menu
Condividi

Come marcano il territorio i gatti

 
Di Giorgio Gattoni. Aggiornato: 12 aprile 2022
Come marcano il territorio i gatti

Vedi schede di Gatti

I felini utilizzano differenti tipi di marcature per lasciare segnali visivi e olfattivi attorno a loro e poter, in questo modo, trasmettere un messaggio rilevante agli altri gatti. Ciò significa che marcare ha una funzione importante nella comunicazione dei gatti ed è un comportamento abituale in questa specie, anche se a noi tutori può risultare fastidioso e sgradevole quando, ad esempio, il gatto marca le tende con l'urina o graffia gli angoli del sofà.

Se condividete la vostra casa con un gatto o pensate di adottarne uno e volete conoscere come funziona la marcatura del territorio, in questo articolo di AnimalPedia approfondiremo questo argomento e vedremo i vari modi in cui il gatto marca il territorio, cosa significa e cosa possiamo fare in merito. Non perdertelo!

Potrebbe interessarti anche: Evitare che il gatto graffi il divano

Perché i gatti marcano il territorio

Fino a poco tempo fa si pensava che i gatti marcassero il territorio solo attraverso l'urina, e che questa fosse una abitudine tipica dei maschi, i quali lo facevano per delimitare il territorio ed evitare che degli intrusi vi entrassero. Oggi invece sappiamo che vi sono altri motivi per cui i gatti marcano e non lo fanno solo attraverso l'urina, ma anche in altri modi. Inoltre anche le femmine di gatto marcano il territorio, e lo fanno con la stessa frequenza dei maschi, quindi questo comportamento non dipende dal sesso dell'animale.

I gatti marcano il territorio per comunicare fra loro: questo è l'obiettivo principale. Grazie a questo sistema, gli animali annusando l'urina per ricavare informazioni sul sesso, età, stato di salute degli altri felini che sono passati di lì, come si trattasse di una lettera di presentazione. I gatti si passano queste informazioni per i seguenti motivi:

  • Delimitazione del territorio: questa è la causa più documentata. I gatti marcano i limiti del proprio territorio per avvisare gli altri animali che quella è la loro casa. In casa il gatto, a prescindere dal sesso e dal fatto di essere stato sterilizzato, tende a marcare gli spazi dove vi sono risorse importanti per lui (la sua ciotola, i suoi giochi o la cuccia) oppure le zone dove è più intenso l'odore del tutore, come il sofà. In generale i gatti non sono propensi a condividere la propria casa o la zona di caccia o di riposo con altri animali sconosciuti. Per cui quando altri felini ricevono il messaggio dell'urina tendono a rimanere fuori dal raggio di azione per evitare scontri.
  • Interesse sessuale: l'informazione emessa con la marcatura può anche essere relativa ad un interesse sessuale e all'intenzione di incontrare un partner con cui riprodursi. Questo tipo di marcature si osservano in entrambi i sessi; tuttavia, mentre questo istinto coglie le femmine solo nel loro periodo di calore, per i maschi non castrati questa tendenza dura tutto l'anno.
  • Fattori ambientali o stress: i gatti sono animali molto sensibili, per cui i cambiamenti nel loro habitat e nelle loro abitudini portano con sé molto stress. Il gatto tenderà a marcare con maggior frequenza, non solo con l'urina ma anche con le unghie. Con questo comportamento il gatto non si rivolge tanto ai suoi simili, ma piuttosto sta cercando di adattarsi ai cambiamenti del suo ambiente che lo fanno sentire insicuro, in modo da ridurre l'ansia. A questo proposito vi suggeriamo il nostro articolo di AnimalPedia 'Sintomi di un gatto stressato'.

Tipi di marcatura del territorio nei gatti

Come abbiamo detto in precedenza, l'urina è uno dei modi che il gatto utilizza per marcare il territorio, ma non è l'unico modo che esiste. Altri comportamenti vengono utilizzati a fini comunicativi anche se, a volte, non ne siamo coscienti.

