menu
Condividi

Curiosità sui cavalli

 
Di Nick A. Romero H., Biologo ed educatore ambientale. 24 settembre 2021
Curiosità sui cavalli

Vedi schede di Cavalli

Sono diversi gli animali che hanno avuto una stretta relazione con l'uomo per secoli, facendo parte della loro dinamica sociale. Uno di essi è il cavallo, mammifero dell'ordine Perissodactyla appartenente alla famiglia degli equidi e strettamente imparentato con le zebre e agli asini. Questi quadrupedi possiedono diversi caratteristiche che sono state sfruttate dall'uomo per l'addomesticamento. Continua a leggere questo articolo di AnimalPedia e scoprine di più sulle curiosità dei cavalli.

Potrebbe interessarti anche: Caratteristiche e curiosità sui mammiferi

Nome comune del cavallo

La parola "cavallo" deriva dal latino căballus, che significa "cavallo da fatica"[1]. Anche la parola "destriero" viene usata per riferirsi a questi animali, un termine anticamente utilizzato per i cavalli usati nei tornei e nelle battaglie[2]. Vi sono inoltre lo stallone, ovvero il maschio adulto di cavallo capace di riprodursi ed il castrone, il cavallo castrato di qualsiasi età.

D'altra parte, la femmina di questa specie è conosciuta come giumenta o cavalla e i piccoli sono solitamente chiamati puledra e puledro, a seconda che siano femmine o maschi. Inoltre, ci sono i pony, che sono una varietà caratterizzata dal non superare i 142-147 cm di altezza, essere di corporatura robusta, avere una criniera abbondante e zampe corte.

Nome scientifico del cavallo

I cavalli appartengono all'ordine Perissodactyla, alla famiglia Equidae e al genere Equus. Il nome scientifico dato loro da Linneo è Equus caballus. Il cavallo domestico (Equus ferus caballus) con l'avvento dell'addomesticamento si è distinto dal cavallo selvatico, di cui è considerato una sottospecie. I cavalli della sottospecie caballus sono tutti addomesticati, sebbene alcuni di questi vivano allo stato brado come cavalli inselvatichiti, diversi dai cavalli selvaggi che, invece, non sono mai stati addomesticati (nemmeno i progenitori).

La maggior parte dei cavalli noti oggi come "selvaggi", ad esempio i famosi mustang americani, sono in realtà cavalli inselvatichiti, fuggiti o lasciati liberi dall'uomo. La storia scritta riporta solitamente due sottospecie di cavalli mai addomesticati, il tarpan e il cavallo di Przewalski (Equus ferus przewalskii): il primo di questi è estinto, mentre riguardo al secondo si è scoperto essere un discendente inselvatichito di una specie addomesticata dal popolo Botai più di 5500 anni fa.

Curiosità sui cavalli - Nome scientifico del cavallo

Domesticazione del cavallo

Si sa che i cavalli hanno accompagnato l'essere umano per secoli e si sospetta addirittura che possano essere stati addomesticati da gruppi umani prima dell'uso del metallo. Ma questi animali, a differenza di altri animali addomesticati, non hanno subito molti cambiamenti anatomici, eccetto quelli fisiognomici, rispetto alla varietà selvatica, ciò non offre, dunque, alcuna prova su quando è iniziata la loro relazione con l'uomo.

A che velocità corre un cavallo?

Questi equini sono molto veloci, il che li ha portati ad essere utilizzati come intrattenimento nelle famose corse di cavalli. Ma è importante sapere che questa è una pratica per la quale sono addestrati. Non corrisponde ad un'attività naturale. A causa delle loro caratteristiche anatomiche, i cavalli possono raggiungere velocità di almeno 65 km/h, ma in alcuni casi anche superiori.

Curiosità sui cavalli - A che velocità corre un cavallo?

Le andature del cavallo

I cavalli possono muoversi in tre modi diversi, noti come 'andature'. Queste forme sono il passo, il trotto e il galoppo. A causa dell'addomesticamento al quale sono stati sottoposti, possono muoversi in un modo o nell'altro a seconda delle varie attività per le quali vengono utilizzati, come la corsa, l'equitazione o le mostre.

