menu
Condividi

Cisti ovariche nel cane - Sintomi e terapia

 
Di Cecilia Natale, Traduttrice e copywriter di AnimalPedia. 1 giugno 2017
Cisti ovariche nel cane - Sintomi e terapia

Vedi schede di Cani

Chi ha una cagnolina non sterilizzata, dovrà controllare la regolarità dei suoi cicli estrali, in modo che risulti più facile riconoscere eventuali anomalie o problemi legati al calore nel cane. In questo senso, le cisti ovariche sono una delle condizioni più comuni che colpiscono l'apparato riproduttore delle cagnoline ma molto spesso sono difficili da riconoscere.

Per accorgerti se la tua cagnetta ha delle cisti ovariche, dovrai conoscere le caratteristiche del ciclo estrale della sua specie. In questo articolo di AnimalPedia, quindi, ti mostreremo come riconoscere le cisti ovariche nel cane, sintomi e terapia di questa patologia che può far stare male la tua amica a quattro zampe.

Potrebbe interessarti anche: Edema polmonare nel cane: sintomi e terapia

Cosa sono le cisti ovariche nel cane?

Le ovaie sono gli organi riproduttivi delle cagne, per cui sono le responsabili della formazione degli ovuli e degli ormoni sessuali. Sono degli organi di dimensioni ridotte, ovali e piatti ed è possibile che le cellule che le compongono smettano di funzionare correttamente, formando così delle sacche che contengono una sostanza liquida o semisolida. Tali sacche sono le cisti ovariche e ne esistono diversi tipi (follicolari, luteali, ecc.) e ciascuno si comporta in modo diverso. Tuttavia, le più comuni sono le cisti funzionali.

Le cisti funzionali producono estrogeni, causano un estro permanente o una maggiore metrorragia (sanguinamento più abbondante dalla vulva). A volte tali cisti soffrono un'atresia in maniera spontanea. Devi sapere che sono più frequenti nei cani anziani perché anche se invecchia il cane non smette di avere il ciclo.

Bisogna tenere conto del fatto che le cagnoline giovani che hanno i primi cicli possono essere irregolari, ma tale irregolarità non è patologica. Una volta trovata la regolarità, il calore deve comparire due volte all'anno, anche se in alcuni cani può farlo una volta sola con intervalli di sei/sette mesi uno dall'altro. Se il cane non ha ancora avuto il primo ciclo o hai notato del sangue ma non sai se si tratta di ciclo o meno, dovrai informarti riguardo i sintomi del primo ciclo di una cagnolina.

Se il cane non ha cisti, il ciclo riproduttivo è formato da 4 fasi:

  1. Proestro: è la fase in cui il padrone se ne accorge, perché inizia sanguinare. Non si lascia montare, ha le mammelle infiammate e la vulva gonfia. Dura circa 9 giorni.
  2. Estro: la cagnolina si lascia montare e accetta il maschio data l'ovulazione. La durata di questa fase può oscillare dai 3 ai 15 giorni.
  3. Diestro: periodo della pseudogravidanza o della gravidanza se l'accoppiamento è andato a buon fine.
  4. Anestro: si tratta del periodo che va da un calore all'altro ed è caratterizzato dall'inattività ovarica.

Le cause delle cisti ovariche sono sconosciute, ma le più probabili sono squilibrio ormonale e fattore genetico.

Cisti ovariche nel cane: sintomi

Le cisti ovariche possono essere asintomatiche e, quindi, potrai accorgerti della patologia per sbaglio, durante la realizzazione di un'ovarioisterectomia (asportazione dell'utero e delle ovaie) o un esame ecografico addominale realizzato per altri motivi.

Il sintomo più evidente delle cisti ovariche nel cane è il calore persistente che si traduce in un aumento dei giorni durante i quali ha le perdite di sangue e durante i quali accetta il maschio. Se noti che il calore dura troppo a lungo, porta la cagnolina dal veterinario per capire se ha delle cisti funzionali. Altri sintomi connessi sono:

  • Cambiamenti comportamentali.
  • Alterazioni ematologiche (anemia).
  • Iperplasia vulvare.
  • Alterazioni dermatologiche di origine endocrina.

Diagnosi delle cisti ovariche

Per una diagnosi corretta è necessario realizzare un'anamnesi completa, delle analisi del sangue e un'ecografia.

Se il cane dovesse avere delle cisti ovariche, nell'ecografia si potranno osservare delle strutture anecogene di colore nero e dall'aspetto omogeneo. Una volta identificate, è necessario realizzare una diagnosi differenziale con le neoplasie ovariche

Il numero e le dimensioni possono variare da cane a cane e possono interessare una o entrambe le ovaie.

 

Cisti ovariche nel cane: terapia

Per curare le cisti ovariche nel cane, il trattamento ormonale che induce l'ovulazione è controindicato dati gli effetti collaterali che può avere (piometra canina, iperplasia endometriale cistica, ecc.). Perciò la terapia per eliminare le cisti ovariche in un cane è un intervento chirurgico, ovvero un'ovarioisterectomia.

Se il padrone decide di non far operare il cane per ragioni varie, come la vecchiaia dell'animale, il veterinario dovrà seguire il caso. Dato che non esistono fattori che predispongono un animale ad avere cisti ovariche, se osservi qualcuno dei sintomi elencati, soprattutto quando l'animale invecchia, dovrai portarlo dal veterinario.

Cisti ovariche nel cane - Sintomi e terapia - Cisti ovariche nel cane: terapia

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cisti ovariche nel cane - Sintomi e terapia, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Altri problemi di salute.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Cisti ovariche nel cane - Sintomi e terapia
1 di 2
Cisti ovariche nel cane - Sintomi e terapia

Torna su