menu
Condividi

Cane dominante: Caratteristiche e linee guida

 
Di Mercè Garcia, Educatrice cinofila e redattrice. 30 novembre 2020
Cane dominante: Caratteristiche e linee guida

Vedi schede di Cani

Molti tutori affermano che loro cani sono dominanti quando hanno un alterco con un altro cane, si mostrano aggressivi, disubbidiscono ad alcuni ordini o sviluppano problemi di comportamento. Si dice anche la stessa cosa quando il cane si mostra territoriale. Ma cosa significa davvero essere dominante?

Va detto che nonostante compiano le azioni menzionate in precedenza, non tutti i cani sono dominanti, visto che si tratta d un termine che spesso di usa in maniera vaga e impropria.

In questo articolo di AnimalPedia spiegheremo come riconoscere un cane dominante a seconda delle sue caratteristiche e come lavorare sull'addestramento per risolvere problemi che questa caratteristica può generare.

Potrebbe interessarti anche: Convivenza tra cane e gatto

Caratteristiche di un cane dominante

Come si è accennato l'aggettivo 'dominante' viene spesso utilizzato in maniera erronea da chi ha un animale. Non si tratta di una caratteristica della personalità del cane, essa viene a galla quando vi sono più cani nello stesso spazio. Durante un incontro i due o più cani stabiliscono una relazione gerarchica che può generare dominanza o sottomissione da parte dei vari esemplari. Ciò non significa che esista un solo cane dominante e che gli altri gli si sottomettono, si tratta di una relazione molto più complicata.

Ad esempio: Laika è dominante con Timmy che a sua volta è dominante con Birillo. Per cui un cane, a seconda del tipo di relazione e di individuo che si trova di fronte può risultare dominante o sottomesso.

Anche se spesso i cani dominanti si comportano così in tutte le forme di agire, non tutti i cani con tendenze dominanti lo mostreranno in tutte le loro interazioni sociali. Ad esempio un cane può mostrare certe tendenze con cani della sua stessa taglia ma non con cani più grandi. Oppure un esemplare può mostrarsi dominante con le femmine ma sottomesso con i maschi. Dipende da ciascun caso specifico.

Inoltre un cane che ha problemi di comportamento e carenze nell'educazione e nell'addestramento può avere tendenza dominante in certe situazioni ma essere totalmente sottomesso in altre.

Ejemplo: Laika è un cane dominante quando Timmy cerca di rubargli i giochi e quando viene a contatto con cani di dimensioni più piccole, tuttavia è totalmente sottomessa quando altri cani più grandi cercano di montarla o quando Timmy lke si avvicina senza che vi siano i giochi.

Infine va precisato che in alcuni casi, i maschi si dimostrano dominanti con altri maschi in presenza di femmine in calore. Se la dominanza in questi casi è una caratteristica indesiderata e volete evitare gravidanze indesiderate, potete prendere in considerazione di castrare il cane, in maniera da avere un animale dal carattere più stabile e positivo.

Cane dominante: Caratteristiche e linee guida - Caratteristiche di un cane dominante

Dominio e problemi comportamentali

Una volta capto il significato della dominanza, è importante sottolineare alcuni comportamenti che possono essere confusi con quelli di un cane dominante e che possono essere legati o meno a questa tendenza. Qui di seguito analizzeremo i più abituali:

1. Cane dominante e aggressivo

Probabilmente è l'aspetto più relazionato alla dominanza. Va precisato che un cane non è aggressivo per natura, va invece ricercata questa tendenza in diversi problemi che il cane può sviluppare da cucciolo o anche nella fase adulta a volte. Le cause più comuni per tale comportamento sono:

  • Il cane ha avuto una cattiva socializzazione, per cui non si sa relazionare correttamente con altri animali. Ciò provoca delle reazioni aggressive davanti a stimoli che gli provocano paura, incertezza o insicurezza. In questi casi dovrete lavorare sulla socializzazione nella fase adulta.
  • Dopo uno scontro, un incidente o una situazione molto stressante con un altro cane, l'animale può provare paura che poi genera comportamenti e attitudini di reazione. L'animale cerca di allontanare gli altri cani dalla sua zona e di intimidirli per prevenire ulteriori esperienze traumatiche.

