menu
Condividi

Gatto disidratato: cosa fare?

 
Di Mariana Castanheira, Veterinaria di AnimalPedia. 24 luglio 2018
Gatto disidratato: cosa fare?

Vedi schede di Gatti

Quando inizia a fare più caldo, purtroppo può capitare di trovare per strada un gattino disidratato o che il proprio gatto mostri sintomi di disidratazione. Il corpo dei felini, come quello degli esseri umani, è composto principalmente d'acqua ed è proprio questo liquido vitale a permettere il corretto funzionamento degli organi e delle strutture interne, garantendo equilibrio e ottima salute dell'animale.

Portare il gatto dal veterinario in questi casi è importantissimo, ma se non ne hai subito la possibilità o se ti trovi in una situazione di emergenza è bene sapere come agire. In questo articolo di AnimalPedia parleremo del gatto disidratato, cosa fare e quali rimedi casalinghi si possono applicare per risolvere in fretta la situazione.

Sintomi di un gatto disidratato

L'organismo dei mammiferi, per funzionare in maniera corretta, ha bisogno di assumere una certa quantità d'acqua. Se non lo fa, se vomita perché è malato o se è troppo esposto al caldo, si abbassano i livelli di acqua ed elettroliti, per cui le sostanze nutritive non vengono più distribuite come dovrebbero a tutti i tessuti. Di conseguenza, l'animale presenterà diversi segnali di disidratazione piuttosto evidenti e quindi facili da riconoscere:

  • stanchezza costante
  • gengive asciutte
  • abbattimento
  • affanno
  • inappetenza

Se non si interviene velocemente, il felino potrà subire gravi danni ai reni o anche avere un collasso. La diagnosi ufficiale spetta al veterinario, che valuterà la situazione a partire dalle analisi del sangue e delle urine. Tuttavia, per sapere in fretta e quasi con certezza se il gatto è disidratato, dovrai dargli un pizzicotto sulla collottola e vedere se la pelle torna subito apposto o se ci mette più di 2 o 3 secondi: in questo caso significa che il gatto è disidratato, a meno che il micio non sia obeso, caso in cui la pelle può tornare a posto anche se effettivamente la situazione non è sotto controllo.

Se inoltre ti accorgi che ha gli occhi affossati e la bocca asciutta, vuol dire che la disidratazione è grave. Di seguito ti illustreremo nel dettaglio alcuni rimedi casalinghi per risolvere il problema: gatto disidratato, cosa fare.

Gatto disidratato: cosa fare? - Sintomi di un gatto disidratato

Attenzione a dare acqua a un gatto disidratato!

Se il gatto presenta i vari sintomi di disidratazione, è importante dargli dell'acqua per riportare la situazione alla normalità. Tuttavia, per non peggiorare la situazione, non dovrai dargliene troppa né tutta di colpo.

Se dovesse bere troppa acqua, infatti, vomiterà, perderà ancora più liquidi e il tratto digerente risulterà irritato. Per idratare un gatto, dagli poca acqua e lascia che beva piano piano la quantità d'acqua di cui ha bisogno per tornare a stare bene.

Ghiaccio tritato per gatti disidratati

Come abbiamo detto, i gatti disidratati devono bere acqua a piccole dosi per evitare il vomito e l'irritazione dello stomaco. Per questo motivo un ottimo rimedio casalingo è rappresentato dal ghiaccio tritato (quello delle granite): il gatto potrà consumare lentamente piccole porzioni d'acqua rinfrescante.

D'estate è sempre bene tenerne una scorta in freezer. Preparalo mettendo un recipiente resistente al freddo in freezer e aspetta che si formi il ghiaccio. Prima di darlo al gatto, gratta con un cucchiaio o con un altro utensile simile. Non dargli mai tutto il cubo di ghiaccio perché sciogliendosi potrebbe far ingerire al gatto troppa acqua di colpo.

