Condividi

Elefante asiatico e africano: differenze principali

Di Lorena Bonioni, Traduttrice e copywriter junior di AnimalPedia. Aggiornato: 17 luglio 2018
Elefante asiatico e africano: differenze principali

Sicuro che almeno una volta quando hai sentito parlare dell'elefante ti sei chiesto qual'è la differenza tra il pachiderma africano e quello asiatico. In realtà è facile distinguerli a occhio nudo.

Al giorno d'oggi esistono tre specie di proboscidati: il Loxodonta africana (elefante africano della savana), il Loxodonta cyclotis (elefante africano delle foreste) e l'Elephas maximus (elefante asiatico). In questo articolo di AnimalPedia su Elefante asiatico e africano: differenze principali, spiegheremo le caratteristiche e le differenze tra le diverse specie di elefanti esistenti in Africa e in Asia.

Potrebbe interessarti anche: Quanto vive un elefante?

Evoluzione degli elefanti

L'evoluzione dei proboscidati, di cui gli elefanti sono il ramo più avanzato, inizia nelle foreste tropicali di oltre 30 milioni di anni fa, con forme simili a maiali. In quest'epoca i mammiferi erano i dominatori della Terra e nelle praterie pascolavano grandi erbivori cacciati da predatori come la Tigre dai denti a sciabola.

Ancora prima però, durante il periodo delle glaciazioni, c'erano altre specie di proboscidati come il mammut e in mastodonte americano. Il gruppo degli elefantoidi detti Elephantoidea apparve alla fine dell'Oligocene circa 26 milioni di anni fa. La maggior parte di questi animali possedeva quattro zanne corte, due sulla mascella e due sulla mandibola. L'antenato comune tra i mammut e gli attuali elefanti era il Primelephas, che apparve sulla Terra circa 7 milioni di anni fa (Miocene).

L'evoluzione dei proboscidati sta nel fatto che sono sempre più grandi, gli arti si allungano e il collo si accorcia. Il cranio e la dentatura si allungano per raggiungere meglio il cibo sui rami più alti. Più avanti si riduce la dimensione della mandibola mentre si allungano le narici fino ad assumere la forma odierna della proboscide. Poiché può arrivare fino a terra, la proboscide diventa un organo prensile e tattile molto utile e capace di cose straordinarie.

Anche la dentatura cambia rispetto a prima in quanto perde progressivamente i canini e i premolari, si riducono gli incisivi e quelli che rimangono si trasformano in zanne, che servono agli antichi e attuali elefanti sia per la raccolta di cibo, sia per difendersi o attaccare, sia per ostentare forza durante il periodo dell'accoppiamento.

Durante il Quaternario nelle isole del Mediterraneo, dell'Asia meridionale e del Golfo del Messico, i proboscidati raggiungono forme di nanismo: il più piccolo è l'Elephas falconeri della Sicilia, che raggiunse la taglia di un cane di medie dimensioni.

Elefante asiatico e africano: differenze principali - Evoluzione degli elefanti

Sorpresa: c'è una terza specie di elefante

Fino a pochissimo tempo fa, eravamo convinti che di specie di elefanti ne esistessero solo due. Le prime mappature genetiche dell'elefante infatti evidenziavano l'esistenza di due distinte specie: l'elefante africano della savana (Loxodonta africana) e l'elefante asiatico (Elephas maximus).

Una recente ricerca pubblicata a gennaio del 2018 dall'Accademia Nazionale di Scienze degli Stati Uniti dimostra invece che le specie esistenti sono 3 e che l'albero genealogico dell'elefante è in realtà molto più complesso di quanto si pensasse. L'elefante africano delle foreste (Loxodonta cyclotis) era fino a quel momento sempre stato classificato come sottospecie dell'elefante africano della savana.

Gli studi hanno dimostrato invece che l'elefante africano delle foreste è più strettamente imparentato con l'estinto elefante dalle zanne dritte (Palaeoloxodon antiquus) di quanto non lo fosse con l'elefante africano della savana. L'analisi del DNA ha confermato i sospetti che già si avevano: nonostante l'apparente prossimità geografica, tra l'elefante africano e l'elefante africano delle foreste non ci sono stati contatti e scambi di geni per circa 500 mila anni.

Alla base dello studio c’è una nuova tecnica di indagine genetica per ricostruire le relazioni evolutive tra le specie elaborata dagli scienziati dell’università australiana di Adelaide. Il fatto che il Loxodonta africana e il Loxodonta cyclotis siano due specie distinte, non rappresenta solo una questione tassonomica. L'elefante africano delle foreste è infatti una specie a rischio (molto più del cugino della savana), e per questo il riconoscimento di status di specie a se stante potrebbe dargli l'attenzione necessaria per evitare l'estinzione. Scopri in questo articolo di AnimalPedia quali sono i 10 animali in via d'estinzione nel mondo.

