Condividi

Il cincillà come animale domestico

 
Di Tamara Rigotti, Editrice di AnimalPedia. Aggiornato: 11 maggio 2020
Il cincillà come animale domestico

Prendere uno di questi simpatici animali è un'ottima decisione. I cincillà domestici sono molto diversi dai cincillà selvatici e ne esistono di diversi colori, dimensioni e morfologia. In natura, invece, se ne trovano solo due specie: il cincillà a coda corta (Chinchilla brevicaudata) il cincillà a pelo lungo (Chinchilla lanigera). Se stai pensando di prendere il cincillà come animale domestico, o ne hai già uno e cerchi informazioni a riguardo, in questo articolo di AnimalPedia troverai tutto quello che devi sapere.

 

Potrebbe interessarti anche: I serpenti come animali domestici

Il cincillà selvatico

I cincillà selvatici sono animali straordinariamente resistenti. Il loro habitat naturale si trova nella Cordigliera delle Ande, tra i 1.500 e i 3.500 metri di altitudine. Ciò implica che il clima radicale di quel luogo forgia una salute molto solida in tutti gli animali che vi vivono.

Il cincillà selvatico nel clima andino può trovarsi in pieno giorno a 40º quando è esposto al sole; e durante la notte può trovarsi a -30º. Questo spiega l'enorme densità di pelo del cincillà selvatico.

Il cincillà domestico è un ibrido che proviene dalle uniche due specie esistenti in natura: il Chinchilla Chinchilla e il Chinchilla Lanígera. A partire dagli inizi del XX secolo cominciarono i tentativi falliti di allevare cincillà in cattività per il mercato delle pellicce.

Data l'enorme quantità di ibridi con una straordinaria gamma di colori dal bianco al nero, che gli allevatori di cincillà producono per il mercato degli animali da compagnia, gli animali attuali hanno poco a che fare con i loro antenati. Non sono così resistenti ai cambiamenti radicali delle condizioni climatiche estreme, ma proprio questa debolezza è la loro forza. Sono molto più adattabili al clima domestico e vivono molto più a lungo. Conosciamo ora le caratteristiche dei cincillà domestici.

Caratteristiche e carattere del cincillà domestico

I cincillà sono dei piccoli roditori. Le femmine, che pesano circa 800 g, sono più grandi dei maschi, che invece pesano circa 600 g. I cincillà domestici sono più grandi rispetto a quelli selvatici e si tratta di animali docili e poco aggressivi.

Il pelo del cincillà è fitto e morbido, ma non c'è paragone con quello del cincillà selvatico. Proprio la particolarità della sua struttura capillare, non si consiglia di toccarlo molto. È un aspetto da tenere bene in considerazione soprattutto se in casa ci sono dei bambini che, ovviamente, vorranno accarezzare e giocare insieme al proprio animale domestico.

Per quanto riguarda il carattere del cincillà, si tratta di animali molto socievoli che, una volta che prendono confidenza, diventano molto dolci e affettuosi. Amano le carezze e le coccole anche se, come abbiamo appena visto, non dovrai toccarli molto. Nel prossimo paragrafo parleremo nello specifico del pelo e della struttura capillare del cincillà.

Sono dei piccoli roditori intelligenti capaci di riconoscere il padrone e di mostrare come si sentono: felici, attivi, tristi o assonnati. Comunicano con piccoli squittii o morsini affettuosi.

Il cincillà come animale domestico - Caratteristiche e carattere del cincillà domestico

Il pelo del cincillà

A differenza degli esseri umani, che possiedono un follicolo pilifero per ciascun pelo, i cincillà hanno 50 o più peli attaccati a un solo follicolo pilifero. Si tratta di uno strumento di difesa dei cincillà selvatici conservato anche dai cincillà domestici. Come si può immaginare, si tratta di una struttura molto debole che porta l'animale a perdere molto pelo se viene accarezzato troppo.

