Condividi

Accoppiamento cavalli

Di Eduarda Piamore. Aggiornato: 30 giugno 2019
Accoppiamento cavalli

Come nel caso dei cani, i cavalli accompagnano l'umanità da varia secoli, durante i quali non solo ci hanno fatto compagnia, ma hanno aiutato lo sviluppo produttivo, economico e culturale delle nostre società. Per la sua bellezza imponente, la sua grande intelligenza e sensibilità, il cavallo è riuscito ad adattarsi alle più svariate attività e sport, e il suo allevamento è esteso in tutto il mondo.

Dopo tutti gli anni di convivenza, ancora non sappiamo tutto su questi splendidi animali, sul loro comportamento o maniera di vivere. Per questa ragione ti invitiamo a continuare a leggere questo nuovo articolo di AnimalPedia per scoprire tutto sull'accoppiamento dei cavalli, la gestazione della cavalla e la nascita dei puledri. Ci accompagni?

Potrebbe interessarti anche: La riproduzione dei conigli

Riproduzione cavalli

Con l'arrivo della primavera, l'aumento del calore e della disponibilità di luce naturale stimola alcuni centri ricettori nel cervello dei cavalli che ordinano un incremento nella riproduzione e la liberazione di ormoni sessuali.

Le giumente entrano, dunque in calore e presentano sintomi come: vulva gonfia, possibile secrezione mucosa e si mostreranno recettive ai maschi. A loro volta, i maschi vivranno picchi di attività sessuale quando percepiranno che le femmine sono fertili, attraverso la rilevazione dei feromoni che rilasciano nell'urina durante il calore.

L'epoca di riproduzione equina si può estendere fino alle ultime settimane 'estate o all'inizio dell autunno. Uno degli aspetti più curiosi e riconosciuti dell'accoppiamento dei cavalli è l'elegante e complesso corteggiamento che portano a termine i maschi per ottenere l'accettazione de parte delle femmine per poter realizzare la monta.

Esistono molte curiosità e dati essenziali da tener a mente per capire come si riproducono i cavalli e come nascono i puledri. A continuazione, vedremo in dettaglio alcuni punti chiave sul comportamento ed il ciclo sessuale delle giumente e dei cavalli maschi, culminando con la nascita dei loro cucciolo dopo una gestazione di 11 mesi.

Accoppiamento cavalli - Riproduzione cavalli

Maturità sessuale, calore e monta dei cavalli

L'inizio dell'età riproduttiva dei cavalli coincide, generalmente, con l'arrivo della pubertà, che viene raggiunta tardivamente dalle femmine. Mentre gli esemplari maschi si attivano sessualmente verso i 14 e 18 mesi di vita, le femmine posso avere il loro primo calore tra i 15 e i 24 mesi.

Ciononostante, non si considera che un cavallo e una giumenta abbiano raggiunto la maturità sessuale fino al compiere dei 4 anni, quando saranno completamente preparati per dar origine a cuccioli forti e sani. Ogni quanto vanno in calore le giumente? E i cavalli maschi vanno in calore?

Le giumente hanno dei cicli d'ovulazione stagionali che hanno luogo durante le stagioni più calde e con maggiore disponibilità di luce.Generalmente le giumente entrano in calore ogni 21 giorni durante la primavera e l'estate. Durante i cicli fertili della femmina, il sanguinamento potrebbe durare da 5 a 7 giorni, però la femmina starà ovulando solo nelle ultime 48 o 24 ore di ogni periodo fertile. In linea generale, una giumenta rimane fertile fino al suo quindicesimo anno di vita, quando vivrà il suo ultimo calore. Ciò potrà comunque variare in base alla razza, il metabolismo e lo stato di salute di ogni esemplare.

a loro volta, i maschi rimangono sempre in calore da quando diventano sessualmente attivi, ma presentano picchi di maggior attività sessuale che coincidono con i periodi in cui le giumente vanno in calore. I cavalli maschi sono fertili durante tutta la loro vita, e per questa ragione possono riprodursi e procreare ogni volta che trovino una femmina fertile.

Come vedremo in dettaglio nel prossimo paragrafo, l'accoppiamento dei cavalli avviene attraverso la monta, proprio come per la maggior parte dei mammiferi.

Come si accoppiano i cavalli?

L'accoppiamento dei cavalli comincia con il corteggiamento che realizzano gli esemplari maschi per attrarre e piacere alle femmine prima di procedere alla monta. All'avvicinarsi alla femmina il cavallo adotta una postura imponente e altezzosa, arcuando leggermente il collo per risaltare i muscoli del petto e delle spalle. Emette, dunque, energicamente dei nitriti più intensi e prolungati.

