Condividi

Perché i cani proteggono i bambini?

 
Di Cecilia Natale, Traduttrice e copywriter di AnimalPedia. 28 aprile 2017
Perché i cani proteggono i bambini?

Vedi schede di Cani

Si dice che il cane sia il migliore amico dell'uomo: infatti se a un cane viene dato affetto e viene educato bene, il legame affettivo che stabilisce con la propria famiglia, compresi bambini e neonati, è molto forte.

Per alcuni cani, tale legame è talmente forte da sviluppare un istinto di protezione nei confronti della famiglia, per cui tendono a proteggerla sempre, arrivando persino a comportarsi in maniera aggressiva di fronte a qualcuno o qualcosa che considerano come una potenziale minaccia. Se vuoi sapere perché i cani proteggono i bambini, leggi questo articolo di AnimalPedia in cui analizziamo questo comportamento dei nostri amici a quattro zampe.

Potrebbe interessarti anche: Perché i cani attaccano i bambini?

L'istinto di protezione nei cani

Anche se il cane vive da secoli insieme all'uomo, non ha perso del tutto i suoi istinti da animale non domestico. Infatti continua a conservare uno dei comportamenti propri della specie, soprattutto per quanto riguarda la sopravvivenza e il prendersi cura del branco.

In una famiglia in cui ci sono bambini o neonati, il cane sentirà l'istinto di proteggerli da eventuali sconosciuti (persone o animali) che cercano di avvicinarsi. Ciò, ovviamente, succede se si lascia che il cane e il bambino giochino e interagiscano fra loro.

Tutti i cani sono capaci di manifestare questo istinto di protezione nei confronti di bambini più o meno piccoli, anche se è ancora più evidente in cani che sono stati addestrati alla difesa, come Pastore Tedesco, il Rottweiler o il Dobermann.

Perché i cani proteggono i bambini? - L'istinto di protezione nei cani

Il cane e il senso di appartenenza al branco

Alcuni ricercatori affermano che il cane vede la famiglia umana come il suo branco, mentre secondo altri i cani, invece di percepire gli umani come loro pari, li vedono come un gruppo sociale a cui appartengono.

Da questo gruppo sociale ricevono affetto, cibo e attenzioni, per questo motivo di fronte a eventuali minacce il cane sente la necessità di proteggere i membri che ne fanno parte per ripagarli di tutto ciò che gli danno e per assicurare la propria sopravvivenza.

L'istinto di protezione è ancora più forte se i più piccoli di casa sono in pericolo. Il cane è capace di capire che sono gli esseri più inoffensivi, indifesi e che dipendono dal gruppo, per cui hanno bisogno dell'aiuto degli altri (compreso il cane) per stare bene. Inoltre, i cani sono capaci di percepire i cambiamenti ormonali negli esseri umani, per cui riescono a notare se una persone vuole fargli del male, è nervosa o ansiosa, ad esempio.

Per questo, se porti al parco il piccolo insieme al cane, quest'ultimo sarà sempre all'erta e presterà attenzione a tutto ciò che succede. Può comportarsi allo stesso modo anche dentro casa, per esempio se viene a trovarti qualcuno che non conosce. Sono molte le persone, grandi e bambini, che sono state salvate dal proprio cane in situazioni di pericolo.

Nel caso dei neonati, i cani tendono a voler dormire vicino a loro, per esempio mettendosi sotto la culla o fuori dalla porta dove riposa.

Rafforzare il legame fra bambino e cane

Costruire e fomentare una buona relazione fra cane e bambini di casa, compresi i neonati, è fondamentale sia per stimolare l'istinto di protezione del cane che per godere di una buona convivenza fra tutti i membri della famiglia.

Sia se il cane è presente prima dell'arrivo del bebè, sia che tu decida di prenderne uno dopo la nascita di tuo figlio, dovrai stimolare una buona relazione fra loro, per esempio premiando i comportamenti positivi dell'animale e lasciando che giochino e si conoscano, sempre sotto la tua supervisione. Non è necessario usare premi come bocconcini o wurstel, basteranno anche carezze e complimenti, in modo che il cane capisca che il bebé è qualcosa di positivo e che il modo per stargli vicino è stando tranquillo.

Man mano che il bambino cresce e inizia a gattonare e camminare, vorrà passare più tempo con il cane e proverà a fare cosa come tirargli le orecchie o la coda: sin da questo momento dovrai insegnargli che non è il modo in cui deve trattare il cane. In caso di bambini molto piccoli, la responsabilità di proteggere sia il bebè che il cane è interamente tua.

Ricorda di non rimproverare il cane di fronte al bambino o dopo che ha fatto qualcosa con lui perché potrebbe associare la presenza del piccolo al castigo, portandolo a pensare che sia un elemento negativo.

Con gli anni il bambino crescerà e potrà aiutarti a prenderti cura del cane e imparerà anche il senso di responsabilità che ne deriva. Il cane e il bambino continueranno ad essere grandi amici, perché l'amore che i compagni a quattro zampe ai bambini è incondizionato.

Perché i cani proteggono i bambini? - Rafforzare il legame fra bambino e cane

Se desideri leggere altri articoli simili a Perché i cani proteggono i bambini?, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Consigli
  • Nel caso di problemi gravi fra cane e bebè, rivolgiti a un professionista del comportamento canino.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Perché i cani proteggono i bambini?
1 di 3
Perché i cani proteggono i bambini?

Torna su