Condividi

Parvovirosi nel cane: Rimedi casalinghi

Di Tamara Rigotti, Editrice di AnimalPedia. 21 maggio 2020
Parvovirosi nel cane: Rimedi casalinghi

Vedi schede di Cani

"Il mio cane ha la parvovirosi, cosa posso dargli? Questa è senza dubbio una delle domande più frequenti che i tutor di cani pongono ai veterinari. Purtroppo non esiste una cura per la parvovirosi che combatta direttamente il virus, ma il trattamento è volto ad alleviare i sintomi e a rafforzare il sistema immunitario. Ecco perché il tasso di mortalità per questa patologia è così alto.

Tuttavia, grazie alla diagnosi precoce, sempre più cani riescono a sopravvivere a questa malattia, quindi se il vostro cane ha la parvovirosi e vi state chiedendo se può essere salvato dovreste sapere che la risposta è sì, purché venga diagnosticato in tempo e il suo sistema immunitario sia abbastanza forte. Per rafforzare il trattamento veterinario, da AnimalPedia vi abbiamo preparato una lista di rimedi casalinghi per la parvovirosi nel cane.

Potrebbe interessarti anche: Gastrite nel gatto: rimedi casalinghi

Cos'è la parvovirosi nel cane e quali sono i suoi sintomi?

La parvovirosi canina, è una grave malattia infettiva di origine virale dei canidi, conosciuta anche come gastroenterite trasmissibile. Il virus responsabile è classificato come Parvovirus Canino Tipo 2 (CPV 2), per distinguerlo da un altro Parvovirus (CPV 1) riscontrato nelle feci del cane, senza significato patologico. Si tratta di un virus altamente resistente, capace di sopravvivere nell'ambiente fino a sei mesi, ragione principale del suo alto tasso di infezione. Colpisce principalmente i cuccioli, anche se sono suscettibili anche i cani adulti immunocompromessi o i cani non vaccinati.

Come si contagia la parvovirosi nel cane?

La parvovirosi canina si trasmette per via orale, cioè inalando o ingerendo il virus, che si trova nell'ambiente o nelle feci dei cani infetti. Una volta nel corpo, il virus si riproduce molto rapidamente, prima nelle tonsille, poi passa nel flusso sanguigno, attraverso il quale raggiunge il tessuto linfatico e l'intestino. Può anche influenzare i reni, i polmoni, il fegato o il cuore. A seconda degli organi interessati, i sintomi sviluppati sono differenti.

Sintomi della parvovirosi nel cane

Trattandosi di un virus che attacca per primo il tessuto linfatico e l'intestino, è comune che il cane presenti diarrea sanguinolenta (enterite) entro pochi giorni dall'infezione e uno stato di immunodeficienza, che si traduce in debolezza e malessere generale, a causa di un calo dei globuli bianchi. Inoltre, possono comparire i seguenti segni:

  • Vomito
  • Febbre
  • Alterazioni cardiache
  • Problemi di respirazione
  • Anoressia
  • Estrema stanchezza
  • Apatia
  • Morte improvvisa

In alcuni casi, il virus può essere asintomatico, anche se molto raramente.

D'altra parte, a causa della debolezza del sistema immunitario del cane con parvovirus, è comune che compaiano altri virus opportunistici, batteri o parassiti e, quindi, si sviluppano infezioni secondarie, soprattutto nell'intestino.

Parvovirosi nel cane: Rimedi casalinghi - Cos'è la parvovirosi nel cane e quali sono i suoi sintomi?

Come curare la parovirosi nel cane?

La parvovirosi nel cane può essere curata? Sì, il parvovirus canino può essere curato a condizione che venga diagnosticato precocemente e che il cane interessato risponda adeguatamente al trattamento. Poiché questa malattia è stata scoperta solo di recente, alla fine degli anni '70, non esiste ancora una cura definitiva per il virus. Così, il trattamento si concentra sul trattamento dei sintomi e sul rafforzamento del sistema immunitario per aiutare il corpo a combattere la malattia.

Trattamento per la parvovirosi nel cane

Il trattamento è volto a combattere la disidratazione, che è la principale causa di morte, oltre che alla sostituzione dei fluidi. Non appena vengono rilevati i primi sintomi è meglio recarsi dal veterinario così da ricoverare il cane o il cucciolo, se la diagnosi di parvovirosi è confermata, e iniziare il trattamento con la terapia dei fluidi e, se necessario, le trasfusioni di sangue.

In generale vengono somministrati antiemetici e antiacidi ai pazienti in caso di vomito. Inoltre, se si sono sviluppate infezioni batteriche o virali secondarie, verranno somministrati antibiotici per combatterle.

Se il cane risponde adeguatamente al trattamento, il suo sistema immunitario si rafforzerà e combatterà la malattia fino a superarla. Purtroppo, molti cani non riescono a superare la malattia perché, come detto nel precedente paragrafo, di solito colpisce i cuccioli sotto i sei mesi, i cani anziani o immunocompromessi.