Come funziona questo meccanismo di difesa? Quando i cincillà si sentono in pericolo a causa della presenza di un predatore - spesso un crisocione, un canide del Sudamerica - scuotono il proprio corpo perdendo molti peli. Tali peli entrano nel muso del predatore, portandolo a starnutire e dando al cincillà il tempo di scappare e nascondersi per mettersi in salvo.

Per far sì che il pelo del cincillà sia sempre lucido e abbia un aspetto sano, dovrai mettere nella sua gabbia della sabbietta fine, disponibile in qualsiasi negozio per animali, con cui si farà dei bagni di sabbia. Controlla sempre che non gli restino granelli di sabbia negli occhi o in altre parti sensibili.

I cincillà sono animali notturni che si orientano e vivono perfettamente nell'oscurità grazie ai grandi occhi neri e alle orecchie grandi. Per questo motivo sarà frequente vederli attivi la mattina presto e la sera al tramonto.

Il cincillà come animale domestico - Il pelo del cincillà
Immagine: cincillà bianco

Alimentazione del cincillà

I cincillà domestici sono erbivori. Possono mangiare qualsiasi tipo di verdura e, solo sporadicamente, qualche insetto. Adorano l'erba medica o alfalfa e hanno bisogno di avere sempre acqua pulita a disposizione. Di solito i cincillà non mangiano i propri escrementi come fanno invece altri roditori.

Per evitare che soffrano di mancanza di vitamine, ti consigliamo di comprare cibo per cincillà: si tratta di un alimento completo grazie al quale l'animale non avrà carenze alimentari.

La quantità di cibo giornaliera per un cincillà è di circa 25 g di verdure o cibo confezionato. Accettano in particolar modo le verdure fibrose, ma sarebbe meglio evitare un alto contenuto d'acqua, come la lattuga.

Il cincillà come animale domestico - Alimentazione del cincillà

Le malattie del cincillà

I cincillà domestici non tendono ad ammalarsi se ricevono le cure di base. È fondamentale che il vostro cincillà abbia un rifugio adeguato. Questo rifugio deve essere asciutto, lontano da correnti d'aria e ben ventilato.

I cincillà soffrono facilmente lo stress. Se vivono in condizioni calme e tranquille, le possibilità di vivere più a lungo aumentano in maniera notevole. Come abbiamo visto, si tratta di animali notturni, per cui le ore di oscurità corrispondono ai momenti di maggiore attività. Per far fare esercizio al cincillà, mettigli una ruota come quella dei criceti nella gabbia.

Come precedentemente commentato anche l'alimentazione dev'essere corretta, in quanto possiedono un apparato digerente delicato. Se questi requisiti vengono soddisfatti il vostro cincillà potrà vivere in media 12 anni, e si conoscono anche casi di esemplari che superano i 20 anni.

Le malattie più comuni per un cincillà domestico sono:

  • Colpo di calore
  • Sabbia negli occhi
  • Problemi di stomaco
  • Micosi della pelle e del pelo
  • Problemi ai denti
  • Parassiti

Colpo di calore

Come abbiamo spiegato prima, il cincillà nasce in un luogo di contrasti: freddo intenso di notte e temperature calde di giorno. Tuttavia, il cincillà è un animale notturno, poiché evita a tutti i costi il calore del sole.

Se avete la vostra gabbia di cincillà vicino a una fonte di calore o se è estate, potrebbe soffrire di colpo di calore. Non esponetelo a più di 20°C.

Se osservi il cincillà sdraiato, agitato o con la saliva spessa significa che sta avendo un colpo di calore. Dovrai agire il prima possibile per evitare la morte:

  • Riduci la temperatura della stanza.
  • Avvolgi il cincillà in un asciugamano fresco e bagnato.
  • Chiama il veterinario (non avrete tempo di arrivare).
  • Segui i consigli del professionista.

Puoi evitarlo mantenendo una temperatura costante, aiutati con un termometro vicino alla gabbia per esserne sicuro.

