Cure extra

Posso accarezzare il gatto in gravidanza?

 
Laura García Ortiz
Di Laura García Ortiz, Veterinaria in medicina felina. 1 marzo 2023
Posso accarezzare il gatto in gravidanza?
Gatti

Vedi schede di Gatti

Anche se fortunatamente è sempre meno frequente, sicuramente avrai sentito dire che essere incinta e avere un gatto sono incompatibili, che devi sbarazzarti del tuo gattino affinché la tua gravidanza non sia in pericolo. Tuttavia, questo è falso e la realtà è che puoi vivere perfettamente con il tuo gatto. Certo, tenendo conto di una serie di aspetti igienico-sanitari che bisogna applicare per evitare di contrarre la toxoplasmosi se non si hanno gli anticorpi, poiché questo è il motivo principale per cui le donne incinte vengono allertate in caso di contatto con i gatti.

La toxoplasmosi è una malattia parassitaria che può mettere in pericolo la vita del feto durante la gravidanza o causare danni e alterazioni nel bambino se nasce. I gatti ne sono portatori, per questo costituiscono una via di contagio. Non solo i gatti fungono da fonte di infezione per il parassita, ma può anche essere trasmesso attraverso il suolo, il cibo e l'acqua contaminati, come scoprirai continuando a leggere questo articolo di AnimalPedia. Comunque, insistiamo, con gli opportuni accorgimenti non c'è pericolo. Detto questo, continua a leggere per scoprire la risposta alla domanda: "posso accarezzare il gatto in gravidanza?".

Potrebbe interessarti anche: Come e quando accarezzare il cane
Sommario
  1. Si può accarezzare il gatto in gravidanza?
  2. È facile prendere la toxoplamosi in gravidanza?
  3. Come vivere con il mio gatto se sono incinta?

Si può accarezzare il gatto in gravidanza?

Cosa succede se accarezzo il gatto e sono incinta? C'è la possibilità di contrarre la toxoplasmosi? Come abbiamo detto, l'allerta per le donne incinte circa il contatto con i gatti è data dal rischio di contrarre la toxoplasmosi, una malattia parassitaria molto dannosa per il feto. Tuttavia, se vivi con un gatto completamente sano, non c'è problema ad accarezzarlo come al solito. In effetti, ci sono molti benefici dei gatti durante la gravidanza.

Un gatto trasmette pace e tranquillità, aiuta a calmare lo stress e l'ansia e ti rende più felice, quindi vivere con un gatto può aiutarti con le paure e le preoccupazioni che possono manifestarsi durante la gravidanza. In questo modo, toccare il tuo gatto e stare con lui non è un male. Tuttavia, durante il primo trimestre il tuo ginecologo ti chiederà un esame del sangue e delle urine in cui, tra le altre cose, controllerà se hai anticorpi contro il Toxoplasma gondii, il protozoo parassita responsabile della malattia della toxoplasmosi e che può infettare il tuo bambino se il gatto è positivo all'infezione e non si adottano misure igieniche adeguate, come pulire la lettiera del gatto senza lavarsi accuratamente le mani dopo.

In ogni caso, per scoprire se il tuo gatto ha la toxoplasmosi, puoi sempre recarti presso il centro veterinario per verificare se ha o meno il parassita.

È facile prendere la toxoplamosi in gravidanza?

Nei gatti, la malattia è solitamente asintomatica, anche se in alcuni può dare origine a sintomi molto diversi, di tipo oculare, nervoso, digestivo, muscolare, respiratorio, cardiaco o cutaneo, a seconda di dove va il parassita. Nell'uomo è generalmente un'infezione asintomatica che in alcuni casi può causare segni di influenza, affaticamento, febbre, ingrossamento dei linfonodi e fastidio muscolare, risultando più grave nelle persone immunodepresse e diventando molto importante nelle donne in gravidanza.

Le donne in gravidanza non subiranno gravi conseguenze se contraggono l'infezione, ma se il parassita va alla placenta può causare danni al feto che possono scatenare un aborto spontaneo, basso peso alla nascita, problemi alla vista, interessamento del sistema nervoso, anemia, alterazioni della udito e organi come fegato, milza, sistema linfatico o polmoni. Ecco perché i medici avvertono sempre di questa malattia. Ora, toccare un gatto durante la gravidanza può davvero essere un modo di contagio?

Come si prende la toxoplamosi in gravidanza?

Toccare e accarezzare il tuo gatto non è una fonte di infezione da toxoplasmosi, ma le seguenti situazioni lo sono:

  • Essere in contatto con le feci di gatti infetti da toxoplasma senza lavarsi le mani dopo.
  • Fare giardinaggio o toccare terreni contaminati da feci di gatto positive senza lavarsi le mani dopo o senza applicare misure preventive come l'uso di guanti.
  • Mangiare carne cruda o poco cotta.
  • Maneggiare la carne cruda e mettere le mani in bocca.
  • Mangiare pesce crudo o affumicato.
  • Mangiare insaccati come prosciutto, lombo o carne essiccata.
  • Consumare frutta e verdura senza averli lavati in precedenza.

