Condividi

La gravidanza del cane settimana per settimana

Di Lorena Bonioni, Traduttrice e copywriter junior di AnimalPedia. Aggiornato: 19 giugno 2018
La gravidanza del cane settimana per settimana

Vedi schede di Cani

La gravidanza del cane è una circostanza molto speciale che solo alcuni proprietari hanno il piacere di sperimentare. Quando la gestazione è desiderata e si affronta in maniera responsabile, può essere un'esperienza unica e meravigliosa. Quando invece il concepimento è stato accidentale o non si trovano abbastanza famiglie per accogliere tutti i piccoli, può diventare una vera e propria tribolazione.

Se sospetti che la tua cagnolina sia incinta o ne sei sicuro e vuoi conoscere tutti i dettagli, sei nel sito giusto. In questo articolo di AnimalPedia ti parleremo dettagliatamente del processo di gestazione del cane dai sintomi dei primi giorni fino alla fase di allattamento. Preparati al meglio per sapere di cosa ha bisogno la futura mamma in questo momento così speciale.

In ogni caso ricorda che è raccomandabile far visita al veterinario per realizzare un'ecografia e sapere quanti cuccioli nasceranno, oltre che per avere alcune raccomandazioni specifiche che lo specialista potrebbe darti dopo aver analizzato il tuo caso in concreto. Scopri come evolve la gravidanza del cane settimana per settimana, una guida completa e informativa che tutti i proprietari dovrebbero conoscere.

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione del cane in gravidanza

Sintomi della gravidanza nel cane

Dato che non sempre gli accoppiamenti vanno a buon fine, a volte si possono avere dei dubbi e non sapere con certezza se una cagnolina è incinta o meno. Di seguito ti elenchiamo alcuni segnali e sintomi che possono aiutarti a capire se il processo di gestazione è iniziato.

  • Cambiamenti del flusso vaginale: la prima cosa che devi sapere se sospetti che il tuo cane è incinta, è che il ciclo estrale non è un indicatore affidabile. Infatti, un errore comune è pensare che il ciclo delle cagnette è come quello delle donne. Un cane ha l'estro due volte all'anno circa, per cui l'assenza di ciclo estrale non è sintomo di gravidanza dato che è enormemente influenzato dai cambi ormonali. E' raccomandabile perciò fare attenzione ad altri sintomi più certi.
  • Ventre pronunciato: attorno ai 30 giorni di gestazione, il veterinario attraverso un esame fisico mediante palpazione dell'utero può confermare o meno lo stato di gravidanza.
  • Grandezza dei capezzoli: si tratta probabilmente del sintomo più evidente di gestazione, dato che durante questa fase aumentano di dimensione e acquisiscono un colore più intenso.
  • Flusso vaginale: i cambi dei flussi vaginali del cane incinta sono molto frequenti. Possiamo osservare infatti scariche vaginali possono cambiare colore e consistenza diventando bianche o trasparenti, nere o verdi, ma sempre senza la presenza di sangue.
  • Cambiamenti nel comportamento: il comportamento è un indicatore poco affidabile per confermare la gravidanza dell'animale, ma si tratta di un aspetto che non possiamo dimenticare. Può succedere che si mostri molto più attiva del normale o, al contrario, molto più apatica. E' abituale che rifiuti il contatto con altri cani, soprattutto maschi, e che la sua attitudine verso di noi sia più affettuosa o scontrosa del solito. Si riscontra inoltre la ricerca di un "nido", ovvero quando la cagnolina cerca luoghi e comodi e all'ombra dove rifugiarsi e probabilmente partorire e tenere la sua prole protetta.
  • Vomito: molti si chiedono se il cane incinta vomita. Attorno ai 35 giorni di gestazione, quando l'utero si ritira, può effettivamente avvertire disturbi tra cui il vomito. Potrebbe anche rigurgitare verso la fine della gravidanza a causa della pressione addominale.
  • Alimentazione: l'alimentazione è un aspetto fondamentale durante la gravidanza, e se alcuni animali aumentano l'appetito, altri rifiutano totalmente l'alimentazione abituale. Nel paragrafo sulle cure parleremo ampiamente di questo aspetto così importante.

