Condividi

Bracco italiano

6 luglio 2018
Bracco italiano

Il Bracco italiano è un cane da caccia nostrano, originario del nord Italia, che spicca per la sua eleganza e allo stesso tempo agilità nei movimenti. Il Bracco e lo Spinone italiano sono le uniche due razze da ferma originarie del nostro paese. Se hai intenzione di prendere un Bracco italiano o ne hai appena preso uno, ti invitiamo a leggere questa scheda di AnimalPedia in cui ne parliamo nel dettaglio spiegandoti diversi dettagli come le caratteristiche fisiche, il carattere, i problemi di salute più comuni e come accudirlo.

Origine
  • Europa
  • Italia
FCI
  • Gruppo VII
Altezza
  • 15-35
  • 35-45
  • 45-55
  • 55-70
  • 70-80
  • Più di 80
Peso da adulto
  • 1-3
  • 3-10
  • 10-25
  • 25-45
  • 45-100
Speranza di vita
  • 8-10
  • 10-12
  • 12-14
  • 15-20
Attività fisica consigliata
  • Leggera
  • Media
  • Intensa
Clima ideale
Tipo di pelo

Storia del Bracco italiano

Il Bracco italiano è una razza davvero molto antica e si pensa che il suo antenato fosse il cane da corsa egizio che, con il tempo, venne incrociato con alcuni cani molossoidi, dando vita a questa nuova razza.

Venne apprezzata soprattutto nel Rinascimento dalla nobiltà e dalle persone appartenenti a classi sociali agiate. Alcuni affreschi risalenti al XIV secolo sono l’autentica testimonianza dell’antichità della razza che da sempre è stata usata principalmente per svolgere funzioni relative alla caccia. Inoltre, venne selezionato anche per sviluppare ottime capacità come cane da ferma, tanto che si tratta di un cane abile anche per attività quali il riporto. Inoltre, nel sonetto di Dante Sonar Bracchetti si fa riferimento a un cane da caccia di origine italiana, per cui possiamo pensare tranquillamente che facesse riferimento a un antenato dell’attuale Bracco italiano.

Tuttavia la razza soffrì una fase di declino e venne recuperata agli inizi del 1900 grazie ad alcuni appassionati della razza. Lo standard in Italia venne definito nel 1949 dalla Società Amatori del Bracco Italiano della città di Lodi.

Oggi è un ottimo animale da compagnia, e anche se viene ancora usato per attività come la caccia, bisogna riconoscere che in questa attività negli anni è stato sostituito da razze come Pointer e Setter. Non dimentichiamo però che il Bracco italiano è una delle razze più amate nei concorsi di bellezza cinofili grazie alla sua eleganza e portamento.

Caratteristiche fisiche del Bracco italiano

Il Bracco italiano è un cane dalle forme armoniose, proporzionate e l’aspetto vigoroso e muscoloso. Ha gli arti lunghi, muscolosi e forti, la groppa lunga, ampia e muscolosa e il torace ampio e profondo, con le costole ben marcate nella parte inferiore. Ha il muso delle stesse dimensioni del cranio e non ha uno stop pronunciato. Il tartufo è voluminoso e caratterizzato da narici ampie e ben aperte di color roseo o marroncino, dipende dal colore del manto, con il quale deve essere in armonia. Ha gli occhi in posizione semilaterale di color ocra chiaro o scuro oppure marrone, ancora una volta dipende dalla tonalità del manto. Ha uno sguardo buono e che trasmette tranquillità. Ha le orecchie di media lunghezza e infatti sono più larghe che lunghe. Sono piuttosto strette alla base e attaccate abbastanza indietro.

La coda del Bracco italiano è robusta alla radice, dritta e con il pelo corto e non deve superare il garretto. Se il cane è in movimento la tiene quasi orizzontale. Il pelo di questo cane è corto, fitto e lucido ed è più fine e raso su testa, orecchie, piedi e sulla parte anteriore delle zampe. Per quanto riguarda il colore esistono diverse varietà, ma i colori in generale sono bianco, marrone, ocra e arancio in diverse tonalità. Nel dettaglio, i colori del Bracco italiano sono:

  • Bianco
  • Bianco con macchie arancio più o meno scure
  • Bianco con macchi marroni
  • Bianco punteggiato con marrone o arancio.

