Condividi

Differenza tra grillo e cavalletta

Di Lorena Bonioni, Traduttrice e copywriter junior di AnimalPedia. Aggiornato: 17 ottobre 2018
Differenza tra grillo e cavalletta

Quante volte ti sei chiesto qual'è la differenza tra grillo e cavalletta? Entrambi fanno parte dell'ordine degli Ortotteri, entrambi hanno le antenne e sono dotati di forti zampe che permettono loro di spiccare salti. Ma le differenze sono molto importanti, a cominciare dal fatto che mentre uno è particolarmente utile per l'agricoltura, l'altro è altamente dannoso, considerato una piaga da moltissimi agricoltori.

Le antenne in entrambi gli insetti sono lunghe e servono loro a orientarsi, a individuare il nemico, ad annusare e gustare. Leggi l'articolo sulle differenza tra grillo e cavalletta e scoprirai tutti i trucchi per distinguerli, a cominciare da forma, colore e verso di questi due piccoli insetti. Se ti interessano i confronti, consulta la sezione del sito di AnimalPedia sulle differenze tra animali simili tra loro, come il grillo e la cavalletta, che a volte fatichiamo a distinguere.

Potrebbe interessarti anche: Differenza tra Pitbull e Amstaff

Differenza tra grillo e cavalletta: classificazione

Come abbiamo detto, sia le cavallette che i grilli sono insetti che appartengono all'ordine degli Ortotteri (dal greco "ali diritte"). Gli insetti di questo ordine hanno gli arti posteriori lunghi e adatti al salto, un apparato boccale masticatore e degli organi stridulatori che variano a seconda del tipo di insetto tra le circa 20.000 specie esistenti.

L’ordine degli Ortotteri è suddiviso nel sottordine degli Ensiferi e in quello dei Celiferi.

  • Al sottordine degli Ensiferi ("portatori di spada" in riferimento all'ovopositore di cui sono dotate le femmine) appartengono le famiglie dei Grillidi, Grillotalpidi e Tettigonidi dalle lunghe e sottili antenne, presentano un ovopositore sporgente e hanno gli organi stridulatori collocati alla base del primo paio di ali. A questo sottordine appartengono ad esempio i grilli (ma anche le cavallette verdi).
  • Il sottordine dei Celiferi si distingue dal primo per le antenne più corte e robuste, un ovopositore più corto e gli organi stridulatori collocati sul femore delle zampe anteriori. A questo sottordine appartengono le cavallette - ad esempio quelle nane - e le locuste.

Il grillo: caratteristiche

Il grillo è un insetto morfologicamente adattato a spiccare piccoli salti ma è soprattutto in grado di correre sul terreno a grande velocità. Dalla testa tondeggiante e corpo tozzo e robusto, di colore bruno-verdastro e lungo circa 20-25 mm, il grillo scava buchi nel terreno creando gallerie di più di mezzo metro che finiscono con una "stanza" circolare che è la vera e propria tana.

L'entrata della tana è grande e spaziosa, appositamente voluta con queste caratteristiche per amplificare il suono del loro canto. I maschi utilizzano il cosiddetto "cri-cri" per attirare le femmine e accoppiarsi con loro. Questo suono viene prodotto sfregando tra loro le tegmine (ali coriacee anteriori) brune come se fossero un plettro contro un raschietto. Il suono è corto e dal timbro sempre uguale e la frequenza è per la femmina un indicatore affidabile della dimensione maschile. Noi non capiamo da che parte proviene il suono del grillo poiché la frequenza è lunga all'incirca come la distanzia che abbiamo tra orecchio destro e sinistro.

Insetto dalle abitudini diurne, il grillo possiede una testa grande e globosa provvista di lunghe antenne ed è onnivoro, infatti si nutre sia di vegetali che di altri insetti ed è uno di quegli animali che va in letargo d'inverno, che per gli insetti si chiama diapausa. Come tutti gli insetti, anche il grillo fa la muta.

Il grillo e il grillotalpa in agricoltura

Per l'uomo e per l'agricoltore in particolare, il grillo non è nocivo né dannoso poiché tende a fare una vita solitaria e quindi difficilmente si possono registrare infestazioni da parte di questi animali. È invece assai utile in agricoltura perché si ciba di insetti dannosi alle colture, come ad esempio larve, bruchi e afidi.