Se hai notato alcuni di questi sintomi nella tua cagnolina, non indugiare a portala dal veterinario, che ti confermerà o meno se è incinta con delle analisi e un'ecografia, controllando che tutto proceda bene. In ogni caso, come possiamo sapere se effettivamente il tuo cane è incinta? Te lo spieghiamo di seguito.

La gravidanza del cane settimana per settimana - Sintomi della gravidanza nel cane

Come possiamo confermare la gravidanza di un cane?

Attualmente in commercio non esiste nessun "test di gravidanza per cani" per diagnosticare una gravidanza attraverso un campione di orina, pertanto è consigliabile rivolgersi al veterinario di fiducia che ci indicherà se effettivamente è in corso la gestazione oppure si tratta di una gravidanza isterica o falsa gravidanza.

Realizzare le prove dal veterinario non solo confermerà o meno lo stato interessante dell'animale, ma è imprescindibile per assicurarsi che i cuccioli siano vivi e che la madre goda di ottima salute. Ecco le azioni che si possono realizzare in una clinica o in un ospedale veterinario:

  • Palpazione addominale: per individuare la gravidanza in questo modo tradizionale, e certamente anche il più economico, è necessaria esperienza. Non è affidabile al 100% e non aiuta a identificare eventuali complicazioni. Può essere effettuata fino a 30 giorni dopo l'accoppiamento.
  • Analisi del sangue: la presenza dell'ormone chiamato "relaxina" può confermare se la cagna è incinta a partire dai 30 o 35 giorni di gestazione. Questa prova rivela il numero di cuccioli e può anche darci informazioni sullo stato di salute della progenitrice.
  • Radiografia: le prove a raggi X si possono e realizzare solo trascorsi 45 giorni di gestazione, anche se il momento ideale per fare una radiografia è nell'ultimo periodo della gravidanza, quando il rischio dovuto alle radiazioni per i cuccioli è minimo. Potremo stabilire con certezza da quanti cagnolini sarà composta la cucciolata e se presentano eventuali malformazioni.
  • Ecografia: si tratta del metodo più affidabile e sicuro per il cane. Identifica con certezza il numero dei cuccioli e il fatto che sono in vita. Si può realizzare a partire dai 25 o 35 giorni, però bisogna fare attenzione a realizzarla in modo esaustivo per non rischiare di non accorgersi di qualche piccolo in arrivo.

Gravidanza isterica nel cane

Anche se abbiamo osservato tutti i sintomi descritti in precedenza, può essere che il nostro veterinario ci sorprenda con una diagnosi inaspettata: una gravidanza isterica.

La gravidanza isterica nel cane è un problema piuttosto frequente in animali non sterilizzati e può avvenire dopo un accoppiamento non andato a buon fine o senza motivo apparente. Si deve principalmente ad un scompenso ormonale e può arrivare a mettere in pericolo la salute della nostra cagnolina, la quale sperimenterà cambi di comportamento e a volte produzione di latte che può provocarle una mastite, o infezione mammaria. In alcuni casi la gravidanza isterica o falsa gravidanza richiede la prescrizione di farmaci e, nel caso limite in cui ci fossero delle ricadute, il veterinario potrebbe raccomandarci la castrazione.

La gravidanza del cane settimana per settimana - Gravidanza isterica nel cane

Durata della gravidanza di un cane

La gravidanza del cane dura all'incirca 65 giorni, anche se può variare a seconda della dimensione dell'animale, la sua esperienza antecedente e altri fattori. Per tutte queste ragioni affermare con precisione il momento del parto è un compito piuttosto arduo, anche per i veterinari più esperti.