Il garrese è ben definito e l’altezza in questo punto corrisponde a circa 55-67 cm. Nel dettaglio:

  • Altezza al garrese per un Bracco italiano maschio adulto: compresa tra 58 e 67 cm.
  • Altezza al garrese per un Bracco italiano femmina adulto: compresa tra 55 e 62 cm.

Per quanto riguarda il peso l’importante è che sia proporzionato all'altezza e deve essere compresa tra i 25 e i 40 kg.

Carattere del Bracco italiano

Il Bracco italiano ha un ottimo temperamento poiché si tratta di un cane docile, mansueto, affettuoso, tranquillo e leale. È proprio per tutte queste caratteristiche che si tratta di un cane facile da addestrare e predisposto a essere educato. Dato il temperamento docile e calmo e data la sua bontà, è davvero ottimo per tutti i tipi di famiglie, anche quelle in cui ci sono i bambini.

Allo stesso tempo, però, dato il suo passato in quanto cane da caccia, è molto attivo e resistente, per cui dovrà fare attività fisica per sfogarsi ed essere sempre in forma.

Prendersi cura di un Bracco italiano

Prendersi cura di un Bracco italiano non è molto difficile proprio grazie al suo carattere di cui abbiamo appena parlato. Se correttamente educato e se svolge l’attività fisica di cui ha bisogno può vivere bene anche in appartamento. A tal proposito ti suggeriamo di fargli fare un’attività fisica media, quindi oltre a portarlo a spasso dovrai farlo correre e giocare con giochi dinamici. L’andatura di questo cane è il trotto piuttosto veloce (il trotto è l’andatura caratteristica delle razze da ferma italiane, quindi del Bracco e dello Spinone) anche se nell'attività venatoria risulta più lento rispetto ad altre razze di cani da caccia. Tuttavia è molto versatile ed è adatto a svolgere tale lavoro sia in montagna che in pianura.

Si tratta di una razza molto abitudinaria, per cui cerca di stabilire una routine ben precisa per quanto riguarda gli orari dei pasti e delle passeggiate. La quantità di cibo giornaliera per un Bracco italiano dipende dall'attività fisica svolta.

Per quanto riguarda la cura del pelo non è difficile prendersi cura di un Bracco perché ha il pelo piuttosto corto, facile da pulire e mantenere in ordine e sarà sufficiente portarlo alla toelettatura solo quando strettamente necessario e non molto spesso come invece capita con le razze a pelo lungo. Tuttavia bisogna prestare attenzione alla pulizia del manto e della pelle perché tende a soffrire di dermatite o altre condizioni che intaccano la pelle e il pelo.

Educazione del Bracco italiano

Come potrai immaginare il Bracco italiano ha bisogno di addestramento ed educazione perché si tratta di un cane molto attivo e intelligente, che altrimenti rischia di annoiarsi. Inoltre, se non viene correttamente stimolato, rischia di impigrirsi, situazione che bisogna evitare assolutamente per il benessere sia fisico che psicologico del cane.

Da cucciolo dovrai iniziare a insegnargli i comandi di educazione di base per poi passare a quelli più avanzati man mano che cresce. Se sei una persona molto attiva a cui piace fare sport, questo cane è sicuramente adatto per svolgere attività come sport cinofili. Inoltre è importante socializzarlo sin da quando è cucciolo in modo che vada d’accordo con altri animali e con i bambini.

Salute del Bracco italiano

Fortunatamente il Bracco italiano non è un cane che tende ad ammalarsi molto e non ci sono malattie particolari tipiche della razza. Tuttavia bisogna prestare attenzione all'igiene e alla pulizia della pelle di questo cane perché tende a soffrire di dermatiti di diverso tipo e problemi alla pelle in generale. Infatti ha una pelle piuttosto grassa, caratteristica che predispone il Bracco a infezioni e patologie dermiche. Ricorda anche di pulirgli regolarmente gli occhi e le orecchie.

L’aspettativa di vita del Bracco italiano è di 11-13 anni, ma ricorda che per avere sempre un cane sano e felice dovrai portarlo regolarmente dal veterinario e rispettare il calendario delle vaccinazioni e l’applicazione degli antiparassitari.

Foto di Bracco italiano

Articoli correlati

Carica la foto del tuo Bracco italiano

Carica la foto del tuo animale domestico

Scrivi un commento su Bracco italiano

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuta questa razza?

Bracco italiano
1 di 5
Bracco italiano

Torna su