menu
Condividi

Come nascono i canguri?

 
Di Nick A. Romero H., Biologo ed educatore ambientale. Aggiornato: 14 febbraio 2024
Come nascono i canguri?

Il mammifero più rappresentativo dell'Australia è l'animale che comunemente chiamiamo canguro, il cui nome non corrisponde ad un termine tassonomico. Queste specie appartengono alla famiglia dei Macropodidae, che comprende anche una varietà di individui meno conosciuti e di dimensioni più piccole. Quindi, a seconda della specie, possono essere di dimensioni medio-grandi, tuttavia in genere si usa il termine canguro per indicare quelli più grandi, che possono pesare fino a circa 90 chili e arrivare ad un'altezza di quasi due metri. Sono generalmente notturni e di giorno si riposano.

I canguri sono animali piuttosto particolari, interessanti e docili. Sono caratterizzati dall'avere un sistema di riproduzione complesso, nonché da un peculiare processo di nascita e crescita, considerato unico nel regno animale. Questo li colloca all'interno dei cosiddetti marsupiali. Continua a leggere questo interessante articolo di AnimalPedia e scopri insieme a noi come nascono i canguri.

Potrebbe interessarti anche: Come nascono le formiche?

Quando nascono i canguri?

I canguri sono originari principalmente dell'Australia, sebbene si possano trovare anche in Nuova Guinea e nelle isole vicine. Questi animali sono bipedi perché si muovono saltando con le due zampe posteriori, che sono lunghe e strette, ma molto muscolose e forti, permettendo loro di raggiungere velocità fino a 70 km/h. Quando si muovono lentamente, utilizzano la loro coda non prensile per sostenersi e mantenere l'equilibrio corporeo, cosa che non si verifica quando saltano, poiché in questo modo si muovono molto più efficacemente.

Queste informazioni sono molto rilevanti per comprendere alcuni aspetti della riproduzione e della nascita dei canguri. La riproduzione dei canguri è un processo unico nel regno animale, poiché le femmine sono in grado di crescere contemporaneamente tre cuccioli di età e tempi di sviluppo diversi. Ora, quando nascono i canguri? I tempi riproduttivi dei canguri possono variare da una specie all'altra. Ad esempio, nel caso del canguro rosso (Macropus rufus), le condizioni ambientali devono essere favorevoli al momento della riproduzione, quindi lo fanno durante la stagione delle piogge in modo che, quando il piccolo inizia a svezzare e quindi staccarsi dalla madre, ci sia cibo disponibile. D'altra parte, il canguro grigio orientale (Macropus giganteus) e il canguro grigio occidentale (Macropus fuliginosus) si riproducono generalmente tutto l'anno, ma le nascite avvengono più frequentemente in estate, così che i piccoli iniziano il loro processo di indipendenza alimentare in primavera.

Fatto curioso, i canguri hanno una fase di corteggiamento che può durare poco tempo o un paio di giorni e spesso i maschi competono per accoppiarsi con la femmina in calore. In questo processo che avviene come un duello, i due canguri possono combattere con le zampe anteriori, da qui l'immagine in alcuni fumetti in cui vediamo due canguri che boxano. Il maschio dominante può fecondare più di una femmina allo stesso tempo.

Scopri Cosa mangia il canguro? in questo altro articolo.

Come e dove nascono i canguri?

Una volta che la femmina rimane incinta, avrà un breve periodo di gestazione uterina. La gestazione dei canguri è uno dei processi più brevi nei mammiferi, poiché dura dai 28 ai 33 giorni, periodo caratteristico del canguro rosso. Trascorso questo tempo, come e con quali dimensioni nascono i canguri? Ebbene, dato che il processo di gestazione è così breve, nasce un embrione poco sviluppato e molto piccolo (circa 2 cm in media, anche se può variare a seconda della specie), senza pelo e con occhi e orecchie ancora non completamente sviluppati.

Il cucciolo di canguro nasce attraverso la vagina della madre, come in tutti i mammiferi placentari. Il processo di nascita del canguro è rapido e immediato, senza alcun aiuto e avviene d'istinto. Il piccolo si sposta salendo dalla vagina fino al marsupio della madre, dove si attacca al capezzolo per iniziare a succhiare. Ci vorranno circa otto mesi prima che il piccolo canguro inizi a lasciare il marsupio e cominci a provvedere a se stesso. In questo momento, anche se sta già iniziando ad alimentarsi da solo, potrà eventualmente tornare nel marsupio per continuare a nutrirsi.

Quando la femmina partorisce e il piccolo lascia l'utero per andare nella borsa del marsupiale, la madre può rimanere immediatamente di nuovo incinta, dando inizio allo sviluppo di un nuovo embrione. Tuttavia, poiché sta allattando un altro cucciolo di canguro, si verifica un processo noto come diapausa embrionale, che consiste nel fermare la crescita del nuovo feto per circa 235 giorni in modo che il canguro nel marsupio continui a crescere. Trascorso questo tempo, l'embrione viene come riattivato nell'utero, momento che coincide con l'abbandono del marsupio da parte dell'altro cucciolo di canguro. Circa un mese dopo, avviene la nascita del nuovo cucciolo e può verificarsi anche una terza gravidanza, che seguirà lo stesso processo delle altre. Quindi, la stessa femmina può avere un embrione in diapausa nell'utero, un cucciolo di canguro in crescita all'interno del marsupio e un terzo cucciolo che è già abbastanza indipendente, ma che alla fine torna a nutrirsi della madre. Infatti, la mamma canguro ha la capacità di produrre due tipi di latte: uno per l'embrione che si sta sviluppando nel marsupio e un altro per il canguro che è già uscito dal marsupio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come nascono i canguri?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Hickman, C., Roberts, L., Parson A. (2000). Principios integrales de zoología. McGraw Hill Interamericana: España.
  • Myers, P. (2001). Macropodidae. Animal Diversity. Disponible en: https://animaldiversity.org/accounts/Macropodidae/

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
Come nascono i canguri?
Come nascono i canguri?

Torna su