In alcuni casi la futura madre può portare a termine il periodo di gestazione tra i 58 e i 63 giorni, ma in altri casi, può tardare fino ai 68 o addirittura 70 giorni. Esistono alcuni fattori che influiscono direttamente come ad esempio la dimensione della cucciolata. Generalmente la cagnolina che aspetta pochi cuccioli partorisce prima di quella che aspetta molti piccoli.

Quando si notano i cuccioli?

Intorno alla terza settimana, attraverso la tecnica della palpazione, il nostro veterinario sarà capace di confermare la gravidanza e la presenza di embrioni nell'utero. Già dall'ottava settimana, noi stessi potremo realizzare leggere palpazioni sull'addome della nostra cagnolina dato che i movimenti fetali saranno molto evidenti. Potremo quindi notare i piccoli e, nei casi più fortunati, percepirne i movimenti.

È importante stare tranquilli e realizzare questo procedimento solo di tanto in tanto, per evitare di provocare inutile ansia all'animale. È importante conoscere alcuni dei 10 segnali di stress nel cane per capire se stiamo agendo in modo troppo insistente. Ricorda che l'ansia e lo stress ripercuotono direttamente sulla madre e sui piccoli, danneggiando negativamente la salute e lo sviluppo dei cuccioli. Inoltre, soffrire condizioni molto severe in questa tappa, può provocare nei piccoli una predisposizione a nascere con stress cronico o problemi comportamentali.

La gravidanza del cane settimana per settimana

Una volta confermato lo stato interessante della cagnolina, verificato che è in buona salute e abbiamo chiarito alcune curiosità, possiamo sapere che succede durante le altre fasi della gestazione. Cosa possiamo osservare in un cane incinta di un mese? Cosa dobbiamo fare invece quando l'animale è gravido da 50 giorni?

Di seguito ti facciamo un riassunto settimana per settimana dello sviluppo della gravidanza di un cane. Ricordiamo in ogni caso di portare l'animale dal veterinario perché si accerti che tutto vada per il verso giusto.

  • Fecondazione: l'accoppiamento tra due cani si porta a termine prima dell'ovulazione e ha una durata approssimativa tra i 15 e i 25 minuti al massimo. Durante la copula, il maschio eiacula anche due volte. I cani rimangono poi ancora attaccati fino a che il maschio realizza una terza eiaculazione di sperma nella vagina della femmina. Si produce una decompressione del bulbo del glande e infine si separano. Dopo l'accoppiamento il seme del maschio si sposta aspettando l'ovulazione della femmina perché si produca la fecondazione degli ovuli. Quando la femmina viene fecondata, il periodo di calore automaticamente finisce.
  • Prima settimana (0-7 giorni): una volta che gli ovuli sono stati fecondati, cominciano a dividersi in un processo chiamato "meiosi". Durante la prima settimana di gravidanza non osserviamo nessun sintomo evidente, dato che le cellule sono nella fase in cui si stanno dividendo e si comincia la gestazione uterina.

