Condividi

Gli animali più aggressivi del mondo

 
Di Giovanni Rizzo. 19 agosto 2020
Gli animali più aggressivi del mondo

L'aggressività è spesso confusa con la capacità di essere mortale o di produrre il maggior numero di vittime. L'essere letale non è necessariamente una qualità da associare all'aggressività. Ci sono molti animali molto timidi e pacifici che sono straordinariamente letali. Un esempio è il serpente marino, un animale letale che fugge in presenza di esseri che non rientrano nella sua alimentazione. Un altro esempio è l'ermellino, un minuscolo mammifero che pesa appena 300 g, capace di affrontare prede molto più grandi di lui grazie alla sua ineguagliabile aggressività.

Il concetto di aggressività di questo articolo ha a che fare con l'assenza di paura di fronte ad esseri superiori in dimensioni e forza, e con il "coraggio" di affrontarli senza esitazione. Faremo anche riferimento alla capacità di predazione, ci sono animali carnivori che devono consumare grandissime quantità di carne al giorno. Ovviamente questo li costringe ad essere delle vere e proprie macchine assassine. Infine, esaminiamo anche l'aggressività territoriale. Ci sono specie che difenderanno il loro perimetro o territorio con le unghie, i denti o con le corna.

Ora che abbiamo chiarito il concetto di "aggressività" e senza ulteriori indugi da AnimalPedia vi presentiamo la nostra lista di animali più aggressivi del mondo.

Potrebbe interessarti anche: Gli animali più strani del mondo

Mustelidi

I Mustelidi sono una famiglia di animali alla quale appartengono alcune tra le specie più feroci e aggressive del pianeta. Fortunatamente per l'uomo e per il resto degli animali, la saggezza della Natura ha delimitato in piccoli corpi tutta questa enorme capacità di uccidere.

Esistono più di 30 sottospecie di ermellino, Mustela erminea, diffuse in tutto il pianeta. È il più piccolo dei mustelidi (da 100 a 300 gr.), ma questo non gli impedisce di cacciare prede 20 volte più pesanti di lui. La tecnica di caccia utilizzata è quella di sorprendere la preda da dietro e di morderla sul retro del collo con i suoi denti molto affilati. La ferita si fa immediatamente sempre più grande fino a quando la vittima non muore dissanguata. Possiede un'incredibile agilità di movimento.

Gli animali più aggressivi del mondo - Mustelidi

Ghiottone o volverina

Il ghiottone, Gulo gulo, dopo la lontra gigante (Pteronura brasiliensis), è il secondo mustelide per grandezza. Il suo aspetto solido, compatto e muscoloso è più simile a quello di un piccolo orso che a quello della maggior parte dei mustelidi, che sono snelli ed eleganti. Si trovano nella lista degli animali più aggressivi del mondo per la loro ferocia, la loro forza e la loro predazione leggendarie. È noto che non ha paura di affrontare lupi o orsi, che costringe a retrocedere e a ritirarsi. Questi grandi predatori sanno che non è una buona idea combattere con un ghiottone.

Una curiosità sul ghiottone è che il suo pelo non si congela mai, e per questo motivo viene utilizzato per i cappucci delle giacche per le missioni nell'Artico e in Antartide. I ghiottoni abitano le foreste boreali del nord.

Gli animali più aggressivi del mondo - Ghiottone o volverina

Tasso del miele

Il tasso del miele, mellivora o ratele, Mellivora capensis, è un mustelide che misura 85 cm per 30 cm e pesa 14 kg, è noto per il suo coraggio ineguagliabile, poiché affronta i suoi predatori (leopardi e leoni) senza ritirarsi e spesso riesce a dissuaderli dal cacciare. La specialità del ratele quando combatte contro leoni o leopardi è quella di individuare il loro inguine e graffiare con i suoi potenti artigli e denti i "gioielli di famiglia". Pertanto, molti di loro rinunciano saggiamente alla caccia.

Ci sono molti altri esempi di ferocia tra i mustelidi, ma i tre di cui sopra sono buoni esempi della loro aggressività congenita.

Se non per improvvisi cambiamenti climatici, i mustelidi in generale non si trovano in pericolo d'estinzione. Al contrario, si stanno diffondendo e annientando altre specie autoctone.

Gli animali più aggressivi del mondo - Tasso del miele

Soricidi

La famiglia dei Soricidae comprende piccoli esseri chiamati toporagni. Il più piccolo misura 5 cm, con un peso massimo di 3 grammi. Il toporagno più grande può raggiungere i 15 cm e pesare circa 100 g.

Questi animali sono pozzi senza fondo. Non possono vivere più di 4 ore senza mangiare, poiché devono ingerire una quantità di insetti, vermi, lucertole, topi o lumache pari al loro peso.

