Condividi

Come vedono i gatti?

Di Cecilia Natale, Traduttrice e copywriter di AnimalPedia. Aggiornato: 12 novembre 2018
Come vedono i gatti?

Vedi schede di Gatti

Gli occhi dei gatti sono simili a quelli degli esseri umani, ma grazie all'evoluzione la loro vista si è sviluppata per migliorare l'attività della caccia di questi animali, predatori per natura. Per essere ottimi cacciatori, devono riuscire a percepire i movimenti delle cose che li circondano quando non c'è molta luce e anche se non vedono molti colori, non è vero che vedono tutto in bianco e nero. Per quanto riguarda la qualità delle immagini, possiamo dire che vedono peggio di noi quando cerchiamo di mettere a fuoco degli oggetti da vicino, mentre hanno un campo visivo più ampio rispetto agli esseri umani e sono capaci di vedere al buio.

Se vuoi sapere come vedono i gatti, continua a leggere questo articolo di AnimalPedia in cui ti illustriamo 6 curiosità su come vedono i gatti.

Potrebbe interessarti anche: I cani vedono al buio?

I gatti hanno gli occhi più grandi rispetto agli esseri umani

Per capire bene come vedono i gatti, dovremo fare riferimento agli studi svolti dallo specialista e studioso di gatti dell'università di Bristol John Bradshaw, che afferma che gli occhi dei gatti sono sono più grandi rispetto a quelli degli umani a causa della loro natura da predatori.

Il fatto che gli antenati di questi felini, ovvero i gatti selvatici, avessero la necessità di cacciare a lungo, sfruttando il maggior numero di ore possibili, per procacciarsi del cibo fece cambiare e aumentare le dimensioni degli occhi del gatto. I gatti sono dotati di visione binoculare e hanno un campo visivo maggiore rispetto a quello degli umani: ciò permette loro di cacciare meglio avendo una visione più ampia. Infatti gli occhi dei gatti sono molto grandi rispetto alla loro testa, se li mettiamo a confronto con le proporzioni del nostro corpo.

Come vedono i gatti? - I gatti hanno gli occhi più grandi rispetto agli esseri umani

I gatti vedono 8 volte meglio con poca luce

Data la necessità dei felini selvaggi di prolungare la durata della caccia di notte, gli antenati dei gatti domestici svilupparono una vista notturna dalle 6 alle 8 volte migliore rispetto a quella degli umani. Sono capaci di vedere bene anche in condizioni di luce scarse perché hanno più fotorecettori nella retina.

Inoltre, i gatti possiedono il cosiddetto tapetum lucidum, un complesso tessuto oculare che riflette la luce dopo averne assorbita molta e prima di arrivare alla retina, il che permette loro di avere una vista più acuta di notte o nell'oscurità. Ciò spiega anche il perché del fatto che i loro occhi brillano nell'oscurità. Meno luce c'è, meglio vedono i gatti rispetto agli esseri umani. A loro volta, però, sempre per la presenza del tapetum lucidum e alle cellule fotorecettrici i felini vedono peggio con la luce del giorno perché ne assorbono troppa.

Come vedono i gatti? - I gatti vedono 8 volte meglio con poca luce

I gatti vedono più sfocato con la luce del giorno

Come abbiamo accennato prima, le cellule recettrici della luce e adibite alla vista dei gatti sono diverse dalle nostre. Anche se esseri umani e felini condividono lo stesso tipo di fotorecettori, i coni che permettono di distinguere i colori e i bastoncelli grazie ai quali si vedono il bianco e il nero in condizioni di luce scarsa, non sono distribuiti nella stessa proporzione: mentre nei nostri occhi predominano i coni, negli occhi dei gatti predominano i bastoncelli. Inoltre, nei gatti, i bastoncelli non sono collegati direttamente al nervo ottico e, di conseguenza, al cervello, come succede negli esseri umani, ma sono collegati prima fra loro formando piccoli gruppi di fotorecettori. Perciò la visione notturna dei gatti è di gran lunga migliore rispetto alla nostra, mentre di giorno succede il contrario. Questi animali vedono in maniera più sfocata e meno nitida di giorno perché i loro occhi non inviano informazioni precise al cervello attraverso il nervo ottico su quali cellule devono essere stimolate di più.