  • Seconda settimana (8-14 giorni): in questa tappa le cellule sessuali femminili continuano a dividersi e svilupparsi e, come la settimana precedente, non saremo capaci di avvertire nessun cambio considerevole, tranne il fatto che potrebbero presentarsi alcuni cambi nel comportamento della gestante.
  • Terza settimana (15-21 giorni): alla terza settimana gli ovuli fecondati e suddivisi si impiantano nell'utero della cagnolina provocando rigonfiamenti di 0.8 fino a 1 centimentri. Questi "grumi" si convertiranno in cuccioli e si potranno osservare piccole figure. In questo momento già possiamo rivolgerci al veterinario per realizzare un'analisi del sangue e assicurarci del buon stato di salute della futura mamma.
  • Quarta settimana (22-22 giorni): i feti iniziano a svilupparsi molto lentamente all'interno della cagnolina. In questa settimana già misurano tra i 2 e i 3 centimetri e si può già realizzare la palpazione addominale. Si osservano anche alcuni sintomi menzionati in precedenza, come l'aumento della grandezza delle mammelle o le scariche vaginali. I cuccioli sono già dotati di colonna vertebrale.
  • Quinta settimana (29-35 giorni): alla quinta settimana gli embrioni hanno aumentato di lunghezza raggiungendo circa i 5 centimetri e cominciano a svilupparsi in modo molto più rapido. A partire da questo bisogna fare attenzione all'alimentazione dell'animale ed avere in generale più attenzioni. Per questo raccomandiamo rivolgersi allo specialista per ricevere alcuni consigli e realizzare la prima ecografia.
  • Sesta settimana (36-42 giorni): in questa fase finisce la calcificazione delle ossa, permettendo di realizzare una radiografia che ci indichi il numero esatto di cuccioli in arrivo. È inoltre possibile ascoltarli attraverso una auscultazione con stetoscopio. Gli embrioni già superano i 6 o 7 centimetri e pertanto l'addome della cagna si fa sempre più grande. È il momento in cui preparare il "nido" alla nostra futura mamma e continuare a prestarle le attenzioni dovute.
  • Settima settimana (43-49 giorni): è il momento chiave in cui il corpo dei cuccioli ha già la dimensione che avrà alla nascita ed assume i minerali di cui ha bisogno per formarsi. Le mammelle della mamma già dispongono di latte ed è probabile che in questa fase il cane si rifiuti di mangiare. In questa settimana è importante fare una radiografia per prevedere più facilmente alcuni possibili problemi del parto.
  • Ottava settimana (50-57 giorni): nell'ottava settimana l'allestimento della cuccia assume maggiore importanza, dato che la cagnolina vi si apparterà sempre piè spesso. Dobbiamo assicurarci che abbia una temperatura adeguata e cibo e acqua sempre disponibili. I movimenti dei feti sono sempre più evidenti al tatto e il latte comincerà a fluire naturalmente. Facendo attenzione a non provocare stress inutili alla futura mamma, possiamo realizzarle un bagno per assicurarci che il momento del parto sia il più igienico possibile. Se avvertiamo nervosismo da parte sua, sarà il caso di utilizzare solo shampoo a secco per cani.
  • Nona settimana (58-65 giorni): finalmente il parto si avvicina e i cuccioli sono ora totalmente formati e pronti per nascere. È fondamentale lasciare spazio all'animale che a partire da ora inizierà a nascondersi nella cuccia e a mostrarsi leggermente alterata. Potrebbero venirle contrazioni, orinare in modo involontario, avere secrezioni vaginali, tremiti e vomito. Cerca di non lasciarla mai da sola e di tenere a portata di mano il numero di telefono di un veterinario che risponda alle emergenze 24 ore su 24 e che all'occorrenza possa raggiungere casa tua, dato che purtroppo alcune complicazioni legate al parto possono essere gravi e mettere in rischio la vita della tua cagnolina e dei suoi piccoli.

Continua la lettura per conoscere in generale quali sono gli accorgimenti che puoi adottare durante la gravidanza del tuo cane. Ti mostriamo anche come è il parto, quali sono i problemi più comuni relativi al post parto e altre curiosità che non puoi perderti.

La gravidanza del cane settimana per settimana - La gravidanza del cane settimana per settimana

Prendersi cura di un cane incinta

Bisogna tenere sempre presente che quando la cagnetta è in gravidanza avrà bisogno di attenzioni e cure costanti, soprattutto per quanto riguarda l'alimentazione e il comfort. È sempre raccomandato andare regolarmente dal veterinario perché ci guidi nel processo in quanto ogni gravidanza è a sé e ogni animale può aver bisogno di attenzioni particolari che ne assicurino la buona riuscita.