Il grillotalpa invece è una grande minaccia per il raccolto perché scava gallerie nel terreno e si ciba in particolare di tuberi e radici delle piante, perciò si può trasformare velocemente in un vero e proprio flagello, specie negli orti e nelle culture di patate.

Nella foto grillo e grillotalpa a confronto:

Differenza tra grillo e cavalletta - Il grillo: caratteristiche

La cavalletta: caratteristiche

La cavalletta è generalmente di colore verde ma si possono anche osservare varietà che vanno dal giallo al nero, perciò ade esempio si può vedere anche una cavalletta marrone. Esistono infatti moltissimi tipi di cavallette, in Italia ne sono presenti 264 specie mentre in Europa più di 1000. Questa eterogeneità deriva dal fatto che la cavalletta è stata capace di adattarsi e colonizzare tutti gli ambienti possibili (freddi, caldi, umidi, secchi, ghiacciati, da 0 a 3000 m di altitudine, ecc), e soprattutto dalle strategie di sopravvivenza che questo insetto è stato in grado di sviluppare nel corso dell'evoluzione.

La cavalletta verde (Tettigonia viridissima) è la specie più diffusa in Italia e in Europa e, come dice il nome, è una cavalletta di colore verde brillante con un una banda bruna sul dorso. Adora gli ambienti erbosi dove si mimetizza grazie al suo colore ed è onnivora, anche se quando può scegliere preferisce magiare larve, bruchi, mosche e piccoli insetti.

Altri tipi di cavallette invece sono totalmente erbivore e non mangiano insetti, altre ancora sono decisamente carnivore. In generale comunque la cavalletta è più grande del grillo e ha il corpo più allungato (dai 28 ai 42 mm) con le antenne a volte molto lunghe, altre volte corte e robuste, la testa triangolare e due grandi occhi sporgenti. È un animale dalle abitudini notturne (mentre il grillo vive il giorno e riposa la notte) con lunghe zampe posteriori - di solito più lunghe di quelle dei grilli - che le permettono di spiccare grandi salti e due paia di ali: un paio ricopre la seconda coppia che a riposo rimane ripiegata a ventaglio; il primo paio ha funzione protettiva mentre il secondo serve a volare e sostenere l'insetto durante il salto.

Solo gli esemplari maschi possiedono degli organi stridulatori che servono ad attirare le femmine durante il corteggiamento. Sono posizionati sulla superficie interna dei lunghi femori delle zampe posteriori o alla base della prima coppia di ali. Strofinano altre parti del corpo sulle ali (e non le ali tra loro, come fanno i grilli) producendo così il suono caratteristico che però cambia da specie a specie.

Differenza tra grillo e cavalletta - La cavalletta: caratteristiche

La cavalletta verde, un pericolo per l'agricoltura

Nella cavalletta, al contrario del grillo che vive una vita solitaria, si può osservare facilmente il fenomeno detto di gregarismo o comportamento gregario, che porta alla formazione di orde di moltissimi esemplari che si uniscono e migrano insieme.

Quando sono numerose le cavallette possono danneggiare non solo le piante spontanee e silvestri ma anche intere colture orticole e erbacee (in particolare di erba medica o piante leguminose di cui vanno ghiotte). Per questo motivo le invasioni di cavallette rappresentano un serio problema per gli agricoltori.

Tipi di cavallette in Italia

In Italia i tipi di cavallette più diffuse sono quelle chiamate "giallastre italiane" appartenenti alla specie Calliptamus Italicus, ma esistono anche altre specie come:

  • l'Anacrydium aegyptium, solitaria, di colore grigio e ritenuta non dannosa per le colture;
  • l'Dociostaurus maroccanus, diffusa nel sud dello stivale, di colore marrone;
  • Tettigonia viridissima e Dectigus verrucivorus, sono invece entrambe di grandi dimensioni e di colore verde;
  • l'Oedipoda coerulescens, simile alla giallastra italiana ma di colore grigio e con le ali azzurre;

Esistono anche delle cavallette molto piccole chiamate cavallette nane, caratterizzate dal dorso allungato; la specie più diffusa di cavallette nane è la Paratettix meridionalis.

