menu
Condividi

Rinoceronti: Tipi e caratteristiche

 
Di Nick A. Romero H., Biologo ed educatore ambientale. 3 marzo 2021
Rinoceronti: Tipi e caratteristiche

Vedi schede di Rinoceronti

I rinoceronti appartengono al gruppo dei mammiferi più grandi della Terra, e generalmente sorpassano la tonnellata di peso. Anche si vi sono alcune differenze tra specie, i rinoceronti sono dotati di una pelle spessa e dura come un'armatura, che, insieme alla presenza di uno o due corna, conferisce loro un'aspetto particolare. Sono animali abbastanza solitari e territoriali, e si riuniscono solo per riprodursi oppure fino a che la femmina non ha cresciuto i suoi cuccioli fino all'indipendenza.

Nonostante la sua grande forza ed il fatto che queste specie non sono socievoli (rispondono in maniera aggressiva a qualsiasi tipo di contatto), i rinoceronti sono una specie notevolmente minacciata, fino ad arrivare all'estinzione in alcune regioni. Per sapere di più su questi grandi animali vi invitiamo a leggere questo articolo di AnimalPedia, in cui troverete informazioni sui vari tipi di rinoceronti e le loro caratteristiche.

Potrebbe interessarti anche: Focena: Caratteristiche, tipi e habitat

Caratteristiche dei rinoceronti

Anche se ciascuna specie di rinoceronte possiede caratteristiche particolari che permette di stabilirne le differenze, esistono alcune peculiarità comuni tra i diversi gruppi, che andiamo ad elencare:

  • Classificazione: i rinoceronti appartengono all'ordine dei Perissodattili, sotto-ordine Ceratomorfi e alla famiglia Rhinocerotidae.
  • Dita: essendo una specie perissodattile, posseggono un numero impari di dita, in questo caso tre, in cui il dito centrale è il più sviluppato e serve come appoggio principale. Tutte le dita terminano con degli zoccoli.
  • Peso: i rinoceronti raggiungono una massa corporea ragguardevole, infatti possono pesare come minimo una tonnellata. Quando nascono pesano tra i 40 ed i 65 kg.
  • Pelle: sono dotati di una pelle spessa, formata da un insieme di tessuti o strati di collagene che, in totale, arrivano a misurare circa 5 cm di spessore.
  • Corno: il corno dei rinoceronti non è un'estensione del loro cranio, quindi è privo di un insieme di ossa saldate. Al contrario è formato da un tessuto fibroso di cheratina, che cresce a seconda del sesso e dell'età dell'animale.
  • Vista: hanno una pessimo senso della vista, mentre l'olfatto e l'udito sono molto sviluppati e li utilizzano di più.
  • Apparato digerente: hanno un apparato digerente basico, semplice, non suddiviso in camere. Quindi la loro digestione avviene in modo post-gastrico all'interno dell'intestino crasso e nel cieco.

Alimentazione dei rinoceronti

L'alimentazione dei rinoceronti si basa esclusivamente di piante, per cui sono animali erbivori, che devono ingerire alti contenuti di materia vegetale per poter sostentare i loro grandi corpi. Ogni specie di rinoceronte ha una preferenza quanto al suo consumo vegetale. Alcuni arrivano addirittura a sradicare alberi per poter consumare le foglie più giovani e verdi che stanno in cima.

Il rinoceronte bianco, ad esempio, è ghiotto di erbe e piante legnose, foglie, radici e, nel caso ci fossero, piccole piante legnose. Viceversa, il rinoceronte nero si alimenta principalmente di arbusti, foglie, e rami bassi degli alberi. Dal canto suo, il rinoceronte indiano si ciba di erbe, foglie, rami degli alberi, piante agli argini dei fiumi, frutta ed anche alcune coltivazioni.

Il rinoceronte di Giava è in grado di abbattere alberi per sfamarsi dei germogli più giovani e teneri, e inoltre si alimenta di una grande varietà di piante, grazie alla disponibilità delle stesse nel suo habitat. Può mangiare anche frutti caduti dagli alberi. Quanto al rinoceronte di Sumatra, basa la sua dieta su foglie, rami, cortecce d'albero, semi ed alberelli.

