Condividi

Animali ungulati: elenco e caratteristiche

 
Di Ana Diaz Maqueda. 5 aprile 2019
Animali ungulati: elenco e caratteristiche

Negli ultimi anni la definizione di "ungulati" è stata dibattuta. Includere o no certi animali che apparentemente non hanno niente a che fare con questo gruppo o il dubbio sull'antenato "comune" sono stati motivi di discussione.

Il termine "ungulato"deriva dal latino"ungula", cioè "unghia". Nonostante questa definizione, anche i cetacei furono inclusi nel gruppo degli ungulati, cosa che apparentemente non ha senso visto che sono mammiferi marini senza zampe. In questo articolo di AnimalPedia spiegheremo cosa significa ungulati e quali sono gli animali ungulati spiegando le loro caratteristiche

Potrebbe interessarti anche: Animali che volano: caratteristiche ed elenco

Animali ungulati: quali sono

Gli ungulati sono un gruppo di mammiferi che cammina appoggiandosi sulla punta delle dita o hanno degli antenati che camminavano in questo modo nonostante i loro discendenti non lo facciano.

In passato, il termine ungulato si riferiva solo agli animali con gli zoccoli appartenenti all'ordine degli artiodattili (dita pari) e perissodattili (dita dispari), anche se con il passare degli anni aumentò il numero di ordini e comparsero 5 in più, alcuni dei quali addirittura non hanno nemmeno le zampe.

Animali ungulati: caratteristiche

La definizione di 'ungulati' ci suggerisce che si tratti di animali provvisti di unghie, ma realmente ci riferiamo agli zoccoli. Gli zoccoli infatti non sono altro che unghie iper-sviluppate, che come tali sono composte da una parte superiore detta unghia (con uno spesso strato di cheratina che la rende dura) e da una sotto-unghia, un tessuto più morbido che unisce gli zoccoli alle dita. Gli ungulati non toccano il terreno direttamente con le dita, ma con un unghia modificata che circonda il dito come un cilindro. I cuscinetti delle dita si trovano dietro gli zoccoli e sono a contatto con il terreno in animali come il cavallo, il tapiro ed il rinoceronte, tutti appartenenti all'ordine dei perissodattili. Gli artiodattili invece appoggiano solo le dita centrali, visto che quelle laterali sono ridotte o assenti.

La comparsa degli zoccoli fu un traguardo evolutivo fondamentale per questi animali. Gli zoccoli sopportano tutto il peso dell'animale, visto che le ossa delle dita e della caviglia sono parte della zampa. Queste ossa si sono allungate allo stesso modo di quelle delle estremità. Questa evoluzione ha permesso loro di difendersi meglio dai predatori, dandogli una falcata più lunga e permettendogli una maggiore velocità di spostamento.

Altra caratteristica importante degli animali ungulati è che sono erbivori, fatta eccezione per i suini, che sono onnivori. Inoltre, tra gli ungulati troviamo gli animali ruminanti, il cui apparato digerente si è adattato al consumo di piante. Visto che gli animali erbivori sono prede naturali, i piccoli di ungulati nascono già formati ed in grado di stare in piedi, e dopo poco tempo potranno già correre per poter fuggire dai predatori.

Molti dei mammiferi che fanno parte del gruppo degli ungulati hanno le corna, che usano per difendersi, e che, a volte, recitano un ruolo importante nel rituale dell'accoppiamento, in cui i maschi si sfidano per dimostrare la loro forza.

Animali ungulati: elenco e caratteristiche - Animali ungulati: caratteristiche

Elenco degli animali ungulati

Come abbiamo accennato il gruppo degli animali ungulati è ampio e diversificato, ancor di più se consideriamo i mammiferi che anticamente erano considerati ungulati, come i cetacei. Nel nostro articolo ci atterremo alla definizione piú moderna, cioè animali con gli zoccoli. Questi animali si dividono in due ordini, i perissodattili e gli artiodattili:

