menu
Condividi

Anatomia di una formica

 
Di María Luz Thomann, Biologa ed ornitologa. 21 agosto 2023
Anatomia di una formica

Le formiche, insetti sociali che popolano varie parti del mondo, sono esseri affascinanti noti per la loro organizzazione, efficienza nella ricerca delle risorse e per formare grandi colonie con grande organizzazione. Questi piccoli lavoratori hanno un'anatomia unica che consente loro di svolgere ruoli specifici all'interno delle loro colonie, creando una società complessa con compiti ben definiti. Ogni parte è composta da segmenti distintivi, dalla testa con antenne molto sviluppate e occhi composti che conferiscono loro incredibili capacità sensoriali, al torace con sei zampe agili e due paia di ali, nel caso delle formiche alate.

In questo articolo di AnimalPedia ci addentreremo nel mondo delle formiche per scoprire le parti che compongono i loro corpi, le caratteristiche che le distinguono e come la loro struttura sociale sia stata la chiave del loro successo nel corso dell'evoluzione. Continua a leggere e scopri l'anatomia della formica.

Potrebbe interessarti anche: Le formiche hanno il cuore?

Testa: organi di senso e mascelle

La testa di una formica è una parte cruciale della sua anatomia, poiché ospita importanti organi sensoriali e strumenti specializzati per la sua sopravvivenza. Conosciamo le parti che compongono la testa di una formica:

Antenne

Una delle caratteristiche più notevoli della testa sono le sue antenne, essenziali per la percezione del mondo che le circonda.

Le antenne sono organi altamente sensibili che consentono alle formiche di rilevare i feromoni, sostanze chimiche utilizzate per comunicare tra loro. Questi feromoni sono fondamentali per coordinare le attività della colonia come il foraggiamento, l'identificazione del compagno e la costruzione di rifugi.

Occhi

Gli occhi composti, un'altra caratteristica prominente della testa della formica, sono impressionanti strutture visive che danno loro una vista quasi panoramica dell'ambiente circostante.

Ogni occhio composto è costituito da migliaia di piccole unità visive chiamate ommatidi, che fungono da lenti indipendenti. Questa visione sfaccettata consente loro di rilevare rapidi movimenti e cambiamenti nel loro ambiente, che è essenziale per cacciare, evitare i predatori e interagire con altre formiche.

Mandibola

Le mandibole, situate nella parte inferiore della testa, sono una caratteristica distintiva delle formiche. Queste strutture potenti e specializzate variano di forma a seconda della specie e vengono utilizzate per una varietà di compiti. Le formiche operaie usano le loro mandibole per tagliare le foglie, trasportare cibo e materiali da costruzione, difendere la colonia e combattere i nemici. Alcune specie di formiche hanno persino mascelle che sono state adattate per iniettare il veleno, permettendo loro di catturare e paralizzare la loro preda.

La combinazione di antenne altamente sensibili, occhi composti unici e mandibole specializzate rendono la testa della formica uno strumento straordinario per il suo adattamento e successo nel suo ambiente. Le informazioni che ricevono attraverso le loro antenne e gli occhi consentono loro di prendere decisioni intelligenti e rapide per sopravvivere e prosperare nel loro mondo altamente organizzato e sociale. La testa della formica è un esempio impressionante di come l'evoluzione abbia modellato caratteristiche specifiche per consentire a questi minuscoli insetti di diventare uno dei gruppi di maggior successo e resilienza della natura.

Anatomia di una formica - Testa: organi di senso e mascelle

Torace: zampe e ali per la mobilità

Il torace della formica è una struttura centrale che svolge un ruolo cruciale nella sua mobilità e capacità di svolgere varie attività. È composto da tre segmenti: il protorace, il mesotorace e il metatorace. Ciascuno di questi segmenti ospita organi importanti che consentono alle formiche di svolgere i loro compiti quotidiani in modo efficiente.

Zampe

Le zampe della formica sono una caratteristica distintiva del torace e sono vitali per il suo movimento e le sue capacità di navigazione. Con sei zampe articolate, le formiche hanno un'impressionante capacità di camminare, correre e arrampicarsi su diverse superfici. Le loro zampe sono adattate per adattarsi a vari terreni, consentendo loro di esplorare e foraggiare sia sul terreno che su superfici verticali. Sono composti dalle seguenti parti:

  • Coxa: è il segmento più vicino al corpo della formica, dove la zampa si unisce al torace. La coxa è la parte più robusta e fornisce una solida base per il movimento della gamba.
  • Trocantere: è un piccolo segmento che si trova tra la coxa e il femore. Aiuta l'articolazione della gamba e fornisce una certa flessibilità nei movimenti.
  • Femore: è il segmento successivo al trocantere ed è più lungo e più sottile della coxa. Il femore è fondamentale per il movimento e la forza della gamba.
  • Tibia: È il segmento successivo al femore ed è anch'esso lungo e sottile. La tibia svolge un ruolo importante nel movimento e consente alla formica di estendere e piegare la zampa.
  • Tarsi: sono gli ultimi segmenti della gamba e sono costituiti da diversi piccoli segmenti chiamati tarsomeri. I tarsi sono dotati di spine e peli sensoriali che aiutano la formica ad aderire alle superfici e rilevare gli stimoli dall'ambiente.
  • Artiglio: All'estremità dei tarsi, le zampe della formica sono dotate di artigli che consentono loro di aggrapparsi alle superfici e arrampicarsi con facilità.