Alimentazione del cane quando è incinta

L'alimentazione del cane in gravidanza è un aspetto fondamentale che garantisce il buon stato di salute della madre e l'ottimo sviluppo dei feti che si alimentano attraverso la placenta. Segui i nostri consigli e ti assicurerai di garantire alla tua cagnolina tutti gli accorgimenti necessari:

Fino alla quinta o sesta settimana di gravidanza il cane non comincerà ad aumentare di peso in modo evidente. In questa tappa dobbiamo alimentarla come facevamo prima per evitare un sovrappeso, che può influenzare in modo negativo la gestazione provocando possibili problemi durante il parto. Il cane continuerà con le sue passeggiate quotidiane e i suoi giochi ma i sintomi della gravidanza non tarderanno ad arrivare.

A partire dai 36-42 giorni di gravidanza possiamo cominciare a modificare l'alimentazione della nostra cagnolina, sempre dietro prescrizione veterinaria, dandole un mangime per cuccioli o "puppy". Ogni settimana che passa dobbiamo aumentarle la dose di mangime di un 5%, anche se la quantità dipende anche dal numero dei nuovi in arrivo.

Se osservi anomalie nelle feci del cane o una certa reticenza quando deve mangiare, puoi offrirle scatolette di latta con cibo umido oppure crocchette gastrointestinali o addirittura prepararle una dieta fatta in casa insieme al mangime per cuccioli. È importantissimo stimolare il suo appetito e avere cura della sua idratazione, perciò procura che abbia sempre acqua fresca e pulita.

Nella fase finale della gravidanza, la cagnolina avrà sempre meno spazio nel suo corpo per introdurre cibo. Potrebbe essere una buona soluzione abbassarle la quantità di mangime e aumentarle il numero di pasti giornaliero. Nonostante ciò è molto normale che il cane incinta smetta di mangiare i giorni immediatamente precedenti il momento del parto.

Una volta che i piccoli sono nati, continueremo ad alimentarla con cibo per cuccioli. A seconda della produzione del latte, il veterinario può raccomandare o meno una formula speciale.

I sei consigli fondamentali per l'alimentazione del cane incinta:

  1. Non apportare cambiamenti nella dieta della cagnolina nelle prima fase di gravidanza.
  2. Quando compare la nausea, dovrai darle da mangiare poco a poco in piccole dosi.
  3. Chiedi al veterinario se è bene offrire integratori alimentari nella prima fase della gestazione.
  4. Sovrappeso e obesità sono da evitare in un animale che aspetta cuccioli.
  5. Non somministrarle mai farmaci durante la gravidanza, a meno che non te li abbia prescritti il veterinario.
  6. Se osservi comportamenti anomali rivolgiti a uno specialista.

Attività, esercizio ed altri accorgimenti

Durante le prime settimane di gravidanza la cagnolina continuerà con la sua routine di esercizi e passeggiate. Può fare esercizio un cane in gravidanza? La risposta è sì, però sempre con precauzione. Intorno alla quinta e sesta settimana cominceremo a ridurre l'esercizio fisico e opteremo per altre attività più tranquille all'interno della casa, mentre continueremo con le passeggiate come d'abitudine.

Il bagno è una cosa importante da tenere in considerazione. E' raccomandabile bagnare il cane durante la fase finale della gravidanza per assicurarci che partorisca nell'ambiente più igienico possibile.

Per quanto riguarda le vaccinazioni e l'abitudine di togliere i parassiti dal pelo del cane, non tutti i prodotti che troviamo sul mercato sono adeguati durante il periodo della gravidanza. Nonostante ciò è qualcosa di imprescindibile per evitare che i cuccioli contraggano un'infezione sul nascere. La cosa migliore da fare è rivolgersi al veterinario perché verifichi qual'è il momento più idoneo e ci indichi quali sono i prodotti più adatti.

Prendersi cura anche della parte emotiva del nostro cane è altrettanto essenziale. Non dimenticare che la tua cagnolina sta vivendo una fase delicata. Dedicale tempo, se vedi che le fa piacere, e assicurati che abbia uno stato emotivo stabile e positivo che le permetterà di affrontare la gestazione e il parto nel migliore dei modi.

