menu
Condividi

Ecolocalizzazione: cosa significa e quali animali la usano?

 
Di Nick A. Romero H., Biologo ed educatore ambientale. 26 giugno 2023
Ecolocalizzazione: cosa significa e quali animali la usano?

L'evoluzione ha dotato gli animali di infinite strategie per svilupparsi al meglio negli habitat in cui si trovano. Pertanto, la biodiversità animale è riuscita con successo a vivere e perpetuarsi in molti casi grazie a queste strategie adattative. Uno di questi è l'ecolocalizzazione, un sistema naturale e molto particolare attraverso il quale alcune specie si localizzano nello spazio. Inoltre riescono a individuare gli elementi presenti, cosa indispensabile per nutrirsi e sfuggire a possibili pericoli.

Continua a leggere questo articolo di AnimalPedia e scopri cosa significa l'ecolocalizzazione e quali animali la usano.

Potrebbe interessarti anche: Quali animali non provano dolore?

Cosa significa ecolocalizzazione?

L'ecolocalizzazione è definita come un processo fisiologico utilizzato da alcune specie di animali attraverso il quale emettono onde sonore, che rimbalzano sull'ambiente e ritornano all'emettitore sotto forma di eco per fornire loro informazioni su oggetti, altri animali e, in generale. , ciò che è lontano e non può essere percepito direttamente con l'occhio. In questo modo, l'ecolocalizzazione, che è stata confermata intorno all'anno 1947, è un processo di valutazione dell'ambiente realizzato da animali con determinate caratteristiche che danno loro questa possibilità.

Sebbene molti animali possano emettere vari suoni come parte del loro processo di comunicazione, e persino sentire gli echi che si formano, l'ecolocalizzazione è un adattamento acustico altamente specializzato utilizzato in modo particolare da alcune specie. Nel corso di migliaia di anni evolutivi, gli animali capaci di ecolocalizzazione hanno subito processi di adattamento che hanno affinato e migliorato questa capacità. Oggi sappiamo che emettono suoni, in molti casi impercettibili per l'uomo perché sono impulsi ultrasonici che le nostre orecchie e quelle di altri animali non riescono a captare.

A cosa serve l'ecolocalizzazione?

L'ecolocalizzazione è un processo utilizzato dagli animali, da un lato, per orientarsi, poiché alcuni di loro hanno abitudini notturne e non hanno una buona vista o vivono in acque molto torbide, con sedimenti, che rendono difficile la visibilità anche da vicino, per cui richiedono un altro sistema per muoversi correttamente ed evitare incidenti che in molti casi potrebbero essere fatali. Altri vivono in caverne oscure da cui devono uscire o muoversi al loro interno, dove la visione è quasi nulla.

Oltre a evitare gli ostacoli, l'ecolocalizzazione è essenziale per procurarsi il cibo. Le specie che si affidano a questo sistema emettono i loro suoni per ottenere informazioni su possibili prede che poi catturano facilmente.

Infine, può aiutare nelle interazioni sociali, poiché, pur non essendo un vero e proprio modo di comunicare tra due individui, li aiuta a identificare gli animali eventualmente innocui o, al contrario, potenzialmente pericolosi e quelli da cui dovrebbero fuggire.

Come funziona l'ecolocalizzazione?

L'ecolocalizzazione è un processo complesso che inizia quando l'animale emette impulsi o suoni a brevi raffiche, con frequenze ben precise che vengono misurate su una scala che va da circa 1.000 Hz a circa 200.000 Hz, a seconda della specie. In questo modo alcuni animali emettono frequenze estremamente basse, mentre altri molto più alte.

Dopo aver emesso le onde, si scontrano contro i diversi elementi che si trovano nell'ambiente e ritornano al luogo di origine, permettendo a strutture specifiche dell'animale di catturarle e ottenere informazioni molto precise riguardo al luogo o all'individuo contro il quale si sono scontrate.

Quanto sopra poi ci rivela che le informazioni ricevute permettono all'animale che emette le onde di conoscere lo spazio in cui muoversi o identificare il suo cibo e prenderlo senza alcun problema. In entrambi i casi, l'ecolocalizzazione è estremamente importante per la sopravvivenza di alcuni animali.

