Condividi

Sterilizzazione del cane: benefici, costo e convalescenza

 
Di María Besteiros. Aggiornato: 18 giugno 2019
Sterilizzazione del cane: benefici, costo e convalescenza

Vedi schede di Cani

In questo articolo di AnimalPedia parleremo della sterilizzazione del cane, maschio e femmina. Si tratta di un intervento di routine nelle cliniche di animali domestici, che viene realizzato sempre con più spesso. Ciononostante è un intervento chirurgico che continua a suscitare dubbi nei tutori. Castrare un cane impedisce la sua riproduzione, ed è perciò un'operazione molto importante per evitare che un gran numero di animali soffrano l'abbandono.

Potrebbe interessarti anche: Sterilizzazione gatto: costo e convalescenza

Sterilizzazione cane: sì o no?

La sterilizzazione dei cani, anche se è un intervento frequente, continua ad essere controversa per alcuni tutori, specialmente nel caso dei cani maschi. Poiché non partoriscono e l'intervento consiste nell'esportazione dei testicoli, non sono poche le persone che si mostrano reticenti. La sterilizzazione in questo caso viene vista solo come un controllo della riproduzione, ragione per la quale alcuni tutori non la considerano necessaria o opportuna per i propri cani, dal momento che non vagabonderanno incustoditi per le strade. Ma la sterilizzazione ha un'importanza al di là di queste considerazioni.

La raccomandazione attutale è quella di sterilizzare prima del primo anno di vita, indipendentemente dal fatto che il cane viva in un edificio dove abbia la possibilità di scappare o in un appartamento in centro. Sterilizzare il cane, fa parte, infatti di un possesso responsabile, sia per evitare che la popolazione canina continui a crescere incontrollata, sia che ne ottenga benefici per quanto riguarda la sua salute.

L'operazione è semplice e consiste nel realizzare una piccola incisione, sul cane anestetizzato, attraverso la quale si estraggono entrambi i testicoli. Una volta che si sarà svegliato completamente potrà tornare a casa e fare vita normale.

Sterilizzazione cane femmina: sì o no?

La sterilizzazione di cani femmina è un intervento chirurgico più diffuso di quello dei maschi, poiché vanno in calore un paio di volte all'anno e possono rimanere incinta, con la conseguente nascita dei cuccioli, di cui dovremo poi prenderci cura. Le cagnoline vengono sterilizzate per evitare che si riproducano e per i benefici che comporta l'operazione. Per questa ragione la sterilizzazione del cane femmina è consigliata. Se volessimo dedicarci all'allevamento dobbiamo sapere, inoltre, che dovremo specializzarci come allevatori.

L'operazione consiste generalmente nella rimozione dell'utero e delle ovaie attraverso un'incisione nell'addome. La tendenza dei veterinari è quella di ricorrere alla sterilizzazione mediante laparoscopia, ciò significa che la chirurgia evolve affinché le incisioni siano sempre più piccole, per far sì che la cicatrizzazione sia più facile ed evitare così complicazioni. Anche se per la sterilizzazione del cane femmina vi è necessità di aprire la cavità addominale, una volta risvegliata dall'anestesia la nostra cagnolina potrà tornare a casa e fare, praticamente, vita normale.

È consigliato sterilizzarle prima del loro primo calore e dopo che si siano sviluppate fisicamente, intorno ai 6 mesi di vita, anche se l'età potrebbe variare in base alla razza.

Sterilizzazione del cane: benefici, costo e convalescenza - Sterilizzazione cane femmina: sì o no?

Sterilizzazione cane: post operatorio

Abbiamo già visto come viene effettuata la sterilizzazione nei cani e sappiamo che il post operatorio ha luogo in casa. In genere, il medico inietterà un antibiotico con l'obbiettivo di evitare le infezioni batteriche e ci indicherà un analgesico affinché il cane non senta dolore durante i primi giorni. Il nostro compito sarà quello di fare attenzione che la ferita non si apra e non si infetti. Dobbiamo sapere che è normale che al principio la zona sarà un poco infiammata e arrossata. Questo aspetto dovrà migliorare con il passare dei giorni. Dopo all'incirca 8-10 giorni il veterinario potrà rimuovere i punti o le graffette.

Il cane, in genere, quando tornerà a casa dall'operazione sarà già pronto per far vita normale e se lo abbiamo portato dal veterinario a digiuno, in questo momento potremo offrirgli acqua e un poco di cibo. È necessario sottolineare che la sterilizzazione ridurrà le sue necessità energetiche, per cui sarà necessario adattare la sua alimentazione per evitare che aumenti di peso o diventi, addirittura, obeso. Al principio dovremo evitare giochi o salti bruschi, soprattutto nel caso delle femmine, poiché è più facile che si apra la loro ferita.