La cuccia della tua cagnolina

Nel mercato incontrerai delle strutture di forma quadrata denominate "cucce per parto" o "casse parto" per cani il cui prezzo varia dai 50 ai 300 euro. Si differenziano principalmente per avere dei cilindri o placche che evitano lo schiacciamento dei cuccioli e per lasciare i piccoli ben isolati dall'esterno.

La cuccia deve essere posizionata in una stanza isolata, lontano dai movimenti delle persone o di altri cani o animali, e deve essere fornita di un materassino o cuscino, oltre che di alcune coperte. Per evitare la sporcizia, possiamo collocarla su una tela cerata o di plastica che faccia da isolante. La cuccia deve essere illuminata da luce naturale, protetta dalle correnti d'aria o dai raggi diretti del sole, e allo stesso tempo avere una temperatura gradevole. La futura mamma comincerà a prepararsi e a voler stare nella sua cuccia già alcuni giorni prima del parto.

La gravidanza del cane settimana per settimana - Prendersi cura di un cane incinta

Il parto del cane

Trascorse le nove settimane, la cagnolina può partorire da un giorno all'altro. È il momento più atteso e probabilmente quello che genera più perplessità. Se il veterinario ti ha detto che non ci sono rischi né complicanze nella gravidanza, potrai farla partorire tranquillamente in casa; in caso contrario, quando inizia a presentare i sintomi del parto, dovrai portarla subito alla clinica veterinaria.

Il parto è un momento delicato per la tua cagnolina e devi lasciare che gestisca lei stessa il nervosismo e l'ansia, e cercare in qualsiasi modo di evitare di costringerla o forzarla. Se non ci è già andata da sola, accompagnala dolcemente verso la stanza dove hai precedentemente preparato la cuccia. Anche se in questa fase non è richiesto il tuo intervento, è importante mantenerti a una distanza prudente per assicurarti che tutto vada bene. Ricorda di tenere a portata di mano il numero di emergenza del veterinario per eventuali complicazioni.

Materiale necessario per il parto

Di seguito ti mostriamo alcune cose che devi tenere vicine nel momento del parto per assicurarti che i livelli di igiene sono quelli adeguati e che potrai gestire qualsiasi problema di nervosismo:

  • Carta di giornale per rivestire il pavimento della cuccia
  • Asciugamani asciutti e puliti per pulire i cuccioli
  • Carta assorbente da cucina per pulire il pavimento, se fosse necessario
  • Termometro per misurare la temperatura del cane
  • Filo dentale per legare i cordoni ombelicali
  • Borsa dell'acqua calda per garantire la temperatura adatta ai piccoli
  • Iodio per pulire il taglio del cordone ombelicale
  • Bilancia per pesare tutti i cuccioli
  • Blocchetto di appunti per annotare il peso dei nuovi nati ed altri dettagli

Segnali che il parto si avvicina

Come sappiamo esattamente che è arrivato il momento? Cosa dobbiamo aspettarci dal parto? Esistono sintomi che rendono evidente che il momento della nascita dei cuccioli è imminente.

I sintomi che indicano che il momento del parto si avvicina sono:

  • Le cagnoline che hanno già partorito in precedenza cominciano a produrre molto latte 48 o 24 ore prima del parto, mentre quelle alle prime armi potrebbero cominciare anche 10 o 7 giorni prima.
  • La cagnetta va alla ricerca di un posto tranquillo e tende a nascondersi nella cuccia: lasciamole spazio.
  • Possono apparire tremori, vomito o orina involontaria.
  • Osserviamo contrazioni addominali e uterine ogni 5 o 15 minuti.
  • Il cane espellerà una secrezione mucoso-sanguinolenta. Non ti preoccupare se le fuoriescono mucosità con sangue o espelle del liquido color marrone perché, se sta per partorire, è tutto nella norma.
  • Il comportamento è irritato e nervoso.
  • La temperatura del corpo del cane scende di 1 o 2°C. Possiamo verificarlo misurandole la temperatura.

