Condividi

Inserimento di un nuovo gatto in casa

 
Di Giorgio Gattoni. 28 febbraio 2020
Inserimento di un nuovo gatto in casa

Vedi schede di Gatti

L'inserimento di un gatto in casa è una situazione molto comune per chi convive già con un gatto, tuttavia, l'immagine idilliaca di due gatti che giocano felici insieme si trasforma spesso in una realtà di miagolii, inseguimenti, litigi e stress. A causa della natura della specie, non è sempre facile raggiungere rapidamente una convivenza traqnuilla.

In questo articolo di AnimalPedia spiegheremo come fare in modo che un gatto ne accetti un altro, specificando cosa considerare prima dell'adozione per garantire una buona convivenza o come agire quando compaiono conflitti tra due felini che da tempo vivono insieme.

Potrebbe interessarti anche: Il mio cane non accetta il nuovo cucciolo

Come scegliere un secondo gatto

È bella l'idea di adottare un altro gatto per fare da compagnia a quello che già vive in casa, ma è fondamentale tenere conto del carattere del nuovo arrivato per garantire una buona convivenza. È bene informarsi presso il rifugio dove è stato affidato il gatto, se è un esemplare ben socializzato, che conosce il linguaggio felino. Viceversa è probabile che mostri aggressività e paura nei confronti del nostro gatto. Inoltre bisogna sapere che tipo di carattere e che livelli di attività mostra il nuovo arrivato, per sapere se i due esemplari hanno modi di vivere simili e compatibili.

Un gatto anziano, abituato alla calma ed alla tranquillità, non reagirà bene all'arrivo di un cucciolo iperattivo e inquieto, è facile che possa soffrire di stress. Allo stesso modo se abbiamo un gatto molto attaccato ai tutori e che non ama particolarmente giocare, si spazientisce se adottiamo un nuovo gattino amante del gioco, che cerca continuamente di coinvolgerlo.

Inserimento di un nuovo gatto in casa - Come scegliere un secondo gatto

Inserimento di un nuovo gatto

Una volta deciso l'esemplare che sia compatibile, procederemo ad abituare il nuovo gatto alla casa, ed al suo nuovo amico. Bisognerà aggiungere un nido, una mensola e dei tira-graffi per il nuovo arrivato, oltre alla lettiera, ai giochi ed alla cuccia.

Per garantire un ambiente propizio si possono utilizzare anche feromoni tranquillanti per gatti, che sono delle copie sintetiche dei feromoni naturali che le gatte passano ai cuccioli e che hanno per risultato benessere e rilassamento.

Presentazione dei gatti

Una volta che abbiamo preparato tutto per il nuovo arrivato, porteremo il gatto nel suo nuovo nido, utilizzando un trasportino rigido. In nessun caso bisogna lasciare il gatto appena arrivato libero per casa. Questo provocherebbe, nervosismo, stress, corse e scatti, favorirebbe la comparsa di condotte aggressive.

Possiamo usare il metodo 'dei 15 giorni'. Vale a dire, inserire il nuovo gatto in casa e mantenerlo separato dal vecchio per due settimane, senza che i due gatti abbiamo neppure un contatto visuale.

Il primo step per far conoscere i gatti ed abituarli alla reciproca convivenza è mischiare gli odori. Potremo scambiare i giochi e gli accessori ad esempio, i modo che il gatto si abitui al nuovo. Oppure semplicemente potremo giocare con il gatto, uno alla volta, in modo tale che senta l'odore dell'altro su di noi.

La fase successiva è quella visuale e in cui potremo permettere che i due gatti si osservino, magari attraverso una finestra. Meglio se il nuovo arrivato rimane per un certo tempo nel trasportino, una decina di minuti circa. Se uno dei due gatti sembra infastidito o agitato dalla presenza dell'altro, si sospende il contatto e lo si torna a provare dopo qual che giorno. Offrire premi e dispensare coccole e carezze, mette i gatti nello stato d'animo migliore perché associ la presenza dell'altro con sensazioni positive.

Infine, potremo lasciare i due gatti in uno spazio comune, sempre rimanendo ad osservarli, in modo da separarli al minimo conflitto. Ciascun gatto deve disporre di una lettiera, di una cuccia e di giochi propri.

Inserimento di un nuovo gatto in casa - Presentazione dei gatti

Perché il mio gatto non accetta il nuovo arrivato

I gatti sono animali territoriali e molto abitudinari. Gli piace vivere in un ambiente dove non vi sono cambiamenti, e dove possono disporre di spazi propri. Anche se può capitare che il gatto si dimostri socievole e accetti di buon grado la compagnia di un altro individuo, la situazione più logica e normale è però il conflitto e lo scontento del gatto 'vecchio' nei confronti del nuovo arrivato.

Questa frustrazione si manifesta contro il nuovo gatto, con maggiore o minore intensità oppure si può generare una situazione di stress. In quest'ultimo caso, il malessere del gatto potrebbe passare inavvertito visto che non manifesta apertamente aggressività verso l'altro.