Elettroliti per la disidratazione nei gatti

Oltre a consumare acqua fresca e pulita, per riportare alla normalità un gatto disidratato sarà necessario ristabilire gli elettroliti. Esistono soluzioni fisiologiche apposite ricche di elettroliti per gatti nelle cliniche veterinarie e in alcuni negozi per animali. Come altro rimedio, puoi dare il Pedialyte ai gatti disidratati, poiché puoi trovarlo in qualsiasi farmacia dato che si tratta di un prodotto per bambini disidratati.

Soluzione fisiologica fai da te per gatti disidratati

Per ristabilire i livelli di elettroliti e allo stesso tempo dare acqua a un gatto disidratato, puoi preparare un'ottima soluzione casalinga per gatti usando 5 ingredienti semplici ed economici:

  • 1 litro d'acqua minerale a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 3 cucchiai di zucchero
  • succo di 1/2 limone (puoi usare anche l'arancia, ma in questo caso riduci la quantità di zucchero a 2 cucchiai)

Soluzione per gatti disidratati

Per preparare la soluzione fisiologica per un gatto disidratato dovrai mettere a bollire l'acqua. Aggiungi poi gli altri ingredienti e lascia riposare finché non scende a temperatura ambiente. Puoi conservare questa soluzione per 24 ore in frigorifero in una bottiglia o in un barattolo ben chiuso per evitare che entri a contatto con altre sostanze.

Ricorda di dare la soluzione al gatto in piccole dosi; se non vuole berla, procurati una siringa senza ago per dargliela. Se non accetta nemmeno questo, portalo subito dal veterinario.

Gatto disidratato: cosa fare? - Soluzione fisiologica fai da te per gatti disidratati

Dare da mangiare a un gatto disidratato

Un gatto disidratato, di solito, perde anche appetito e può sviluppare alcuni problemi legati alla digestione perché non ha più riserve d'acqua in corpo. Un gatto denutrito, infatti, spesso presenta un quadro di disidratazione che non è stato curato correttamente. Per sapere quanta acqua dovrebbe bere un gatto, consulta l'articolo che trovi al link.

In modo che la situazione non peggiori, dovrai invogliare il gatto a mangiare e per farlo puoi dargli cibo umido, più appetitoso e anche più ricco d'acqua. Al supermercato o nei negozi di animali troverai tantissime opzioni diverse.

Come prevenire la disidratazione nei gatti

Capire che un gatto è disidratato può essere difficile, soprattutto nei gatti in sovrappeso o che soffrono di obesità e inoltre molti gattini possono essere disidratati e presentare sintomi evidenti solo quando la situazione degenera. Per questo motivo la prevenzione è il metodo migliore per mantenere sempre sani e felici i nostri amici a quattro zampe.

Ricorda che il micio deve avere sempre a disposizione acqua fresca e pulita, in particolar modo d'estate o quando fa più caldo. Inoltre è bene lavare tutti i giorni la ciotola dell'acqua per evitare che l'acqua si sporchi. Se non vuoi lasciare troppe ciotole sparse in casa, procurati una fontanella per gatti: si tratta di un'ottima soluzione che invoglia i mici a bere. Inoltre, se il tuo gatto beve poco, introduci più cibo umido nella sua dieta.

Il tuo gatto non beve? In questo caso rivolgiti al veterinario perché i consigli che ti abbiamo dato valgono come rimedi di emergenza e non possono sostituire la visita da uno specialista. Allo stesso modo, se hai trovato un gattino cucciolo e ti sembra disidratato, portarlo dal veterinario è la cosa migliore da fare per sapere esattamente come accudirlo al meglio.

Gatto disidratato: cosa fare? - Come prevenire la disidratazione nei gatti

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Gatto disidratato: cosa fare?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Rimedi casalinghi.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Gatto disidratato: cosa fare?
1 di 4
Gatto disidratato: cosa fare?

Torna su