Condividi

Differenza tra bue e toro

 
Di Eduarda Piamore. 28 febbraio 2019
Differenza tra bue e toro

Esistono differenze specifiche tra toro e bue. Anche se entrambi i nomi si utilizzano per riferirsi all'esemplare maschio della specie bovina (Bos taurus), di fatto hanno caratteristiche differenti. Queste differenze non sono dovute alla specie e nemmeno alla razza, ma dipendono dal ruolo che questi due animali svolgono nel mondo dell'allevamento.

In questo articolo di AnimalPedia vi spiegheremo nel dettaglio quali sono le differenze tra toro e bue. Inoltre, approfondiremo il significato di alcuni termini tecnici degli allevatori, come vacca, vitello e manzo, tra gli altri.

Potrebbe interessarti anche: Differenza tra grillo e cavalletta

Differenza tra toro e bue

Il termine toro si utilizza per denominare il maschio adulto e fertile del Bos taurus. I tori sono animali allevati per il proprio seme, che accoppiati con femmine fertili, garantiscono la qualità della razza e la discendenza.

Viceversa ci si riferisce al bue quando si parla di un maschio adulto che è stato castrato, quindi che è stato sterilizzato una volta raggiunta la maturità sessuale. I veterinari consigliano di effettuare la castrazione nei primi mesi di vita, perché dopo l'anno di età questo processo può provocare alti livelli di stress da parte dell'animale e può anche portarlo alla morte.

I buoi sono o erano utilizzati per il lavoro pesante nei campi, in particolare tirando carri o aratri. Va detto che in rari casi anche i tori o le vacche possono compiere questo lavoro.

A prescindere da queste differenze, nella cultura popolare di molti paesi la parola bue è utilizzata per riferirsi in generale a tutti i maschi della specie Bos taurus, senza differenziazione di razza, età o funzione.

Resta chiaro quindi che la differenza di nome, bue e toro, si riferisce semplicemente all'utilizzo che si fa di questo animale, e quindi dal ruolo che deve svolgere all'interno del settore zootecnico.

Se il toro serve al mantenimento e alla qualità della specie, svolgendo la sua attività riproduttiva con le giovenche, il bue viene invece utilizzato nel lavoro per la sua mansuetudine e per la grande forza e resistenza fisica. Ricordiamo che in passato, in assenza di macchine agricole, sia la produzione che la distribuzione delle materie prime erano affidate ad aratri e carri. La castrazione era perciò una risorsa per controllare i comportamenti associati al desiderio sessuale e per rendere l'animale più docile e mansueto per il lavoro.

Oggigiorno, con il miglioramento della tecnologia, gli animali 'da tiro' sono molto diminuiti e la nostra cultura nei confronti degli animali sta cambiando, in modo tale che si smetta di vederli come una forza lavoro ma li si tratti come esseri intelligenti e sensibili che meritano di vivere con dignità.

Differenza tra bue e toro - Differenza tra toro e bue

Altri nomi per parlare di bovini

Come abbiamo anticipato nell'introduzione, esistono altri termini relazionati alla specie Bos taurus, e l'animale prende il proprio nome in base all'età, al sesso e alla funzione svolta nella logica produttiva dell'allevamento. Qui di seguito vedremo alcuni nomi specifici del bestiame:

  • Vacca - si designano con questo nome gli esemplari di femmine adulte e fertili che si sono già riprodotte. Tuttavia in alcuni paesi questa parola è designata per definire indifferenziatamente tutti gli esemplari di Bos taurus a prescindere da età e sesso.
  • Vitello - questo termine designa tutti i cuccioli, sia maschi che femmine, che sono nel periodo di allattamento e non hanno ancora compiuto i dieci mesi di vita.
  • Giovenca - sono femmine giovani, fertili, tra 1 e 3 anni di vita che non hanno ancora partorito
  • Vitellone o torello - il nome definisce maschi giovani che vengono castrati quando non sono ancora sessualmente maturi. Si tratta di una carne molto apprezzata nel mercato alimentare, quindi difficilmente i vitelloni raggiungono l'età adulta.
  • Manzo- il termine definisce il maschio castrato, di età compresa tra i 2 e i 4 anni.
  • Freemartin - è una femmina di bovino sterile e con caratteristiche mascoline. Di solito questi esemplari sono il frutto di parti gemellari, dove invece l'altro esemplare ha normali caratteristiche riproduttive. Si tratta di animali molto resistenti e impiegati nel lavoro dei campi.

Ovviamente questa nomenclatura è soggetta a variazione a seconda del paese che si prenda in considerazione, a seconda della funzione, età e genere dell'animale. Se conoscete altri dettagli o differenze circa i nomi dei bovini non dubitate a lasciare un commento per poterci aiutare a migliorare il nostro contenuto e fornire un'informazione più completa agli appassionati del mondo animale.

Differenza tra bue e toro - Altri nomi per parlare di bovini

Se desideri leggere altri articoli simili a Differenza tra bue e toro, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Scrivi un commento su Differenza tra bue e toro

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Differenza tra bue e toro
1 di 3
Differenza tra bue e toro

Torna su