea un'insufficienza respiratoria che provoca la morte dell'animale.

Nel passato, la diagnosi della rabbia veniva svolta attraverso l'analisi del tessuto nervoso del cervello. Per cui era necessario uccidere il cane per diagnosticare o meno la rabbia. Oggi sono stati sperimentati altri metodi per riconoscere la rabbia ai primi stadi, senza bisogno di uccidere l'animale. Una di queste tecniche prevede la reazione a catena della polimerasi (PCR, sigla inglese per Polymerase Chain Reaction).

La rabbia canina - Cause, sintomi e prevenzione - I sintomi della rabbia canina

La rabbia si può curare?

Purtroppo il virus della rabbia non ha cura, né un trattamento specifico. A causa dei sintomi intensi che colpiscono il sistema nervoso centrale e il cervello dell'animale, un cane con la rabbia alla fine morirà. Tuttavia è possibile prevenire il contagio mediante la vaccinazione.

Gli esseri umani che passano molto tempo a contatto con gli animali, come i volontari o i veterinari, e le persone che sono state morse da un animale, dovrebbero fare il vaccino antirabbico e curare la ferita il prima possibile per evitare che la saliva infetta trasmetta il virus.

Se ti ha morso un cane probabilmente infetto, vai subito all'ospedale per ricevere il vaccino antirabbico: può salvarti la vita.

La rabbia canina - Cause, sintomi e prevenzione - La rabbia si può curare?

Come prevenire la rabbia

È possibile prevenire la rabbia attraverso la vaccinazione, anche se in Italia non è obbligatoria a meno che non si viaggi all'estero con il cane. Il primo vaccino antirabbico deve essere fatto al cucciolo nei primi mesi di vita e poi si dovranno rispettare i vari richiami e le indicazioni del veterinario.

La rabbia canina si presenta spesso in animali abbandonati o randagi, per cui se scegli di adottare uno di questi cani è importante portarlo subito dal veterinario, ancora prima di portarlo a casa. Fagli fare una visita completa e chiedi al veterinario di realizzare le vaccinazioni necessarie per avere un cane sano e protetto da varie malattie.

La rabbia canina - Cause, sintomi e prevenzione - Come prevenire la rabbia

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a La rabbia canina - Cause, sintomi e prevenzione, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Malattie infettive.

Scrivi un commento su La rabbia canina - Cause, sintomi e prevenzione

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
2 commenti
Sua valutazione:
Sara
Davvero interessante, grazie.
Cecilia Natale (Autore/autrice di AnimalPedia)
Ciao Sara, ci fa piacere il tuo commento. Continua a seguirci! Un saluto da AnimalPedia.
Sua valutazione:
Tiziana
Sì, la vaccinazione è proprio l'unica soluzione in casi così. Grazie, articolo interessante.
Cecilia Natale (Autore/autrice di AnimalPedia)
Ciao Tiziana, siamo felici che ti sia piaciuto l'articolo. Un saluto da AnimalPedia.

La rabbia canina - Cause, sintomi e prevenzione
1 di 5
La rabbia canina - Cause, sintomi e prevenzione

Torna su