menu
Condividi

Come insegnare al cane e non allontanarsi dal padrone

 
Di Giuseppe Antonio Terlizzi. 29 aprile 2021
Come insegnare al cane e non allontanarsi dal padrone

Vedi schede di Cani

Nell'immaginario comune avere un cane è un qualcosa di idilliaco che porta l'essere umano a raggiungere uno stato di empatia tale da raggiungere il Nirvana!

Nel mondo cinematografico spesso assistiamo a scene di passeggiate rilassanti col proprio cane in paesaggi incontaminati, belli e tranquilli. Magari aggiungiamoci un tramonto che si riflette negli occhi del nostro amico a quattro zampeche, mentre cammina fedelmente al nostro fianco, ci guarda con gli occhi dell'amore. Ma nella realtà accade questo?

Spesso no. Ogni giorno migliaia di esseri umani si svegliano e sanno che dovranno essere più rapidi e forti del proprio cane per non essere trascinati in giro nei parchi tra fango, pozzanghere e asfalto. Il problema della passeggiata accomuna molti proprietari di cani che non riescono proprio a stabilire un feeling col proprio animale domestico per vivere una quotidianità tranquilla...come quella dei film. Ma quali sono gli accorgimenti per insegnare al nostro animale domestico a stare al nostro passo senza strattoni o fughe improvvise degne del miglior galeotto latitante? Come insegnare al cane e non allontanarsi dal "padrone"? In questo articolo di AnimalPedia cercheremo di risolvere questo disagio esistenziale attraverso alcuni semplici consigli su come gestire il proprio cane durante una sgambettata.

Potrebbe interessarti anche: Come insegnare a un cucciolo a non mordere

Legge sui cani al guinzaglio

Prima di sognare la libertà bisogna conoscere i limiti legislativi entro i quali questa può essere definita tale. Proprio a causa della cattiva gestione di determinate razze di cani le normative sull'utilizzo di guinzagli e museruole sono diventate sempre più stringenti. Conoscere il quadro normativo in questione è assolutamente consigliato per non farsi cogliere alla sprovvista ed essere multati.

La scelta di un guinzaglio deve tener conto di diversi parametri. Il primo criterio da prendere in considerazione è quello legislativo, difatti la legge ha stabilito dei veri e propri limiti alla lunghezza di un guinzaglio: un guinzaglio per il nostro amico a 4 zampe non deve superare 1.50 m di lunghezza nei luoghi urbani e aperti al pubblico.

In base alle disposizioni del ministero della Salute del 06 agosto 2013 il "proprietario" deve:

  1. Portare il cane con guinzaglio e senza museruola oppure con la museruola e senza guinzaglio nei luoghi pubblici, cioè appartenenti allo Stato ed aperti a tutti, come i giardini pubblici, le strade e le piazze;
  2. Portare il cane con guinzaglio e senza museruola oppure con la museruola e senza guinzaglio nei luoghi aperti al pubblico, cioè aperti a tutti ma nel rispetto di predeterminate condizioni, come il pagamento di un ticket, il possesso di un invito, l’esibizione di una tessera o altro;
  3. Portare il cane con guinzaglio e museruola nei locali pubblici, come pub, ristoranti o taverne;
  4. Portare il cane con guinzaglio e museruola nei mezzi pubblici di trasporto, come bus, tram, metro o treni;

La normativa prevede, inoltre, la possibilità per i comuni di mettere ulteriori paletti e direttive più stringenti in materia di sicurezza nei luoghi pubblici.

Probabilmente starete sorridendo pensando a quanto sia innocuo il vostro cane e a quanto sia fuori luogo quel simpatico musino costretto in una museruola per cani rabbiosi. Purtroppo queste leggi sono di validità nazionale e devono essere rispettate in quanto, oltre a contenere aggressioni di cani con "temperamento violento", limitano la diffusione di antropozoonosi trasmissibili col morso come la rabbia.

Come insegnare al cane e non allontanarsi dal padrone - Legge sui cani al guinzaglio

Come insegnare al cane e non allontanarsi dal padrone

Insegnare al proprio cane a camminare senza guinzaglio evitando fughe è un concetto semplice ma che presenta diverse difficoltà nel caos del mondo moderno. Per cominciare è consigliabile abituare sin da piccolo il nostro amico a quattro zampe a saltellare di fianco al suo amato umano grazie a costanti "sedute" in luoghi tranquilli. Quest'ultimo fattore, ovvero la tranquillità, è fondamentale per raggiungere concretamente l'obbiettivo. Scegliere un parco poco affollato piuttosto che un bosco è il primo passo che condurrà alla sincronia di passo. Inizialmente è consigliato portare in giro il cucciolo/cane con un guinzaglio molto lungo evitando di tirare e lasciando il più possibile libertà di movimento. In questo modo il nostro fedele amico, col tempo, inizierà a prenderci come un vero e proprio punto di riferimento che scandirà la ritmica del suo passo.

A questo punto sarà possibile abbandonare il guinzaglio e procedere con delle passeggiate in completa libertà Ovviamente la location dovrà essere sempre tranquilla e sarà importante non perdere mai di vista il nostro animale. Lasciarlo libero è importante ma è indispensabile far capire al cagnolino che al primo richiamo dovrà correre a zampe levate nella nostra direzione. E com'è possibile riuscirci? Naturalmente corrompendolo col cibo. Ogni volta che al nostro richiamo il nostro cane ci raggiungerà bisognerà premiarlo con il suo bocconcino preferito.

A questo punto non ci resta che imparare la passeggiata sincrona: ovvero far camminare il cane al nostro fianco in in diretta correlazione col nostro ritmo di passeggio. Il format è lo stesso: luogo tranquillo e tasche piene di premietti. Cominciamo col liberare il cane e farlo posizionare al nostro fianco richiamando la sua attenzione con uno snack. Appena notiamo che i suoi occhi sono focalizzati totalmente sull'ipnotico bocconcino facciamo un passo o due. Se il cane ci seguirà e si fermerà al nostro fianco procedere col premio. Continuare così per diversi giorni (senza esagerare con i suoi biscottini preferiti) e resterete stupiti del risultato: il cane comincerà a seguirci fedelmente ad ogni passo non perdendo mai il contatto visivo con la nostra persona.

Una volta raggiunto questo obbiettivo potremo finalmente sentirci amati e seguiti dal nostro cane come nei film di cui parlavamo prima...naturalmente dovremmo evitare di pensare che a rendere tutto questo così magico non è il cuore del nostro cagnolino, ma il suo stomaco!

Se desideri leggere altri articoli simili a Come insegnare al cane e non allontanarsi dal padrone, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Educazione di base.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Come insegnare al cane e non allontanarsi dal padrone
1 di 2
Come insegnare al cane e non allontanarsi dal padrone

Torna su