Condividi

Quanto ci mette un gatto ad accettare un altro gatto?

 
Di Jungla Luque, Etologa ed addestratrice cinofila. 16 luglio 2020
Quanto ci mette un gatto ad accettare un altro gatto?

Vedi schede di Gatti

Accogliere un nuovo membro a felino in casa propria può essere una bellissima esperienza per noi, ma non esattamente per il nostro gatto. Non è un mistero che i gatti siano spesso riluttanti a godere della compagnia di un altro gatto se lo hanno appena conosciuto.

Ecco perché potrebbe preoccuparvi il fatto che il vostro animale non voglia conoscere il nuovo arrivato in famiglia e non avrete molte speranze di migliorare la situazione. Tuttavia, come vedremo in questo articolo di AnimalPedia 'Quanto ci mette un gatto ad accettare un altro gatto?' il tempo può variare notevolmente a seconda delle circostanze. Ma se seguirete i nostri consigli, farete sì che poco a poco i vostri felini comincino ad andare d'accordo.

Potrebbe interessarti anche: Quanto ci mette un cucciolo ad ambientarsi?

Perché il mio gatto non accetta il nuovo arrivato?

In generale, i gatti sono animali molto conservatori e territoriali, cioè hanno la necessità di stabilire una routine e di avere il loro spazio sotto controllo. Questa caratteristica dei felini nasce dall'istinto di ricerca di sicurezza. Per questa ragione, hanno bisogno di conoscere il loro territorio, il loro gruppo sociale e di mantenere la loro routine. In questo modo avranno la certezza che il loro spazio è sicuro e che non gli manca nulla, per cui si rilasseranno e si sentiranno a proprio agio.

Ciò significa che qualsiasi cambiamento, per quanto piccolo, può generare stress nell'animale, poiché ciò che rompe gli schemi stabiliti e le novità diventano, per loro, un territorio sconosciuto, qualcosa che genera insicurezza, ad esempio: un cambio di mobili, un trasloco, e anche un semplice cambio della lettiera.

Non c'è da meravigliarsi, dunque, che l'arrivo di un nuovo gattino in casa possa rappresentare una sorpresa particolarmente spiacevole per il vostro gatto, poiché anche se sono della stessa specie, significa dover condividere il loro spazio e le loro preziose risorse con un completo estraneo. In altre parole, percepiscono il nuovo arrivato come una minaccia.

Non è una regola assoluta, in quanto dipende dalle caratteristiche individuali di ogni gatto, ma di solito accade in quei gatti che da cuccioli non sono stati socializzati con altri gatti. Spesso i gatti si mostrano riluttanti di fronte all'umano che cerca ripetutamente di obbligarli ad instaurare un rapporto con un altro gatto e non rispetta il fatto che ogni felino ha bisogno del proprio spazio e del proprio tempo di adattamento.

Quanto ci mette un gatto ad accettare un altro gatto? - Perché il mio gatto non accetta il nuovo arrivato?

Il gatto soffia al gattino nuovo

Quando un gatto non ne accetta un altro, lo esprime chiaramente attraverso il linguaggio del corpo, adottando una postura minacciosa, e attraverso la comunicazione con soffi e miagolii.

Cosa faccio se il mio gatto soffia al gattino nuovo?

Se il vostro gatto soffia al gattino nuovo, non dovreste farvi prendere dal panico, perché sta mandando all'altro felino solo un avvertimento di stare alla larga. Tuttavia, bisogna fare attenzione a tenere lontano il gattino o assicurarsi che ci sia una "ostacolo" tra di loro (come un recinto), perché se il piccolo fosse un po' ingenuo o non capisse bene cosa sta cercando di comunicargli l'altro gatto, potrebbe innocentemente avvicinarsi e rischiare di venir graffiato.

Se il vostro gatto cerca di graffiare il gattino, non lo farà con l'intenzione di fargli del male, bensì per fargli capire che non vuole essere disturbato. Naturalmente, non dovrete punire il vostro gatto, perché non ne capirebbe il perché, e creereste solo emozioni negative in una situazione già di per sé abbastanza stressante. Come vedrete in uno dei paragrafi successivi, per presentare correttamente un gatto ad un altro, dovrete associare la presenza dell'altro animale ad uno stimolo positivo. Pertanto, per raggiungere questo obiettivo la punizione sarà del tutto controproducente.