Quando il gatto adulto non accetta il gattino

Se introduciamo un nuovo felino in casa senza adottare precauzioni, le reazioni cui saremo testimoni sono:

  • Il gatto sbuffa al nuovo gattino oppure il contrario. In molti casi, il fastidio reciproco si limiterà a questo gesto o a qualche grugnito.
  • Altri segnali di fastidio sono le zampate, guardare fisso l'altro, impedirgli l'accesso al cibo o alla sabbiera.
  • Come giá accennato, ci sono gatti che non creano conflitti con l'altro, ma si stressano. Alcune reazioni possibili di stress sono: nascondersi, smettere di mangiare o leccarsi in eccesso fino a perdere il pelo. Tutti questi comportamenti denotano stress.
  • Nei casi più difficili, il gatto attacca il gattino o viceversa. Non è la reazione più abituale, ma esistono gatti che non sopportano i loro simili. Potremo osservare un linguaggio del corpo ben preciso: orecchie attaccate alla testa, rivolte all'indietro, corpo incurvato, coda rialzata, sbuffi, soffi, grugniti e altri segnali di avvertimento. Nei casi più estremi il gatto attaccherà mentre emette forti miagolii.

Ci si chiede a volte perché il gatto sbuffa al gattino, ma si tratta spesso di reazioni automatiche che non dipendono dal carattere o dal sesso degli individui implicati. Può essere benissimo che una gatta sbuffi a un gattino indifeso di pochi mesi. Tuttavia va precisato che con pazienza la situazione può sempre essere risolta.

Inserimento di un nuovo gatto in casa - Quando il gatto adulto non accetta il gattino

Quanto impiega un gatto per accettare il nuovo

Una volta che siate riusciti a far sí che un gatto accetti l'altro, è importante considerare che non esistono dei tempi fissi per poter considerare conclusa la fase di adattamento. Ció dipende dal carattere di ogni singolo gatto. È variabile. Dobbiamo seguire alla lettera i passi indicati e non passare al successivo se il precedente non è stato assimilato appieno. Il processo di abituare due gatti a convivere insieme può durare varie settimane. Dobbiamo ricordare che precorrere i tempi può causare stress nell'animale e in definitiva prolungare ulteriormente il periodo di adattamento.

Come trattare la gelosia tra gatti

Alcune volte i gatti che convivono nella stessa casa hanno problemi di gelosia, anche se gli studiosi non sono del tutto certi che i felini siano in grado di provare questo sentimento. Viceversa i combattimenti tra gatti appena conosciutisi sono imputabili a caratteristiche di condotta incompatibili tra i due gatti. In ogni caso i presunti attacchi di gelosia si possono risolvere con accorgimenti che migliorino il benessere di entrambi gli individui all'interno della casa in modo che possano favorire la socialità dei felini.

Come migliorare la convivenza tra più gatti

Per concludere l'articolo riassumiamo alcuni consigli base che ogni tutore dovrebbe conoscere per ottimizzare la convivenza in casa fra gatti:

  • Il rinforzo positivo con carezze e giochi aiuta i gatti ad accettare la presenza dell'altro, lo associa con sensazioni gradevoli. I castighi in caso di conflitto vanno assolutamente evitati. Semplicemente li separeremo con tranquillità e fermezza.
  • Come abbiamo già ripetuto diverse volte, ciascun gatto deve poter disporre di accessori, giochi, lettiera, tira-graffi e cuccia propri, senza doverli dividere con l'altro. In questo modo potranno isolarsi quando si sentono a disagio.
  • Utilizzare diffusori di feromoni soprattutto all'inizio della nuova convivenza. Bisognerà semplicemente attaccarlo alla corrente in un punto lontano da finestre o porte che possano disperdere l'odore. La cosa migliore è spruzzare i feromoni nella stanza dove il gatto passa maggior parte del tempo. Dopo una settimana i feromoni dovrebbero cominciare ad agire sul carattere del gatto: meno ostilità e più calma.
  • Se i due gatti combattono fra loro e nessuna delle misure proposte sortisce esito, bisognerà rivolgersi al nostro veterinario o ad un etologo per escludere problemi di salute ed avere una diagnosi più accurata.
  • Un'altra soluzione può essere quella di castrare i maschi adulti, visto che alcuni studi dimostrano che l'aggressività si riduce del 53,7%, le fughe del 56% e il marcare del 78,3 periodico %.
Inserimento di un nuovo gatto in casa - Come migliorare la convivenza tra più gatti

Se desideri leggere altri articoli simili a Inserimento di un nuovo gatto in casa, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Problemi comportamentali.

Fonti
  1. DePorter, T. L., Bledsoe, D. L., Beck, A., & Ollivier, E. (2019). Evaluation of the efficacy of an appeasing pheromone diffuser product vs placebo for management of feline aggression in multi-cat households: a pilot study. Journal of feline medicine and surgery, 21(4), 293-305.
  2. Hart, B., & Barrett, R. E. (1973). Effects of castration on fighting, roaming, and urine spraying in adult male cats. Journal of the American Veterinary Medical Association, 163(3), 290-292.

Scrivi un commento su Inserimento di un nuovo gatto in casa

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Inserimento di un nuovo gatto in casa
1 di 5
Inserimento di un nuovo gatto in casa

Torna su