menu
Condividi

Ernia ombelicale nel gatto

 
Di Laura García Ortiz, Veterinaria in medicina felina. 27 ottobre 2021
Ernia ombelicale nel gatto

Vedi schede di Gatti

A volte i gatti possono sviluppare un'ernia nell'ombelico se il cordone ombelicale non si è chiuso nella maniera corretta e permette quindi il passaggio di elementi patogeni ed anche di organi o grasso addominale, che formano un sacco erniario. Possono notarsi dei sintomi clinici oppure no, comunque in tutti i casi i gatti presenteranno un rigonfiamento nella zona dell'ombelico, più o meno grande a seconda del contenuto dell'ernia e della sua gravità.

Le ernie di grandi dimensioni e quelle strozzate, in cui il flusso sanguigno agli organi erniati si interrompe, possono dare luogo a sintomi gravi nei gatti e richiedere un'operazione d'urgenza al fine di salvare la vita del felino. Continuate a leggere questo articolo di AnimalPedia per sapere di più sull'ernia ombelicale nel gatto, con cause, sintomi e trattamento.

Cos'è l'ernia ombelicale nel gatto?

I gatti, come il resto dei mammiferi, hanno l'ombelico, anche se è molto difficile da notare, specialmente nei gatti che hanno il pelo lungo o particolarmente abbondante. L'ombelico è la cicatrice che rimane sull'addome quando si taglia il cordone ombelicale che unisce il feto alla placenta durante la gestazione e da cui ottiene le sostanze nutritive e l'ossigeno.

Una volta che il gattino è nato, il cordone ombelicale non serve più, perché l'animale deve imparare a respirare da solo e a ottenere il latte dalla madre. Di solito la gatta taglia il cordone ombelicale e, in questo modo, i vasi sanguigni si rompono ma si richiudono velocemente per impedire che entrino sostanze nocive come batteri, virus o funghi che possono pregiudicare la salute del gatto.

Il problema è che il cordone ombelicale può non chiudersi nella maniera corretta, permettendo il passaggio di sostanze nocive e la formazione di un'ernia ombelicale in cuccioli di gatto, se da questa apertura fuoriesce del contenuto. L'ernia ombelicale nei gatti si divide in tre parti:

  • Portale erniario: che si trova tra lo stato addominale interno ed esterno.
  • Sacco erniario: protuberanza con aspetto di sacco che contiene la parte fuoriuscita.
  • Contenuto erniario: ciò che costituisce l'ernia, contenuta nel sacco erniario. Se lo spazio nello strato interno della parete addominale è sufficientemente grande, può rimanervi infilato qualche pezzo di intestino, fatto che interrompe la circolazione sanguigna.

A volte, le ernie ombelicali sono associate alle ernie inguinali congenite, che avvengono per un problema agli anelli inguinali da cui passano, oltre che i vasi sanguigni ed i nervi, anche il legamento rotondo dell'utero nelle gatte e il cordone spermatico nei gatti.

Tipi di ernia ombelicale nel gatto

Le ernie ombelicali nei gatti appaiono al momento della nascita, quando l'apertura del cordone non si richiude bene o tarda nel farlo, mettendo in contatto la parete addominale con la cavità addominale. E' da questo foro che gli organi fuoriescono, come ad esempio parti dell'intestino, grasso addominale. Le ernie ombelicali possono essere di tre tipi:

  • Ernia ombelicale aperta: quando il buco è aperto e con le dita si può reintrodurre il contenuto dell'ernia all'interno dell'addome quando premiamo sull'ernia.
  • Ernia ombelicale chiusa: quando il foro si richiude e non si può far rientrare il contenuto dell'ernia.
  • Ernia ombelicale strozzata: quando il contenuto erniato è una parte dell'intestino che si è richiusa su se stessa. La circolazione sanguigna in questi casi è compromessa, causando strozzamento.

Cause dell'ernia ombelicale nel gatto

Di solito le ernie ombelicali nel gatto hanno una tendenza ereditaria e un carattere congenito, poiché alcuni animali posseggono un tessuto connettivo debole già al momento della nascita. Pare esista una base genetica che coinvolge vari geni, infatti vari studi hanno evidenziato una incidenza maggiore delle ernie ombelicali in famiglie di gatti di certe razze specifiche.

In una percentuale molto più bassa di casi, le ernie ombelicali sono dovute a traumi quali cadute, colpi o scontri con altri gatti, come anche alterazioni metaboliche nutrizionali o problemi nella gestazione.

Sintomi dell'ernia ombelicale nel gatto

Le ernie ombelicali si possono notare per un rigonfiamento nella zona dell'ombelico dei gattini appena nati, che generalmente non danno sintomi perché ciò che fuoriesce è solo un po' di grasso addominale. Le dimensioni dell'ernia dipendono dal contenuto erniato e dalla quantità di esso. Nei gatti cuccioli queste ernie possono aumentare di volume con il tempo.

Tuttavia, a seconda delle dimensioni e degli organi colpiti, le ernie ombelicali possono essere più o meno gravi. Le ernie strozzate possono mettere a rischio la vita del gatto e si possono notare sintomi clinici come:

  • Dolore addominale
  • Minzione frequente
  • Vomito
  • Sonnolenza
  • Anoressia
  • Inappetenza
  • Stitichezza

Trattamento per l'ernia ombelicale nel gatto

La soluzione delle ernie ombelicali nel gatto è l'intervento chirurgico, specialmente nei casi urgenti di strozzamento dell'ernia, oppure se l'ernia è cresciuta molto velocemente ed appaiono sintomi clinici.

Le ernie piccole senza sintomatologia vanno solo tenute sotto osservazione in modo da verificare che non coinvolgano organi dell'addome. In altri casi in cui l'ernia è piccola e non da problemi si può correggere quando si sterilizza l'animale, durante la stessa operazione.

Operazione di ernia ombelicale nei gatti

L'operazione di ernia nel gatto consiste nel reintrodurre il contenuto erniato dentro alla cavità addominale del felino e nel chiudere il foro d'apertura per evitare che il contenuto esca di nuovo. Il gatto dovrà essere sottoposto ad anestesia generale in modo da non soffrire né essere cosciente durante l'operazione.

Prima di incidere la zona viene pulita asetticamente. Successivamente il chirurgo incide la pelle attorno all'ovale dell'ernia e va disseccando il tessuto sottocutaneo per cercare i bordi dell'anello dell'ernia. Una volta che li ha trovati, si devono togliere le aderenze se ve ne sono, e dissezionare l'anello erniario.

Se c'è del contenuto ischemico dovuto allo strozzamento, va eliminato facendo le opportune suture. Nel caso di ernie riducibili si rimette il contenuto dentro all'addome senza necessità di legature. Infine si richiude il buco e la parete addominale.

Ernia ombelicale nel gatto - Trattamento per l'ernia ombelicale nel gatto

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Ernia ombelicale nel gatto, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Altri problemi di salute.

Bibliografia
  • Nelson, R. W. (2020). Medicina interna de pequeños animales. Grupo Asís Biomedia, S. L.
  • Portal Veterinaria. (2010). «Corrección del defecto en el cierre umbilical». Disponible en: https://www.portalveterinaria.com/animales-de-compania/articulos/19395/correccion-del-defecto-en-el-cierre-umbilical.html

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Ernia ombelicale nel gatto
1 di 2
Ernia ombelicale nel gatto

Torna su