  • Il passo è un'andatura naturale e basculata, dove il cavallo poggia gli arti uno per volta, uno dopo l'altro. È un'andatura poco faticosa ma lenta. Il cavallo con questa andatura percorre da 5 a 7 km in un'ora.
  • Il trotto è una delle andature naturali del cavallo in cui l'appoggio dei bipedi è simultaneo diagonalmente (posteriore destro con l'anteriore sinistro e posteriore sinistro con l'anteriore destro).
  • Il galoppo è un'andatura in tre tempi dei quadrupedi e dei cavalli in particolare, piuttosto veloce, in cui l'animale muove prima un posteriore poi il diagonale infine l'altro anteriore.
Curiosità sui cavalli - Le andature del cavallo

I cavalli vivono in branco?

I cavalli sono animali sociali che, quando vivono in comunità selvagge, formano branchi guidati da un maschio. La maggior parte dei membri del gruppo sono giumente accompagnate dalla loro prole. I maschi alfa, a differenza degli altri, sono molto attivi, costantemente in movimento e di solito si trovano dietro il branco.

Se percepiscono una minaccia, si spostano immediatamente davanti per agire in difesa del gruppo, mordendo o prendendo a calci il potenziale aggressore. Le giumente spesso mostrano lo stesso comportamento quando si prendono cura della loro prole.

Curiosità sui cavalli - I cavalli vivono in branco?

Come dormono i cavalli?

I cavalli, curiosamente, hanno due modi di dormire: sdraiati o in piedi. Nel primo caso, si sdraiano a terra, ma non passano molto tempo così. Possono anche dormire in piedi, dato che hanno una disposizione anatomica che glielo permette. Quanto dormono i cavalli? Normalmente meno di tre ore al giorno, ma dipende se si tratta di cuccioli o di adulti:

  • I cavalli giovani dormono per un terzo del giorno (8 ore circa) con un sonno leggero.
  • I cavalli adulti entrano solo un 5% del tempo nella fase REM (1h 20m).
Curiosità sui cavalli - Come dormono i cavalli?

Dove vivono i cavalli?

Il cavallo è originario delle steppe dell'Asia minore, ma a causa dell'addomesticamento, è diffuso in tutto il mondo; tuttavia, allo stato brado sono scomparsi in alcune regioni, anche se si è cercato di reintrodurli (Australia e Stati Uniti). In Mongolia vive ancora una razza di cavalli selvatici, il cavallo di Przewalski. Questi quadrupedi si adattano a vari tipi di ecosistemi, anche se negli habitat naturali hanno una preferenza per praterie, steppe, savane, semideserti, paludi e foreste.

Razze di cavalli

Come abbiamo visto esiste una sola specie di cavallo, ma, come succede per altri animali, l'incrocio selettivo come risultato dell'addomesticamento ha portato a una grande varietà di quelle che sono conosciute come razze. Questi animali sono utilizzati per una varietà di scopi e differiscono per dimensioni, peso e colore. Anche se è difficile stabilire un numero esatto, si crede che esistano più di cento razze di cavalli, comprese le varietà di pony.

Scopri la nostra personalissima lista dei cavalli più belli del mondo.

La comunicazione dei cavalli

I cavalli percepiscono l'ambiente circostante principalmente attraverso la vista e i recettori chimici situati nelle narici e nei baffi. La comunicazione tra i membri del branco si basa sulle vocalizzazioni, in particolare il nitrito. Ma comunicano anche attraverso i movimenti del corpo, come calpestare e saltare.

Curiosità sui cavalli - La comunicazione dei cavalli

Se desideri leggere altri articoli simili a Curiosità sui cavalli, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Fonti
  1. Real Academia Española. Disponible en: https://dle.rae.es/caballo.
  2. Real Academia Española. Disponible en: https://dle.rae.es/corcel?m=form.
  3. Noticias de la Ciencia y la Tecnología (2006). «Nueva evidencia de domesticación temprana del caballo». Disponible en: http://www.amazings.com/ciencia/noticias/011206b.html.
Bibliografia
  • Clement, C. 2015. «Equus caballus». Animal Diversity Web. Disponible en: https://animaldiversity.org/accounts/Equus_caballus/.
  • Wilson, Don E. y Reeder, DeeAnn M. (eds.) (2005). «Equus caballus». Mammal Species of the World. Disponible en: https://www.departments.bucknell.edu/biology/resources/msw3/browse.asp?id=14100015.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Curiosità sui cavalli
1 di 7
Curiosità sui cavalli

Torna su