Condividi

La riproduzione del cavalluccio marino

Di Cecilia Verza, Traduttrice e copywriter di AnimalPedia. 7 dicembre 2018
La riproduzione del cavalluccio marino

Il cavalluccio marino è un animale estremamente interessante, oltre ad essere molto amato, fino al punto che molte persone lo hanno tatuato, perché si dice, sin da tempi antichi, che abbia delle proprietà soprannaturali e magiche. Però, la caratteristica che rende il cavalluccio marino un animale affascinante e unico è l'inversione che esiste tra il ruolo maschile e quello femminile. È il maschio del cavalluccio marino che porta a termine la gravidanza.

Sai come si riproduce il cavalluccio marino? In questo articolo di AnimalPedia, ti spieghiamo tutte le curiosità sulla riproduzione del cavalluccio marino.

Potrebbe interessarti anche: Animali marini

Cavalluccio marino: caratteristiche principali

Il cavalluccio marino è stato chiamato così per la somiglianza della sua testa con quella del cavallo; però, a differenza del cavallo, il cavalluccio marino è un animale piccolissimo e le sue dimensioni possono variare da 1,5 cm a 35 cm.

Questi animali molto curiosi vivono nelle acque di tutti i mari del mondo, eccetto quelle glaciali. Infatti, hanno bisogno di acque non troppo fredde né molto profonde. Inoltre, a differenza della maggior parte degli altri pesci, i cavallucci marini hanno una posizione eretta e verticale e non orizzontale, quindi i loro spostamenti avvengono grazie alle propulsioni della pinna dorsale. Le pinne pettorali, che sembrano due orecchie, invece, servono perché il cavalluccio marino possa girare a destra o a sinistra. A causa di queste peculiarità, il cavalluccio marino non possiede le stesse abilità di spostamento che hanno gli altri pesci e sono animali estremamente lenti.

Il muso allungato del cavalluccio marino ha la funzione di aiutarlo a ingerire continuamente cibo: infatti, questo piccolo pesce deve mangiare in continuazione per poter vivere, perché non possiede uno stomaco, quindi digerisce troppo in fretta l'alimento e ha bisogno di introdurre cibo senza mai fermarsi perché sennò potrebbe morire. Per poter cacciare piccolissimi crostacei e plancton, fonti principali della sua dieta, si aiuta con la coda prensile, con cui si sostiene e si attacca alle alghe per poter mantenere stabilità.

Attualmente sono conosciute 54 specie di ippocampi; tuttavia, il cavalluccio marino è un animale in pericolo di estinzione, a causa della pesca accidentale, dell'inquinamento e dall'acidificazione degli oceani, ma anche per via della medicina locale cinese. Nonostante i cavallucci marini siano protetti dal Convention on International Trade in Endangered Species, questi animali sono spesso catturati e utilizzati per la medicina tradizionale.

La riproduzione del cavalluccio marino - Cavalluccio marino: caratteristiche principali

Come si riproduce il cavalluccio marino

Una delle curiosità più insolite legate alla riproduzione del cavalluccio marino è il rituale di corteggiamento. Infatti, questi piccoli animali danzano insieme per ore e, mentre lo fanno, intrecciano le loro code grazie alle loro code prensili. Durante questa danza i cavallucci marini cambiano addirittura colore e la fase di corteggiamento in alcuni casi dura addirittura diversi giorni. La stagione di accoppiamento di solito dura dalla primavera fino a fine autunno.

Come si riproduce il cavalluccio marino?

Quando arriva il momento dell'accoppiamento, il cavalluccio marino femmina è capace di depositare addirittura 1.500 uova. Infatti, ciò che sorprende di più è che il membro della coppia preparato per partorire è il maschio del cavalluccio marino: infatti, questi possiede una sacca marsupiale in cui incuba le uova deposte dal cavalluccio marino femmina. La femmina depone le uova nella sacca incubatrice del maschio grazie a una specie di papilla genitale, o ovopositore, e la fertilizzazione avviene molto rapidamente.

L'inversione dei ruoli è una caratteristica unica di questa specie. Questo tipo di gravidanza maschile nella specie animale è esistente solo nei cavallucci marini e nei pesci ago o pesci pipa, anch'essi appartenenti alla famiglia dei Syngnathidae.

La sacca marsupiale del cavalluccio marino è minuscola e ancora più piccole sono le uova deposte. Esistono, però, tantissime specie di cavalluccio marino, quindi alcune sono leggermente più grandi di altre e la dimensione delle uova sono maggiori. Il maschio incuba le uova da 9 a 45 giorni; in questo periodo di tempo, le femmine visitano quotidianamente la coppia per assicurarsi che la gravidanza stia procedendo correttamente. Dopodiché, nasceranno i cavallucci marini. È frequente che i piccoli nascano di notte e il parto è molto simile a quello femminile, poiché il maschio espelle i piccoli con delle contrazioni addominali.

Dopo aver partorito, è frequente che la femmina ingravidi il cavalluccio marino maschio quasi immediatamente.

La riproduzione del cavalluccio marino - Come si riproduce il cavalluccio marino

La riproduzione del cavalluccio marino: curiosità

La riproduzione del cavalluccio marino è assolutamente affascinante. Tuttavia, ci sono alcuni aspetti da considerare altrettanto interessanti:

  • Durante la gravidanza il cavalluccio marino maschio diventa aggressivo. Inoltre, il suo corpo cambia e sembra gonfiarsi fino al momento in cui partorirà. Sembra che questo cambiamento fisico aiuti il cavalluccio marino a proteggersi da possibili predatori. Infatti, questo piccolo animale non possiede molti meccanismi di difesa, però durante la gravidanza questa trasformazione è assolutamente positiva perché lo aiuta a portare a termine la gestazione.
  • I cavallucci marini sono monogami durante almeno una stagione riproduttiva, anche se alcuni rispettano questa condizione di fedeltà durante più tempo in molti casi. È stato osservato che i cavallucci marini formano coppie fedeli e stabili almeno durante una stagione, nella quale possono accoppiarsi più volte.
  • I piccoli del cavalluccio marino, dato che dovrebbero essere autosufficienti immediatamente dopo essere stati partoriti, sono suscettibili agli attacchi dei predatori, per questo sono pochi quelli che sopravvivono.
  • Il numero di cavallucci marini partoriti è altissimo: in media di 100-1.000 per la maggior parte delle specie. Se la specie è più piccola potrebbe non raggiungerne 5; in casi eccezionali arriva fino a 2.500. La studiosa Amanda Vincent, della University of British Columbia, afferma di aver visto un cavalluccio marino partorire quasi 1.600 piccoli. Infatti, appena il maschio partorisce, il cavalluccio marino femmina è già pronta per trasferire le prossime uova.

Se il nostro articolo ti è sembrato interessante e utile, ma hai dei dubbi su questo affascinante animale, scrivi nei commenti che argomento ti interesserebbe di più perché possiamo presentarlo prossimamente.

Se desideri leggere altri articoli simili a La riproduzione del cavalluccio marino, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia

Scrivi un commento su La riproduzione del cavalluccio marino

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Sua valutazione:
Clara
Articolo interessantissimo! Che simpatici i cavallucci marini. È sorprendente il modo in cui si riproducono.

La riproduzione del cavalluccio marino
1 di 3
La riproduzione del cavalluccio marino

Torna su