Condividi

I gatti sentono la mancanza dei loro umani?

I gatti sentono la mancanza dei loro umani?

Vedi schede di Gatti

Dei tanti miti che circolano sui gatti, forse il più noto è quello che attribuisce loro una grande indipendenza. Per questa ragione alcune persone senza scrupoli non sentono alcun rimorso quando si tratta di abbandonarli al loro destino su una qualsiasi strada, dando per scontato che potranno sopravvivere senza il sostegno umano. I gatti sono animali domestici, cioè dipendono da noi. Ecco perché, come vedremo in questo articolo di AnimalPedia, i gatti sentono la mancanza degli umani e della loro casa.

Potrebbe interessarti anche: 5 cose che i gatti odiano degli umani

I gatti riconoscono i loro umani?

I gatti sono animali di notevole intelligenza che, come i cani, si sono evoluti insieme alla specie umana. Così, pur mantenendo alcune caratteristiche, diciamo, selvatiche, che ci affascinano, hanno anche sviluppato un lato domestico dal quale si sentono legati alla loro famiglia umana. I gatti si relazionano con noi usando tutti i loro sensi e creano nella loro mente un'immagine ed elaborano i loro ricordi.

Inoltre, sono animali molto routinari e si stressano facilmente per cambiamenti che a noi sembrano insignificanti. Pertanto, i gatti riconoscono perfettamente sia la loro famiglia che il loro ambiente. Ai gatti mancheranno i loro umani e, in generale, la loro casa, in caso di separazione. Anche per questo motivo, ad esempio, sono animali che non vivono bene i traslochi o la lontananza dai propri umani, quando per esempio vanno in vacanza.

I gatti sentono mancanza dei propri umani?

I gatti sentono la mancanza dei loro umani e della loro casa a tal punto che si lasciano morire quando vengono abbandonati. Non tutti, ma una percentuale considerevole di questi animali soffre così tanto l'abbandono che viene dominata dallo stress. Smettono di bere, mangiare e finiscono per ammalarsi e morire.

Se comprendiamo l'importanza che la routine rappresenta per questa specie e abbiamo avuto l'opportunità di vedere la reazione di un gatto a una modifica del suo ambiente, come l'arrivo di un nuovo animale a casa, ci sarà facile capire lo stress che può soffrire se perde tutti i suoi punti di riferimento come la sua casa o i suoi umani, poiché i gatti, anche sa in modo diverso dai cani, stabiliscono un legame importante con il loro umano di riferimento. In una famiglia è normalmente quella figura che gli dedica più tempo, gli dà da mangiare, gioca con lui, ecc. Il gatto, invece, gli mostrerà affetto strofinandosi su di lui e facendo le fusa. Alcuni gatti arrivano di corsa alla porta non appena il loro umano arriva a casa e lo ricevono con miagolii di saluto.

I gatti sentono la mancanza dei loro umani? - I gatti sentono mancanza dei propri umani?

Quanto ci mette un gatto a dimenticare un umano?

I gatti ricordano i loro ex umani per tutta la vita. Grazie al legame stabilito e alla capacità cognitiva che manifestano, sono in grado di mantenere il ricordo della persona con cui hanno vissuto e mantenerlo per anni. . Fortunatamente, anche se non dimenticano mai la loro vecchia famiglia, molti sono in grado di accettare di prendere parte ad un altra e tornano ad essere di nuovo felici.

Anche se i gatti non dimenticano, possiamo notare che con l'età perdono le facoltà cognitive. È lo stesso inevitabile processo che interessa l'uomo quando associato all'invecchiamento. In questi casi è possibile notarli a disagio, che i loro orari di riposo e di attività sono alterati, che perdono l'appetito, che smettono di lavarsi, ecc. In ogni caso, anche se sospettiamo che i cambiamenti siano dovuti all'età, dovremo recarci dal veterinario per escludere che siano dovuti a qualche malattia.

I gatti si adattano a una nuova casa?

Come abbiamo detto, i gatti sentono la mancanza dei loro proprietari e li ricordano per tutta la vita, ma è possibile adottare un gatto adulto, anche di età avanzata e che si adatti a una nuova casa. Per questo, dovremo offrirgli quello che è noto come arricchimento ambientale,grazie al quale avrà la possibilità di svolgere le attività proprie delle specie come giocare, arrampicarsi, graffiare, cacciare, appollaiarsi in luoghi elevati da cui monitorare il suo territorio e, naturalmente, dormire e riposare. Una o due lettiere, acqua pulita e fresca e cibo di buona qualità, oltre alle sverminazioni, vaccinazioni e visite veterinarie pertinenti, sono la base per assicurargli una buona vita.

Quindi, dovremo avere pazienza, non forzare il contatto e dargli spazio per adattarsi alla sua nuova casa e stabilire un nuovo legame felino-umano con noi. All'inizio, se lo vediamo molto stressato, possiamo usare dei feromoni calmanti per cercare di tranquillizzarlo.

Se stai pensando di adottare un altro gatto non perderti anche il nostro articolo 'Inserimento di un nuovo gatto in casa'.

Se desideri leggere altri articoli simili a I gatti sentono la mancanza dei loro umani?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Morris, Desmond. (1988). Observe a su gato. Barcelona. Plaza y Janés.

Scrivi un commento su I gatti sentono la mancanza dei loro umani?

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Sua valutazione:
Enrico
Salve a tutti voi
Vi ringrazio per il vs sito e per gli articoli e/o video inerenti alle varie tematiche riguardanti i ns. "amici pelosi" che seguo anche su YouTube (ove vi ho "scoperto"). I vs servizi mi sono stati molto utili per capire meglio il ns. "peloso" salvato quando aveva circa 1 mese.
Tra i vari articoli ho letto oggi "I gatti sentono la mancanza dei loro umani? " e da subito mi è sorta una domanda nata dalla scomparsa da ormai 1 mese e 1/2 del ns Tommy: ammesso che non abbia perso tutte le sue "7 vite" si ricorderà ancora di noi?...se sì c'è una remota probabilità che ritrovi la via di casa?
Non passa giorno che guardo in giardino (o verso strada) con la speranza di vederlo correre verso di me con la coda ritta come era sua abitudine.…!
Abbiamo messo avvisi in ogni dove con la sua foto...tanti avvistamenti (tra cui un decesso a bordo strada), ma al ns accorrere sul luogo, senza sapere se fosse lui, nulla, svanito come era comparso!
Era giovane (10 mesi) ed era coccolato da tutti in special modo dalla piccola Valeria. Tutti noi sentiamo la sua mancanza e i suoi modi per contraccambiare l'affetto che riceveva: fusa di primo mattino accompagnate da piccoli bacini sul naso per svegliarci e tanti altri modi compresi i piccoli disastri: buttare a terra piccoli oggetti posti sui mobili, srotolare la carta igienica, ecc. e naturalmente a Natale scorso i suoi giochi con gli addobbi dell'albero con la mia disperazione!
He sì ci manca tanto anche a me che ormai ho i miei anni e che gli avevo promesso, sussurandogli in un orecchio, che se fosse vissuto 12 anni come il ns. precedente micio saremmo diventati anziani assieme facendoci compagnia a vicenda.
La presente l'ho scritta per avere un vs parere in merito a quanto vi ho scritto.
Scusatemi se vi ho tediato con la mia storia. Buon lavoro a tutti voi
Enrico

I gatti sentono la mancanza dei loro umani?
1 di 2
I gatti sentono la mancanza dei loro umani?

Torna su