L'aggressività è un grave problema di comportamento che deve essere curato dopo la comparsa dei primi segnali, perché è allora che ha le maggiori possibilità di essere trattato e risolto in modo da poter educare l cane ad avere un'attitudine più tranquilla e socievole. I passi da seguire dipenderanno dal tipo di aggressività manifestata dal cane. In questi casi si consiglia di rivolgersi ad un educatore canino.

2. Cane dominante con me

A questo proposito molte persone confondono il fatto che il cane non li ascolta e non ubbidisce con la dominanza. Si tratta di un errore molto grave, visto che di solito si ricorre a tecniche incoerenti e per niente efficaci che si trovano online per cercare di salvare la situazione. Gli esempi più comuni possono annoverare: marcare il cane, metterlo a pancia in su, dargli un calcio, entrare per primo in casa o sottometterlo.

Adottare questo comportamento quando il vostro animale soffre di un problema grave come lo stress, o è vittima di maltrattamento dovuto a collari che stringono, elettrici o castighi continuati, può portare a comportamenti molto gravi nel cane che degenerano in una marcata aggressività e in un rifiuto verso il tutore. Obbligare il cane ha svolgere attività che non vuole, trattarlo in maniera abusiva o avere delle aspettative esagerate su di lui sono attitudini da evitare e non ripetere mai.

Per questo tipo di situazioni la cosa migliore è lavorare quotidianamente sui comandi basici di obbedienza, far fare lunghe passeggiate all'animale e attività che stimolino il suo benessere e cercare di migliorare la relazione personale con lui, facendo sempre uso del rinforzo positivo ed evitando il castigo. Bisogna capire che il cane non è una macchina, quindi non potremo aspettarci da lui un comportamento perfetto e inalterabile. Seguire un corso di addestramento canino può essere una buona opzione per migliorare la comunicazione fra di voi.

3. Cane dominante con il cibo e il territorio

In questi casi non si parla di dominanza ma di protezione delle risorse. Il cane che soffre di questo problema rimane in costante tensione e risponde con aggressività quando si cerca di togliergli qualcosa che lui considera di sua proprietà. Questo tipo di problema va curato cercando a monte la causa che lo provoca: cibo, territorio, cuccia, altri cani, noi... A questo proposito può esservi utile il nostro articolo di AnimalPedia: protezione delle risorse. Nei casi più gravi suggeriamo l'intervento di uno specialista.

4. Cane dominante con altri cani maschio o femmina

Qui possono entrare in gioco vari fattori. Prima si è detto che è comune che i cani non castrati si comportino in maniera dominante con gli altri per allontanarli da una possibile femmina in calore. Una femmina a sua volta può comportarsi in maniera dominante quando è in presenza di altra femmina in calore o di altri maschi attorno a loro. In questi casi si consiglia la castrazione del cane.

A margine di questo, un cane può reagire contro altri per motivi menzionati nel punto 1. Se questo è il vostro caso, l'ideale è rivolgersi ad uno specialista e lavorare sul benessere del cane in modo che possa avere una attitudine più positiva e rilassata.

Cane dominante: Caratteristiche e linee guida - Dominio e problemi comportamentali

Correggere ed addestrare un cane dominante

I comportamenti dominanti non possono essere corretti perché non sono qualcosa di negativo, sono semplicemente una parte della comunicazione del cane. Anche se la castrazione può attenuare l'impulso dominante, alcuni esemplari continuano ad avere lo stesso carattere anche dopo l'operazione. Dipende dal caso specifico. In generale però il cane dopo la castrazione ha sempre un comportamento più calmo.

Se notate delle forti tendenze dominanti nel vostro cane, il consiglio è lavorare sull'educazione e sull'addestramento del cane, sempre con rinforzo positivo, per riuscire a migliorare le risposte del vostro compagno in situazioni in cui non si ha il controllo. Insegnare all'animale ad avvicinarsi o a stare tranquillo, non solo vi aiuterà ad evitare i conflitti ma migliorerà la vostra relazione e stimolerà la sua intelligenza. In questo modo lo stiamo aiutando a capire ciò che volgiamo da lui.

Non dimenticate che quando dovete affrontare qualche problema è sempre utile l'appoggio di uno specialista, che mediante l'osservazione vi spiegherà qual è il problema che sperimenta veramente il vostro cane, in modo da migliorare i vostri errori e offrire dei schemi personalizzati da seguire.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cane dominante: Caratteristiche e linee guida, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Problemi comportamentali.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Cane dominante: Caratteristiche e linee guida
1 di 3
Cane dominante: Caratteristiche e linee guida

Torna su