Nella foto puoi osservare due esemplari di elefanti africani delle foreste (Loxodonta cyclotis).

Elefante asiatico e africano: differenze principali - Sorpresa: c'è una terza specie di elefante

Elefante asiatico o elefante indiano?

L'elefante asiatico è (Elephans maximus) è una delle tre specie di elefante viventi sulla Terra. È molto simile all'elefante africano, e nell'articolo tratteremo le differenze. Erroneamente viene chiamato anche elefante indiano, ma l'elefante indiano (Elephas maximus indicus) è solo una delle sottospecie dell'elefante asiatico. Deve il suo nome alla regione dove è più diffuso, l'India, ed è la più comune sottospecie di elefante asiatico. In questo paese, infatti, si trova il 50% di tutti gli elefanti asiatici allo stato brado e il 20% di quelli ammaestrati.

Gli elefanti indiani misurano fino a 6,4 m di lunghezza e pesano fino a 5 tonnellate. Gli esemplari thailandesi sono di solito leggermente più piccoli e più massicci di quelli delle altre zone dove la sottospecie vive. I maschi sono tutti provvisti di zanne, mentre solo alcune femmine le possiedono e sono comunque sensibilmente più piccole di quelle dei maschi.

Questi pachidermi preferiscono vivere in aree boschive o cespugliose (come la foresta tropicale o pluviale), anche se possono vivere senza problemi in foreste secche e praterie. Sono nomadi e non restano nello stesso posto per più di una decina di giorni. Ogni giorno possono arrivare a spostarsi lungo vaste aree grandi fino a 320 km², ma sempre nei pressi di un corso d'acqua dolce.

Nella foto puoi osservare un esemplare femmina di elefante indiano (Elephas maximus indicus).

Elefante asiatico e africano: differenze principali - Elefante asiatico o elefante indiano?

Distribuzione e habitat dell'elefante asiatico e africano

Gli elefanti sono i più grandi animali che vivono sulla terra ferma. Possono consumare fino a 250 kg giornalieri di cibo per soddisfare il loro fabbisogno calorico. Facile quindi capire la necessità di stabilirsi in aree ricche di vegetazione. Ingeriscono una quantità molto varia di alimenti, per la maggior parte costituita da arbusti e alberi. Per sapere di più sull'alimentazione dell'elefante, puoi leggere il nostro articolo su AnimalPedia e capire ad esempio che differenza alimentare c'è tra quelli che vivono in libertà e quelli in cattività.

L'elefante africano della savana (Loxodonta africana) è principalmente diffuso nell'Africa subsahariana nella regione dell'Etiopia. Alcuni esemplari esistono anche in Sud Africa, Gabon, Tanzania, Botswana e Zambia. Il loro habitat tipico è la savana, ma possono adattarsi anche alle foreste pluviali, macchia mediterranea, fino alle zone desertiche. In queste ultime però è raro vederli poiché dipendono molto dalle fonti d'acqua e dalle zone ricche di vegetazione. Per cercare viveri, sono in grado di arrivare ad altitudini di 4000 metri.

In passato l'elefante asiatico (Elephas maximus) si trovava in India, in Iraq, in Cina, e nel sud-est asiatico come ad esempio nelle isole dello Sri Lanka e Sumatra (Indonesia). Gli esemplari in Sri Lanka si differenziano dagli altri perché quasi nessuno è dotato di zanne. Oggi purtroppo l'area di distribuzione dell'elefante asiatico è ridotta moltissimo e comprende solo piccole discontinue zone dell'India e del sud-est asiatico. Vivono nelle regioni tropicali sempreverdi, nelle praterie e nella macchia mediterranea. Possono vivere a quote che arrivano ai 3000 metri d'altitudine, ma gli elefanti che vivono vicino all'Himalaya a volte salgono ancora più in alto durante le stagioni calde.

L'elefante africano delle foreste (Loxodonta cyclotis), invece, è diffuso in Africa centrale e occidentale. Possono essere avvistati in Congo, Repubblica Centrale Africana, Gabon, Ghana e Costa d'Avorio. Le aree di maggiore densità di questi esemplari sono caratterizzate dalle pianure delle foreste tropicali, foreste pluviali e paludi. Cambiano habitat a seconda delle stagioni spostandosi nelle zone paludose durante la stagione secca, per poi tornare alle pianure delle foreste tropicali durante la stagione delle piogge. Spesso le mandrie cercano rifugio nelle riserve naturali poiché vengono perseguitati dai bracconieri per il prezioso avorio.

