menu
Condividi

Esistono meduse innocue?

 
Di Gerardo Manzione, Traduttore. 3 ottobre 2022
Esistono meduse innocue?

Vedi schede di Meduse

Esistono meduse innocue? La verità è che affermare che esistono meduse innocue non sarebbe del tutto corretto, poiché tutte pungono e producono una sostanza tossica, tuttavia non tutte hanno lo stesso grado di tossicità. Gli Cnidari sono un gruppo eterogeneo di animali esclusivamente acquatici che sono presenti in misura maggiore nel mare, sebbene vi siano anche alcune specie che vivono in corpi d'acqua dolce. Il nome del phylum deriva da cellule dette "cnidociti", dotate di un organello secretorio detto "nematocisti", che produce una sostanza urticante, e in alcuni casi molto dannosa, la cui tossicità varia a seconda della specie. In questo senso, tutti gli cnidari producono queste sostanze di difesa e sono usati soprattutto per la caccia.

All'interno del gruppo troviamo le meduse, che sono organizzate in classi diverse e spesso sono molto temute per le loro punture perché esistono specie letali per l'uomo. Tuttavia, ci sono anche specie il cui livello di tossicità è molto basso o addirittura impercettibile, motivo per cui in questo articolo di AnimalPedia presenteremo alcune meduse che non pungono o, meglio, che sono innocue per l'uomo, dal momento che tutte le specie pungono.

Potrebbe interessarti anche: I draghi esistono?

Cassiopea mediterranea (Cotylorhiza tuberculata)

Conosciuta anche come medusa del Mediterraneo, appartiene al gruppo degli scifozoi ed è distribuita in vari spazi marittimi in paesi come Spagna, Italia, Francia, Grecia e Croazia. Rispetto ad altre specie di meduse, ha una taglia media che varia tra i 20 ei 40 cm di lunghezza, mentre l'ombrello ha un diametro di 25 cm.

Ha una colorazione sorprendente, che varia tra sfumature di viola, bianco, blu, marrone o arancione a seconda della parte del corpo. La tossicità di questa specie di medusa è molto debole, può anche essere impercettibile se una persona viene a contatto con essa, quindi di solito non è pericolosa.

Esistono meduse innocue? - Cassiopea mediterranea (Cotylorhiza tuberculata)

Aequorea forskalea

Questa specie di medusa appartiene alla classe degli idrozoi e, sebbene sia stata inizialmente identificata nel Mediterraneo, è ora nota per avere una distribuzione più ampia, che comprende l'Africa meridionale, il Mare del Nord e persino la Patagonia.

È una medusa dall'ombrello grande e incolore, tuttavia ha una caratteristica peculiare che è la sua capacità di illuminarsi dovuta alla presenza di una proteina che permette questa reazione. Questa medusa è un altro tipo di cnidario che è stato classificato come innocuo per l'uomo.

Esistono meduse innocue? - Aequorea forskalea

Medusa quadrifoglio (Aurelia aurita)

All'interno del genere Aurelia ci sono diverse specie conosciute come meduse quadrifoglio, essendo aurita una delle più comuni. Questa specie fa parte della classe degli Scyphozoa ed è presente in molti mari e oceani, comprese le aree marittime dell'America, dell'Asia, dell'Europa, dell'Australia e anche di alcune aree dell'Africa, indicando il suo ampio areale di distribuzione in varie condizioni termiche.

La specie ha un diametro di 25-40 cm ed è considerata una delle meduse più belle. È praticamente traslucida, il che le consente di distinguerla dalle altre specie in base ai suoi organi sessuali, che hanno la forma di un ferro di cavallo. La medusa quadrifoglio può essere considerata un tipo di medusa innocua per l'uomo, tuttavia bisogna stare attenti perché è comune confonderla con altre specie tossiche. Per questo è considerata un'altra delle meduse innocue per l'uomo o, meglio, che non provocano danni in caso di puntura.

Esistono meduse innocue? - Medusa quadrifoglio (Aurelia aurita)

Medusa criniera di leone (Cyanea capillata)

La medusa criniera di leone si trova anche nella classe Scyphozoa ed è una medusa particolare per le sue dimensioni, poiché può diventare gigantesca e alcuni individui possono arrivare a circa 1,8 metri di lunghezza, con un ombrello di diametro da 30 a 80 cm. È un bellissimo cnidario, che combina colori come il viola, il rosso o il giallo, il rosa e l'oro, caratteristica che gli dà il suo attuale nome.

La sua distribuzione più comune è sulle coste della Gran Bretagna, ma si estende nelle fredde acque dell'Atlantico, del Pacifico, del Mar del Nord e del Mar Baltico. La medusa criniera di leone, nonostante le notevoli dimensioni che riesce a raggiungere, non è solitamente pericolosa per una persona sana, poiché il contatto provoca solo irritazione. Tuttavia, poiché in alcune aree formano grandi raggruppamenti, è importante prestare attenzione.

Esistono meduse innocue? - Medusa criniera di leone (Cyanea capillata)

Medusa d'acqua dolce (Craspedacusta sowerbyi)

Questa medusa a differenza di tutte le specie citate in precedenza, vive in specchi d'acqua dolce. Fa parte della classe Hydrozoa ed è attualmente distribuita in tutti i continenti, ad eccezione dell'Antartide, rendendola una specie cosmopolita. Si trova in bacini naturali, come laghi, fiumi o bacini artificiali, e spazi artificiali come cave di roccia con acqua o stagni.

È un piccolo animale, con un diametro da 5 a 22 mm. È una medusa trasparente, con un tono da biancastro a verde in alcuni casi. Un'altra particolarità della medusa d'acqua dolce è che, a quanto pare, anche se le sue cellule urticanti hanno un effetto sulla loro preda, non causano alcun problema all'uomo, quindi potremmo dire che questa è la specie di medusa più innocua per l'uomo.

Le meduse sono un gruppo di animali affascinanti, con particolarità che le distinguono dagli altri gruppi acquatici in maniera notevole. Bisogna però saper gestire la curiosità che di solito suscitano quando le vediamo in acqua o sulla sabbia dove alcune si arenano, perché solo una persona specializzata può identificare una specie di medusa e sapere se è pericolosa o meno per l'uomo. Le sostanze tossiche di questi cnidari arrivano ad essere così potenti che anche un corpo senza fuori dall'acqua è ancora in grado di emanare le sostanze chimiche che producono e causare danni. In questo senso, è fondamentale seguire le raccomandazioni di non fare il bagno in acque dove è segnalata la presenza di meduse e, in caso di incontro involontario che comporti il ​​contatto fisico, uscire presto dall'acqua e consultare un medico.

Ora che conosci le meduse che non pungono, o meglio le meduse che sono innocue per l'uomo, ti invitiamo a continuare a conoscere questi affascinanti animali attraverso questi altri articoli:

Esistono meduse innocue? - Medusa d'acqua dolce (Craspedacusta sowerbyi)

Se desideri leggere altri articoli simili a Esistono meduse innocue?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Animal Diversity Web (2020). Disponible en: https://animaldiversity.org/
  • Hickman, C.; Roberts, L.; Parson A. (2000). Principios integrales de zoología. McGraw Hill Interamericana: España.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
Esistono meduse innocue?
1 di 6
Esistono meduse innocue?

Torna su