Condividi

Quanti stomaci hanno le mucche?

 
Di Nick A. Romero H., Biologo ed educatore ambientale. 27 gennaio 2021
Quanti stomaci hanno le mucche?

Il regno animale è molto affascinante, non solo per la varietà di specie che s trovano in tutto il pianeta, ma anche perché ciascun gruppo si è specializzato per sfruttare al massimo le risorse che ha a disposizione nel suo habitat. A questo proposito le mucche, che appartengono alla classe dei mammiferi, all'ordine degli Artiodactyla ed alla famiglia dei bovini. Questi ultimi si trovano inoltre in un sottordine identificato come Ruminantia che si differenzia per la complessità nel processare il cibo, cosa che ha fatto pensare in passato che avessero 4 stomaci.

Se quindi siete curiosi di sapere di più sul processo digestivo dei bovini e su come sia strutturato il loro stomaco, continuate a leggere il nostro articolo di AnimalPedia, in cui, tra le altre cose, chiariremo quanti stomaci hanno le mucche.

Potrebbe interessarti anche: Quanti occhi hanno i ragni?

Cos'è un ruminante

Gli animali ruminanti sono esclusivamente erbivori che si cibano di piante, erba e altri materiali vegetali. Possiedono un complesso sistema digestivo che gli consente di trasformare gli alimenti in composti più semplici ed essere così in grado di assorbirne le sostanze nutritive. Le piante di cui si nutrono i ruminanti contengono una alta percentuale di cellulosa, che riescono a processare grazie alla loro anatomia ed ai microorganismi specializzati in questo processo che popolano lo stomaco.

Ruminare significa in pratica tornare a masticare gli alimenti che erano già stati deglutiti. Questi animali infatti mischiano il cibo con la saliva e masticano leggermente il cibo per poi passarlo all'esofago tramite il quale giunge allo stomaco. Ma in questo processo le parti più grosse vengono rigurgitate verso la bocca per essere nuovamente masticate e successivamente ingerite ancora.

Quanti stomaci hanno le mucche? - Cos'è un ruminante

Apparato digerente delle mucche

Le mucche consumano in media circa 70 kg di foraggio al giorno, in un lasso di 8 ore. Si tratta di una grossa quantità di cibo, che sommato alla difficoltà di processare gli alimenti ed assimilarli correttamente, fa sì che questi animali necessitino un sistema anatomico e fisiologico particolare per poter portare a termine il processo digestivo.

L'apparato digerente delle mucche è composto da:

  • Bocca: nella quale si trovano lingua e denti. La lingua è costellata da papille gustative che rendono la sua superficie ruvida ed è piuttosto lunga. La lingua infatti svolge una funzione importante nella masticazione perché l'animale la usa per avvolgerla nel foraggio e per introdurre quest'ultimo in bocca. Poi con i denti incisivi morde tagliando le fibre e triturandole un poco. Questo procedimento si ripete varie volte fino ad avere una massa di circa 100 grammi di cibo mischiato a saliva, che prende il nome di bolo, e che viene quindi ingerito. La saliva delle vacche è molto abbondante e viene prodotta da diverse ghiandole che secernono svariate sostanze che rendono il bolo umido e quindi favoriscono la masticazione. La saliva serve inoltre per regolare il PH del bolo durante il processo digestivo.
  • Esofago: il bolo, che è un miscuglio di cibo parzialmente masticato e imbevuto di saliva, passa attraverso la faringe fino ad arrivare all'esofago, dal quale passa poi allo stomaco.
  • Stomaco: è un'organo a forma di sacco che inizia nell'esofago e culmina nel duodeno. E' costituito da varie parti ed è popolato da diversi microorganismi indispensabili al processo digestivo delle mucche.

Le mucche hanno 4 stomaci?

Popolarmente si sente dire che le mucche hanno 4 stomaci ma si tratta di una asserzione imprecisa e incorretta. Le mucche infatti sono fornite di un solo stomaco, che a sua volta è diviso in quattro camere o parti: il rumine, il reticolo, l'omaso e l'abomaso. In ciascuna di queste camere si svolge una fase del processo di digestione. Grazie a questo sistema i ruminanti sono in grado di processare, digerire ed assorbire le sostanze nutritive in maniera ottimale, e quindi garantirgli una alimentazione appropriata.