Dimensioni e anatomia dell'elefante asiatico e africano

Anatomia e dimensioni dell'elefante cambiano a seconda della specie. In seguito parliamo delle principali differenze tra elefante asiatico e africano.

Peso e dimensioni

L'elefante africano della savana (Loxodonta africana) è il più grande organismo animale esistente sulla Terra. I maschi possono raggiungere dalle 4 alle 6 tonnellate e un'altezza fino a 4 metri al garrese. Le femmine invece possono raggiungere un peso tra le 2 e le 3 tonnellate e un'altezza fino a 2 metri e mezzo al garrese. I maschi hanno una corporatura più ricurva. In generale la loro pelle di colore grigio con peli lungo il corpo che possono essere di differenti colori, lunghezze e spessori che sulla schiena e sulla coda posso crescere fino a 80 cm.

Anche l'elefante asiatico (Elephas maximus) ha un dimorfismo sessuale molto pronunciato: i maschi possono pesare fino a 6 tonnellate e crescere in altezza fino a 3 metri al garrese; le femmine invece arrivano al massimo a 3 tonnellate e mezzo e possono crescere fino a 2 metri e mezzo di altezza. Gli esemplari maschi hanno lunghe zanne mentre le femmine ne sono prive. La loro pelle grigia è ricoperta di peli, che diventano più radi mano a mano che si fanno adulti.

L'elefante africano delle foreste (Loxodonta cyclotis) sono i più piccoli dei tre. Questi esemplari smettono infatti di crescere prima dei loro cugini della savana, all'età di 10 o 12 anni. Possono arrivare a pesare anche 6 tonnellate ma non superano mai i 3 metri di altezza al garrese.

In questo articolo di AnimalPedia potrai scoprire quanto pesa un elefante e alcune curiosità interessanti, ad esempio su come si può pesare un elefante senza bilancia.

Differenze anatomiche

Ci sono molte differenze tra l'elefante asiatico e l'elefante africano (della savana e delle foreste). Quello asiatico è più piccolo di quello della savana ma più grande di quello delle foreste. Affronteremo nei seguenti paragrafi le differenze tra proboscide, zanne e orecchie.

Gli elefanti hanno un cervello molto più grande di qualsiasi altro animale che vive sulla terraferma. È posizionato nella parte posteriore del cranio, lontano dalla fronte. Per quanto riguarda la forma del cranio, possiamo già dire che l'elefante asiatico ha una fronte marcata con due gobbe nella parte posteriore della testa separate da un solco centrale. L'elefante africano, invece ha una fronte più snella con una sola gobba nella parte centrale. Inoltre, l'elefante africano ha la schiena liscia mentre quella dell'elefante asiatico si presenta spiovente. Il risultato è che la parte più alta dell'elefante asiatico è la testa, mentre il punto più alto del corpo di quello africano è la spalla.

Le zampe di entrambe le specie si differenziano nel numero delle dita: se l'elefante africano (della savana e delle foreste) possiede 4 dita nelle zampe anteriori e 3 in quelle posteriori, l'elefante asiatico presenta 5 dita nelle zampe anteriori e 4 nelle posteriori. La coda invece non presenta delle differenze sostanziali: possiamo solo segnalare che quella dell'elefante asiatico è tendenzialmente più lunga in proporzione al resto del corpo.

Seguendo con la lettura dell'articolo, incontrerai in cosa differenziano queste specie per quanto riguarda orecchie, proboscide e zanne.

Nella foto puoi osservare un esemplare con la doppia gobba sulla fronte.

Elefante asiatico e africano: differenze principali - Dimensioni e anatomia dell'elefante asiatico e africano

Orecchie: elefante asiatico e africano

Le orecchie dell'elefante sono uno degli elementi più caratteristici e uno dei fattori da tenere presente quando vogliamo distinguere le diverse specie.

L'elefante asiatico (Elephas maximus) ha le orecchie decisamente più piccole e arrotondate del Loxodonta (elefante africano della savana o delle foreste). Inoltre non cadono sulle spalle. I suoi padiglioni auricolari si sono sviluppati in questo modo perché non hanno bisogno di regolare la temperatura del corpo in quanto vivono in regioni molto più fresche dei cugini africani.

L'elefante africano della savana o delle foreste, infatti, vive in regioni più aride e utilizza le grandi orecchie per abbassare la temperatura corporea nelle stagioni secche. Ha le orecchie a punta con i lembi superiori molto sporgenti e la parte inferiore che gli cade sulle spalle. Sono dotate di ghiandole traspiranti e vengono utilizzate da ventilatore nelle ore più calde.

