menu
Condividi

Il bombo punge?

 
Di Nick A. Romero H., Biologo ed educatore ambientale. 24 gennaio 2023
Il bombo punge?

Tutti sanno che le vespe e le api pungono, provocando una reazione nella zona interessata che la fa apparire infiammata e dolente. Ora, se ad avvicinarsi a noi è un bombo, molto meno conosciuto degli insetti precedenti, è normale che ci si chieda se anche questi animali pungono. Esistono diversi tipi di bombi, ma tutti sono caratterizzati dall'avere l'intero corpo ricoperto di peli, caratteristica che li fa anche sembrare più voluminosi delle vespe e delle api.

Il bombo punge? In questo articolo di AnimalPedia parleremo di questo e dell'importanza di questi animali sul pianeta per evidenziare quanto sia negativo cercare di ucciderli. Continua a leggere!

Potrebbe interessarti anche: Cosa fare quando ti punge una vespa

I bombi possono pungere?

Sì, il bombo punge. Tuttavia, non è comune, perché questi animali sono solitamente molto calmi e pacifici e tendono a ricorrere al pungiglione solo quando si sentono molto minacciati. In una situazione normale, in cui niente e nessuno disturba il bombo, non punge. Pertanto, non è un insetto pericoloso e non dovremmo cercare di fargli del male in nessun caso. Se sei allergico alle punture del bombo, ti consigliamo semplicemente di starne alla larga.

Tuttavia, non tutti i bombi pungono. Solo le femmine sono dotate di pungiglione e, quindi, sono le uniche in grado di pungere. Lo stesso accade anche con api e vespe.

I bombi muoiono quando pungono?

No, i bombi pungono ma non muoiono come le api. Questo perché il loro pungiglione non si stacca o rimane incastrato nella pelle. Allora com'è una puntura del bombo? Innanzitutto è importante evidenziare che il ronzio emesso da questi animali è solitamente molto più forte di quello prodotto da api o vespe, tanto che quasi solo con questo suono possiamo identificarli. Come abbiamo detto, i bombi sono generalmente pacifici e pungono solo se si sentono molto minacciati come meccanismo di difesa. Il loro veleno è acido e, una volta iniettato attraverso il pungiglione, scatenerà infiammazione, rossore, prurito e dolore. Poiché il calabrone non lascia il pungiglione quando punge, sarà in grado di pungere di nuovo.

Differenza tra bombo maschio e femmina

Come abbiamo già detto, pungono solo i bombi femmina. Per questo motivo, è comune chiedersi come imparare a differenziare una femmina da un maschio. Pertanto, la differenza principale è che il maschio non ha un pungiglione, come abbiamo anticipato nella sezione precedente. In termini di taglia, la regina, che è l'unica femmina fertile dell'alveare, è la più grande, con una taglia di circa 20-30 mm. I maschi, cioè i fuchi, e le operaie misurano più o meno uguali, circa 17 mm.

Il bombo punge? - Differenza tra bombo maschio e femmina

Differenza tra ape e bombo

Sia i bombi che le api appartengono alla famiglia degli Apidae. I bombi del genere Bombus sono anche insetti impollinatori che si nutrono del nettare dei fiori e, a loro volta, lo raccolgono per nutrire le larve della colonia. Pertanto, i bombi sono importanti quanto le api nel nostro ecosistema e, quindi, non dovremmo mai far loro del male se uno si avvicina a noi. Se hai paura, è meglio rimanere fermi finché non decidi di andartene, oppure allontanarti con calma per non spaventarlo.

A causa delle loro somiglianze, un errore comune è confondere i bombi con le api. Per evitare ciò, menzioniamo le differenze più significative di seguito:

  • Il calabrone ha un corpo più peloso e tozzo, mentre l'ape è solitamente più piccola e magra.
  • I bombi sono sempre più calmi e tranquilli.
  • I bombi non producono abbastanza miele perché sia ​​commerciabile.
  • Le api muoiono quando pungono perché il loro pungiglione rimane conficcato nella pelle.
  • Il bombo regina attraversa un periodo di letargo sottoterra. Con l'arrivo della primavera lascia quello stato per cercare un nido e iniziare a costruire l'alveare in cui stabilirà la sua colonia. Lì deporrà le sue prime uova, che daranno vita alle prime operaie (femmine sterili). Alla fine dell'estate nasceranno le future regine e fuchi per ricominciare il ciclo.

Se vuoi ampliare le tue conoscenze sulle api, non esitare a consultare questi articoli:

Il bombo punge? - Differenza tra ape e bombo

Cosa fare in caso di puntura di bombo?

Non appena iniziano a farsi notare i primi sintomi della puntura, cioè infiammazione, arrossamento, prurito e dolore, è lavare bene la zona con acqua e sapone e applicare un impacco freddo o del ghiaccio avvolto in un panno. Una puntura di calabrone di solito non richiede farmaci. Tuttavia, se la zona è molto infiammata, è possibile assumere antinfiammatori e analgesici, sempre dietro approvazione del medico.

Allo stesso modo, per curare la puntura del bombo, esiste la possibilità di applicare su di essa pomate, creme o lozioni all'idrocortisone o alla calamina. Ancora una volta, questi trattamenti topici devono essere raccomandati dal medico o dal farmacista.

In caso di reazione allergica, è meglio recarsi presso un medico il prima possibile per ricevere un trattamento a seconda del grado di allergia. In questi casi sono comuni antistaminici, corticosteroidi e altri farmaci.

Puntura del bombo negli animali

Se il tuo cane o gatto è stato punto da un calabrone, dovresti lo stesso pulire la ferita e applicare un impacco freddo o del ghiaccio avvolto in un panno per ridurre gonfiore, prurito e dolore. Se l'animale presenta sintomi di allergia, come vertigini, difficoltà respiratorie o shock anafilattico, è necessario recarsi presso una clinica veterinaria il prima possibile in modo che possano somministrare antistaminici, corticosteroidi o il trattamento che il professionista considera migliore.

Consulta questi articoli per identificare una reazione allergica:

Se desideri leggere altri articoli simili a Il bombo punge?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
Il bombo punge?
1 di 3
Il bombo punge?

Torna su