Organi e strutture che consentono l'ecolocalizzazione

Per quanto riguarda le strutture coinvolte nell'ecolocalizzazione, variano a seconda della specie:

  • Cetacei: producono clic ad alta frequenza, che dirigono in direzione dello spazio o di un luogo di interesse. Queste onde si producono quando l'aria attraversa le strutture nasali vicine allo sfiatatoio e si riflettono nel cranio, il tutto modulato da un organo grasso, tipico di questi mammiferi, chiamato "melone". Quindi, l'animale riceve gli echi e li percepisce anche nelle strutture grasse che si trovano nella mascella, per portarli ed elaborarli nell'orecchio medio.
  • Pipistrelli: emettono il suono nella laringe ed esce attraverso la bocca, anche se alcuni possono farlo attraverso il naso. Successivamente, l'eco restituito viene elaborato da una piccola struttura chiamata "sonar", situata nell'orecchio esterno e che permette l'interpretazione delle informazioni.
  • Uccelli: l'ecolocalizzazione è forse meno complessa rispetto agli animali precedenti, poiché il suono è udibile dall'uomo. In questo caso esce dalla bocca e, quando ritorna sotto forma di eco, lo elaborano con le orecchie. Nonostante sia meno complesso, consente loro anche di ecolocalizzare cibo o oggetti nell'ambiente grazie al modo molto speciale in cui elaborano le informazioni di feedback.
Ecolocalizzazione: cosa significa e quali animali la usano? - Come funziona l'ecolocalizzazione?

Quali animali usano l'ecolocalizzazione?

Come abbiamo anticipato, l'ecolocalizzazione è riservata solo ad alcuni animali. Non è un processo presente in molti gruppi, ma, al contrario, è limitato a pochi. In questo senso, l'ecolocalizzazione è presente nei seguenti gruppi:

  • Molti pipistrelli, in particolare tutti quelli comunemente raggruppati come micropipistrelli e in un genere di macropipistrelli, identificato come Rousettus. Alcune specie che possiamo citare come esempi di pipistrelli con ecolocalizzazione sono: il pipistrello canino dalle ali bianche (Peropteryx leucoptera), il pipistrello dal becco lungo (Rhynchonycteris naso) e il pipistrello spettrale (Vampyrum spectrum). Scopri tutte le specie di pipistrelli in questo articolo.
  • Tutti i membri del gruppo Odontoceti, cioè il gruppo dei cetacei, che sono mammiferi marini. Molti di loro sono conosciuti come balene dentate, che includono i famosi delfini, orche, focene, beluga, tra gli altri. Tuttavia, come abbiamo detto, tutti i cetacei effettuano l'ecolocalizzazione. Scopri tutti i tipi di balene in questo altro post.
  • Alcune specie di toporagni, specificamente appartenenti alla famiglia Soricidae. Alcuni esempi di questi animali con ecolocalizzazione sono: il toporagno pigmeo del Kashmir (Sorex planiceps), il toporagno tibetano (Sorex thibetanus), il toporagno bicolore (Sorex araneus) e il toporagno dalla coda lunga (Sorex dispar).
  • Una specie di uccello originaria del sud e di alcune zone dell'America centrale, il guácharo (Steatornis caripensis). Questi uccelli vivono in grotte dove si rifugiano durante il giorno ed escono di notte, quando sono attivi.
  • Un gruppo di uccelli della tribù Collocaliini, dove si trovano rondoni e rondoni delle caverne.

Alcuni fatti interessanti sull'ecolocalizzazione sono che, nel caso di delfini e pipistrelli, l'orecchio umano non può catturare le onde che emettono, d'altra parte, percepisce il suono degli uccelli.

D'altra parte, nei pipistrelli e in alcuni odontoceti c'è un gene correlato a questo sistema di ecolocalizzazione, che rende più facile per questi due gruppi ricevere le onde in modo più sensibile al loro ritorno. L'aspetto più sorprendente di ciò è la presenza di un gene praticamente identico in specie animali totalmente diverse, che indica il verificarsi di un processo noto come evoluzione convergente, ovvero lo stesso tratto si sviluppa indipendentemente in due diversi gruppi della stessa specie. allo stesso modo, come è successo con questi mammiferi volanti, pipistrelli e mammiferi marini, come certi odontoceti.

Ecolocalizzazione: cosa significa e quali animali la usano? - Quali animali usano l'ecolocalizzazione?

Se desideri leggere altri articoli simili a Ecolocalizzazione: cosa significa e quali animali la usano?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Britannica, T. Editors of Encyclopaedia (2023, April 27). Dolphin. Encyclopedia Britannica. https://www.britannica.com/animal/dolphin-mammal
  • Whitlow, W. (2009). Echolocation. Disponible en: https://www.sciencedirect.com/topics/agricultural-and-biological-sciences/echolocation

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
Ecolocalizzazione: cosa significa e quali animali la usano?
1 di 3
Ecolocalizzazione: cosa significa e quali animali la usano?

Torna su