Orecchie di elefante

Esistono delle splendide piante delle regioni tropicali che vengono comunemente chiamate "orecchie di elefante". Le Alocasia sono molto apprezzate per la straordinaria bellezza delle loro foglie. Sono piante sempreverdi dalle foglie molto grandi (a volte arrivano a misurare anche un metro e mezzo) dalla forma sagittata, ovvero a forma di freccia solitamente di un bel colore verde intenso. È proprio a causa della forma delle foglie che vengono paragonate alle orecchie dell'elefante.

Nella foto puoi osservare un esemplare di elefante africano dalle grandi orecchie.

Elefante asiatico e africano: differenze principali - Orecchie: elefante asiatico e africano

Proboscide dell'elefante asiatico e africano

La proboscide è l'organo più importante dell'elefante fondamentale per la sua sopravvivenza. È più sensibile delle dita umane ed assolve moltissime funzioni: segnala oggetti o animali, emette suoni, raggiunge il cibo, serve a lavarsi, difendersi, bere e odorare. Sono molto utili anche per respirare durante il nuoto. È un organo formato dalla narice e dal labbro superiore, costituito da 100 mila muscoli diversi e capace di grande mobilità.

Si possono distinguere le proboscidi degli elefanti asiatici da quelle degli elefanti africani per il numero di protuberanze con cui terminano, chiamate "dita": l'elefante africano (Loxodonta) possiede due dita sulla punta della proboscide mentre l'elefante asiatico (Elephas maximus) ne possiede solo una.

Sai quindi riconoscere a quale delle due specie appartiene la proboscide di questa foto?

Elefante asiatico e africano: differenze principali - Proboscide dell'elefante asiatico e africano

Zanne dell'elefante asiatico e africano

Non tutti gli elefanti possiedono le zanne. Gli esemplari che le possiedono le usano a scavare, muovere o sollevare oggetti pesanti come tronchi o rami, e per difendersi.

Se gli elefanti africani (Loxodonta) sia maschi che femmine sono dotati di zanne, solo gli elefanti maschi della specie Elephas maximus (asiatica) le possiedono. Gli elefanti africani inoltre hanno zanne più dritte e sottili, che si sviluppano in senso verticale per aiutarli ad addentrarsi più facilmente nelle fitte foreste in cui vivono.

Nella foto puoi osservare un esemplare di elefante asiatico dalle orecchie piccole e dalle zanne più grosse e incurvate.

Elefante asiatico e africano: differenze principali - Zanne dell'elefante asiatico e africano

Ricapitoliamo

Come abbiamo visto, ci sono varie particolarità che ci permettono di differenziare un elefante asiatico e africano. E non c'è da confondere l'elefante asiatico con quello indiano perché il secondo è una sottospecie del primo. Per questo quando penserai alle differenze tra elefante africano (Loxodonta, ovvero della savana e delle foreste) e indiano (Elephas maximus indicus), ricordati immediatamente che quando parliamo di quello indiano spesso ci riferiamo alla specie asiatica di elefante (Elephas maximus).

Le principali differenze tra elefante asiatico e africano sono:

  • Quello africano della savana è più grande di quello asiatico, ma quello africano delle foreste è quello dalle dimensioni più modeste;
  • L'elefante asiatico ha una fronte marcata con due gobbe mentre quello africano ne ha solo una;
  • L'elefante africano ha la schiena liscia mentre quella dell'elefante asiatico si presenta spiovente;
  • Se l'elefante africano possiede 4 dita nelle zampe anteriori e 3 in quelle posteriori, l'elefante asiatico presenta 5 dita nelle zampe anteriori e 4 nelle posteriori;
  • L'elefante asiatico ha le orecchie più piccole e arrotondate mentre quelle del cugino africano sono più grandi, a punta e poggiano sulle spalle dell'animale.
  • La proboscide dell'elefante africano è provvista di due dita sulla punta mentre quella del cugino asiatico ne possiede solo una.

Oggi hai imparato molte cose su questi splendidi pachidermi, ma molto altro ancora c'è da imparare. Per esempio quanto vive un elefante? Continua a navigare su AnimalPedia e lo scoprirai.

Se desideri leggere altri articoli simili a Elefante asiatico e africano: differenze principali, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Scrivi un commento su Elefante asiatico e africano: differenze principali

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Sua valutazione:
Federica Sassi
Wow! Utilissimo per la mia ricerca!!!!

Elefante asiatico e africano: differenze principali
1 di 8
Elefante asiatico e africano: differenze principali

Torna su