L'ultima fase del corteggiamento dei cavalli è il più spettacolare e riconosciuto, consiste nell'esecuzione di una specie di danza in circoli che il maschio realizza per attirare l'attenzione della femmina e mettere in evidenza il fatto che vuole accoppiarsi con lei. Per effettuare il "ballo di corteggiamento", il maschio alza notevolmente gli zoccoli dal suolo, mentre gira sul proprio asse.

Nel caso la femmina si mostri recettiva, il maschio continuerà il rito di conquista: le accarezzerà il collo con il muso e si struscerà contro il suo corpo, lentamente e facendo attenzione procederà ad annusarle la coda, la groppa, le zampe posteriori e i suoi genitali. Se tutto procede positivamente, la femmina sposterà la sua coda per mostrare che è disposta all'accoppiamento ed il maschio procederà alla monta. Il corteggiamento è molto più lungo che la monta in sé, che dura in genre solo pochi minuti.

Accoppiamento cavalli - Come si accoppiano i cavalli?

Gestazione della giumenta

Come quasi tutti i mammiferi, i cavalli sono animali vivipari, cioè, la fecondazione e lo sviluppo dei cuccioli avviene all'interno del ventre della madre. La gravidanza della giumenta può durare dai 10 mesi all'anno, dipendendo dalla razza del cavallo alla quale appartiene ogni femmina e le particolraità del proprio organismo, poiché ogni equino possiede un metabolismo singolare. Allo stesso modo, possimo dire che la durata della gravidanza di una giumenta dura in media 11 mesi, dopo dei quali la femmina incinta darà a luce un unico puledro.

Durante la gravidanza, le femmine hanno bisogno di ricevere delle cure speciali per preservare il buono stato di salute. L'alimentazione de una giumenta incinta è un aspetto chiave, poiché il suo organismo ha bisogno di ricevere energia e i nutrienti necessari per il corretto sviluppo del cucciolo, ragione per cui è normale che il suo appetito aumenti. La sua dieta dovrà essere più enrgica e ricca in proteine di facile assimilazione, vitamine, minerali e fibre, ragion per cui si consiglia l'incorporazione di alimenti freschi e naturali per complementare l'alimentazione durante la gravidanza della giumenta, come ad esempio il fiendo di alta qualità, lèrba medica, l'avena o i legumi trattati termicamente.

È altrettano importante che la giumenta incinta mantenga un'attività fisica equilibrata durante la gestazione per evitare il sovrappeso , la perdita della massa muscolare e le conseguenti complicazioni nel parto. Per evitare il rischio di aborti spontanei, non è raccomandato che le giumente incinte vengano montate dopo il quinto o sesto mese di gestazione, poiché a partire da questa tappa i cuccioli entrano in uno sviluppo accelerato all'interno del ventre. E logicamente, un ambiente positivo e il seguimento di un veterinario specializzato saranno delle cure indispendsabili durante la gestazione della giumenta.

Come nascono i cavalli?

Quando si avvicoinano al decimo mese di gravidanza, le giumente cominciano a prepararsi per il parto, che avviene generalmente durante la notte o all'alba, quando è possibile godere di maggior tranquillità. In generale, le femmine vdanno a luce rapidamente dopo 15 o 20 minuti in un ambiente positivo e calmo. Poiché sono molto sensibili, le femmine possono rimandare il parto nel caso percepiscano una minaccia nell'ambiente.

I puledri nascono, generalmente, durante la primavera, quando il clima è favorevole al loro sviluppo e i pascoli sono rigogliosi. Come succede per la maggior parte degli equini, i puledri sono in grado di alzarsi sulle proprie zampe dopo solo pochi minuti dalla loro nascita e cercano rapidamente la loro mamma per alimentarsi del suo latte.

I cavalli appena nati sono lattanti, ciò vuol dire che il latte materno è l'unico alimento capace di compiere integralmente le sue necessità nutrizionali e viene completamente assimilato dal suo apparato digerente. Durante i primi sei o otto mesi di vita, i puledri saranno allattati dalle loro madri e poco a poco, cominceranno a incorporare nuovi alimenti alla propria dieta durante il periodo dello svezzamento.

Un fatto curioso sulla nascita dei cavalli è che le zampe del puledro appena nati possiedono già quasi il 90% dell'altezza che avranno in età adulta. Di conseguenza, i cuccioli sono incapaci di arrivare al suolo per poter alimentarsi di erba, il che potrebbe trattarsi di un'adattazione evolutiva considerando che l'organismo dei cuccioli non è capace di assimilare alimenti che non siano il latte materno.

Per finire ti lasciamo un video dove potrai vedere come nascono i cavalli:

Se desideri leggere altri articoli simili a Accoppiamento cavalli, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Gestazione.

Scrivi un commento su Accoppiamento cavalli

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Sua valutazione:
Luigi
Che animali nobili e maestuosi

Accoppiamento cavalli
1 di 3
Accoppiamento cavalli

Torna su