Fortunatamente, le aggressioni dirette (senza previo avvertimento) non sono le più abituali, e difficilmente le aggressioni che possono avvenire saranno pericolose se il gatto non presenta problemi di aggressività, a meno che anche il nuovo gattino risponda anche lui in modo aggressivo (nel qual caso, potrebbero farsi del male), poiché la risposta più normale è la fuga dal conflitto. In ogni caso, è meglio non correre rischi e cercare di creare una distanza tra i due per mezzo di un ostacolo. Per ulteriori informazioni potreste essere interessati a leggere il nostro articolo:

Il mio gatto non accetta il nuovo arrivato - altri segni

Ci sono molti altri comportamenti oltre al soffiare che il vostro gatto può mostrare nel caso in cui non accetti il nuovo arrivato, alcuni dei quali sono chiari segnali che il gatto soffre di stress. Per esempio:

  • Lo fissa.
  • Non gli permette l'accesso al cibo, alla lettiera, alla cuccia.
  • Si nasconde negli angoli, sotto i mobili, ecc.
  • Eccessiva toelettatura, fino al punto di irritarsi la pelle o di perdere il pelo.
  • Diminuisce l'assunzione di cibo o, in casi gravi, smette di mangiare.
  • Marca e/o urina al di fuori della lettiera.
  • Il suo umore è irritabile o spaventato.
Quanto ci mette un gatto ad accettare un altro gatto? - Il gatto soffia al gattino nuovo

Quanto ci mettono i gatti ad andare d'accordo?

Non esiste un periodo di tempo specifico in cui si stabilisce che un gatto debba accettare un altro gatto, poiché questo processo di adattamento potrebbe richiedere giorni, settimane o mesi a seconda dei casi. La reazione di ogni gatto sarà diversa a seconda delle sue caratteristiche individuali, come l'età, il carattere, l'esperienza o la genetica.

Possiamo affermare che a seconda delle linee guida che seguiremo per presentare il nuovo felino, si potrà accorciare questo tempo o, al contrario, allungarlo se il nuovo felino viene introdotto in forma forzata e improvvisa, perché per cercare di far avanzare rapidamente il processo di presentazione dei gatti quando ancora non sono preparati, genereremo in loro stress e assoceranno questa esperienza negativa all'altro felino, fatto che di conseguenza renderà difficile la convivenza.

Come inserire un nuovo gatto in casa?

Accogliere un nuovo gatto in casa dovrebbe essere una decisione consapevole e responsabile, perché come tutore dovrai garantire il benessere del tuo gatto e di quello che sta per arrivare.

Il primo passo è quello di scegliere il miglior compagno per il vostro felino. Ecco perché non potete aspettarvi che il vostro gatto più anziano vada d'accordo con un gattino più giovane, ad esempio, perché quest'ultimo sarà più giocherellone, il che potrà facilmente fargli perdere la pazienza.

Allo stesso modo, considerate se accogliere un altro gatto con l'intenzione di far sentire meno solo il vostro felino sia una buona idea, poiché il vostro gatto potrebbe non essere stato socializzato correttamente nell'infanzia (essendosi abituato a vivere solo con le persone) e quindi potrebbe non apprezzare la compagnia di un altro animale tanto quanto voi.

Una volta scelto il gatto più adatto alla vostra famiglia, vi suggeriamo di seguire le seguenti linee guida. Inoltre potrebbe interessarvi anche il nostro articolo 'Come faccio ad andare d'accordo due gatti?'.

Prepara l'arrivo

Prima di accogliere il nuovo gattino in casa, dovrete adattare la vostra casa per il suo arrivo, in modo che possa percepire i piccoli cambiamenti e abituarsi ad essi.

Adattare la propria casa potrebbe significare, ad esempio, allestire una cuccia o un albero tiragraffi in modo che ogni gatto abbia un posto intimo dove isolarsi, nel caso in cui si sentisse a disagio.