Come idratare un cane con parvovirosi?

La disidratazione che il virus produce nei cani, a causa della perdita di liquidi per diarrea e/o vomito, provoca uno squilibrio elettrolitico, con conseguente perdita significativa di sodio e potassio. La sostituzione di questi elettroliti (sali minerali) il più presto possibile è una delle chiavi per curare la pravovirosi nel cane. Allo stesso modo, a causa della sintomatologia sviluppata, c'è anche un calo di glucosio nel sangue che deve essere riparato.

In condizioni normali, quando il cane soffre di una malattia come questa, molto probabilmente non vorrà bere o mangiare nulla. Quindi è meglio chiedere al veterinario di fornirvi una flebo. Lo specialista vi consiglierà il dosaggio e la frequenza di somministrazione.

Rimedi casalinghi per idratare un cane con parvovirosi

Se per qualsiasi motivo non avete la possibilità di acquistare la flebo del siero, potete preparare un siero fatto in casa per sostituire i sali minerali e il glucosio perduti. Non è la soluzione migliore, ma è un rimedio casalingo per la parvovirosi nel cane che può aiutare a combattere la disidratazione nei cuccioli e negli adulti.

Gli ingredienti per questo siero sono i seguenti:

  • 1 litro di acqua minerale
  • 1 cucchiaino di sale
  • 3 cucchiai di zucchero
  • mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • succo di mezzo limone

Una volta pronti gli ingredienti, bisogna far bollire l'acqua e toglierla dal fuoco quando ha raggiunto la prima ebollizione. Quindi, versarlo in un contenitore preferibilmente di vetro, mai di plastica, aggiungere il resto degli ingredienti e mescolare. Lascia raffreddare.

Il cane dovrebbe bere questo siero, poiché non è adatto alla somministrazione per via endovenosa. Se non vuole bere da solo, usa una siringa senza ago, mettigliela delicatamente in bocca da uno dei lati e, poco a poco, introduci il liquido. Il siero domestico ha una durata di 24 ore, quindi sarà necessario prepararne uno nuovo dopo questo tempo.

Offrire al vostro cane o cucciolo con parvovirosi una bacinella di acqua fresca, un gelato naturale o una bevanda isotonica per cani può aiutare a mantenerlo idratato e quindi a sostituire gli elettroliti persi. Soprattutto quando la malattia non è molto avanzata, i cani prediligono assumere questo tipo di rimedio rispetto al siero precedente.

Parvovirosi nel cane: Rimedi casalinghi - Come idratare un cane con parvovirosi?

Cosa fare con un cane con parvovirosi che non vuole mangiare?

Non appena il virus inizia a riprodursi e il cane mostra i primi sintomi, è comune che smetta di mangiare, a causa del disagio generale che prova. I veterinari di solito raccomandano di non somministrare cibo per le prime 24-48 ore, in quanto questo è il momento in cui il virus fa più danni, soprattutto all'apparato digerente. Una volta terminata questa fase, si può iniziare ad alimentare gradualmente l'animale, in modo progressivo per non danneggiare la mucosa intestinale.

Alcuni casi di pazienti che hanno superato con successo la malattia hanno dimostrato che i cani affetti dal virus che sono stati alimentati sperimentano un recupero molto più rapido della mucosa intestinale danneggiata. Per questo motivo, insieme all'idratazione, il cibo è il miglior rimedio casalingo per la parvovirosi nel cane. Ma che tipo di cibo è consigliato?

Dieta per cani con parvovirosi

Per aiutare il vostro cane a combattere la malattia è consigliabile stabilire una dieta leggera, facile da digerire, povera di proteine e di grassi. Quindi, se vi state chiedendo cosa dare a un cane con parvovirosi, ecco cosa dovreste fare:

  • Brodo di pollo fatto in casa, ben filtrato. Questo non solo lo terrà nutrito, ma lo idraterà.
  • Pollo cotto tritato. Poiché il cane sarà molto debole, potrebbe essere necessario dargli il cibo con la mano.
  • Riso bianco bollito. Può essere mescolato con pollo cotto.
  • Verdure facilmente digeribili, come carote, zucca o patate.
  • Pesce bollito, tritato e, naturalmente, pesce bianco disossato.

Dopo le prime 24 ore, si può iniziare a dare al cane o al cucciolo con parvovirosi il brodo di pollo, con l'aiuto di una siringa senza ago nel caso in cui non lo voglia bere da solo. Dopo 48 ore, si dovrebbe iniziare la dieta solida a poco a poco e senza forzare troppo l'animale. Se il vostro cane con parvovirosi non vuole mangiare, provate a dargli prima il pollo, che di solito gli piace molto, e a introdurre gradualmente gli altri alimenti. Anche il cibo in scatola funziona di solito.

Come dare da mangiare a un cane con parvovirosi?

