Condividi

Il cervello del polpo: quanti ne ha e come funziona

 
Di Nick A. Romero H., Biologo ed educatore ambientale. 21 dicembre 2020
Il cervello del polpo: quanti ne ha e come funziona

Il polpo (Octopus vulgaris), o piovra, è un cefalopode della famiglia Octopodidae appartenente al phylum dei Molluschi. Questi animali si distinguono in abilità, non solo dal resto degli invertebrati, gruppo al quale appartengono, ma presentano anche caratteristiche uniche che non condividono con il resto dei molluschi.

Questi animali hanno, da sempre, attirato l'attenzione di persone e scienziati per essere in grado di compiere azioni straordinarie, come ad esempio manipolare certi oggetti, riconoscere persone, luoghi, coprire le proprie tane con rocce, inoltre, mimetizzarsi in modo straordinario all'interno dell'ecosistema marino ecc. Tutti questi aspetti denotano una grande intelligenza del polpo. Se vuoi saperne di più su questo animale straordinario, non perderti il nostro articolo di AnimalPedia sul cervello del polpo.

Anatomia del polpo

Le varie specie di polpo comprendono da individui che misurano circa 2 cm, con un peso inferiore a 1 g, al famoso polpo gigante del Pacifico (Enteroctopus dofleini), un eccezionale esemplare che può raggiungere i 275 kg.

Le seguenti sono le principali parti del corpo del polpo:

  • Occhi: sono abbastanza sviluppati, al punto da avere una struttura simile a quella dei mammiferi.
  • Cervello: che forma, insieme ad altre strutture lungo il corpo, un sistema nervoso complesso.
  • Tre cuori: uno principale chiamato sistemico, che pompa il sangue in tutto il corpo, e due ausiliari o branchiali che portano il sangue alle branchie per l'ossigenazione.
  • Pelle: il mantello del polpo ha la capacità di cambiare colore molto velocemente e sfrutta questa abilità sia per mutare affinché non sia visto dai predatori, che per comunicare con i suoi simili.
  • Sifone: il polpo può spostarsi rapidamente espellendo con forza l'acqua attraverso un sifone. Questo viene utilizzato anche per l'emissione dell'inchiostro nero usato per difendersi e confondere possibili predatori.
  • Appendici o braccia: i polpi hanno otto arti, ma sono sprovvisti delle appendici di alimentazione specializzate note come tentacoli che sono più lunghe e sottili con ventose solo alle estremità a forma di mazza. Le appendici flessibili e prensili di questi animali hanno ventose appiccicose che permettono loro di fissarsi fortemente a qualsiasi mezzo e, inoltre, sono provviste di chemorecettori, in modo che il polpo possa assaporare ciò che tocca. Le braccia del polpo non si aggrovigliano o si attaccano l'una all'altra perché i sensori riconoscono la pelle del polpo e prevengono l'attaccamento. Queste estremità svolgono funzioni di locomozione, ricerca e cattura del cibo, e convergono nella bocca dell'animale, che ha la forma di becco ed è chitinoso.

Il loro corpo è privo di guscio e di ossa, è morbido ma muscoloso, ed è costituito da diversi tessuti fibrosi di collagene e da cellule specializzate con pigmenti, che permettono di modificare rapidamente il colore della pelle.

Ora che ne sappiamo di più sull'anatomia generale dei polpi, vediamo come funziona il cervello del polpo.

Il cervello del polpo: quanti ne ha e come funziona - Anatomia del polpo
Immagine: http://www.riccardoabati.it/

Quanti cervelli ha un polpo?

I polpi hanno tre cuori ed in passato si è ipotizzato che abbiano 9 cervelli, tuttavia, è stato provato che in realtà possiedono un solo cervello centrale.

Dato il loro complesso sistema nervoso, si può affermare, infatti, che il polpo possiede un cervello centrale e che due terzi dei neuroni di un polpo si trovano nelle corde nervose delle sue braccia, che mostrano una varietà di complesse azioni riflesse che persistono anche quando non hanno stimoli dal cervello.

