menu
Condividi

Mirtazapina per gatto: dosaggio ed effetti collaterali

 
Di Laura García Ortiz, Veterinaria in medicina felina. 23 gennaio 2023
Mirtazapina per gatto: dosaggio ed effetti collaterali

Vedi schede di Gatti

La mirtazapina è un farmaco utilizzato nei gatti come stimolante dell'appetito nelle malattie che causano perdita di appetito (anoressia) e per il trattamento sintomatico di nausea e vomito. Pertanto, è comunemente usato nelle malattie croniche che colpiscono l'apparato digerente e alcune malattie infettive. Il suo utilizzo è stato studiato anche per problemi comportamentali. È un farmaco sicuro ed efficace e può essere utilizzato in due tipi di forma di somministrazione.

Continua a leggere per scoprire tutte le informazioni sulla mirtazapina per gatto, i suoi usi, il dosaggio e gli effetti collaterali.

Cos'è la mirtazapina?

La mirtazapina è un farmaco o principio attivo che appartiene al gruppo degli antidepressivi e può essere utilizzata nei gatti come stimolante dell'appetito, poiché produce un aumento della concentrazione di noradrenalina (norepinefrina) nel siero del sangue. La norepinefrina è un composto che può funzionare come neurotrasmettitore quando viene rilasciato dai neuroni del sistema nervoso simpatico e aumenta la frequenza delle contrazioni cardiache, oppure come ormone dello stress quando, insieme all'adrenalina, è responsabile di attivare e mettere in allerta l'organismo per entrare nella modalità "combatti o fuggi", aumentando la frequenza cardiaca, il rilascio di glucosio, il flusso sanguigno ai muscoli e l'apporto di ossigeno cerebrale.

Il farmaco mirtazapina ha una struttura tetraciclica, ed è un antidepressivo che favorisce il rilascio di noradrenalina e adrenalina perché blocca i recettori chiamati α-2 presinaptici e ha un'azione contro la serotonina, poiché agisce antagonizzando i recettori 5-HT2 e 5-HT3 dello stesso. La serotonina è un composto che ha funzioni su emozioni, umore, digestione e appetito.

Presenta anche attività antistaminiche bloccando i recettori H1 che possono causare effetti sedativi. I gatti trattati con mirtazapina possono anche aumentare di peso perché la mirtazapina provoca cambiamenti nel fattore di necrosi tumorale (TNF) e nella leptina.

Uso della mirtazapina nel gatto

La mirtazapina offre diversi usi terapeutici nei gatti e può essere utilizzata per i seguenti scopi:

  • Trattamento dell'anoressia: alcune malattie croniche nei gatti come malattie del fegato, triadite felina, malattie renali croniche, malattie intestinali e tumori possono causare perdita o riduzione dell'appetito. Anche i trattamenti chemioterapici contro le neoplasie e le malattie infettive possono causare anoressia, in particolare quelle che colpiscono le vie respiratorie (rinotracheite felina da herpesvirus felino di tipo 1, calicivirus felino e batteri opportunisti) producendo un aumento delle secrezioni nasali e della congestione nasale, qualcosa di cui soffrono i gatti molto quando respirano attraverso il naso e perdono l'appetito. L'aumento della norepinefrina prodotta dalla mirtazapina stimola l'appetito dei gatti affetti da queste malattie.
  • Trattamento della nausea: può controllare la nausea agendo sui neurorecettori gastrici e intestinali collegati al centro cerebrale del vomito, responsabile della nausea.
  • Trattamento dimagrante: grazie alla sua azione su leptina e TNF, può stimolare l'aumento di peso nei gatti, anche secondario alla stimolazione dell'appetito e al controllo della nausea.
  • Trattamento dei problemi comportamentali: la mirtazapina è stata studiata nei gatti con ansia, stress, disturbi compulsivi e fobie. In questi casi i risultati ottenuti sono promettenti, inoltre, grazie all'aggiunta di stimolare l'appetito, il farmaco è particolarmente auspicabile nei gatti stressati che tendono a smettere di mangiare.

Dosi di mirtazapina per gatto

La mirtazapina nei gatti viene utilizzata a dosi di 1,88 o 3,75 mg per via orale ogni 24/48 ore come stimolante dell'appetito e per controllare la nausea. Generalmente, viene utilizzata la dose più bassa di 1,88 mg perché ha meno effetti avversi.

Recentemente è stato rilasciato un nuovo preparato per gatti di peso compreso tra 2 e 7 kg in formato di pomata da applicare attraverso la pelle della superficie interna dell'orecchio. La dose richiesta di mirtazapina nei gatti per questa via è di 2 mg di mirtazapina. Per raggiungere questa dose si deve applicare una quantità di 0,1 g di pomata, che corrisponde ad una linea di 3,8 cm, una volta al giorno per 14 giorni.

Controindicazioni della mirtazapina nel gatto

Le compresse di mirtazapina non devono essere utilizzate nei seguenti casi:

  • Gatti con malattie cardiache.
  • Gatti con problemi di pressione sanguigna.
  • Gatti con alterazioni dei globuli bianchi o rossi o delle piastrine.
  • Usare con cautela nelle gatte gravide o in allattamento.

In formato transdermico, la mirtazapina non deve essere utilizzata nei seguenti casi:

  • Gatti di peso inferiore a 2,1 kg o superiore a 7,0 kg poiché la sua efficacia e sicurezza non sono state studiate.
  • Gatte in calore, in gravidanza o in allattamento.
  • Gattini di meno di 7,5 mesi.
  • Gatti trattati con altri farmaci come inibitori delle monoaminossidasi (IMAO), ciproeptadina o tramadolo.
  • Non è stato studiato nei gatti con tumori maligni e malattia renale molto avanzata.

Effetti collaterali della mirtazapina nel gatto

Gli effetti collaterali che la terapia con mirtazapina può causare nei gatti sono i seguenti:

  • Cambiamenti nel comportamento.
  • Bassa pressione sanguigna.
  • Agitazione.
  • Sedazione.
  • Aumento degli enzimi epatici.
  • Tachicardia.
  • Vocalizzazione.
  • Salivazione.
  • Tremori.

D'altra parte, gli effetti collaterali dell'applicazione transdermica di mirtazapina sono i seguenti:

  • Reazioni nel sito di applicazione della pomata come desquamazione, arrossamento, formazione di croste, secchezza, dermatite, alopecia e prurito. Può manifestarsi con grattarsi e scuotere la testa.
  • Letargia.
  • Iperattività.
  • Atassia.
  • Maggiore ricerca di attenzione.
  • Aggressività.
  • Poliuria, aumento dell'urea e disidratazione.
  • Vomito.

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Mirtazapina per gatto: dosaggio ed effetti collaterali, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Farmaci.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
Mirtazapina per gatto: dosaggio ed effetti collaterali
Mirtazapina per gatto: dosaggio ed effetti collaterali

Torna su