Condividi

Il linguaggio dei gatti

 
Di Piergiorgio Zotti, Copywriter per AnimalPedia. Aggiornato: 15 novembre 2018
Il linguaggio dei gatti

Vedi schede di Gatti

I gatti, anche se trasmettono l'idea di essere misteriosi ed enigmatici, in realtà sono animali molti comunicativi ed espressivi. Come gli esseri umani, hanno sviluppato praticamente tutti i sensi, ma le loro migliori abilità comunicative sono quelle vocali, tattili, visive e olfattive.

Ad ogni modo, non c'è dubbio sul fatto che se si vuole interpretare correttamente la comunicazione dei gatti, conoscere il loro linguaggio del corpo è più che fondamentale. Se lo si sa decifrare, può diventare uno strumento così preciso da farci capire cosa vuole comunicarci il gatto in ogni circostanza.

Anche se tu e il tuo gatto non parlate la stessa lingua, potete comunque comunicare in maniera abbastanza fluida. Scopri e impara tutto quello che c'è da sapere sul linguaggio dei gatti grazie a questo articolo di AnimalPedia.

Potrebbe interessarti anche: Il linguaggio del corpo dei gatti

Il linguaggio del corpo dei gatti

Il sistema di comunicazione e il linguaggio del corpo dei gatti sono davvero interessanti. Questi felini amano muovere il corpo per esprimere i loro stati d'animo e i loro desideri.

Presta attenzione a ogni movimento che compie il tuo gatto, potrebbe non trattarsi di una semplice azione, bensì di un messaggio che vuole trasmetterti. Posture, sguardi, posizioni delle orecchie, espressioni facciali e movimenti della coda... sono tutti segnali da interpretare!

Di seguito, alcuni segreti per svelare i misteriosi comportamenti dei felini:

  • Se il tuo gatto presenta le orecchie in avanti può significare tre cose: che è in stato d'allerta, gli interessa qualcosa oppure è contento. Se le ha appese di lato o all'indietro potrebbe essere un po' infastidito, arrabbiato o spaventato da qualcosa.
  • Se la sua schiena si curva quando avvicini la mano per accarezzarlo, significa che è interessato e ben disposto. Se, al contrario, si restringe, ti sta comunicando che in quel momento non vuole avere contatto fisico.
  • Quando ha la coda eretta significa che è in uno stato d'allerta o felice. Se il pelo alla fine della coda è fermo, significa che è un po' spaventato. La tipica coda tra le zampe comunica che è in ansia o si vergogna per qualcosa che ha fatto. Quanto più oscilla la coda da un lato all'altro, quanto più è teso. Un altro segnale derivante dal suo linguaggio del corpo deriva dalle sue pupille: più sono dilatate, più il gatto è agitato.
  • Se vedi che il tuo gatto inarcare la schiena per sembrare più grande, oscillare la coda agitatamente e drizzare il pelo contemporaneamente, stai attento perché potrebbe attaccarti.
Il linguaggio dei gatti - Il linguaggio del corpo dei gatti

Le dimostrazioni fisiche dei gatti

I gatti che vantano una buona autostima, quando vogliono farsi notare, graffiano le superfici davanti ai gatti più timidi. Invece, quando sono felici tendono a fare la pasta sulle superfici morbide a loro disposizione.

Tra le varie forme di comunicazione dei gatti, devi sapere che per marcare il territorio strofinano il corpo sugli oggetti che amano, siano essi giocattoli, mobili o persone. I gatti marcano costantemente ciò che ritengono di loro proprietà, ciò significa che se si strofina spesso su di te, oltre a volerti bene ti considera anche il suo padrone.

Il linguaggio dei gatti - Le dimostrazioni fisiche dei gatti

L'olfatto dei gatti

I gatti, con il naso, non percepiscono solo gli odori bensì "inalano conoscenza". Il loro processo d'apprendimento è in buona parte incrementato dalla loro capacità olfattiva. Questi felini tendono a cospargere del loro odore gli oggetti di proprio interesse. Per fare ciò, si strofinano con il corpo, in modo che gli altri felini percepiranno la loro presenza in determinati luoghi. Anche questa è una forma di linguaggio dei gatti, in quanto permette agli altri esemplari di percepire la loro presenza in un determinato territorio.

Il loro senso dell'olfatto è così importante che evolutivamente parlando si può affermare che hanno sviluppato un organo supplementare (che vantano poche creature del regno animale e che aiuta l'olfatto tradizionale) chiamato l'organo di Jacobson.

Questo organo si ubica sul tetto della bocca, dietro ai denti ed è collegato con la cavità nasale. Per i gatti, l'azione di annusare è un'esperienza potente, l'organo di Jacobson assorbe le molecole d'odore, intensificando le fragranze e allo stesso tempo fornendo informazioni sull'oggetto in questione.

Il linguaggio dei gatti - L'olfatto dei gatti

Il significato del miagolio dei gatti

Si può affermare che a molti gatti manchi solo la parola. I suoni di questi felini sono molto differenti l'uno dall'altro, ma non sono estremamente complicati da identificare. L'intensità, il tono e la frequenza del miagolio riflettono emozioni e bisogni.

  • Per esempio, se il tuo gatto si sdraia sulla sua schiena mentre fa le fusa, significa che è completamente rilassato.
  • Se invece è nella stessa posizione ma ringhia, lascialo stare in quanto sta rivendicando il suo spazio. Presta attenzione alla comunicazione del gatto, per esempio, se il miagolio è differente dal normale potrebbe significare che gli faccia male qualcosa.
  • Durante il periodo di calore i gatti miagolano in maniera differente ed è normale che siano più predisposti a scappare di casa in cerca di un partner.
  • Prestando attenzione al linguaggio dei gatti, a tutte le loro forme di comunicazione, riuscirai a costruire una più solida relazione con il tuo animale domestico.
Il linguaggio dei gatti - Il significato del miagolio dei gatti

Se desideri leggere altri articoli simili a Il linguaggio dei gatti, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Scrivi un commento su Il linguaggio dei gatti

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Il linguaggio dei gatti
1 di 5
Il linguaggio dei gatti

Torna su