Cosa succede durante il parto del cane?

Soprattutto se si tratta di una partoriente alle prime armi, devi seguire alcuni consigli perché tutto vada per il meglio. Devi sapere che il parto del cane può durare fino a 4 ore e che il tempo di riposo tra feto e feto può tardare per un tempo che va da 30 minuti a 2 ore. Un segno che qualcosa non va per il verso giusto è che la cagnolina abbia contrazioni ma che non partorisca nessun cucciolo per un tempo lungo.

Esistono 3 fasi del parto:

  1. Rilassamento o dilatazione dell'utero: ha una durata che va dalle 4 alle 24 ore. La femmina si prepara a far uscire i cuccioli. È un momento di nervosismo e ansia per il cane. La vulva si dilata e può secernere dei liquidi.
  1. Espulsione dei cuccioli: quando le contrazioni iniziano a diventare intense e hanno una durata di almeno 60 secondi, mantieni la calma perché il momento del parto si avvicina. Il cane inizierà a leccarsi la zona genitale. Le contrazioni saranno sempre più forti, finché non inizia a uscire il primo cucciolo, unito alla placenta attraverso il cordone ombelicale. Il resto dei cuccioli seguiranno poco a poco, a brevi intervalli di tempo. In generale, il parto dura 2 ore, anche se può durare molto di più nel caso di cucciolate molto numerose (esistono casi di parti di 24 ore). La cagnolina leccherà man mano i cuccioli per stimolarli a uscire e con i denti taglierà il cordone ombelicale. Sono rari i casi in cui non lo fa, o per mancanza di forze o di istinto: in questo caso dovrai occupartene tu stesso. Ricorda di contare i cuccioli per essere sicuro che siano usciti tutti in base ai risultati della radiografia.
  1. Espulsione della placenta: ogni cucciolo nasce avvolto dalla placenta, che la cagnolina rompe per far respirare il piccolo. Successivamente, il cane mangia la placenta dato il suo alto valore nutritivo. Se vedi che non rompe la placenta dovrai farlo tu, altrimenti i cuccioli rischieranno di morire. Inoltre, se vedi che la placenta espulsa è molto grande, ti consigliamo di non lasciare che il cane la mangi perché potrebbe darle problemi di digestione.

Durante la prima fase del parto cominciano le contrazioni uterine, ma non sono visibili dall'esterno. Il collo uterino comincia a dilatarsi. Durante la seconda fase, invece, si possono vedere le contrazioni addominali e fuoriescono i cuccioli solitamente a intervalli di 1 o 2 ore, dato che può variare considerevolmente a seconda del numero e dell'esperienza dell partoriente. Nella terza fase invece si definisce "secondamento" della placenta e degli annessi fetali, ovvero quella riferita alla loro espulsione dalla pancia della neo mamma. Nei cani generalmente si alternano la fase 2 e la fase 3 fino alla nascita dell'intera cucciolata.

La gravidanza del cane settimana per settimana - Il parto del cane

Problemi nel parto del cane

In generale i rischi nel parto del cane sono minimi. Tuttavia, per far sì che il tuo animale domestico partorisca senza problemi, ti consigliamo di portarlo con regolarità dal veterinario durante tutto il periodo della gravidanza. Attraverso analisi ed esami, ti dirà se ci sono complicazioni di qualche tipo, se il cane ha bisogno di un cesareo o se non avrà problemi a partorire in casa.

Se durante il parto noti alcuni dei problemi elencati di seguito, porta il cane d'urgenza al veterinario:

  • Assenza di contrazioni uterine
  • Contrazioni uterine senza nascita
  • Emorragia
  • Aborto
  • Parto anormale
  • Ritenzione della placenta
  • Morte del feto
  • Mummificazione

Alcuni consigli sui 3 problemi più frequenti che potresti trovarti ad affrontare:

Feto bloccato (parto anormale): se vedi che un cucciolo è bloccato nel canale del parto, non devi assolutamente tirarlo, ma per farlo uscire dovrai girarlo in senso orario per stimolare la dilatazione della vagina.