Sistema nervoso del polpo

Tra gli invertebrati, gli Octopodidae sono quelli con il cervello ed il sistema nervoso più complessi, contenenti un totale di circa 550 milioni di neuroni. Anche se i polpi hanno un cervello di grandi dimensioni in proporzione al loro corpo, aspetto che vediamo in alcuni mammiferi come le balene, è importante notare che la complessità e le particolarità di questi animali possono essere comprese solo da una visione sistemica, quindi bisogna considerare il resto delle strutture che sono collegate al cervello:

  • Circa 350 milioni di neuroni sono distribuiti nelle otto braccia di questi animali.
  • 160 milioni si trovano nei lobi ottici
  • 42 milioni situati all'interno del cervello centrale, che è diviso in diversi lobi.

Nella zona ventrale si trovano i lobi che si occupano del controllo dell'alimentazione, della locomozione e del caratteristico cambio di colore. La zona dorsale interviene nell'elaborazione delle informazioni sensoriali e partecipa ai processi cognitivi. Il cervello riceve informazioni dai lobi ottici, che si trovano all'esterno della capsula cartilaginea centrale del cervello, sulle braccia possiedono chemorecettori (sensori cellulari specializzati nel rilevare e convertire i segnali chimici, sia dall'interno che dall'esterno dell'organismo).

L'intelligenza del polpo

I polpi sono considerati animali molto intelligenti perché capaci di quanto segue:

  • Ricordano i luoghi: i polpi sono in grado di ricordare i luoghi dove hanno cacciato le loro prede preferite.
  • Sanno come cambiare strada: se si allontanano notevolmente dalla loro tana, possono ritornarvi attraverso percorsi ancora più brevi di quelli utilizzati in origine.
  • Puliscono e proteggono la loro grotta: quando scelgono un rifugio, possono usare il loro sifone per pulirla con il getto d'acqua che espellono. Inoltre, collocano delle rocce all'ingresso della grotta, molto probabilmente a scopo di protezione.
  • Giocano e aprono i barattoli: hanno la capacità di giocare con gli oggetti e di aprire barattoli contenenti cibo per loro (come si può osservare nel video).
  • Elaborano le informazioni: più informazioni ricevono, più precise sono le azioni che possono compiere.
  • Imitano altri animali: non solo possono cambiare colore per mimetizzarsi, ma sono stati avvistati imitando il nuoto di altre specie.
  • Imparano dagli anziani: i polpi più giovani possono imparare dai loro anziani e applicare ciò che hanno imparato per il resto della loro vita.
  • Sono empatici nei confronti delle persone: gli individui in cattività sono in grado di sviluppare empatia per le persone.

L'intelligenza del polpi è legata al loro complesso sistema nervoso, che da loro la capacità di eseguire varie azioni proprie anche di altri animali, ma ciò che ha dello straordinario è che un singolo animale possa riunire così tante abilità diverse.

Per ulteriori informazioni, non perdetevi il nostro articolo di AnimalPedia 20 curiosità sui polpi basate su studi scientifici.

Se desideri leggere altri articoli simili a Il cervello del polpo: quanti ne ha e come funziona, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Gutnick, Tamar and Zullo, Letizia and Hochner, Binyamin and Kuba, Michael. (2020). Octopus Vulgaris Uses Proprioceptive and Tactile Information to Direct The Movement of Its Arms. Curretn Biology. Disponible: https://ssrn.com/abstract=3565033
  • Hickman, C., Roberts, L., Parson A. (2000). Principios integrales de zoología. McGraw Hill Interamericana: España.
  • Roth G., (2015). Convergent evolution of complex brains and high intelligence. Phil. Trans. R. Soc. Disponible: http://dx.doi.org/10.1098/rstb.2015.0049
  • Serrano, I. (2019). La mente e inteligencia en el género octópoda. Revista electrónica de divulgación en biología. Disponible: http://editorial-uaie.uaz.edu.mx/index.php/bioz/article/view/250
  • Yuzuru, I., Japanese Psychological Research. (2009). A perspective on the study of cognition and sociality of cephalopod mollusks, a group of intelligent marine invertebrates. University of Ryukyus. Disponible: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/pdf/10.1111/j.1468-5884.2009.00401.x

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Il cervello del polpo: quanti ne ha e come funziona
Immagine: http://www.riccardoabati.it/
1 di 2
Il cervello del polpo: quanti ne ha e come funziona

Torna su