Se l'animale manifesta dolore che non cessa, febbre, non mangia e non beve, la zona dell'operazione ha un brutto aspetto e spurga etc. dovremo contattare immediatamente il veterinario. Se il cane, invece, si mordicchia in eccesso la ferita, bisognerà mettergli un collare elisabettiano per impedirglielo, almeno durante il tempo in cui non possiamo controllarlo, per evitare che si faccia del male.

Sterilizzazione cane: pro e contro

Prima di parlare dei pro e dei contro della sterilizzazione del cane dobbiamo sfatare alcuni miti che sono ancora in circolazione circa questo intervento chirurgico. Molti tutori si chiedono se sterilizzare la propria cagnolina produrrà in lei un cambio di carattere. La risposta è totalmente negativa, ed è così anche per i maschi. L'operazione ha effetti solo sugli ormoni e non incide, dunque, sui tratti caratteriali del nostro animale.

Smentiamo anche la credenza che le cagnoline devono dare a luce almeno una volta. È totalmente falso e, infatti, le raccomandazioni odierne consigliano di sterilizzarla incluso prima del primo calore. Non è nemmeno vero che tutti gli animali operati ingrassano, dipenderà, infatti, dall'alimentazione e dall'attività fisica che gli offriamo.

Parlando dei pro e i contro della sterilizzazione del cane, spiccano dunque:

  • Impedire le nascite fuori controlli di cucciolate
  • Evitare il calore nelle femmine e il suo effetto sui cani, che potrebbero scappare percependo i feromoni che le cagnoline segregano in questo periodo. Il calore non si riduce solo alla perdita di sangue ma per gli animali, indipendentemente dal loro sesso, si tratta di un periodo di stress.
  • Proteggere dallo sviluppo di malattie nelle quali influiscono gli ormoni della riproduzione come la piometra, le gravidanze psicologiche, i tumori della mammella o ai testicoli.

I contro sono invece:

  • Quelli relativi a qualsiasi intervento chirurgico con anestesia e post operatorio.
  • Alcune femmine, anche se non è comune, possono avere problemi di incontinenza urinaria, relazionata con gli ormoni. Può essere curata con dei medicinali.
  • Possibile sovrappeso, dovremo prenderci cura dell'alimentazione e del suo esercizio fisico.
  • Il prezzo può dissuadere alcuni tutor.

In definitiva, a quei tutori che si oppongono a questa operazione dicendo che è una scelta egoista da parte dei tutor ed economica da parte dei veterinari, vogliamo ricordare che i cani sono degli animali domestici e che la convivenza con l'essere umano li ha modificati in differenti aspetti. I cani possono avere cuccioli in ogni periodo di calore e quell'attività ormonale continua può provocare loro problemi di salute. Per i veterinari sarebbe comunque più lucrativo prescrivere anticoncezionali durante tutta la vita della cagnolina o medicinali per curare alcune delle malattie vincolate al ciclo riproduttivo, per non parlare delle spese che deriverebbero dai cuccioli, parti cesarei ecc.

Sterilizzazione del cane: benefici, costo e convalescenza - Sterilizzazione cane: pro e contro

Costo sterilizzazione cane

La sterilizzazione dei cani è un procedimento che varia in funzione dell'esemplare, sia maschio o femmina e ciò incide direttamente sul prezzo. L'operazione del cane maschio sarà dunque più economica e quella delle femmine andrà in base al peso, poiché per le cagnoline più leggere si pagherà un prezzo più ridotto.

A parte queste differenze, è difficile definire un prezzo fisso per la sterilizzazione del cane poiché dipende molto dal posto in cui è ubicata la clinica. È consigliato, dunque, chiedere un preventivo a vari veterinari e poi scegliere. Anche se può sembrare cara in un primo momento, è una'operazione che potrà evitarci di sostenere dei costi futuri che potrebbero essere ancor più elevati.

Si può sterilizzare un cane gratis?

Se vogliamo sterilizzare un cane gratis o a un modico prezzo vi sono dei posti in cui hanno luogo campagne di sterilizzazione che offrono sconti importanti. Castrare un cane gratis non è comune, ma se non troviamo nessuna campagna nella nostra zona, potremo sempre ricorrere all'adozione di un animale in un rifugio. Ognuno stabilisce le proprie condizioni, ma in generale, è possibile adottare un cane già operato, pagando una piccola quantità per contribuire alla continuità del loro lavoro.

Se desideri leggere altri articoli simili a Sterilizzazione del cane: benefici, costo e convalescenza, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Cure di base.

Scrivi un commento su Sterilizzazione del cane: benefici, costo e convalescenza

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Sterilizzazione del cane: benefici, costo e convalescenza
1 di 3
Sterilizzazione del cane: benefici, costo e convalescenza

Torna su