Condividi

La riproduzione dei Pesci Combattenti

 
Di Piergiorgio Zotti, Copywriter per AnimalPedia. Aggiornato: 16 febbraio 2017
La riproduzione dei Pesci Combattenti

Il Pesce Combattente anche conosciuto come Pesce Betta è un esemplare d'acqua dolce che abita ambienti con una temperatura compresa tra 24ºC e 30ºC anche se è capace di adattarsi a un clima più freddo senza grandi difficoltà, pertanto, lo possiamo classificare come un pesce d'acqua fredda che non ha bisogno di apparati termici che riscaldano l'acquario per sopravvivere. Il Pesce Siamese Combattente, originario dell'Asia, presenta una grande varietà di colori incredibili, è sicuramente un'ottima scelta se vuoi ostentare un acquario stupendo.

In questo articolo di AnimalPedia ci concentreremo su cosa bisogna fare per facilitare la riproduzione dei Pesci Combattenti.

Potrebbe interessarti anche: Pesci compatibili con il pesce Combattente

Preparativi e prime impressioni

Prima di iniziare il processo dobbiamo identificare correttamente il sesso di ogni esemplare per evitare futuri attacchi visto che si tratta di un pesce abbastanza aggressivo e territoriale.

  • Il maschio ha le pinne più sviluppate e colori più vistosi.
  • La femmina è più tranquilla ma anche più robusta e la parte finale della sua pinna è dritta, mentre quella del maschio termina a forma di punta.

Per iniziare dovremo disporre di uno spazio di almeno 25 x 35 cm con un'altezza circa 8 o 10 centimetri d'acqua. Aggiungeremo in seguito del muschio affinché possano mangiare e costruire un nido, e per fare ciò possiamo anche lasciare un piccolo recipiente nell'acquario come un bicchiere di plastica, anche se poi la scelta del luogo del nido dipenderà da loro. Un settimana prima dell'accoppiamento ti consigliamo di tenere separati i pesci da un ambiente dove possano vedere altri esemplari della propria specie e di cibarli con alimenti vivi.

La prima cosa da sapere è che non devi mai mettere insieme nell'acquario un maschio e una femmina senza che si siano conosciuti in precedenza visto che il maschio potrebbe considerare la femmina come un intruso e potrebbe nascere una lotta con gravi conseguenze.

Separa l'acquario grazie ad una barriera di plastica o di vetro in maniera che non possono toccarsi, ma riescano a osservarsi e studiarsi a vicenda. Se non hai un separatore adeguato puoi creane uno tagliando una bottiglia di plastica a metà, facendo dei piccoli buchi per far filtrare l'acqua a entrambi i pesci. In questo modo il maschio potrà percepire gli ormoni che sprigiona la femmina e viceversa.

Metti nel recipiente o nella barriera che hai elaborato per prima la femmina e, in seguito, il maschio, infine tappa il tetto dell'acquario con una superficie di vetro, di plastica, ecc.

La riproduzione dei Pesci Combattenti - Preparativi e prime impressioni

L'avvicinamento e la riproduzione dei Pesci Combattenti

Il maschio creerà un nido con il muschio (probabilmente nel bicchiere) è potremo vedere come la femmina si mostrerà più ricettiva, cercando di uscire dal proprio ambiente spingendo con la testa contro la barriera. Arrivati a questo punto è giunto il momento di unirli.

All'inizio entrambi agiranno lentamente e per un po' di tempo il maschio non mostrerà particolari attenzioni verso la femmina. Una volta terminata questa fase di rottura del ghiaccio, il Pesce Betta maschio si avvicinerà alla compagna arrivando a un contatto fisico. L'atto dell'accoppiamento durerà qualche minuto, finché la femmina non resterà incinta.

Non passerà molto tempo da quando la femmina viene fecondata a quando poserà le uova, in seguito ritireremo l'esemplare femmina dallo spazio condiviso da entrambi in quanto il maschio potrebbe diventare aggressivo.

La riproduzione dei Pesci Combattenti - L'avvicinamento e la riproduzione dei Pesci Combattenti

Prendersi cura del Pesce Combattente maschio

Il maschio collocherà le uova nel nido che ha creato e si assicurerà che non cadano, se succedesse le riporterà indietro.

Passati circa tre giorni dalla deposizione delle uova, i piccoli Pesci Combattenti saranno già in grado di nuotare, pertanto separeremo il maschio dai figli, in quanto se il pesce è affamato potrebbero convertirsi in possibili vittime. Affinché questo non succeda possiamo mettere nell'acquario delle larve di zanzara in maniera da accorgerci di quando inizia a essere affamato e quindi spostarlo in tempo.

Dopo aver separato il maschio non dobbiamo rimettere insieme il maschio e la femmina, ognuno avrà il proprio acquario/spazio personale. E ricorda: mai unire differenti sessi senza compiere previamente il processo di socializzazione.

Per la rimozione ti consigliamo di usare la mano invece di una retina, in quanto per sbaglio potresti portare via dei cuccioli senza accorgertene.

La riproduzione dei Pesci Combattenti - Prendersi cura del Pesce Combattente maschio

Adesso tocca a te

Il lavoro di entrambi i genitori è terminato, e ora tocca a te:

  • Passati tre giorni dalla separazione dei cuccioli dal padre, inizierai ad alimentarli con dei micro-vermi che possiamo trovare nei negozi specializzati. Puoi chiedere all'esperto quali sono i più indicati. Il processo durerà 12 giorni.
  • In seguito i piccoli Pesci Betta potranno alimentarsi di Artemia. Anche questo periodo sarà di 12 giorni.
  • Finita la dieta a base di Artemia inizierai a offrirgli Grindal (cibo vivo) e a partire dal ventesimo giorno potrai notare come iniziano a svilupparsi e a crescere.
  • Dopo un mese potrai spostare i piccoli Pesci Combattenti e metterli in un acquario più grande dove possono riceve la luce del sole.
  • Una volta che sono cresciuti completamente potrai osservare i primi litigi tra i maschietti che potrebbero danneggiare anche le femmine. È arrivato il momento di separarli in differenti acquari.

Se non conosci gli alimenti sopraelencati prima, puoi consultare su internet quali sono o recarti al tuo negozio di fiducia.

Finalmente hai imparato come si svolge il processo di riproduzione del Pesce Combattente! Buona fortuna e ricorda di seguire attentamente il primo passo affinché il maschio non attacchi la femmina.

Se ti è piaciuto questo articolo ti consigliamo di leggere anche come prendersi cura del Pesce Combattente.

La riproduzione dei Pesci Combattenti - Adesso tocca a te

Se desideri leggere altri articoli simili a La riproduzione dei Pesci Combattenti, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Gestazione.

Scrivi un commento su La riproduzione dei Pesci Combattenti

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

La riproduzione dei Pesci Combattenti
1 di 5
La riproduzione dei Pesci Combattenti

Torna su