Non possiamo pretendere che il gatto condivida la sua cuccia, così come la sua lettiera o la sua ciotola con il nuovo arrivato, perché anche se a volte non ce ne rendiamo conto, la condivisione dei loro oggetti di valore spesso incoraggia solo il conflitto. Pertanto, consigliamo l'aggiunta di un'altra lettiera, ciotola, ecc. e, se possibile, in una stanza separata in cui il nuovo gatto vivrà durante i primi giorni.

Tienili separati

I primi giorni, sì o sì, dovranno rimanere separati. Ciò significa che dovrete mettere il vostro nuovo gattino in una stanza o in un'area della vostra casa dove si senta comodo e sicuro. Dovrà avere a disposizione tutto l'essenziale: acqua, cibo, lettiera, giocattoli... Questo ambiente lo aiuterà ad adattarsi bene alla sua nuova casa e alla sua famiglia.

D'altra parte, impedendo loro di ritrovarsi improvvisamente nella stessa zona e/o nella stessa stanza, si ridurranno al minimo i rischi di eventuali incidenti che potrebbero generare in loro stress e peggiorare il loro rapporto.

Mescola gli odori e usa dei feromoni

Prima della presentazione, si raccomanda vivamente che entrambi i gatti acquisiscano familiarità con l'altro attraverso l'olfatto. Affinché ciò avvenga, quello che dovreste fare è, durante il periodo in cui sono separati, indossare accessori e vestiti che conservino l'odore del gatto. Allo stesso modo, è anche consigliabile accarezzarne uno e poi lasciare che l'altro ti annusi per favorire questo scambio di odori.

Sarà anche molto utile l'uso di feromoni per gatti, che si possono acquistare in molti negozi di animali sotto forma di diffusori. L'uso di queste sostanze durante il processo di adattamento si è dimostrato molto efficace, in quanto forniscono un ambiente tranquillo e amichevole ad entrambi i gatti e, di conseguenza, riducono al minimo lo stress, aiutandoli a vivere insieme in armonia.

Presenta i gatti

Una volta che vedrete che il vostro nuovo felino si sente comodo con la nuova famiglia e che entrambi i gatti non hanno reazioni negative allo scambio di odori, ma sono piuttosto indifferenti, potrete iniziare la fase successiva.

In questa fase, si permetterà ad entrambi i gatti di avere un contatto visivo, ma mai un contatto fisico per evitare paure o situazioni forzate. Li faremo dunque vedere, senza la possibilità di toccarsi, attraverso un vetro o un recinto. Si può anche cercare di tenerne uno in un trasportino, se è abituato a starci dentro, e permettere all'altro di avvicinarsi.

Se notate che uno dei due è a disagio, è meglio terminare la seduta e riprovare quando si sente più calmo per evitare situazioni che possano peggiorare il rapporto.

Infine, la parte più importante di questa fase sarà quella di associare la presenza dell'altro gatto a qualcosa di positivo e, a questo scopo, si dovranno offrire premi e carezze ad entrambi in presenza dell'altro felino.

Spazio condiviso

Se l'evoluzione nelle fasi precedenti è stata positiva, cioè se si nota che nessuno dei due si preoccupa della presenza dell'altro gatto, si può iniziare a farli condividere la stessa stanza o la stessa area, essendo sempre presenti per evitare di correre rischi.

Infine, va notato che entrambi i gatti dovrebbero avere accesso a una zona personale in modo che, se si sentono a disagio, possano nascondersi e non sentirsi obbligati a dover stare con l'altro gatto.

Se, una volta che condividono lo spazio, avete dei dubbi sul fatto che vadano d'accordo o meno, vi invitiamo a leggere il nostro articolo 'Come capire se i gatti giocano o litigano'?

Se desideri leggere altri articoli simili a Quanto ci mette un gatto ad accettare un altro gatto?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Cosa devi sapere.

Bibliografia
  • Turner, D. (2013). The Domestic Cat: The Biology of its Behaviour. 3rd ed. Cambridge University Press.
  • Stella, J., Croney, C., Buffington, T. (2013). Effects of stressors on the behaviour and physiology of domestic cats. Journal of Applied Animal Behaviour Science. 143, 157-163

Scrivi un commento su Quanto ci mette un gatto ad accettare un altro gatto?

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Quanto ci mette un gatto ad accettare un altro gatto?
1 di 3
Quanto ci mette un gatto ad accettare un altro gatto?

Torna su