Rinoceronti: Tipi e caratteristiche - Alimentazione dei rinoceronti

Habitat dei rinoceronti

Ciascuna specie di rinoceronte vive in un habitat particolare e specifico che dipende dalla regione o dal paese in cui si trova. Questi animali infatti possono vivere sia in climi secchi che in climi tropicali. Ad esempio, il rinoceronte bianco che si distribuisce sia nella parte settentrionale che in quella meridionale dell'Africa, si distribuisce in zone principalmente di savana arida, o anche di savana boscosa. Anche il rinoceronte nero vive in Africa, anche se la sua popolazione si è molto ridotta e probabilmente si è estinto in paesi come la Tanzania, lo Zambia, lo Zimbabwe e il Mozambico, e gli ecosistemi dove è solito vivere sono di solito zone aride o semi-aride.

Per quel che riguarda il rinoceronte indiano, esso era maggiormente distribuito in passato anche in altri paesi limitrofi come il Pakistan e la Cina. Tuttavia a causa della presenza umana e della distruzione dell'habitat, oggi limita la sua presenza a zone di praterie e boschi in Nepal, Assam e in India, oltre alle colline più basse della pre-Himalaya.

Il rinoceronte di Giava invece, abita le selve tropicali delle terre basse, pianure alluvionali che hanno molto fango e pascoli alti. Anche se in passato questa specie era estesa per tutta l'Asia, oggi la sua esigua popolazione si limita all'isola di Giava. Dal canto suo il rinoceronte di Sumatra, anch'esso con una popolazione ridotta all'osso (300 esemplari circa), si ubica di preferenza nelle zone montagnose di Malacca, Sumatra e del Borneo.

Rinoceronte bianco

Durante la lunga storia del nostro pianeta sono vissute un'ampia varietà di specie di rinoceronti, tuttavia, oggi la maggior parte si sono estinti a causa dell'uomo. Ora, ne rimangono solo cinque specie diverse. Andiamo a conoscerle nel dettaglio.

Rinoceronte blanco

Il rinoceronte bianco (Ceratotherium simun) appartiene al genere Ceratotherium ed è una delle specie più grandi, raggiungendo i 4 metri di lunghezza ed i 2 di altezza e potendo pesare anche 4 tonnellate.

Il suo colore tipico è il grigio chiaro e la presenza di due corna. La bocca è piatta ed è formato da labbra larghe e spesse, adatte ad ingerire grandi quantità di vegetazione della savana.

Se ne conoscono due sotto-specie: il rinoceronte bianco del Nord (Ceratotherium simum cottoni) e quello del sud (Ceratotherium simum simum), tuttavia la prima sottospecie è praticamente estinta. In generale il rinoceronte bianco si trova nella categoria 'minaccia lieve', mentre in passato a causa della caccia indiscriminata per poter ottenere il suo corno (per presunti usi medicinali ed afrodisiaci) era nella categoria 'quasi estinto'.

Rinoceronti: Tipi e caratteristiche - Rinoceronte bianco

Rinoceronte nero

Il rinoceronte nero (Diceros bicornis) è una specie appartenente al genere Dicero. Anch'esso è autoctono della savana africana, ma la sua colorazione è di un grigio più scuro ed le sue dimensioni sono inferiori di quelle del bianco. La sua bocca prensile ha forma di becco, ed è adattata per cibarsi direttamente di foglie e rami degli arbusti. Di solito misurano un metro e mezzo d'altezza e più di 3 metri di lunghezza, hanno un peso approssimato di 1500 kg.

Non vi è unanimità circa il numero di sottospecie, in alcuni casi se ne considerano 4, ma si può arrivare fino a 8. In ogni modo molte di esse si sono già estinte prima che si sia deciso. Il rinoceronte nero è catalogato come in 'pericolo critico di estinzione'.