Come vedono i gatti? - I gatti vedono più sfocato con la luce del giorno

I gatti non vedono in bianco e nero

In passato si pensava che i gatti vedessero solo in bianco e nero, ma questa credenza è stata superata perché molti studi hanno dimostrato che i felini possono riconoscere alcuni colori, anche se in uno spettro molto meno ampio rispetto agli esseri umani e tutto dipende dalla quantità di luce.

Come abbiamo già detto, i fotorecettori adibiti alla percezione del colore cono i coni. Gli umani ne hanno tre tipi diversi che catturano la luce rossa, verde e blu, mentre invece i gatti ne hanno solo due, ovvero quelli che catturano la luce verde e blu. È per questo motivo che sono capaci di vedere i colori freddi e pochi toni di colori caldi. Per esempio, riescono a vedere il giallo ma il rosso lo percepiscono come un grigio scuro. Inoltre, non sono capaci nemmeno di percepire colori accesi e saturi come gli umani, ma sono in grado di vedere alcuni colori come i cani.

Un altro elemento che influisce sulla vista dei gatti è la luce. Infatti, i felini, al buio vedono solo in bianco e nero. Infatti, se c'è poca luce, non sono capaci di riconoscere nessun colore.

Come vedono i gatti? - I gatti non vedono in bianco e nero

I gatti hanno un campo visivo più ampio

Secondo l'artista e ricercatore dell'università della Pennsylvania Nickolay Lamm, che ha realizzato uno studio sulla vista dei gatti con l'aiuto di vari oftalmologi e veterinari felini, i gatti hanno un campo visivo maggiore rispetto a quello percepito dalle persone.

I felini hanno un campo visivo di 200 gradi, mentre quello degli umani è di 180 gradi. Anche se la differenza sembra minima, è significativa se si paragona la visione periferica, come è possibile vedere nella fotografia di Nickolay Lamm: nella foto superiore si può vedere come vede una persona, mentre in quella sotto, come vede un gatto.

Come vedono i gatti? - I gatti hanno un campo visivo più ampio

I gatti non riescono a mettere a fuoco da vicino

Infine, per capire bene come vedono i gatti, bisogna analizzare la nitidezza delle immagini. Noi esseri umani abbiamo un'acutezza visiva maggiore quando si tratta di mettere a fuoco gli oggetti da vicino perché il nostro campo di visione periferica è minore rispetto a quello dei gatti (20º contro i loro 30º). È per questo motivo che gli esseri umani possono mettere a fuoco degli oggetti con nitidezza fino a 30 metri di distanza, mentre per i felini questa distanza si riduce solo a 6 metri. Ciò si deve anche al fatto che, avendo gli occhi più grandi, i gatti hanno anche meno muscoli facciali. Tuttavia, la mancanza di visione periferica offre loro una maggiore profondità, dettaglio molto importante per un buon predatore.

Nella fotografia sottostante si possono vedere altre due foto in cui il ricercatore Nickolay Lamm mette a confronto come vede un essere umano da vicino (foto sopra) e come vedono i gatti la stessa immagine (foto sotto).

Come vedono i gatti? - I gatti non riescono a mettere a fuoco da vicino

Se desideri leggere altri articoli simili a Come vedono i gatti?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Scrivi un commento su Come vedono i gatti?

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
4 commenti
Sua valutazione:
emma
per me è stato molto interessante questo articolo perché mi ha fatto scoprire cose che su i gatti non sapevo come per esempio i gatti non riescono a mettere a fuoco vicino grazie di avermi fatto scoprire queste cose sui gatti
Lorena Bonioni (Autore/autrice di AnimalPedia)
Grazie a te Emma,
siamo molto contenti di essere stati utili.
Un saluto da AnimalPedia!
Sua valutazione:
Terziana123
X il mio gatto quando viene nel letto succhi la coperta .
Sua valutazione:
Antonio
Bella l'ultima foto, si vede proprio come vedono il mondo
Sua valutazione:
Gianni
Wow, strainteressante!!
Cecilia Natale (Autore/autrice di AnimalPedia)
Ciao Gianni, siamo felici che ti sia piaciuto l'articolo! Un saluto da AnimalPedia.

Come vedono i gatti?
1 di 7
Come vedono i gatti?

Torna su