Condividi

Come nascono gli squali

 
Di María Besteiros. Aggiornato: 29 ottobre 2019
Come nascono gli squali

Gli squali sono pesci che appartengono al superordine dei Selachimorpha, cioè dei pesci cartilaginei predatori. La somiglianza di alcune specie di squali con i delfini, ad esempio, non deve trarre in inganno giacché si tratta di pesci e non di mammiferi. In questo articolo di AnimalPedia ci focalizzeremo sulla riproduzione e nascita degli squali.

Vedremo che tipo di meccanismo usano per riprodursi, quali sono le caratteristiche delle uova, e come si chiamano i cuccioli.

Potrebbe interessarti anche: Come nascono le farfalle

Lo squalo è un mammifero?

No, lo squalo non è un mammifero. Gli squali sono un gruppo di pesci che presentano la particolarità di avere uno scheletro formato solo da cartilagini. La cartilagine è un tessuto che ha meno rigidità e durezza dell'osso, ma che offre molta elasticità e flessibilità. I mammiferi hanno uno scheletro osseo e posseggono ghiandole mammarie che producono latte con cui alimentano i piccoli. Inoltre sono vivipari, cioè i loro piccoli si sviluppano completamente dentro al corpo della madre finché sono pronti per nascere. L'eccezione sono alcuni mammiferi monotremi, capaci di deporre le uova. Si tratta dell'ornitorinco e dell'echidna.

I mammiferi inoltre si caratterizzano per essere in grado di mantenere la temperatura corporea regolare, cioè sono omeotermi. Hanno il corpo ricoperto di peli e possono respirare attraverso i polmoni. Anche se alcuni squali sono vivipari, questo non li rende comunque dei mammiferi. Nel prossimo paragrafo ci concentreremo sulla nascita degli squali.

Come nascono gli squali - Lo squalo è un mammifero?

Riproduzione dello squalo

Per scoprire come nascono gli squali dobbiamo prima sapere che a seconda della specie hanno diverse forme di riproduzione:

  • Squali ovipari: questi squali si riproducono mediante la cova delle uova nell'ambiente circostante. Se volete saperne di più su questo tipo di gestazione approfondite sul nostro articolo 'animali ovipari'.
  • Squali ovovivipari: sono anche chiamati squali aplacentati. In questo caso le femmine non depongono le uova come nel caso precedente, ma viceversa le custodiscono all'interno del loro corpo, dove si verifica la schiusa. I piccoli si nutrono del contenuto dell'uovo e non degli alimenti che gli fornisce la madre, come nei mammiferi. I piccoli escono dall'uovo e continuano ad alimentarsi di ovuli non fertilizzati che ha prodotto la madre. Quando questa smette di farlo, è arrivato il momento di partorire.
  • Squali vivipari: tra gli squali vi sono specie che sono placentate e vengono denominate vivipare. In questo caso, quando all'interno dell'uovo son finite le sostanze nutritive, si produce un sistema simile alla placenta dei mammiferi che serve per mantenere alimentati i piccoli.

Per avere informazioni più approfondite potete leggere il nostro articolo di AnimalPedia 'riproduzione degli squali' dove parliamo nel dettaglio del loro accoppiamento e delle loro strategie riproduttive.

Caratteristiche delle uova di squalo

Le uova di squalo sono strutture essenziali per la riproduzione, indipendentemente da come sono nati i piccoli di squalo, il loro sviluppo dipende in maggior o minor misura dalla formazione dell'uovo.

Le uova di squalo sono molto diverse dalle uova che siamo abituati a vedere. Negli squali ovipari, quelli che depongono le uova nell'ambiente esterno, quello che osserveremo è una capsula cornea con formazioni simili a dei viticci che facilitano l'ancoraggio su rocce o alghe. In alcune specie questa capsula prende una forma simile ad una vite, con lo stesso fine di ancoraggio.

Per cui potremo trovare uova con forme e disegni più o meno caratteristici a seconda delle necessità di ciascuna specie. Alcune di queste uova-capsula hanno una forma allungata e traslucida e vengono chiamate popolarmente 'borse di sirena'. Si possono vedere, vuote, sulle spiagge.

Come nascono gli squali - Caratteristiche delle uova di squalo

Il cucciolo di squalo

Abbiamo visto quindi che i piccoli di squalo possono nascere in tre modi diversi. Tuttavia una volta nati sono completi e possono cavarsela nell'ambiente acquatico. I pesci si considerano cuccioli nel periodo che intercorre tra la nascita e la maturità sessuale.

In questa tappa del loro sviluppo ricevono il nome generico di avannotti. Nel caso specifico degli squali, è più comune che in questo periodo li si definisca usando la parola cucciolo o piccolo. Il fatto che sia una specie di cui si conosce poco e con cui l'uomo ha scarso contatto spiega che si utilizzi il termine generico di 'piccoli'.

Ora che sapete come nascono gli squali, potete approfondire le vostre conoscenze in materia leggendo il nostro articolo di AnimalPedia sui Tipi di squali - specie e caratteristiche.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come nascono gli squali, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Dodd, J. M. (1983). Reproduction in Cartilaginous Fishes (Chondrichthyes). Fish physiology. Academic Press, 9, 31-95.

Scrivi un commento su Come nascono gli squali

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Come nascono gli squali
1 di 3
Come nascono gli squali

Torna su