  • Il mustiolo (Suncus etruscus), detto anche pachiuro etrusco, è il più piccolo della sua specie. Non supera i 5 cm, né pesa più di 3 g. La frequenza cardiaca di questo animale è di 1200 battiti al minuto. È il più piccolo mammifero terrestre, ma a causa del suo elevato dispendio energetico non può smettere di mangiare insetti.
  • Il toporagno muschiato (Suncus murinus), è il più grande della sua specie. Ha bisogno di mangiare incessantemente a causa del suo metabolismo. Caccia topi, anche se non supera i 100 g, e misura al massimo 15 cm; ma si nutre anche di lucertole, carogne, vermi. I toporagni secernono un veleno che indebolisce la loro preda.
Gli animali più aggressivi del mondo - Soricidi

Ippopotamo

L'ippopotamo (Hippopotamus amphibius) nonostante sia un erbivoro, è un animale molto pericoloso per la sua aggressività. Sono gli animali che causano il maggior numero di vittime umane nel continente africano (a parte le zanzare che trasmettono malattie).

I maschi sono più grandi delle femmine. Ci sono dati su ippopotami di 5,2 metri e 4500 kg di peso. Esistono 4 sottospecie diffuse in tutta l'Africa subsahariana. Possono vivere per 40 anni, o 50 anni se in cattività negli zoo. Nonostante il loro volume possono raggiungere i 30 km/h in brevi distanze.

Storicamente, gli ippopotami sono stati considerati i mammiferi più pericolosi per l'uomo in Africa. Un dato interessante è che il faraone Narmer (il primo faraone, che unì l'Alto e il Basso Egitto), morì a causa di un attacco di un ippopotamo durante una battuta di caccia.

Gli animali più aggressivi del mondo - Ippopotamo

Mantoidei

I Mantodea è un ordine che comprende le mantidi, la cui rappresentante più nota è la mantis religiosa. Tutte le mantidi divorano altri insetti, e le più grandi possono divorare persino topi, rane e altri piccoli vertebrati. Sono insetti molto aggressivi, ma non sono pericolosi. Non hanno veleno. Occasionalmente praticano il cannibalismo.

La mantide religiosa è diffusa quasi ovunque nel mondo. L'aggressività della mantide è innocua per l'uomo, ma letale per gli altri insetti.

Le femmine sono più grandi dei maschi e alcune hanno una peculiare abitudine: mangiano i maschi durante o dopo l'accoppiamento. Se il corteggiamento del maschio non la convince, può decidere di mangiarlo prima dell'atto.

Inoltre quando catturano una preda iniziano a mangiarla viva, mentre la vittima cerca di liberarsi dalla loro morsa. Per saperne di più non perdetevi il nostro articolo 'La mantide religiosa è pericolosa'.

Gli animali più aggressivi del mondo - Mantoidei

La foca leopardo

La foca leopardo, Hydrurga leptonix, è un animale terribile ed estremamente aggressivo. Non ha paura di niente e di nessuno. Tanto che molti biologi e naturalisti che studiano la fauna antartica lasciano ad altri colleghi le scoperte che si possono ancora fare su questo enorme e sconosciuto focide. La ragione di questa apatia nel suo studio, è che se ti vede ti attacca.

Le femmine adulte sono più grandi dei maschi, misurano fino a 4 metri e pesano 600 kg. Le loro prede abituali sono pinguini imperatore, altre foche, pesci, calamari e carogne. Le orche e gli squali cacciano gli esemplari giovani, ma generalmente non attaccano gli adulti.

Le foche leopardo hanno bocche relativamente piccole per le loro dimensioni, quindi usano una tecnica di caccia brutale. Una volta che hanno morso violentemente una qualsiasi parte della loro preda, scuotono la testa con straordinaria forza per buttarla a terra e finirla.

Gli animali più aggressivi del mondo - La foca leopardo
Immagine: pinterest.com

Erpestidi

Gli erpestidi sono una famiglia di carnivori alla quale appartengono le manguste. Attualmente esistono 33 specie di manguste, e una caratteristica comune è il loro coraggio e la loro aggressività. Sono diffusi in tutta l'Eurasia e nel continente africano. Le loro dimensioni e il loro peso variano da 30 cm, a 280 g per la mangusta nana, a 120 cm, a 4 kg per la mangusta dalla coda bianca.

La mangusta egiziana o icneumone, Herpestes ichneumon, è una delle più comuni. La dieta di questo esemplare è a base di serpenti, alcuni dei quali velenosi. La mangusta misura fino a 60 cm e il suo peso varia da 2 a 4 kg. Se messa all'angolo non esita ad affrontare anche leoni.

Le manguste sono diffuse nelle zone temperate ed equatoriali del pianeta. Nell'India rurale è comune avere manguste domestiche, la cui funzione è quella di cacciare i roditori, ma anche serpenti di ogni tipo, compresi i cobra.

Gli animali più aggressivi del mondo - Erpestidi

Se desideri leggere altri articoli simili a Gli animali più aggressivi del mondo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Gli animali più aggressivi del mondo
Immagine: pinterest.com
1 di 9
Gli animali più aggressivi del mondo

Torna su