Condividi

La riproduzione dei pinguini

 
Di Giorgio Gattoni. 19 settembre 2019
La riproduzione dei pinguini

I pinguini sono probabilmente tra gli uccelli più strani e particolari del pianeta. Inoltre, il fatto che appaiano spesso nei film, documentari o nei disegni animati, li ha resi molto popolari. Tuttavia probabilmente non sappiamo molto sul loro habitat, le varie specie che esistono, i predatori cui debbono fuggire. In questo articolo andremo a conoscere un aspetto specifico della vita dei pinguini, la riproduzione, e pertanto scopriremo se si tratta di animali vivipari o ovipari, quando è il loro periodo di calore e come crescono i loro piccoli, oltre a parlare di alcune curiosità sorprendenti di questi uccelli così curiosi. Continuate a leggere!

Potrebbe interessarti anche: Dove vivono i pinguini?

Tipi di pinguini

Di norma si sente parlare dei pinguini senza tenere conto del fatto che di questi animali esistono circa 17 diverse specie (circa, poiché vi sono diatribe tra biologi per cui potrebbero essere tra 16 e 19 secondo i punti di vista[1]).

Tra le varie specie esistenti, quella di minor dimensioni è il pinguino azzurro (Eudyptula minor), mentre la specie più grande è quella del pinguino imperatore (Aptenodytes forsteri). Alcuni hanno caratteristiche distintive ben precise, come nel caso del pinguino macaroni, meglio conosciuto come eudipte ciuffodorato (Eudyptes chrysolophus), che presenta delle vistose piume in testa. Oppure nel caso del pinguino dal pennacchio giallo (Eudyptes chrysocome), che come indica il nome ha un gruppo di piume gialle in cima alla testa.

La lista che ottiene più consensi tra i biologi include le seguenti 17 specie:

  1. Pinguino de Hbumboldt o pinguino peruviano (Spheniscus humboldti)
  2. Pinguino del Capo o pinguino africano (Spheniscus demersus)
  3. Pinguino di Magallanes o pinguino della Patagonia (Spheniscus magellanicus)
  4. Pinguino delle Galapagos (Spheniscus mendiculus)
  5. Pinguino di Schlegel o pinguino reale (Eudyptes schlegeli)
  6. Pinguino delle isole Snares (Eudyptes robustus)
  7. Pinguino dal pennacchio giallo (Eudyptes chrysocome)
  8. Pinguino macaroni o pinguino ciuffodorato (Eudyptes chrysolophus)
  9. Pinguino dal becco grosso o pinguino del Fiordland (Eudyptes pachyrhynchus)
  10. Pinguino cresta gialla o pinguino di Sclater (Eudyptes sclateri)
  11. Pigoscelide di Adelia (Pygoscelis adeliae)
  12. Pinguino faccia marcata (Pygoscelis antarctica)
  13. Pinguino Papua (Pygoscelis papua)
  14. Pinguino imperatore (Aptenodytes forsteri)
  15. Pinguino reale (Aptenodytes patagonicus)
  16. Pinguino azzurro o pinguino nano (Eudyptula minor)
  17. Pinguino dagli occhi gialli (Megadyptes antipodes)

Tuttavia ci sono dubbi su certe specie. Ad esempio il pinguino nano dalle ali bianche (Eudyptula albosignata) secondo alcuni autori non è altro che una sottospecie del pinguino azzurro (Eudyptula minor), e non è quindi una specie in sé.

Si possono anche differenziare i pinguini a seconda di dove vivano, del loro habitat naturale. Potremo trovare pinguini che vivono solo in Antartide, altri in Sud America o Nord America, altri ancora vivono in Sudafrica o alle Galapagos.

Habitat del pinguino

I pinguini vivono come detto in diverse zone del pianeta, tra cui le Americhe, il Sudafrica, l'Australia, l'Antartide e, unico luogo nell'emisfero Nord, le Galapagos.

Li si trova quindi in territori piuttosto vari, anche se si pensa di norma siano animali adatti ai climi freddi, alcune specie prediligono climi temperati, come il pinguino imperatore. In nessun caso li troveremo in climi caldi, poiché la loro morfologia specialmente adattata per proteggerli dal freddo non sopporta climi aridi o eccessivamente caldi.

I pinguini vivono dunque nelle regioni oceaniche e costiere dell'emisfero sud, dove le acque non superano temperature di 28ºC. Inoltre stanno sempre in ecosistemi ricchi e vari che assicurino loro abbondanza di cibo.

La riproduzione dei pinguini - Habitat del pinguino

Come si riproducono i pinguini

La strategia riproduttiva seguita dai pinguini è la riproduzione sessuata, e perché l'accoppiamento abbia esito positivo si necessitano due esemplari maturi, maschio e femmina fertile. Va detto che l'età della riproduzione varia a seconda della specie, può avvenire tra i tre e gli otto anni di vita dell'animale. Una volta che i pinguini sono sessualmente attivi e arriva la stagione dell'accoppiamento, che di solita è tra primavera ed estate, saranno pronti per riprodursi. Alcune specie hanno una gestazione più lunga di altre, come è il caso del pinguino reale.

Corteggiamento

Il maschio realizza un corteggiamento previo all'accoppiamento che varia a seconda della specie. Secondo il caso gracchia per richiamare l'attenzione della femmina, si pettina le piume o inizia a creare un nido. Va precisato che sono le femmine che scelgono il loro compagno, una decisione molto importante per il futuro della prole, e anche perché, come detto, rimarranno uniti per tutta la vita. A proposito di questo è impressionante la capacità delle coppie di ritrovare il loro compagno tra le centinaia o migliaia di altri pinguini durante il periodo degli amori.