Rinoceronti: Tipi e caratteristiche - Rinoceronte nero

Rinoceronte indiano

Il rinoceronte indiano (Rhinoceros unicornis) appartiene al genere Rhinoceros, misura più di 3 metri di lunghezza e due di altezza. Possiede un solo corno. La sua pelle è di un colore marrone argentato e le pieghe del suo corpo sembrano quasi una corazza che ne protegge il corpo.

Un aspetto distintivo di questo rinoceronte è la sua capacità di nuotare, visto che trascorre molto più tempo n acqua degli altri suoi simili. Viene considerato in uno stato 'vulnerabile', poiché è vittima della caccia per utilizzare il suo corno in rituali popolari o per creare oggetti come pugnali.

Rinoceronti: Tipi e caratteristiche - Rinoceronte indiano

Rinoceronte di Giava

Il rinoceronte di Giava (Rhinoceros sondaicus) appartiene al genere Rhinoceros, ed è stato catalogato come specie 'a minaccia grave'. Di fatto i pochi esemplari rimasti si trovano nella zona protetta dell'isola.

Misurano poco più di tre metri di lunghezza e quasi due metri d'altezza. Pesano circa 2 tonnellate. I maschi posseggono un corno solo mentre le femmine presentano una piccola protuberanza. La loro colorazione è molto simile a quello del rinoceronte indiano, ma meno intensa.

Rinoceronti: Tipi e caratteristiche - Rinoceronte di Giava

Rinoceronte di Sumatra

Il rinoceronte di Sumatra (Dicerorhinus sumatrensis) è la specie di rinoceronte più piccola che esista ed il loro genero è quello dei Dicerorhinus, ed è la specie che presenta caratteristiche più primitive di tutte le altre.

Possiede due corni e più pelo degli altri. I maschi sono lunghi poco più dio un metro, le femmine un po' meno, il loro peso medio è di 800 kg. Il bracconaggio intenso ha portato questa specie ad essere 'criticamente minacciata'. Anche la medicina tradizionale ritiene che le corna guariscano varie malattie, per cui il commercio illegale è diffuso.

Rinoceronti: Tipi e caratteristiche - Rinoceronte di Sumatra

Stato di conservazione del rinoceronte

Come abbiamo potuto vedere, purtroppo, tutte le specie di rinoceronte sono, chi più chi meno, a rischio di estinzione. La loro sopravvivenza dipende dall'aumento e dal rispetto di misure di conservazione e ripopolamento di questi animali; viceversa in pochi anni tutte le specie di rinoceronte potrebbero estinguersi.

E' necessario rivedere il folklore e le credenze popolari e superstiziose, poiché oltre ad essere una forma di espressione culturale, sono anche forme di ignoranza che minacciano la sussistenza di questi grandi animali. Si tratta di un lavoro che devono assumersi coloro che legiferano nei vari paesi e che si preoccupano di fare rispettare le leggi nelle diverse regioni del nostro Pianeta.

Se desideri leggere altri articoli simili a Rinoceronti: Tipi e caratteristiche, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Bibliografia
  • Nowell, K. (2012). Comercio y conservación de especies. Rinocerontes. Evaluación del cuerno de rinoceronte como medicamento tradicional. Informe preparado para la Secretaría de la CITES. Disponible: https://cites.org/sites/default/files/esp/com/sc/62/S62-47-02-A.pdf
  • WWF. (2004). Hoja de datos. Rinoceronte blanco, Ceratotherium simum. 13era reunión de la conferencia de partes de CITES, Bangkok Disponible en: https://wwfeu.awsassets.panda.org/downloads/cop13whiterhinofactsheetspanish.pdf
  • WWF. (2004). Hoja de datos. Rinoceronte negro, Diceros bicornis. 13era reunión de la conferencia de partes de CITES, Bangkok. Disponible en: https://wwfeu.awsassets.panda.org/downloads/cop13blackrhinofactsheetspanish.Pdf
  • WWWF. (2021). Todo lo que debes saber sobre los rinocerontes. Disponible en: https://www.worldwildlife.org/descubre-wwf/historias/todo-lo-que-debes-saber-sobre-los-rinocerontes

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Rinoceronti: Tipi e caratteristiche
1 di 7
Rinoceronti: Tipi e caratteristiche

Torna su