Cure di base

Come allevare un passerotto

 
Giovanni Rizzo
Di Giovanni Rizzo. 23 maggio 2022
Come allevare un passerotto

Il passero è un uccello di circa 15 centimetri di altezza e dai colori brunastri molto poco contrastati. Di solito si trova nelle città e nei villaggi, poiché è una delle specie di uccelli che vivono più vicino all'essere umano.

Proprio a causa di questa vicinanza, è comune trovare dei passerotti in strada o in guardino caduti dal nido. Se ne avete salvato uno, allora potrebbe esservi utile questa guida su come allevare un passerotto che condividiamo qui ad AnimalPedia. Continua a leggere!

Sommario
  1. Come prendersi cura di un passerotto caduto dal nido
  2. Cosa dare da mangiare ad un passerotto
  3. Come dare da mangiare ad un passerotto
  4. Come insegnare ad un passerotto a mangiare da solo
  5. Crescita di un passerotto

Come prendersi cura di un passerotto caduto dal nido

Se avete trovato un uccellino che sembra essere caduto dal nido a terra nel vostro giardino o in strada, la prima cosa da verificare è se c'è un nido nelle vicinanze. Spesso, quando i passerotti hanno già le piume, trovarli a terra può indicare che non sono caduti dal nido, ma stanno imparando a volare. In questo caso, la cosa migliore da fare è cercare di riportarlo nel nido o semplicemente metterlo in un luogo sicuro dove possa essere ritrovato dai genitori.

Tuttavia, se non riuscite a ricondurlo al nido e notate che è ferito, seguite i consigli che seguono:

  • Recatevi in un centro di recupero per animali selvatici o visitate un veterinario specializzato in uccelli che possa curare l'uccello, soprattutto se si tratta di un passerotto appena nato.
  • Se non ci sono centri di accoglienza nella vostra zona, cercate una scatola e preparate un piccolo letto in cui possa stare comodo: potete realizzarla con un panno di cotone morbido o con dei vecchi calzini. L'ideale è che l'uccello stia sempre al caldo per non interrompere il suo processo di crescita.
  • Questi piccoli animali devono essere mantenuti ben idratati. Potete dare loro acqua con una siringa (senza ago) o con un contagocce, in modo da non somministrare grandi quantità di liquidi.
  • Anche per nutrire il passero caduto dal nido si può usare una siringa. Si possono preparare due tipi di cibo diluiti in acqua, come spiegheremo di seguito.

Ricordate che non sempre è possibile allevare i passerotti in casa, soprattutto perché nutrirli non è un compito facile.

Come allevare un passerotto - Come prendersi cura di un passerotto caduto dal nido

Cosa dare da mangiare ad un passerotto

Se si intende nutrire un passerotto, la miglior opzione è preparare del mangime per gatti imbevuto d'acqua. Si può anche acquistare della pasta da allevamento da mettere in ammollo nell'acqua, in modo da facilitare la deglutizione. Si deve evitare di immergere il cibo nel latte, perché questo è dannoso per i passeri.

Preparare la pasta di allevamento per passerotti con il cibo per gatti è molto semplice: basta aggiungere la quantità di mangime desiderata, anche se un cucchiaino è più che sufficiente, e aggiungere acqua finché le crocchette non diventano abbastanza umide. A questo punto, bisogna schiacciare con una forchetta o un cucchiaio per creare un impasto omogeneo.

Se la pasta da allevamento fatta in casa è troppo densa e difficile da mangiare, è preferibile aggiungere un po' d'acqua per renderla più liquida. Un'altra opzione è quella di preparare una pasta più leggera in termini di consistenza, a base di bevanda di soia (ricordate che i passeri non possono bere latte animale), farina di frumento e una quantità di uovo crudo tale da non renderla né troppo densa né troppo liquida.

Man mano che il passero cresce, gli si può offrire il cibo in un piatto in modo che possa beccare per nutrirsi. È meglio utilizzare il cibo per canarini, poiché altri tipi di cibo possono essere dannosi.

Come dare da mangiare ad un passerotto

Il gozzo dell'uccello è una piccola membrana alla base del collo che fornisce poco alla volta il cibo allo stomaco. Quando si dà da mangiare al passerotto si deve controllare che il gozzo non sia pieno. Per farlo, tastate delicatamente appena sotto la testolina: se notate una piccola protuberanza rotonda, saprete che il gozzo è pieno. Non preoccupatevi, sarete presto in grado di identificarlo semplicemente guardandolo. Dovreste nutrire il passero ogni volta che vedete il gozzo vuoto, circa ogni due o tre ore. Se notate che il gozzo del passerotto non si svuota, rivolgetevi al veterinario.