Il cane non riesce a tagliare il cordone ombelicale: dovrai tagliarlo tu con delle forbici e poi fare un nodo.

Un cucciolo non respira: dovrai aprirgli la bocca e fargli una respirazione artificiale, massaggiando la zona del torace con energia e scaldandolo senza fargli del male. Agitalo lievemente mentre gli reggi la testa con delicatezza. Fai attenzione e informati su come realizzare la rianimazione di un cucciolo prima del parto per non essere preso alla sprovvista.

Periodo post-parto nel cane

Se la tua cagnolina ha partorito attraverso il cesareo, dovrai darle speciali attenzioni per evitare che le si possano aprire i punti e assicurarti che le ferite cicatrizzino in modo adeguato. A volte succede che, in seguito a un parto cesareo, la cagnolina rifiuti i propri cuccioli.

I cuccioli dipendono del tutto dalla mamma, sia per quanto riguarda il cibo che per regolare la temperatura del corpo. Il latte materno è importantissimo perché non è solo fonte di alimentazione ma, grazie al colostro, contiene sostanze che li rende immuni a varie malattie. Se vedi che la mamma non se ne occupa, non li lecca o non gli dà da mangiare, dovrai farlo tu, informandoti su come dare da mangiare a un cucciolo appena nato.

Avvolgi i cuccioli in asciugamani di cotone e tieni i cuccioli tutti insieme al caldo. Se la mamma non li allatta, dovrai comprare del latte in un negozio per animali, sempre a piccole dosi e facendo molta attenzione. In questo caso ti invitiamo a chiamare il veterinario e chiedigli consigli sulla situazione.

La gravidanza del cane settimana per settimana - Periodo post-parto nel cane

Se desideri leggere altri articoli simili a La gravidanza del cane settimana per settimana, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Gestazione.

Scrivi un commento su La gravidanza del cane settimana per settimana

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?
5 commenti
Sua valutazione:
Agnese
La mia cagnetta fino a pochi giorni le fuoriusciva il latte dai capezzoli ora non più... pensavo fosse in cinta ma ora non credo
Lorena Bonioni (Autore/autrice di AnimalPedia)
Ciao Agnese,

potrebbe trattarsi di gravidanza isterica. Sarebbe forse il caso di portarla dal veterinario? In ogni caso ti consigliamo il nostro articolo sulla "gravidanza isterica nel cane" per sapere cosa fare. A volte è semplicemente uno scompenso ormonale che si risolve con un po' di esercizio fisico.

Grazie per il commento e un saluto da AnimalPedia!
Stella
Grazie, informazioni molto utili ed esaustive direi articolo ben strutturato,comprensibile e completo
Alex
E normale che la mia cagna si He opposta il nove aprile e fino ad oggi ha ancora sangue
Cecilia Natale (Autore/autrice di AnimalPedia)
Salve Alez, cosa intendi per "si he opposta"?
Adriana
Ciao.grazie del vostro articolo ho ricevuto tutte le informazioni indispensabile per poter affrontare insieme con la mia cagnolina il suo primo parto.😊
Cecilia Natale (Autore/autrice di AnimalPedia)
Ciao Adriana,
siamo felici di averti aiutato!
Un saluto da AnimalPedia
Sua valutazione:
marco
Un articolo esaustivo e completo. Grazie.
Cecilia Natale (Autore/autrice di AnimalPedia)
Ciao Marco, siamo felici che ti sia piaciuto l'articolo. Un saluto da AnimalPedia!

La gravidanza del cane settimana per settimana
1 di 7
La gravidanza del cane settimana per settimana

Torna su