Problemi comportamentali

Cane mangia sassi: sintomi, cause cosa fare

 
Eduarda Piamore
Di Eduarda Piamore, Specializzata in psicologia, educazione e addestramento canino e felino. 9 gennaio 2024
Cane mangia sassi: sintomi, cause cosa fare
Cani

Vedi schede di Cani

I cani hanno diversi comportamenti istintivi che a noi possono sembrare strani, ma che sono inerenti alla loro natura. Tuttavia, alcuni cani pelosi finiscono per sviluppare un comportamento quasi ossessivo nei confronti di queste risorse, suscitando preoccupazione nei padroni.

La situazione diventa ancora più complessa quando in questi giochi vengono utilizzati oggetti inappropriati, come ad esempio le pietre, perché possono causare problemi dentali e digestivi se masticate o ingerite. Se stai attraversando questa situazione, probabilmente ti farai domande del tipo “perché il mio cane è ossessionato dai sassi?” e “Cosa vuol dire quando i cani mangiano i sassi?”.

Pensando di aiutarti, dedicheremo questo articolo di AnimalPedia a spiegare le principali sintomi, cause e cosa fare se il cane mangia sassi.

Potrebbe interessarti anche: Perché il mio cane mangia sassi?

Perché il cane mangia i sassi?

Non esiste un unico motivo per cui i cani diventano ossessionati dalle pietre e se vuoi comprendere la forza trainante di questa ossessione nel tuo amico peloso, dovrai prestare attenzione al suo comportamento e alla sua postura quando interagisce con questa “risorsa”. Ad esempio, un cane che insegue le pietre mentre gioca, proprio come farebbe con una palla, non è la stessa cosa di un cane che è sempre alla ricerca di pietre da masticare o mangiare.

Sono due situazioni diverse dovute a cause diverse e ognuna di esse richiede un trattamento specifico. Pertanto, di seguito differenziamo e cerchiamo di spiegare la causa delle principali manifestazioni dell'ossessione per i calcoli nei cani.

Per scopi ricreativi

Qui vediamo che il cane è ossessionato dalle pietre perché le ha assimilate come una sorta di risorsa per scopi “ricreativi” . È una situazione quasi identica a quella dei cani fissati con le palline, ma molto più pericolosa, poiché le pietre non sono giocattoli e possono causare danni alla bocca e ai denti dei nostri pelosi cani. Per non parlare del rischio che finiscano per ingoiare un sasso e soffrano di disturbi digestivi o addirittura di soffocamento.

Per istinto di caccia

Un altro dei principali fattori che determinano questo comportamento è direttamente correlato all’istinto di caccia, che è inerente alla natura canina. Vale a dire, tutti i cani, in misura maggiore o minore, manifesteranno comportamenti associati alla caccia e si sentiranno motivati a inseguire quasi tutti gli oggetti che i loro tutori utilizzano in attività che simulano il contesto di una caccia.

In questo senso bisogna tenere conto che alcune razze canine sono state storicamente addestrate alla caccia. Pertanto, hanno un istinto di caccia particolarmente forte e possono sentirsi molto eccitati dai giochi “lancia e prendi” , essendo più propensi a sviluppare una certa ossessione per qualsiasi elemento o risorsa che possa essere utilizzata a questo scopo.

A causa delle cattive maniere

Tuttavia, la sola predisposizione genetica non spiega del tutto il motivo per cui alcuni cani sono ossessionati dai calcoli. Generalmente questo comportamento ossessivo deriva da alcuni insuccessi – intenzionali o meno – nell'educazione e nella routine del cane.

Da un lato, è normale che i guardiani finiscano per rafforzare, anche se inconsciamente, la sovreccitazione che i loro cani manifestano in determinate situazioni, che si tratti di giocare, mangiare o fare una passeggiata. Quindi, è possibile che, senza volerlo, tu abbia incoraggiato o incoraggiato il tuo cane a diventare eccessivamente ansioso o eccitato mentre gioca e voglia ripetere questa stessa attività ancora e ancora, incessantemente.

La situazione peggiora quando permetti al tuo cane di “usare” qualsiasi oggetto per soddisfare l’ossessione di inseguire e catturare. Diciamo che, nel pieno dell'emozione del gioco, il tuo amico peloso ti porta un sasso da lanciare e tu accetti di accontentarlo e di soddisfare il suo bisogno di spendere energie. Se questo comincia a ripetersi ancora e ancora, è molto probabile che il tuo cane finisca per essere ossessionato dalle pietre, e non perché lo attraggano particolarmente, ma perché le ha assimilate come un modo per allentare la tensione e ottenere soddisfazione.

Cane mangia sassi: sintomi, cause cosa fare - Perché il cane mangia i sassi?
Immagine: Waggel

Come insegnare al cane a non mangiare i sassi?

Successivamente ci concentreremo sui cani che hanno la fissazione di rincorrere le pietre , come se fossero una palla o un giocattolo.

Fatte queste prime osservazioni, passiamo ai passaggi per rimuovere l'ossessione del tuo cane per le pietre.

