Condividi

Come pensano i cavalli

 
Di Piergiorgio Zotti, Copywriter per AnimalPedia. 27 febbraio 2017
Come pensano i cavalli

Per molti secoli i cavalli hanno affiancato gli uomini, lo confermano i graffiti e le pitture rupestri dove venivano raffigurati questi animali. Oggigiorno, il cavallo non viene più utilizzato solo come un mezzo per facilitare il lavoro o il trasporto, infatti, con la nascita dell'automobile si è iniziato a considerarlo un animale domestico di taglia grande.

AnimalPedia cerca da sempre di offrire valide informazioni sul comportamento degli animali e in questo articolo, parleremo di quello del cavallo, un animale sensibile, fedele e maestoso.

Continua a leggere se vuoi scoprire come pensano i cavalli, cosa che ti svelerà perché si tratta di un animale così apprezzato e amato in tutto il mondo.

Potrebbe interessarti anche: Come dormono i cavalli?

Il comportamento sociale del cavallo

Il cavallo è un animale sociale che vive in branco per proteggersi dai predatori. La struttura famigliare è fortemente consolidata ed è primeggiata da un esemplare leader che guida l'intero gruppo verso luoghi protetti dove c'è abbondanza di cibo.

Si tratta di un animale intelligente che è capace di imparare e riconoscere il suo nome.

La figura dell'allenatore equino o del fantino, conosce bene il suo cavallo e riconosce le sue intenzioni grazie alla lettura del linguaggio del corpo e a certi comportamenti che può adottare l'animale.

Ogni cavallo ha un comportamento unico, che si discosta da quello degli altri esemplari proprio come succede con le persone, si possono trovare puledri timidi, coraggiosi, socievoli o espressivi. La forma migliore di scoprire il comportamento di un cavallo è passando del tempo con lui, osservando i suoi atteggiamenti.

Proprio come succede con i cani, i destrieri mostrano un comportamento piuttosto che un altro in base a come vengono trattati: il rinforzo positivo, le attenzioni e l'amore che riceve lo aiuteranno a diventare un animale socievole e tranquillo, mentre in caso contrario potrebbe diventare un cavallo triste, impaurito e solitario.

Un altro fattore da tenere presente è che trattandosi di un essere sociale, i cavalli osservano il comportamento degli altri esemplari per imparare cosa devono fare e cosa no. Possiamo notare questa cosa dal fatto che i cuccioli imitano ciò che fa la madre.

Come pensano i cavalli - Il comportamento sociale del cavallo

Come pensano i cavalli

Può arrivare addirittura a sorprenderci la velocità di apprendimento di un cavallo che vive in un ambiente sereno. Avendo una memoria eccellente è capace, mediante la ripetizione, di imparare e replicare alcuni comportamenti. Succede l'esatto opposto quando l'animale si trova in una situazione sgradevole, in questo caso si mostrerà spaventato e non sarà capace di concentrarsi su ciò che gli viene chiesto.

I puledri ricevono lezioni di imprinting fin da tenera età affinché imparino a familiarizzare con l'ambiente e non sviluppino abitudini negative come ad esempio allontanarsi o scappare.

Un'altra cosa che bisogna fare è evitare che questi animali vivano situazioni negative, in quanto i ricordi potrebbero generare paure permanenti nella mente del cavallo provocando traumi, cosa che normalmente succede la prima volta che vengono sottoposti ad uno stimolo.

La notte i cavalli si rilassano e ricordano ciò che hanno imparato durante il giorno, per questo motivo se hanno ripetuto un esercizio molte volte, il giorno seguente questi puledri riusciranno a portarlo a termine in maniera migliore.

Come pensano i cavalli - Come pensano i cavalli

Il cavallo, un animale sensibile

A differenza di altre specie di taglia grande, nel regno animale il cavallo si differenzia per possedere una sensibilità unica.

Anche se possono sembrare animale distratti, in realtà i cavalli pensano spesso, si tratta di esemplari che possono provare molti sentimenti: amore, fiducia, tristezza, solitudine, ecc. Con il passare del tempo riusciremo a percepire le sensazioni che sperimenta il nostro cavallo, come ad esempio se è triste a causa della perdita di un amico, un figlio o magari del suo fantino.

Bisogna sottolineare che il puledro è un animale che in passato ha vissuto scappando dai suoi predatori, pertanto, è facile capire il motivo della sua velocità e dell'elevata reazione agli stimoli, così come l'associazione e il ricordo di situazioni negative nel pensiero del cavallo.

Si tratta di animali con una sensibilità speciale che potrai scoprire dedicando loro tempo e attenzioni. Ricorda di garantire al tuo cavallo una vita piena e felice, tenendolo lontano da situazioni spiacevoli che gli generino stress e di conseguenza sviluppino comportamenti negativi.

Come pensano i cavalli - Il cavallo, un animale sensibile

Se desideri leggere altri articoli simili a Come pensano i cavalli, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Educazione di base.

Scrivi un commento su Come pensano i cavalli

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Come pensano i cavalli
1 di 4
Come pensano i cavalli

Torna su