Condividi

Pesci che respirano fuori dall'acqua

 
Di Cecilia Natale, Traduttrice e copywriter di AnimalPedia. Aggiornato: 10 luglio 2017
Pesci che respirano fuori dall'acqua

Quando si parla di pesci, nell'immaginario collettivo hanno le branchie e vivono in acqua. sapevi che esistono specie capaci di respirare fuori dall'acqua? Grazie a degli organi specifici, alcuni pesci sono capaci di sopravvivere in ambienti non acquatici per ore, giorni o tempo indefinito.

La natura è affascinante, tanto che alcuni pesci hanno modificato il loro corpo per poter sopravvivere, spostarsi da un luogo all'altro senza necessariamente trovarsi in acqua e respirare sulla terra. Leggi questo articolo di AnimalPedia per scoprire quali sono i pesci che respirano fuori dall'acqua.

Saltatore del fango

I saltatori del fango, o saltafango o periophthalmus, sono dei pesci che respirano fuori dall'acqua. Vivono in regioni tropicali e subtropicali, comprese tutte le zone degli oceani Indiano e Pacifico e dell'Atlantico africano. Possono respirare fuori dall'acqua solo in condizioni di umidità estrema, come le zone paludose e fangose, da cui prendono il nome.

Oltre ad avere branchie per respirare dentro l'acqua, sono dotati anche di un sistema respirazione attraverso la pelle, le mucose e la faringe che gli permette di respirare anche fuori. Hanno anche delle camere bronchiali attraverso le quali accumulano ossigeno che poi usano in ambienti non acquatici.

Pesci che respirano fuori dall'acqua - Saltatore del fango

Anabas testudineus

Si tratta di un pesce d'acqua dolce originario dell'Asia che può raggiungere i 25 cm di lunghezza, ma ciò che lo rende unico è che è capace di sopravvivere fuori dall'acqua fino a 6 giorni in ambienti umidi. Nelle stagioni di siccità, scavano nei letti asciutti dei fiumi alla ricerca di umidità per sopravvivere. Quest pesci possono sopravvivere fuori dall'acqua grazie al cosiddetto organo del labirinto che hanno nel cranio.

Quando i corsi d'acqua in cui vivono si asciugano, devono cercare un posto nuovo in cui vivere e per questo motivo si spostano anche sulla terra asciutta. Hanno il ventre leggermente piatto grazie al quale si appoggiano sulla terra quando devono "camminare" e si spingono con le pinne alla ricerca di un luogo nuovo in cui vivere.

Pesci che respirano fuori dall'acqua - Anabas testudineus

Testa di serpente settentrionale

Questo pesce, il cui nome scientifico è Channa Argus, è originaria della Cina, della Russia e della Corea. Ha un organo soprabranchiale e un'aorta ventrale biforcata che gli permette di respirare sia fuori che dentro l'acqua. Grazie ad essi può sopravvivere per vari giorni fuori dall'acqua in ambienti umidi. Prende il nome di testa di serpente per la forma della testa, leggermente schiacciata.

Pesci che respirano fuori dall'acqua - Testa di serpente settentrionale

Bichir del Senegal

Questo pesce, chiamato anche Bichir grigio o Bichir di Cuvier, è un altro dei pesci capaci di respirare fuori dall'acqua. Possono raggiungere i 35 centimetri di lunghezza e riescono a spingersi sulla terra grazie a delle pinne pettorali. Sono in grado di respirare fuori dall'acqua grazie a dei polmoni primitivi al posto di una vescica natatoria, aspetto che permette loro di vivere in ambienti non acquatici a tempo indefinito.

Pesci che respirano fuori dall'acqua - Bichir del Senegal

Se ti interessano articoli di questo tipo con tante curiosità sul mondo marino, ti consigliamo di consultare i seguenti articoli per scoprire tante altre notizie: Animali marini preistorici e i 5 animali marini più pericolosi del mondo.

Se desideri leggere altri articoli simili a Pesci che respirano fuori dall'acqua, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Pesci che respirano fuori dall'acqua
1 di 5
Pesci che respirano fuori dall'acqua

Torna su