Stop ai giochi “lancia e prendi”

Alcuni tutor si chiedono se non potrebbero semplicemente sostituire le rocce con una palla e continuare a giocare con il loro migliore amico. E la risposta è no! Almeno in questo primo momento, quando l'ossessione del tuo cane è al culmine, sostituire l'oggetto dell'ossessione (in questo caso le pietre) non è sufficiente né efficace nel trattare la causa del comportamento ossessivo.

L’obiettivo finale è non far dimenticare i sassi al proprio cane, perché sarebbe impossibile, ma lavorare affinché quello che oggi è un comportamento ossessivo nei confronti del gioco del “lancia e prendi” possa diventare un’attività sana e giocosa.

Cerca un aiuto professionale

Trattare i comportamenti ossessivi nei cani non è facile e la maggior parte dei tutori non ha abbastanza conoscenze sulla genetica, sull'organismo e sul comportamento dei cani per condurre il trattamento di cui i loro amici pelosi hanno bisogno. Per questo motivo, ti consigliamo di chiedere l'aiuto di un veterinario etologo o di un addestratore cinofilo con studi verificabili in etologia canina, poiché questi professionisti saranno in grado di stabilire le linee guida di trattamento e gestione più appropriate in base al comportamento e alle esigenze dei tuoi migliori amico.

Ottimizza la stimolazione fisica e mentale

Mentre il tuo cane segue un trattamento guidato da professionisti, è essenziale diversificare le attività e le risorse coinvolte nella sua attività fisica quotidiana e nella stimolazione mentale. Il tuo migliore amico dovrebbe avere a disposizione altri modi alternativi, oltre al gioco del “lancia e prendi”, per spendere energie, fare esercizio, divertirsi, socializzare con altri cani, esprimersi, lavorare sui propri sensi e prevenire sintomi di stress e ansia.

Oltre a stabilire una buona routine di passeggiate quotidiane, è altamente consigliabile considerare di avviare il proprio cane a qualche sport canino, come l'Agility o la ricerca, che fornisce uno stimolo molto completo al suo olfatto e alla sua mente.

Per quanto riguarda la stimolazione mentale, sarà fondamentale investire nell'arricchimento ambientale per fornire al tuo amico peloso una maggiore varietà di giochi, giocattoli e risorse che lo mantengano attivo e divertito, anche quando viene lasciato solo a casa.

Infine, è importante anche che dedichiate ogni giorno un po' di tempo da condividere con il vostro amico peloso e cogliate l'occasione per fargli conoscere giochi di intelligenza fatti in casa, che saranno un ottimo “complemento” per lo sviluppo delle sue capacità cognitive ed emotive.

Evita di lasciare il tuo cane da solo per troppo tempo

Non è mai consigliabile lasciare un cane da solo in casa per più di qualche ora, ma nel caso specifico dei cani pelosi che sono alle prese con un problema comportamentale, sia esso comportamento ossessivo, ansia da separazione o distruttività, questo tempo dovrebbe essere ridotto.

Gestire la solitudine è spesso particolarmente difficile per un cane che è stato esposto a stress o ad altri fattori che hanno portato ad uno squilibrio nella sua salute mentale. In questi casi è una buona pratica introdurre il Kong nella routine del cane, poiché lo aiuterà a controllare i suoi livelli di ansia e lo intratterrà nei periodi di tempo in cui deve essere lasciato solo.

Inoltre, è fondamentale che ogni cane, indipendentemente dalla sua razza, taglia o età, abbia la possibilità di adattarsi all'ambiente domestico prima di iniziare a essere lasciato solo e anche di imparare a gestire progressivamente la solitudine. Per aiutarti, su AnimalWised ti insegniamo come abituare un cucciolo a essere lasciato solo e condividiamo consigli utili per adattare un cane adulto alla solitudine in casa tua.

Non smettere di addestrare il tuo cane

La cosa più importante è che tu capisca che l'addestramento è uno degli esercizi più completi per la mente e il corpo del tuo cane, perché ti permette di stimolarlo a livello cognitivo, fisico, sensoriale e anche sociale , permettendogli di realizzare interazioni di qualità con te una maggiore varietà di stimoli, individui e ambienti.

Inoltre, quando facciamo buon uso del rinforzo positivo, premiando il cane per i suoi successi e i suoi buoni comportamenti, anche l'addestramento risulterà piacevole, quindi sarà un nuovo modo motivante per spendere le proprie energie ed esprimere le proprie abilità cinofile.

In effetti, i cani con comportamenti nervosi, ansiosi o ossessivi traggono grande beneficio dall'adesione a una routine di addestramento, poiché consente loro di imparare a pensare con la propria testa, acquisire autonomia e fiducia, nonché riconnettersi con un modo più sano per ottenere soddisfazione o piacere.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cane mangia sassi: sintomi, cause cosa fare, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Problemi comportamentali.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
Immagine: Waggel
1 di 2
Cane mangia sassi: sintomi, cause cosa fare