Le cavallette verdi (Tettigonia viridissima), di cui abbiamo già accennato, si differenziano dalle altre per il colore verde acceso e per le antenne rivolte all'indietro che sono più lunghe del corpo stesso dell'insetto.

Nella foto un esemplare di cavalletta "Calliptamus Italicus":

Differenza tra grillo e cavalletta - Tipi di cavallette in Italia

Differenza tra locusta e cavalletta

Se ti sei chiesto la differenza tra grillo e cavalletta, si sicuro ti sei domandato anche la differenza tra locusta e cavalletta. Devi sapere che la locusta è una specie di cavalletta che appartiene alla famiglia degli Acrididi (sottordine dei Celiferi) dalle antenne brevi.

La locusta è chiamata anche cavalletta migratrice poiché si aggregano molti esemplari che assumono spesso il comportamento migratorio percorrendo grandi distanze. La locusta più comune infatti si chiama locusta migratoria, ma ne esistono di diverse specie e sottospecie. Quella migratoria in particolare è un insetto di grossa taglia che si caratterizza per il dimorfismo sessuale marcato con la femmina dalla livrea verde più grande del maschio di colore marrone. La femmina arriva a misurare anche 50 mm (la cavalletta al massimo 42 mm) e si distingue dal maschio anche per l'apparato ovopositore alla fine dell'addome.

Nella foto un esemplare di locusta migratoria:

Differenza tra grillo e cavalletta - Differenza tra locusta e cavalletta

Differenza tra grillo e cicala

Anche tra il grillo e la cicala spesso si fa confusione, ma in realtà sono insetti diversi. Per cominciare le cicale fanno parte della famiglia delle Cicadidi appartenenti all'ordine dei Rincoti (che viene dal greco con il significato di "rostro"), i cui membri sono ad esempio anche le cimici.

Le cicale sono ancora più tozze dei grilli, hanno due ali trasparenti molto grandi sul dorso e arrivano a misurare 40 mm di lunghezza. Vivono principalmente sugli alberi e sulla vegetazione e non sono assolutamente carnivore ma si nutrono di linfa e succhi che prelevano dalle piante.

Anche le cicale, come i grilli, sono molto famose per il loro "canto" ma in realtà di canto non si tratta: il frinire della cicala è il suono che questo insetto produce attraverso la vibrazione di organi chiamati timballi che si trovano alla base dell'addome. Mentre già sappiamo che il grillo produce questo il caratteristico cri-cri per sfregamento. Leggi il nostro articolo di AnimalPedia per scoprire curiosità interessanti sul canto delle cicale.

Nella foto un esemplare di cicala:

Differenza tra grillo e cavalletta - Differenza tra grillo e cicala

Differenza tra grillo e cavalletta: ricapitolando

Ricapitolando, ecco una lista delle principali differenze tra grillo e cavalletta:

  • Il grillo è un animale diurno mentre la cavalletta è un insetto notturno;
  • Il grillo è un insetto solitario mentre alcune specie di cavallette manifestano forme di gregarismo;
  • Il grillo, al contrario della cavalletta, non è particolarmente pericoloso per il raccolto;
  • Il corpo della cavalletta è più grande e allungato mentre quello del grillo è più tozzo e robusto;
  • Il colore del grillo è bruno-verdastro e anche nero, mentre quello della cavalletta va dal verde al giallo al marrone a seconda della specie;
  • Le ali: i grilli non volano mentre le cavallette sì;
  • La testa triangolare e con grandi occhi sporgenti e è caratteristica della cicala, mentre il grillo ha una testa tonda, proporzionata e due occhi piccoli;
  • Le zampe della cavalletta sono quasi sempre più sviluppate del grillo per spiccare grandi salti;

Finalmente ora potrai dire di conoscere alla perfezione la differenza tra questi due insetti! Facciamo un test: riconosci quelli nella foto? Scrivi la tua risposta nei commenti.

Differenza tra grillo e cavalletta - Differenza tra grillo e cavalletta: ricapitolando

Se desideri leggere altri articoli simili a Differenza tra grillo e cavalletta, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Scrivi un commento su Differenza tra grillo e cavalletta

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Sua valutazione:
Cinzia Iorio
Anche gli insetti sono tra i miei preferiti.

Differenza tra grillo e cavalletta
1 di 8
Differenza tra grillo e cavalletta

Torna su