Il modo corretto per dare da mangiare ad un passerotto è con una siringa, preferibilmente da soli 5 millilitri o la più piccola possibile. Bisogna rimuovere l'ago e riempirla con del cibo. Se il gozzo del passero è vuoto, avvicinate il beccuccio della siringa all'angolo del becco, spruzzateci dentro un po' di cibo in modo che l'uccellino se ne accorga, apra bene il becco e riceva il cibo. È preferibile farlo ai lati del becco e non dal davanti, perché si rischia di depositare il cibo direttamente in gola e questo, oltre a essere sgradevole per l'uccello, potrebbe causarne il soffocamento. Inoltre, inserire la siringa proprio dentro il becco dell'uccello non appena si inizia a nutrire il passerotto può renderlo riluttante a mangiare a causa dello stress che causa la situazione. È meglio procedere lentamente, lasciando che sia il passerotto a dettare il ritmo.

Se il passerotto rovescia del cibo, bisogna pulirlo immediatamente con un bastoncino di cotone o un panno umido, altrimenti questo si seccherà sulle piume e sarà più difficile rimuoverlo. Quando vedrete che il gozzo è pieno, vorrà dire che il passero è soddisfatto con il suo pasto.

Se vi state chiedendo ogni quanto tempo bisogna nutrire il vostro passerotto, l'ideale è dargli da mangiare ogni due ore circa, anche se tutto dipende dal singolo uccello e da ciò che mangia. A questo proposito, è essenziale non forzare l'apertura del becco del piccolo passero, perché questo causerebbe uno stress eccessivo e ostacolerebbe il compito. All'inizio può essere normale che accetti solo l'acqua, quindi bisogna continuare a provare finché l'uccello non riesce ad aprire il becco e ad accettare il cibo da solo. Se dopo 24-48 ore ancora non mangia, rivolgetevi al veterinario il prima possibile.

Come allevare un passerotto - Come dare da mangiare ad un passerotto

Come insegnare ad un passerotto a mangiare da solo

Quando il passero ha compiuto due mesi di vita è pronto per iniziare a mangiare da solo. Mettete il cibo in un contenitore vicino all'acqua in modo che possa iniziare ad abituarsi. All'inizio non sarà in grado di mangiare e si limiterà a beccare il contenitore. Durante questo periodo continuate a nutrirlo con la siringa, ma non dategli da mangiare al mattino in modo che sviluppi l'istinto di procurarsi il cibo da solo. Se fa un po' di fatica, mettetene una piccola porzione nel palmo della mano e guidatelo gradualmente verso il cibo.

Fate attenzione che il passero non si strozzi mentre impara a mangiare. Provate a somministrare diversi tipi di cibo e ad alternarli più volte al giorno. L'alimentazione dei passeri adulti è a base di vari semi, come mais, grano o soia. Possono anche nutrirsi di avena e di alcuni piccoli insetti.

Crescita di un passerotto

Se volete allevare il vostro passero in cattività, dovete cercare una gabbia confortevole con sbarre larghe. Una volta ottenuta, è necessario collocarla in un luogo al riparo dalla luce diretta del sole. Inoltre, tenete aperta la porta della gabbia in modo che il passero non si senta imprigionato. Il passero è un animale molto socievole, quindi se si sente a suo agio nella gabbia e ha sempre a disposizione cibo e acqua, tornerà nel nido che avete costruito.

Prestate attenzione ai suoni del vostro nuovo animale: se notate che cinguetta eccessivamente non significa che sia molto felice; al contrario, può essere un sintomo di stress, che può essere letale.

Se volete lasciare libero il passero, dovete assicurarvi che sia in grado di cercare cibo e nutrirsi da solo, essere capace di volare bene e in generale sopravvivere. È importante anche considerare il clima, perché se lo liberate in pieno inverno molto probabilmente non sopravviverà senza il calore della vostra casa; l'ideale sarebbe quindi in primavera o in estate.

Una volta verificato che non ha bisogno di voi per nutrirsi, dovrete effettuare il cambiamento progressivamente, quindi non è consigliabile liberarlo in un luogo lontano da casa vostra o farlo tutto in una volta, perché il passerotto non ha ancora avuto modo di imparare a riconoscere i pericoli e come allontanarsi da essi. Per esempio, non essendo cresciuto con altri esemplari della sua specie, non saprebbe nemmeno su quale ramo appollaiarsi. Quindi, prima di tutto, lasciate che entri in contatto con l'esterno e con altri passeri, sigillando le finestre, ad esempio con una zanzariera o una rete, e lasciando il passerotto libero in casa. In questo modo, l'uccello potrà appollaiarsi alla finestra, osservare ciò che accade all'esterno e persino interagire con i passeri che si avvicinano.

Quando si abitua a questo contatto, si può togliere la zanzariera e aprire la finestra, in modo che possa decidere da solo quando uscire. Naturalmente, tenete la gabbia vicina e aperta in modo che possa rientrare se lo desidera. Ricordate che la vostra casa e il nido che avete preparato per lui sono l'unica casa che conosce e c'è la possibilità che non voglia vivere all'esterno in modo permanente. Se non ci sono passeri selvatici vicino a casa vostra, liberare il passero sarà più difficile. In questi casi, vi consigliamo di rivolgervi ai centri di recupero della fauna selvatica per una consulenza.

Come allevare un passerotto - Crescita di un passerotto

Se desideri leggere altri articoli simili a Come allevare un passerotto, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Cure di base.

Scrivi un commento
Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
1 di 4
Come allevare un passerotto