Poco a poco. E' molto meglio fare più pasti al giorno e di piccole porzioni. Man mano che l'animale migliora, il numero di pasti può essere ridotto e la quantità può aumentata.

Se il vostro cane non vuole mangiare nonostante tutti i vostri sforzi, è essenziale recarsi dal veterinario per la nutrizione parenterale, cioè per via endovenosa.

Altri rimedi casalinghi per la parvovirosi nel cane

Oltre a reintegrare i liquidi perduti e a garantire che il cane mangi dopo le ore più critiche, si possono usare altri rimedi per combattere le infezioni, sia quelle causate dal virus che quelle causate dai batteri opportunistici.

Argento colloidale per la parvovirosi nel cane

L'argento colloidale è un antisettico naturale, quindi aiuta a combattere qualsiasi tipo di infezione causata da virus o batteri. Sottolineiamo ancora una volta che non è la soluzione definitiva, è un rimedio che deve essere somministrato a complemento del trattamento veterinario.

La sua versione liquida può essere somministrata non diluita o diluita in acqua. Per quanto riguarda la dose di argento colloidale, essa dipenderà dall'età del cane, dal suo peso e dal livello di concentrazione o di purezza del prodotto. Pertanto, è meglio, come sempre, consultare un veterinario per evitare di somministrare la dose sbagliata, che potrebbe essere fatale per l'animale.

Aceto di mele per parvovirosi nel cane

Anche questo tipo di aceto è un potente antisettico naturale, quindi è comunemente usato per combattere le infezioni virali, batteriche o fungine. Può essere diluito in acqua e dato al cane malato con una siringa.

Oltre ad essere ottimo contro le infezioni, l'aceto di mele aiuta a ripristinare i danni all'apparato digerente. Scopri tutti i benefici dell'aceto di mele per cani in questo articolo.

Aromaterapia per la parvovirosi del cane

L'aromaterapia non è di per sé una cura per la parvovirosi del cane, ma fornisce un ambiente più rilassato e tranquillo per l'animale. Nel trattamento di qualsiasi malattia a questo livello, è essenziale che il paziente si senta il più a suo agio e tranquillo possibile per mantenere un sistema immunitario forte. Uno stato di stress o di ansia causato da un ambiente inadeguato non farà che aggravare la situazione. Per questo motivo, il ricorso all'aromaterapia può essere una buona opzione, purché si garantisca che gli oli essenziali non vengano ingeriti dall'animale o che non gli stiano troppo vicini, poiché hanno un olfatto molto sviluppato e potrebbe infastidirli.

Allo stesso modo, una cuccia comoda e, soprattutto, tenere il cane al caldo aumenterà il suo comfort e lo farà sentire meglio.

Amore e pazienza

Infine, finiamo la lista dei rimedi casalinghi per la parvovirosi nei cuccioli o nei cani adulti con le basi, l'amore e la pazienza. Non tutti i cani si riprendono rapidamente, quindi è fondamentale essere pazienti e seguire alla lettera il trattamento veterinario, che può essere integrato con i rimedi descritti nel nostro articolo. Se notate un'anomalia o dei segnali di avvertimento, non esitate a consultare uno specialista, poiché la parvovirosi è una malattia grave che deve essere curata.

Parvovirosi nel cane: Rimedi casalinghi - Altri rimedi casalinghi per la parvovirosi nel cane

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Parvovirosi nel cane: Rimedi casalinghi, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Rimedi casalinghi.

Bibliografia
  • Axón Veterinaria. Parvovirus Canino. Disponible en: http://axonveterinaria.net/web_axoncomunicacion/auxiliarveterinario/13/13-Parvovirus.pdf.
  • Ziegler, J. (2018). El libro negro de los veterinarios. La medicina que enferma a los animales. Editorial: Macro.
  • Libros Cúpula. (2018). Remedios caseros para perros y gatos. Más de 1000 soluciones para los problemas de tu mascota.
  • García, I. (2007). Manejo clínico de la parvovirosis canina en urgencias. Revista Complutense de Ciencias Veterinarias, 1 (2).
  • Worwood, V. A. (2018). Aceite Esenciales y Aromaterapia. Madrid: Gaia Ediciones.

Scrivi un commento su Parvovirosi nel cane: Rimedi casalinghi

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
1 commento
Sua valutazione:
Anna Maria Cesina
La mia Bibi, quando è arrivata a casa aveva poco più di due mesi (regalo di mia figlia) e, poco tempo dopo si ammalò di gastroenterite Curata dal veterinario con antibiotico, sembrava guarita. Invece la malattia si presentò ancora. Nuovamente curata, era innapettente. Risolsi con i biscotti. Dopo 13 anni e'un po' ingrassata, ma e'stata sempre bene. ,

Parvovirosi nel cane: Rimedi casalinghi
1 di 4
Parvovirosi nel cane: Rimedi casalinghi

Torna su