Ali

Le parti delle formiche possono variare da specie a specie. Pertanto, oltre a camminare, alcune specie di formiche hanno la capacità di volare in determinate fasi del loro ciclo di vita. I formicai possono produrre formiche alate chiamate "regine" e "maschi" durante il processo di riproduzione e dispersione di nuove colonie. Queste formiche alate possiedono due paia di ali, una sul mesotorace e una sul metatorace. Quando è il momento giusto, queste formiche emergono dalla colonia e prendono il volo per fare voli nuziali, dove si accoppiano e successivamente le regine fecondate cercheranno di stabilire nuove colonie.

Le ali delle formiche sono delicate e di breve durata, poiché una volta completato il volo nuziale, le formiche regina e maschio le perdono e le regine cercheranno di stabilire una nuova colonia perdendo le ali e diventando formiche fondatrici. Intanto i maschi, nell'espletare la loro funzione riproduttiva, muoiono poco dopo il volo nuziale.

Il torace della formica è quindi una parte essenziale della sua anatomia che contribuisce alla sua mobilità e adattabilità in diversi ambienti. La loro capacità di camminare, correre e arrampicarsi, così come la loro capacità di volare in determinate fasi della loro vita, sono state fondamentali per il successo e l'espansione delle colonie di formiche nel tempo. La combinazione delle loro zampe e ali ha permesso a questi incredibili insetti di conquistare un'ampia varietà di habitat e diventare una delle specie più abbondanti e di successo nel regno animale.

Anatomia di una formica - Torace: zampe e ali per la mobilità

Addome: organi vitali e comunicazione feromonale

L'addome è una parte vitale dell'anatomia della formica e ospita organi essenziali per la sua sopravvivenza e funzione all'interno della colonia. Questo segmento posteriore del corpo della formica è costituito da diversi segmenti e contiene una varietà di organi vitali che svolgono ruoli cruciali nella sua fisiologia e comportamento:

  • Cuore: Le formiche possiedono un cuore tubolare che pompa l'emolinfa, l'equivalente del fluido circolatorio (sangue) in questi insetti, attraverso il loro corpo. Sebbene il suo sistema circolatorio sia meno complesso rispetto a quello dei vertebrati, il cuore della formica svolge la fondamentale funzione di distribuire nutrienti e ossigeno a tutte le parti del suo corpo.
  • Organi riproduttivi: Sull'addome delle formiche, in particolare delle formiche regina, si trovano gli organi riproduttivi. Le regine hanno il compito di deporre le uova e perpetuare la colonia, garantendo così la riproduzione e la sopravvivenza della specie.
  • Apparato digerente ed escretore: L'addome contiene anche l'apparato digerente, che processa il cibo ingerito dalla formica, permettendole di ottenere i nutrienti necessari per il suo sostentamento ed energia. Inoltre, il sistema escretore è responsabile della rimozione di scorie e tossine dal corpo della formica, mantenendone la salute e il benessere.

Sistema di comunicazione

D'altra parte, la comunicazione è un aspetto essenziale per il successo delle colonie di formiche e gran parte di questa comunicazione si basa sul rilascio e sul rilevamento dei feromoni. I feromoni sono sostanze chimiche prodotte da ghiandole specializzate che si trovano nell'addome delle formiche, quindi fanno anche parte delle parti di una formica. Ogni tipo di feromone ha una funzione specifica e viene utilizzato per trasmettere informazioni importanti all'interno della colonia.

Questo tipo di comunicazione permette loro di tracciare percorsi e cercare cibo. Le formiche scout che trovano una fonte di cibo rilasciano feromoni specifici mentre tornano alla colonia. Questi feromoni agiscono come una sorta di "segnale di percorso" per guidare altre formiche alla fonte di cibo, creando un'efficiente rete di raccolta delle risorse. Inoltre, quando una formica avverte un pericolo o una minaccia, come un predatore nelle vicinanze, rilascerà feromoni di allarme. Questo segnale allerterà altre formiche vicine, che potrebbero rispondere fuggendo o preparandosi a difendere la colonia.

Inoltre, questi feromoni vengono utilizzati per distinguere tra caste e ruoli all'interno della colonia. Ad esempio, i feromoni reali e operai possono differenziare le formiche regina, operaia e soldato, consentendo loro di lavorare in armonia e raggiungere il successo collettivo come colonia ben organizzata.

Ora che conosci a fondo le parti di una formica, non smettere di imparare e dai un'occhiata a questi altri articoli:

Anatomia di una formica - Addome: organi vitali e comunicazione feromonale

Se desideri leggere altri articoli simili a Anatomia di una formica, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Lieberman, Z. E.; Billen, J.; van de Kamp, T.; Boudinot, B. E. (2022). The ant abdomen: The skeletomuscular and soft tissue anatomy of Amblyopone australis workers (Hymenoptera: Formicidae). Journal of Morphology, 283(6), 693-770.
  • Lubbock, J. (1879). On the Anatomy of Ants. Zoological Journal of the Linnean Society, 14(80), 738-739.
  • Sparks, S. D. (1941). Surface anatomy of ants. Annals of the Entomological Society of America, 34(3), 572-579.
  • Whelden, R. M. (1963). The anatomy of the adult queen and workers of the army ants Eciton burchelli Westwood and Eciton hamatum Fabricus (continued). Journal of the New York Entomological Society, 71(2), 90-115.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
Anatomia di una formica
1 di 4
Anatomia di una formica

Torna su