Diarrea

La diarrea è comune quando offriamo del cibo come la lattuga (eccessivamente ricca d'acqua), cibo mal conservato o cibo non adatto. Può anche accadere quando avviene un cambio nell'alimentazione.

Se troviamo feci troppo morbide o liquide sarà necessario rivolgersi al veterinario perché essendo un animale molto piccolo può facilmente disidratarsi e morire.

Parassiti intestinali

I parassiti sono spesso il risultato di una scarsa igiene nell'habitat del cincillà. Può anche succedere che lo adottiamo malato o che sia stato infettato da altri animali che abbiamo in casa.

I sintomi più comuni sono diarrea, perdita di pelo e disagio.

In questo caso consigliamo anche di andare dal professionista e di informarci su cosa fare per eliminare i parassiti del nostro animale. È molto importante separare il cincillà dagli altri se ne abbiamo uno.

Altre malattie che possono colpire il cincillà:

  • Bordetella: è una malattia respiratoria e può colpire anche l'uomo.
  • Pasteurella: si trasmette con morsi e graffi e i suoi sintomi possono essere molto diversi. Con un'igiene adeguata non dobbiamo preoccuparci che appaia.
  • Salmonellosi: è comune nei roditori. I sintomi sono nausea, vomito, diarrea o enterite tra gli altri. Può essere trasmessa molto facilmente.
  • Polmonite streptococcica: è causata da batteri e può causare la meningite.
  • Rabbia: tutti i mammiferi sono suscettibili a questa malattia, anche se di solito non colpisce i cincillà. È impossibile da curare.
  • Tigna: si tratta di una malattia della pelle molto contagiosa (anche per gli esseri umani) i sintomi sono orticaria rossa e caduta del pelo.
  • Malocclusione: è la crescita eccessiva del molare.

Prendersi cura di un cincillà domestico

I cincillà domestici sono particolarmente sensibili ai colpi di calore che possono essere fatali. La gabbia del cincillà deve trovarsi sempre in un luogo fresco e asciutto. Hanno bisogno di vivere in ambienti secchi al riparo da correnti d'aria e dall'umidità.

Inoltre non amano essere toccati da estranei. Se dovesse succedere, inizieranno a tremare per perdere pelo, seguendo il proprio istinto di difesa. Un altro aspetto che i cincillà domestici hanno mantenuto e che li accomuna con i cincillà selvatici è la coda facile da rompere per poter fuggire più rapidamente in caso di attacco.

La gabbia del cincillà deve contenere tutto ciò di cui l'animale ha bisogno. Quando è cucciolo, una gabbia standard andrà benissimo, ma una volta che diventa adulto, la gabbia deve essere più grande, preferibilmente a più piani. Ricorda di adibire una zona ai bisogni mettendo della segatura che dovrà essere cambiata ogni settimana.

Il cincillà come animale domestico - Prendersi cura di un cincillà domestico

Le mutazioni del cincillà domestico

Esistono più di 20 specie di mutazioni di cincillà che discendono dalle uniche due specie di cincillà selvatici. Ogni mutazione, a sua volta, può essere classificata secondo diversi sottotipi che differiscono non solo per il colore ma anche per il fenotipo. Esistono cincillà grandi, nane e di medie dimensioni.

I colori vanno dal nero al bianco, passando quindi per le diverse sfumature di grigio. Alcuni esemplari hanno gli occhi neri e altri sul rossiccio: tuttavia si possono trovare cincillà con occhi di colori molto diversi a causa della alterazioni genetiche introdotte dagli allevatori di cincillà.

Se sei alla ricerca di un animale docile, pulito e tranquillo, la decisione di optare per un cincillà è quella giusta.

Se desideri leggere altri articoli simili a Il cincillà come animale domestico, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Cosa devi sapere.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Il cincillà come animale domestico
Immagine: cincillà bianco
1 di 5
Il cincillà come animale domestico

Torna su