Esibizione

Una volta che la femmina ha scelto il suo compagno maschio, si produce un'esibizione mutua che suggella il vincolo che li unisce, e coordinare i movimenti tra loro. I pinguini della specie Eudyptes, per esempio, sono soliti rimanere quieti uno di fronte all'altro, mentre allungano la testa, muovono le ali e si agitano. Possono in altri casi prodursi inchini, vibrazione delle ali/pinne o gracchiare all'unisono. Tutte queste esibizioni esteriori fungono da rituale per l'accoppiamento vero e proprio.

Copula

Ogni anno i pinguini tornano agli stessi territori con la loro colonia, proteggendo così le aree di nidificazione e cercando il compagno. Nel caso non lo trovino, può darsi che cerchino un'altro esemplare, ma è poco frequente. Una volta che i due si trovano si producono diverse copule. Alla fine ciò porterà ad una fecondazione interna. L'ovulazione e la fertilizzazione avvengono dopo circa 24 ore, e vi è una distanza di pochi giorni fra il primo uovo ed i seguenti. La covata è di norma tra un e tre uova.

Alcuni pinguini come l'imperatore non costruiscono nidi, altri invece come il pinguino barbuto, utilizzano tra le 8 e le 10 pietre per creare un nido sicuro. Le uova possono essere di colore bianco, azzurrino o verdognolo, ed avere forma più o meno rotonda.

Covata

Una volta uscite le uova, i pinguini si alterneranno ad incubarle, ad eccezione del pinguino imperatore, mantenendole ad una temperatura di 36ºC circa. Quando uno dei genitori cova l'uovo l'altro esce a procacciare cibo. Tuttavia, è proprio in questi casi in cui i piccoli corrono i rischi maggiori, poiché, se il genitore non torna, l'altro può vedersi tentato di lasciare il nido abbandonato per alimentarsi a sua volta, lasciando la prole esposta ai predatori.

La riproduzione dei pinguini - Come si riproducono i pinguini

Come nascono i pinguini

Le covate di pinguini sono composte di norma da uno o due uova, anche se raramente possono arrivare a tre. Di norma, solo uno riuscirà a sopravvivere, il più adattabile e sviluppato. Ovviamente ciò dipenderà anche dalle attenzioni che gli daranno i genitori subito dopo la nascita.

Nel seguente video potrete vedere la nascita di due pinguini dal canale Penguins International:

 

Cuccioli di pinguino

I pinguini nascono implumi, motivo per cui sono facile vittima del freddo intenso delle zone che abitano, ed inoltre non posseggono nemmeno una buona percentuale di grasso corporale alla nascita. È per questa ragione che i genitori si prenderanno cura della prole fintanto che non sarà totalmente sviluppata.

Entrambi i genitori alimenteranno i piccoli in maniera frequente, rigurgitando il cibo, offrendogli rifugio e calore e difendendoli dai predatori, come i gabbiani ad esempio. Inoltre i piccoli producono delle vocalizzazioni riconoscibili dai genitori ed importanti per localizzare la cucciolata.

Come si riproduce il pinguino imperatore?

Il pinguino imperatore (Aptenodytes forsteri) è il più grande fra tutti i pinguini e possiede caratteristiche distintive per quel che riguarda la riproduzione. Pesa tra i 20 ed i 45 kg, e può raggiungere un metro e venti cm. Si comportano in maniera diversa dagli altri, visto che mantengono le loro uova ad una temperatura inferiore, di circa 31ºC e sono i maschi che si incaricano di prendersi cura delle uova e covarle.

Questi pinguini hanno anche la caratteristica di prendersi cura di gruppi di cuccioli che appartengono ad altri membri del gruppo, come una specie di scuola materna, favorendo così le possibilità di sopravvivenza. In questo modo infatti gli altri genitori possono andare in cerca di cibo a turni, lasciando i piccoli in buone mani.

La riproduzione dei pinguini - Come si riproduce il pinguino imperatore?

Curiosità sui pinguini

I pinguini sono uccelli piuttosto speciali per diversi aspetti, andiamo ad elencarli:

  • Sono animali monogami, stanno col proprio compagno per tutta la vita (finché uno dei due non muore).
  • Se una coppia perde il suo uovo è frequente che cerchi di sottrarlo ad altre coppie di pinguini.
  • I pinguini possono vivere in habitat non freddi come ad esempio il Sudafrica.
  • I pinguini possono bere acqua salata, poiché posseggono una ghiandola che filtra l'acqua ed elimina l'eccesso di sodio.
  • I pinguini sono uccelli ma non volano, utilizzano le loro ali per nuotare.

Effettivamente si tratta di animali molto interessanti, lasciate un vostro commento se vi è piaciuto l'articolo!

La riproduzione dei pinguini - Curiosità sui pinguini

Se desideri leggere altri articoli simili a La riproduzione dei pinguini, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Curiosità sul mondo animale.

Fonti
  1. Jadwiszczak, P. (2009). Penguin past: The current state of knowledge. Polish polar research, 30(1), 3-28.
Bibliografia
  • Davis, L. S., & Renner, M. (2010). Penguins. Bloomsbury Publishing.
  • Emperator Penguin. 2019, de National Geographic Sitio web: https://www.nationalgeographic.com/animals/birds/e/emperor-penguin/
  • John P. Rafferty. Emperor penguin. 2019, de Encyclopaedia Britannica Sitio web: https://www.britannica.com/animal/emperor-penguin
  • Jean Prevost, Frank Gill. (08.09.2019). Penguin. 2019, de Encyclopaedia Britannica Sitio web: https://www.britannica.com/animal/penguin

Scrivi un commento su La riproduzione dei pinguini

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

La riproduzione dei pinguini
1 di 5
La riproduzione dei pinguini

Torna su