Condividi

Convivenza tra gatti e conigli

 
Di Piergiorgio Zotti, Copywriter per AnimalPedia. Aggiornato: 19 giugno 2017
Convivenza tra gatti e conigli

La convivenza tra questi due animali può sembrare molto difficile se non impossibile, ma non è affatto vero visto che il coniglio e il gatto possono diventare grandi amici, ammesso che questa coesistenza inizi con il piede giusto in maniera adeguata e graduale.

Se stai pensando di adottare sotto lo stesso tetto questi due fantastici animali da compagnia, in questo articolo di AnimalPedia ti offriamo degli utili consigli che ti aiuteranno a rendere possibile la convivenza tra gatti e conigli.

Potrebbe interessarti anche: Consigli per la convivenza tra cane e gatto

Con i cuccioli è sempre più semplice

Se il coniglio è l'animale che è entrato per primo in casa, potrebbe provare ad attaccare il gatto se è abbastanza piccolo. Questo comportamento si deve al fatto che la natura dei conigli come quella di altri animali è gerarchica.

Se invece è il contrario, ovvero che il coniglio entra in casa dove c'è già un gatto adulto è molto probabile che il gatto agisca in base al suo istinto da predatore e consideri il coniglio una preda.

Al contrario, se questo primo contatto avviene quando entrambi gli animali sono cuccioli, è molto facile che si instauri una convivenza armoniosa dovuto al fatto che entrambi riconoscono l'altro animale come un compagno che forma parte del proprio ambiente. Avere un gatto e un coniglio insieme non sempre è possibile, ma vediamo adesso cosa fare negli altri casi.

Convivenza tra gatti e conigli - Con i cuccioli è sempre più semplice

Se il gatto arriva dopo...

Per far sì che questi animali possano arrivare ad avere una grande amicizia, conviene non forzare il contatto né la presenza, dobbiamo capire che indipendentemente da quando sia arrivato il gatto, il coniglio è una sua preda naturale.

In questi casi conviene far iniziare il contatto dalla gabbia, tenendo conto delle dimensioni del gatto per evitare che le sue zampe possano provare a ferire il coniglio dentro la gabbietta. Un'altra cosa importante è che la gabbia deve essere il più grande possibile, tanto da permettere al coniglio di muoversi dentro e al gatto di osservare e abituarsi ai suoi movimenti.

Devi avere pazienza visto che questo periodo di socializzazione può durare giorni o settimane: la cosa più raccomandabile è che il contatto avvenga in maniera progressiva. Il seguente passo da seguire è permettere al coniglio e al gatto un contatto diretto in una stanza. Cerca di non intervenire a meno che non sia assolutamente necessario. Se il gatto prova ad attaccare il coniglio, bagnalo istantaneamente con uno spray a base d'acqua, così facendo il gatto assocerà il getto d'acqua (una cosa traumatica) al suo comportamento con il coniglio.

Convivenza tra gatti e conigli - Se il gatto arriva dopo...

Se il coniglio viene dopo...

I conigli mostrano una grande sensibilità di fronte ai cambiamenti e si stressano con grande facilità. Ciò, significa che non possiamo presentargli il gatto all'improvviso. È necessario che prima si abitui alla sua gabbietta e alla stanza dove vivrà e poi gradualmente a tutta la casa.

Una volta che si è abituato al suo ambiente è arrivato il momento di presentargli il gatto. Si seguiranno le stesse precauzioni citate prima, ovvero primo contatto dalla gabbia e solo in seguito si passerà al contatto diretto. Se hai pazienza e sei prudente la convivenza tra gatto e coniglio non ti dovrebbe dare nessun problema e potrai avere i due animali domestici che vanno d'amore e d'accordo.

Bene, non ci resta che augurarti buona fortuna!

Convivenza tra gatti e conigli - Se il coniglio viene dopo...

Ti potrebbero interessare:

Se desideri leggere altri articoli simili a Convivenza tra gatti e conigli, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Cosa devi sapere.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Convivenza tra gatti e conigli
1 di 4
Convivenza tra gatti e conigli

Torna su