Condividi

Come si riproducono le api?

 
Di Tamara Rigotti, Editrice di AnimalPedia. 3 ottobre 2020
Come si riproducono le api?

Le api sono essenziali per l'ecosistema, di fatto è grazie alle api che molte specie di piante vengono impollinate nei boschi, nelle praterie e in una serie di altri ecosistemi, permettendo la formazione di frutti che serviranno da alimento per molti altri animali. Inoltre, sono produttrici di miele, un processo che svolgono nel loro alveare. Sono insetti sociali con una rigida gerarchia che si basa sul matriarcato, dove l'ape regina determina tutte le decisioni, compreso lo sviluppo sessuale dei suoi sudditi.

Come si riproducono le api? In AnimalPedia abbiamo preparato questo articolo con tutti i dettagli sui tipi di api, la funzione che svolgono e il loro modo di riprodursi. Continuate a leggere!

Potrebbe interessarti anche: Come riconoscere un uovo fecondato

La gerarchia delle api

Prima di spiegare come si riproducono le api, è necessario sapere come si suddividono nell'alveare, poiché sono organizzate in una società ben definita in cui ogni individuo svolge funzioni specifiche:

Ape regina

L'ape regina è la matriarca dell'alveare e madre di tutte le api che vi si trovano. È l'unica femmina fertile, quindi è l'unica a riprodursi. Ma come fa un'ape a diventare regina? Quando sono ancora larve, alcune api vengono selezionate e allevate in cellette verticali più grandi di quelle utilizzate per le api operaie.

Quando passa dallo stadio di larva a pupa, l'ape divora la cella per andarsene, dopo di che si trova ad affrontare altre possibili api regine per determinare chi sarà la matriarca dell'alveare. L'ape regina vive da tre a cinque anni e rilascia costantemente feromoni per aiutare a controllare le attività dell'alveare.

L'ape regina si distingue per essere più grande e più lunga delle altre, ha ovaie sviluppate e un pungiglione smussato.

Fuco

I fuchi, che nascono da uova non fecondate, sono gli unici maschi dell'alveare, il loro unico compito è quello di fecondare l'ape regina. I maschi più veloci sono i preferiti, in quanto procreeranno api più agili e più veloci.

I fuchi sono in grado di riprodursi 24 giorni dopo la schiusa e possono visitare diversi alveari, cercando di accoppiarsi con quante più regine possibile. Sono caratterizzati da un corpo rettangolare, occhi grandi e mancanza di pungiglione. Oltre a partecipare alla riproduzione, svolgono alcune funzioni come mantenere i piccoli al caldo e partecipano in minor misura alla produzione del miele.

Dopo aver fecondato l'ape regina, il fuco muore e il suo sistema riproduttivo si stacca. Gli esemplari che sopravvivono, muoiono all'aperto, poiché non hanno il permesso di rientrare nell'alveare.

Ape operaia

Questo tipo di ape si trova a migliaia in ogni alveare. Sono tutte femmine e sterili. Le loro uova impiegano 21 giorni per schiudersi. Dopo questo tempo, nascono api più piccole della madre con sistemi riproduttivi atrofizzati. Solo in caso di perdita o morte improvvisa della regina, alcune api operaie sono in grado di deporre le uova per dar vita ai fuchi.

Vivono da 75 a 120 giorni e svolgono varie funzioni all'interno dell'alveare: producono il miele, puliscono le celle, nutrono le loro sorelle allo stadio larvale, producono la pappa reale (cibo esclusivo per le api regine), costruiscono i favi, conservano il cibo, proteggono l'alveare e disidratano il nettare.

Come si riproducono le api? - La gerarchia delle api

Come si riproducono le api?

La riproduzione di questi insetti è ricca di curiosità, poiché possiedono un sistema abbastanza strutturato per garantire la perpetuazione dell'alveare. L'ape regina lascia l'alveare 5 giorni dopo essere uscita dalla sua cella e dopo la lotta con le possibili concorrenti. Questo è l'unico momento in cui lascerà l'alveare, il suo obiettivo è quello di effettuare i voli di fecondazione o i voli nuziali (si accoppia con all'incirca 12-15 fuchi).

Durante 3 giorni, la femmina volerà per accoppiarsi con i diversi fuchi. L'organo sessuale del maschio si stacca e la regina stiva lo sperma in un "deposito", la spermateca. Lì è in grado di conservare fino a 5 milioni di spermatozoi, necessari per deporre le uova per il resto della sua vita.

Una volta terminato il periodo di accoppiamento, l'ape regina ritorna all'alveare. Dopo 5 giorni, inizia a deporre le uova, alcune fecondate (api operaie) e altre non fecondate (fuchi). Il meccanismo che usa per fecondare alcune uova e non altre è attualmente sconosciuto. In un giorno, l'ape regina è in grado di deporre 1500 uova, si tratta infatti dell compito più importante della sua vita.

Nascita delle api

Se l'ape regina è sana e giovane e si è accoppiata con successo, la maggior parte delle uova che deporrà sarà fecondata, con l'obiettivo di aumentare o mantenere il numero di api operaie. Queste api nidificano in celle più piccole di quelle della regina, dove vengono accudite dalle operaie più anziane che "fanno da balie".

Dopo 6 giorni, dall'uovo nasce una larva e dopo 12 giorni si muta in pupa. Dopo 21 giorni, la pupa diventa un'ape operaia adulta e comincia a svolgere diverse funzioni all'interno dell'alveare.

Le api più giovani puliscono le celle e con la cera costruiscono favi e altre celle, e dopo aver raggiunto i 21 giorni da adulte sono in grado di lasciare l'alveare e raccogliere polline, nettare e acqua. A seconda del periodo dell'anno, vivranno più o meno giorni prima di essere sostituite da ulteriori api operaie, poiché la schiusa delle uova non si ferma.

Come si riproducono le api? - Nascita delle api

Se desideri leggere altri articoli simili a Come si riproducono le api?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Gestazione.

Bibliografia
  • Seeley, T.D. and Morse, R.A. 1976. The nest of the honey bee (Apis mellifera L.). lnsectes Sociaux, 23 (4).

Scrivi un commento su Come si riproducono le api?

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Come si riproducono le api?
1 di 3
Come si riproducono le api?

Torna su