Ecco i principali tipi di marcatura:

Marcatura con urina

L'urina contiene moltissima informazione olfattiva in forma di feromoni che i gatti riconoscono e processano attraverso una struttura particolare chiamata organo vomeronasale. Questo organo, che si trova sul palato nella parte degli incisivi superiori, permette ai felini di riconoscere lo stato sessuale o di salute di altri animali. Quando il gatto marca con l'urina, solleva la coda fino a portarla in posizione completamente eretta e la muove rapidamente (come se vibrasse) e allo stesso tempo rilascia delle piccole gocce di urina sotto forma di spruzzi sopra un elemento verticale. Questo comportamento viene adottato da maschi e e femmine indistintamente.

L'urina che viene emessa con lo scopo di marcare è diversa dall'urina normale, e molti tutori si chiedono come odora. La realtà è che l'urina di gatto ha un odore molto più forte di quella degli altri animali, per cui è facilmente percettibile quando spruzzano la loro marcatura all'interno della casa. Per cui in questo caso entrambi i tipi di urina hanno un odore forte.

Marcatura con le unghie

Chiunque abbia avuto un gatto sa che questi animali tendono a graffiare gli oggetti e i mobili come il sofà, le sedie o gli alberi del giardino. Queste azioni non vengono compiute come dispetto, ma hanno due principali scopi: il mantenimento corretto della lunghezza delle unghie e la marcatura con queste ultime. Attraverso questo comportamento il gatto lascia sia dei segni visivi che olfattivi sul suo territorio, visto che le sue zampe rilasciano dei feromoni.

Marcatura facciale

La marcatura facciale infine avviene quando i gatti si strusciano su oggetti, persone o altri animali con il muso. Il felino realizza questa marcatura quando si sente tranquillo e a suo agio in uno spazio alla presenza di qualcuno e pertanto rilascia un segnale chimico (feromoni) sulla superficie in questione. Per cui se il gatto si struscia su di voi vi sta dicendo che è contento di stare con voi e si sente sicuro e a suo agio. È sicuramente un chiaro segnale di fiducia ma che non ha una connotazione di possesso, come vedremo più avanti.

Come marcano il territorio i gatti - Tipi di marcatura del territorio nei gatti

Quando inizia a marcare il gatto

In generale si osserva un aumento della attività di marcatura quando i gatti raggiungono la maturità sessuale, cosa che nei gatti avviene abbastanza presto. Nel caso delle femmine, esse raggiungono la maturità sessuale con l'arrivo del primo periodo di calore, che di solito avviene tra i 6 ed i 7 mesi di vita, anche se ciò varia a seconda del periodo dell'anno, della temperatura e della razza del felino, oltre a fattori genetici ed ambientali. Alcune gatte possono raggiungere la maturità sessuale anche prima. I maschi invece sono ancora più precoci e si considerano sessualmente maturi già dopo i 4 o 5 mesi.

Raggiungere la maturità sessuale implica che i felini sentono la necessità di accoppiarsi, per cui le marcature con l'urina divengono più frequenti, sia fuori che dentro casa. Inoltre, mano a mano che crescono i gatti iniziano a delimitare il loro territorio e a proteggerlo di fronte alle intrusioni di altri animali. Marcheranno con più intensità le zone che ritengono di maggior valore. Tuttavia abbiamo visto che esistono marcature che non sono motivate né dall'istinto sessuale né dalla difesa del territorio. Si tratta delle marcature dovute allo stress che possono presentarsi in gatti di qualsiasi età, quando si sentono insicuri e alterati davanti ad una situazione che non sono in grado di controllare, come un trasloco, l'arrivo di un membro nuovo della famiglia o un cambio brusco di abitudini.

D'altra parte, la marcatura facciale invece avviene solo quando i gatti sono tranquilli, rilassati e felici ed è molto frequente che marchino i loro tutori quando si trovano a loro agio. Anche questa marcatura può avvenire a qualsiasi età e quasi sempre ha a che fare con i rapporti con il loro tutore e col fatto che il gatto si sente sicuro in quell'ambiente.

Come marcano i gatti

Adesso che conosciamo i vari tipi di marcatura del gatto, andiamo a vedere da vicino come avviene questo processo.

Come marcano le persone i gatti

Come avrete notato i gatto sono soliti sfregare il muso sulle gambe, sulle mani o in altre parti del corpo dei loro tutori e in generale delle persone di cui hanno fiducia e con cui si sentono sicuri. Questo tipo di marcatura lascia dei segnali chimici sul nostro corpo.

