Condividi

L'accoppiamento degli elefanti

 
Di Giorgio Gattoni. 24 aprile 2020
L'accoppiamento degli elefanti

Gli elefanti sono tra gli animali più popolari e impressionanti al mondo. Ne esistono varie specie, a seconda delle regioni del mondo che abitano. Tuttavia, a prescindere dalle differenze che possono esserci fra varie specie, la loro riproduzione è sempre uguale.

Glie elefanti presentano riproduzione sessuata, che avrà come tappe la copula, la gestazione del feto nel ventre materno ed infine il parto, seguito da allattamento dei piccoli. Volete conoscere in dettaglio ciascuna di queste fasi? Continuate a leggere il nostro articolo di AnimalPedia su come si riproducono gli elefanti.

Potrebbe interessarti anche: Come avviene l'accoppiamento degli squali?

L'apparato riproduttivo degli elefanti

Gli elefanti presentano degli apparati riproduttori particolari, differenti ovviamente tra maschio e femmina, di cui ci occuperemo descrivendone l'anatomia e il funzionamento.

Apparato riproduttore maschile

Nel caso dei maschi, questi presentano due testicoli interni, che quindi non sono visibili. Si trovano nella zona dei reni e sono circondati da una sacca denominata scroto. I canali di questo apparato riproduttivo, che portano lo sperma fino al pene, sono molto lunghi, e possono misurare anche due metri.

Quando i maschio hanno alti livelli di testosterone nel sangue, ci si accorge perché secernono liquido dalle ghiandole che hanno nella parte posteriore degli occhi, le cosiddette ghiandole temporali. È il momento in cui gli elefanti sono più aggressivi.

Apparato riproduttivo femminile

Le femmine presentano un vestibolo dietro la vulva, grazie al quale lo sperma scende sino all'utero, passando prima dalla cervice e dalla vagina. Una volta che lo sperma giunge nelle ovaie si trova con un ovulo, che viene trasportato attraverso un canale detto ovidotto e le corna dell'utero (che sono poi i punti dove l'utero si unisce alle tube uterine) e qui gli spermatozoi lo fecondano. Quando l'ovulo è stato fecondato, si innesta nell'utero, dove si svilupperà fino a quando sarà pronto a venire alla luce.

Se volete scoprire di più leggete il nostro articolo di AnimalPedia 'curiosità sugli elefanti'

L'accoppiamento degli elefanti - L'apparato riproduttivo degli elefanti

L'accoppiamento degli elefanti

Affinché avvenga la copula, necessaria alla riproduzione sessuale, è necessario che la femmina entri in calore. Durante questo periodo le femmine, grazie agli ormoni che produce il suo organismo, assumono un comportamento tipico, emettendo suoni che servono per far sapere al maschio che è pronta per accoppiarsi. Prima dell'atto sessuale la femmina si mostra sempre piuttosto reticente e il maschio dovrà insistere per far si che inizi la copula.

Tuttavia non solo le femmine emettono segnali specifici, ma anche i maschi hanno modi di mostrare la loro disponibilità a riprodursi. Tra questi vi sono i movimenti delle grandi orecchie, che roteando contribuiscono a spargere il loro odore verso le femmine, in modo da attrarle a loro. Successivamente si sfregano tra loro ed uniscono le proboscidi nelle fasi di corteggiamento.

Siccome gli elefanti sono animali gregari, che vivono in comunità, è frequente che più maschi siano interessati alla stessa femmina. In questi casi i maschi dovranno battersi fra loro per guadagnarsi il diritto ad accoppiarsi con la femmina. Gli scontri tra elefanti possono arrivare ad essere estremamente violenti, ed in alcuni casi i maschi perdono le zanne, o, in casi estremi, addirittura possono morire.

Un dato curioso è quello che dopo la riproduzione sessuata, il maschio rimane per un certo tempo accanto alla femmina, per assicurarsi che altri maschi non tentino di riprodursi a loro volta, oltre ovviamente a proteggerla da possibili pericoli e assicurarsi cosí la prole.

L'accoppiamento degli elefanti - L'accoppiamento degli elefanti

La riproduzione degli elefanti

Come abbiamo anticipato l''elefante si riproduce sessualmente, ed è un animale viviparo placentato. Ció significa che i piccoli si sviluppano interamente all'interno dell'utero materno, ricevendo il nutrimento necessario alla crescita attraverso una placenta. Quando i piccoli sono completamente formati, si produrrà un parto, che avviene di solito dopo 680 giorni di gestazione, quasi due anni insomma.

Anche se gli elefantini appena nati praticamente sanno già camminare da subito, hanno bisogno della mamma, che li alimenta con il latte delle sue mammelle e li cura fimo a che crescono a sufficienza per poter arrangiarsi in maniera indipendente. Di solito nasce un solo piccolo per ogni parto, ed è piuttosto straordinario assistere a parti con due piccoli, anche se può avvenire.

Le femmine di elefante non sono sessualmente mature fino a compiere i 14 anni di età. Nel caso degli elefanti maschi il periodo di fertilità sessuale inizia tra i 10 ed i 15 anni. Tuttavia all'atto pratico sono gli elefanti più anziani che riescono a riprodursi, grazie alla loro maggiore forza ed esperienza, con cui vincono i duelli per la femmina.

L'accoppiamento degli elefanti - La riproduzione degli elefanti
Immagine: News247

Se desideri leggere altri articoli simili a L'accoppiamento degli elefanti, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Feldhamer, George A. [et al] (2007). «Reproduction». Mammalogy: adaptation, diversity, ecology (3a edición). Baltimore: The Johns Hopkins University Press. p. 204. ISBN 978-0-8018-8695-9.
  • Poole, J. (1997). Elephants. World Life Library. ISBN 978-0896583573.
  • Sukumar, R. (2003). The Living Elephants: Evolutionary Ecology, Behaviour, and Conservation. Oxford University Press, USA.

Scrivi un commento su L'accoppiamento degli elefanti

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

L'accoppiamento degli elefanti
Immagine: News247
1 di 4
L'accoppiamento degli elefanti

Torna su