Per questo motivo, devi stare attento con il cibo menzionato e con il contatto con la lettiera del tuo gatto se non conosci il suo stato di salute o il suolo e il terreno che potrebbero essere contaminati. Se il tuo ginecologo ti dice di sbarazzarti del tuo gatto, quello che dovresti fare è cambiare ginecologo, poiché è chiaro che non è aggiornato. Per stare più tranquilli, insistiamo, la cosa più opportuna è recarsi dal veterinario per fare un esame e verificare se il proprio gatto ha il parassita. Abbandonare un animale o liberarsene non è mai la soluzione.

Posso accarezzare il gatto in gravidanza? - È facile prendere la toxoplamosi in gravidanza?

Come vivere con il mio gatto se sono incinta?

Anche se sappiamo che l'animale è sano non ci sono problemi, è normale chiedersi come dovrebbe essere la convivenza tra gatti e donne incinte. Una volta ottenuto il risultato del tuo esame del sangue, potrai sapere se dovresti prestare particolare attenzione nel contrarre questa malattia o, al contrario, non corri il rischio di essere infettata essendo protetta. Se sei sieronegativo alla malattia, devi effettuare una serie di cure affinché il tuo gatto non possa contagiarti, soprattutto se sai che il tuo gatto è negativo e rischia di infettarsi perché esce, mangia cibi crudi o non è sverminato.

In questi casi, la prima misura sarebbe cercare di non pulire la lettiera del tuo gatto quando fa i bisogni. Quindi, se non vivi da solo, chiedi a qualcuno di farlo per te durante questi 9 mesi, soprattutto se non hai la buona abitudine di pulire la lettiera tutti i giorni, visto che devono passare almeno 24 ore dalla rimozione per far si che le uova siano infette. Se ciò non è possibile, è necessario pulirla con i guanti, gettarli via dopo l'uso e lavarsi accuratamente le mani prima di toccarsi il viso o la bocca. Questo perché la fonte dell'infezione sono le feci, che contengono un numero enorme di uova infette del parassita.

Né dovresti fare giardinaggio senza guanti, poiché il terreno può contenere feci di gatti con toxoplasmosi ed essere una fonte di infezione.

Quando accarezzi il tuo gatto, puoi farlo normalmente, ma con estrema igiene. Quindi, dovresti lavarti le mani più frequentemente ed evitare di toccarti la bocca con le mani sporche. Per il resto, puoi continuare a nutrire, strigliare e prenderti cura del tuo gatto come al solito.

Infine, è importante effettuare un adeguato programma di sverminazione per il tuo gatto, non solo durante la gravidanza, ma per tutta la sua vita. Nel caso in cui effettui i test pertinenti sul tuo micio e ottenga un risultato positivo, ovvero che il tuo gatto abbia la toxoplasmosi, è essenziale portare all'estremo le suddette misure e, soprattutto, trattare l'animale per eliminare il parassita. Ne parliamo in questo altro articolo: "Toxoplasmosi nei gatti".

Come si fa a non prendere la toxoplasmosi da un gatto?

Come abbiamo accennato, per evitare che una donna si infetti con la toxoplasmosi durante la gravidanza, deve attuare misure igieniche e nutrizionali preventive per evitare i rischi che può avere un'infezione attiva durante il periodo gestazionale se non ha anticorpi contro il parassita. Queste misure possono essere applicate a tutte le persone ed è particolarmente importante che vengano prese in considerazione da coloro che sono più suscettibili, come immunodepressi o persone gravemente malate.

Tra le misure alimentari preventive troviamo evitare il consumo di carne e pesce crudi, così come di insaccati come prosciutto, carne essiccata o lonza in quanto potrebbero contenere cisti di toxoplasma. Si consiglia inoltre di evitare di mangiare frutta e verdura non lavate, in quanto potrebbero contenere parassiti veicolati dal terreno in cui sono state coltivate. Pertanto, gli alimenti a base di carne devono essere ben cotti a una temperatura superiore ai 70 gradi o congelati almeno a -18 gradi per 48 ore. È altrettanto importante indossare guanti quando si maneggiano cibi crudi e lavare accuratamente o usare candeggina alimentare prima di consumare frutta e verdura fresca.

Le misure igieniche comprendono l'igiene delle mani dopo aver pulito la lettiera del gatto o maneggiato il terreno o le piante, bisogna indossare i guanti mentre si fanno queste attività ed evitare di portare le mani al viso, in particolare alla bocca o vicino ad essa, a causa dell'infezione feco-orale di questa malattia parassitaria.

Se desideri leggere altri articoli simili a Posso accarezzare il gatto in gravidanza?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Cure extra.

Bibliografia
  • García, L. (2021). Toxoplasmosis en gatos - Síntomas, diagnóstico y tratamiento. Disponible en: https://www.expertoanimal.com/toxoplasmosis-en-gatos-sintomas-diagnostico-y-tratamiento-6520.html
Scrivi un commento
Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
1 di 2
Posso accarezzare il gatto in gravidanza?