menu
Condividi

Bengala

Aggiornato: 21 febbraio 2018
Bengala

Il gatto Bengala è un ibrido che nasce dall'incrocio tra il gatto domestico e il gatto leopardo (felino asiatico che esiste ancora allo stato brado). Il nome proprio del gatto Bengala nasce come conseguenza dell'appellativo di un suo parente selvatico che in alcune occasioni veniva chiamato così. La riproduzione di questo felino si realizza dal 1963 negli Stati Uniti d'America, con l'aiuto dell'intervento umano.

Origine
  • America
  • Stati Uniti
FIFE
  • Categoria IV
Caratteristiche fisiche
Dimensione
Peso medio
  • 3-5
  • 5-6
  • 6-8
  • 8-10
  • 10-14
Speranza di vita
  • 8-10
  • 10-15
  • 15-18
  • 18-20
Clima

Aspetto fisico del Bengala

Mostra una struttura forte e robusta, lo si può definire un gatto di grande dimensione. Nel caso dei maschi, le dimensioni aumentano e possono arrivare a pesare 8 o 9 chilogrammi, mentre le femmine solitamente pesano 3,5 chilogrammi.

Ha una testa larga e arrotondata che insieme ad una mascella forte e poderosa gli concedono un bellissimo volto. Gli occhi grandi di una colorazione gialla tendente al verde, insieme alle orecchie corte e a punta, gli conferiscono un aspetto importante, proprio quello che cercavano i suoi allevatori.

Il corpo del gatto Bengala è forte, il pelo è corto, morbido e spesso. L'unico standard del manto che conserva del gatto Bengala (selvatico) sono le striature tigrate proprie della razza, anche se possono cambiare tonalità e mostrare delle differenze che includono:

  • Colore avorio, crema, giallo, dorato e arancione.

Carattere del Bengala

Il gatto Bengala è conosciuto per la sua iperattività e curiosità. Si tratta di un gatto insaziabile al quale piace giocare e circondarsi di persone che gli dedicano attenzioni. In generale parliamo di una razza affettuosa e vicina con chi vive in casa.

È un gatto che si relazionerà correttamente con gli altri animali domestici della casa come gatti, cani e addirittura con i furetti. Essendo molto intelligente passerà molte ore ispezionando qualsiasi dettaglio che reputa intrigante. È un gatto divertente.

Bisogna ricordare che in alcuni casi, se il livello di consanguineità con il gatto selvatico è molto prossimo, potrebbe presentare dei comportamenti diversi da quelli di un gatto comune, ma non per questo smette di essere un gatto amichevole.

Salute del Bengala

È molto importante rispettare il calendario delle vaccinazioni del gatto Bengala, proprio come succede con tutte le altre razze. Le malattie più comuni che colpiscono questa razza sono le seguenti:

  • Lussazione della rotula: deriva dalle malformazioni di origine ereditario o in alcuni casi da un trauma fisico.
  • Ipoplasia cerebellare: si tratta di anomalie congenite frequenti negli animali domestici che colpiscono il cervello.

Prendersi cura del Bengala

Prendersi cura del gatto Bengala è semplice, bisognerebbe pulirgli il manto con dei panni umidi affinché sia lucido e spazzolarlo ogni tanto con spazzole per il pelo corto. Ad ogni modo, i gatti Bengala sono soliti lavarsi giornalmente, ma se noti un livello di sporcizia alto, non esitare a fargli un bel bagno. Bisogna prestare particolare attenzione alle sue orecchie in quanto tendono a produrre cerume in eccesso, e inoltre, si deve pulire il grasso che accumula sulla zona del mento.

Infine, è importante curare la sua alimentazione facendo sì che sia ricca e variata, comprando mangime e cibo umido di alta qualità che si ripercuoteranno positivamente sulla lucentezza del suo pelo.

Curiosità

  • Si consiglia la castrazione di questa razza per evitare comportamenti dominanti ereditari, presenti soprattutto nei maschi.
  • Il gatto Bengala è un eccellente nuotatore che ama l'acqua a differenza della maggior parte delle altre razze di gatti.

Foto di Bengala

Articoli correlati

Carica la foto del tuo Bengala

Carica la foto del tuo animale domestico

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuta questa razza?

Bengala
1 di 5
Bengala

Torna su