Perissodatili

  • Cavallo
  • Asino
  • Zebra
  • Tapiro
  • Rinoceronte

Artiodattili

  • Camello
  • Lama
  • Pecari
  • Suino
  • Cinghiale
  • Cervo
  • Antilope
  • Giraffa
  • Gnu
  • Okapi
Animali ungulati: elenco e caratteristiche - Elenco degli animali ungulati

Animali ungulati primitivi

Dato che la caratteristica che contraddistingue gli ungulati è lo sviluppo dello zoccolo, gli studi evolutivi si sono centrati nel cercare un antenato comune a questi mammiferi, il primo a possedere questa caratteristica. Questi ungulati primitivi avevano una dieta poco specifica, ed erano di fatto onnivori, addirittura alcuni di loro erano insettivori.

Gli studi dei fossili pervenuti e le caratteristiche anatomiche di questi misero in relazione cinque ordini di vari gruppi di ungulati già estinti ad un unico antenato comune, l'ordine dei Condilartri, vissuti nel Paleocene (tra i 65 e i 54 milioni di anni fa). Questo ordine di animali diede origine anche ad altri gruppi, come quello dei cetacei, attualmente molto dissimili dall'antenato comune.

Animali ungulati in pericolo di estinzione

Secondo la lista rossa della IUCN (Organizzazione Internazionale per la Conservazione della Natura) molte specie di ungulati si trovano in pericolo di estinzione, come:

  • Rinoceronte di Sumatra
  • Zebra delle pianure
  • Tapiro delle terre basse
  • Asino selvatico africano
  • Tapiro di montagna
  • Tapiro malese
  • Okapi
  • Cervo d'acqua
  • Giraffa
  • Serau comune (Capricorno)
  • Kob
  • Oribi
  • Duiker nero

La minaccia principale per questi animali è l'uomo, che sta sterminando queste popolazioni attraverso la distruzione del loro habitat. I motivi sono molteplici, dall'ampliamento del terreno coltivabile, al rifornimento di legna, alla creazione di zone industriali, alla caccia senza controllo, al traffico di specie illegali ed infine a causa di specie invasive. Al contrario, l'uomo ha deciso che alcune specie di ungulati gli sono di interesse, come gli ungulati domestici e quelli citogenetici. Questi animali, mancando di predatori naturali, aumentano in numero contribuendo alla frammentazione negli ecosistemi e creando uno squilibrio nella biodiversità.

Negli ultimi tempi la popolazione di alcuni animali che erano pericolosamente minacciati, hanno ricominciato ad aumentare, grazie al lavoro di conservazione internazionale, alle pressioni dei diversi governi ed a una presa di coscienza generale. È il caso ad esempio del rinoceronte nero, di quello bianco, del rinoceronte indiano, del cavallo di Przewalski, del guanaco e della gazzella.

Se volete informazioni circa le specie animali in pericolo per responsabilità umana, non perdetevi l'articolo: 10 animali in via d'estinzione nel mondo.

Animali ungulati: elenco e caratteristiche - Animali ungulati in pericolo di estinzione

Se desideri leggere altri articoli simili a Animali ungulati: elenco e caratteristiche, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Aldezabal, A., García-González, R., Gómez, D., & Fillat, F. (2002). El papel de los herbívoros en la conservación de los pastos. Revista Ecosistemas, 11(3).
  • García, U., Pilar, A., & Fernández, J. L. (2017). Factores moduladores de la estacionalidad reproductiva en ungulados. Revista de Investigaciones Altoandinas, 19(3), 319-336.
  • Lent, P. C. (1974). Mother-infant relationships in ungulates. The behaviour of ungulates and its relation to management, 1, 14-55.
  • McMahon, T. A. (1975). Allometry and biomechanics: limb bones in adult ungulates. The American Naturalist, 109(969), 547-563.
  • Roldan Schuth, E. R. (2010). Biología de la reproducción de mamíferos en peligro de extinción. REDVET. Revista electrónica de Veterinaria, 11(7).

Scrivi un commento su Animali ungulati: elenco e caratteristiche

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Animali ungulati: elenco e caratteristiche
1 di 4
Animali ungulati: elenco e caratteristiche

Torna su