Non solo le mucche hanno lo stomaco così suddiviso ma tutti i ruminanti. Questi animali infatti vengono anche chiamati poligastrici, a causa appunto della suddivisione del loro stomaco in camere. Andiamo quindi ad analizzare nel dettaglio come sono formate e come funzionano queste parti dello stomaco delle mucche e dei ruminanti in generale.

Come è suddiviso lo stomaco di una mucca

Le parti dello stomaco di una vacca sono:

  • Rumine: qui si trovano le colonie di microorganismi che iniziano la fermentazione del bolo alimentare per poterlo trasformare. Il rumine è la camera più grande di tutte, ed ha una capacità che arriva fino ai 200 litri. Alcune sostanze della fermentazione vengono già assorbite dalle pareti del rumine e passano al flusso sanguigno. Altri composti che non vengono fermentati, si trasformano in proteine che vengono assorbite dall'animale. Il tempo in cui il cibo rimane in questa camera può variare: 12 ore per le parti più liquide, e tra le 20 e le 48 ore per la porzione contenete le fibre.
  • Reticolo: questa camera ha la funzione di contenere l'alimento, trasportando il materiale già digerito ed è più liquido fino all'abomaso della vacca. Le parti di dimensioni più grandi e solide invece vengono portate verso il rumine per essere rigurgitate dalla camera fino alla bocca, per poi re-iniziare di nuovo lo stesso processo.
  • Omaso: questo compartimento è formato da diverse pieghe, e una tipica struttura lamellare che gli ha conferito anche il nome di libretto o millefoglie. L'omaso della mucca ha la funzione di assorbire l'eccesso d'acqua in modo che il cibo passi alla camera successiva in forma più densa e concentrata,e gli enzimi digestivi non risultino troppo diluite.
  • Abomaso: questa camera è quella dove si svolge il processo digestivo vero e proprio. L'acidità di questa camera è molto alta, e qui vengono digeriti tutti i microorganismi che servivano a processare il cibo. Qui la fermentazione viene bloccata. Viene prodotto acido cloridrico e peptina, che favoriscono l'assorbimento delle proteine che sono giunte nella camera, e favorendo una digestione chimica degli alimenti.

Altre parti dell'apparato digerente di una mucca

Le altri parti che contribuiscono alla digestione nei ruminanti sono:

  • Intestino tenue: i prodotti della digestione che ha luogo nelle quattro camere dello stomaco della mucca vengono poi assorbiti dall'intestino tenue.
  • Intestino crasso: nell'intestino crasso i composti alimentari ancora non digeriti vengono processati da una diversa popolazione di microorganismi che realizzeranno una nuova fermentazione.
  • Cieco: la massa di alimento non ancora digerito transito attraverso il cieco o cecum.
  • Colon: il colon della vacca è la parte dove avviene l'assorbimento dell'acqua e dei minerali, per poi formare la materia fecale che viene eliminata dal retto anale.
Quanti stomaci hanno le mucche? - Come è suddiviso lo stomaco di una mucca

Se desideri leggere altri articoli simili a Quanti stomaci hanno le mucche?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • J. García y M. Gingins. (1969). Anatomía y fisiología del aparato digestivo de rumiantes. Disponible en: http://www.produccion-animal.com.ar/informacion_tecnica/manejo_del_alimento/02-anatomia_fisiologia_digestivo.pdf
  • Gloobe, H. (1989). Anatomía aplicada del bovino. Bib. Orton IICA / CATIE. Disponible en: https://books.google.co.ve/books?id=MeU2Ru8k1qoC&printsec=frontcover&hl=es&redir_esc=y#v=onepage&q&f=false :
  • Ng, J. (2001). Bos Taurus. Animal Diversity Web. Disponible en: https://animaldiversity.org/accounts/Bos_taurus/

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Quanti stomaci hanno le mucche?
1 di 3
Quanti stomaci hanno le mucche?

Torna su