Siccome la marcatura più studiata dei felini è sempre stata quella territoriale, per molto tempo si è pensato che i gatti ci marcano perché ci considerano una loro proprietà, ovvero parte del loro territorio. Invece questa spiegazione è un po' semplicista e sottovaluta la relazione che intercorre fra gatto e tutore, riducendola al rapporto con un oggetto inanimato.

Se osservate con attenzione i gatti noterete che anche fra loro si sfregano il muso a vicenda quando si ritrovano dopo essere stati separati per del tempo e a volte questa attività è accompagnata dal tipico rumore delle fusa, che certifica che fra i due gatti vi è una relazione amichevole oppure sono gatti che condividono gli stessi spazi. Allo stesso modo si sfregano sui loro tutori a modo di saluto e lasciano il loro odore che certifica il legame reciproco.

Come marcano il territorio i gatti

Per quel che riguarda la marcatura del territorio, i gatti possono svolgerla in vari modi. Marcare con l'urina e con le unghie sono i metodi più diffusi per delimitare il territorio ed avvertire gli altri animali della sua presenza. I gatti che escono all'aperto tendono a marcare gli alberi, i muri o altri elementi vertifcali, spruzzandoci l'urina o graffiandoli. Invece i gatti che marcano l'interno della casa lo fanno sugli stipiti di porte e finestre o in zone dove i tutori trascorrono molto tempo, come sofà, sedie e letti.

Una volta delimitato il territorio della loro zona di attività e di riposo, ripassano la marcatura abitualmente attraverso il muso, cosa che li fa sentire rilassati. Per questo, è piuttosto abituale vedere il gatto strusciarsi contro mobili e oggetti.

Come marcano il territorio i gatti - Come marcano i gatti

Come evitare che un gatto marchi il territorio

Anche se si tratta di una abitudine poco piacevole, marcare è un comportamento naturale nei felini, sia che avvenga con l'urina che con i graffi. Essi marcano anche se non vi sono altri animali che possano invadere il loro territorio. Quindi non è molto efficace castigarli per questo comportamento. Ciò non significa che non vi siano alcune strategie per ridurre la maniera di marcare del vostro gatto, a seconda del tipo di marcatura e della sua finalità.
A tal proposito, te ne suggeriamo alcune:

Castrazione/sterilizzazione

La prima opzione che può venire in mente è la castrazione. L'eliminazione degli organi riproduttivi è una buona soluzione per evitare i comportamenti di marcatura con scopo riproduttivo. Quando vengono eliminati la maggior parte degli ormoni sessuali, si riduce significativamente la marcatura con urina, come anche altri problemi associati all'istinto sessuale, come la tendenza dei gatti a scappare in cerca di un partner per accoppiarsi, comportamenti attraverso i quali il gatto può anche essere soggetto a scontri e liti con altri esemplari che possono portare a ferite. Tuttavia, se la castrazione avviene troppo presto rispetto allo sviluppo del gatto, può portare ad alcuni inconvenienti e quindi è sempre bene che sia il veterinario a decidere le tempistiche.

La marcatura nei gatti sterilizzati può continuare; questo dipende da fattori come l'età a cui il gatto è stato castrato e dal tipo di marcatura.

Feromoni sintetici e arricchimento ambientale

D'altra parte, la marcatura che è dovuta allo stress non viene eliminata con la castrazione. In questi casi bisogna offrire al gatto un ambiente prospero, tranquillo e sereno, dove possa sentirsi al sicuro. Per poter creare uno spazio simile, si possono utilizzare feromoni calmanti per felini, mettere delle torri o dei tiragraffi in modo che l'animale possa sfogarsi e scalare. Anche aggiungere delle cassette permette al gatto di nascondersi se non è a suo agio. Non bisogna mai sgridare il gatto per aver marcato o graffiato i mobili, perché otterremo solo di far aumentare i livelli di stress nell'animale.

Forse può interessarvi a questo proposito il nostro articolo 'Come evitare che il gatto marchi il territorio?'.

Visita veterinaria

Infine va precisato che marcare con l'urina non è la stessa cosa che urinare in punti della casa non adatti, cioè diversi dalla lettiera. Se vedete che il felino ripetutamente fa pipì in casa, consultate un veterinario perché potrebbe trattarsi di una patologia neurologica o di una infezione delle urine.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come marcano il territorio i gatti, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Educazione di base.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
Come marcano il territorio i gatti
1 di 3
Come marcano il territorio i gatti

Torna su