menu
Condividi

Sindrome di Wobbler nel cane

 
Di Eduarda Piamore. 17 giugno 2021
Sindrome di Wobbler nel cane

Vedi schede di Cani

La sindrome di Wobbler nel cane, tecnicamente chiamata spondilomielopatia cervicale, è una malattia degenerativa grave che colpisce le vertebre ed i dischi intervertebrali della spina dorsale che colpisce principalmente cani di grossa taglia o gigante.

La progressione della malattia porta di solito danni sia neurologici che motori, che necessitano di attenzione veterinaria immediata per non risultare irreversibili. Per questo una diagnosi precoce è cruciale per poter offrire all'animale un trattamento efficace, che possa dargli una migliore qualità della vita. Continuate a leggere il nostro articolo di AnimalPedia per conoscere i sintomi, le cause ed il trattamento della sindrome di Wobbler nel cane.

Potrebbe interessarti anche: Alzheimer nel cane: sintomi e spiegazione

Cos'è la sindrome di Wobbler?

La sindrome di Wobbler consiste in una spondilomielopatia cervicale o SMC, che comprende diversi disturbi degenerativi cronici. La patologia ha origine dalla compressione eccessiva del midollo spinale e dei nervi localizzati nella zona cervicale.

La progressione della malattia è silenziosa ed i sintomi che si possono riscontrare sono poco specifici, come dolori alla nuca o alla testa. Ciò significa che spesso i cani arrivano alle cliniche veterinarie quando la malattia è già in stato avanzato, ed il cane ha perdite di equilibrio e barcolla. Va precisato che spesso la prevenzione è la cosa migliore e che le visite periodiche dal veterinario consentono di diagnosticare subito eventuali patologie.

Sindrome di Wobbler nel cane - Cos'è la sindrome di Wobbler?
Immagine: canadawestvets.com

Cause della sindrome di Wobbler nel cane

Ad oggi si ignorano le cause scatenanti della sindrome di Wobbler nei cani. Tuttavia si è notato che la mielopatia deriva dal restringimento del canale vertebrale, che è la parte ossea che avvolge e protegge il midollo spinale. Il restringimento, provocato da uno scivolamento del disco o da una malformazione ossea, comprime il midollo.

Considerando che almeno il 50% dei casi della sindrome di Wobbler sono stati diagnosticati a cani di razza dobermann, alano o mastino, è evidente che l'eredità genetica sia un fattore fondamentale nello sviluppo di questa malattia degenerativa. Tale predisposizione genetica si è osservata anche in altre razze, come Basset hound, Rottweiler e Levriero irlandese.

Inoltre in circa il 70% dei quadri di mielopatia cervicale diagnosticati, erano coinvolti cani di taglia grande con una crescita accelerata, che è un fattore di rischio per questa sindrome. Va detto però che anche razze di cani piccoli possono sviluppare la sindrome di Wobbler o 'del barcollamento', come chihuahua, Pincher o Yorkshire.

Nei casi più rari il cane sviluppa una malformazione nella regione cervicale come conseguenza di un trauma grave al collo.

Sintomi della sindrome di Wobbler

Come abbiamo accennato spesso i primi sintomi della patologia di Wobbler sono poco specifici e riconoscibili, come dolori o rigidità della nuca, che possono sfociare in mal di testa. Con l'avanzare della malattia potremo notare la comparsa d nuovi sintomi.

I sintomi della sindrome de Wobbler sono:

  • Movimenti traballanti.
  • Passi corti e prudenti.
  • Rigidità nella zona cervicale (collo duro).
  • Frequente perdita dell'equilibrio che provoca cadute e colpi.
  • Difficoltà a muoversi e ad alzarsi.
  • Perdita progressiva della massa muscolare delle zampe anteriori e delle spalle.
  • Debolezza e spossatezza costante.
  • Zampe gonfie.
  • Paralisi completa o parziale.

Nei casi più avanzati, quando il trattamento si inizia tardivamente, l'animale è molto soggetto ai deficit neurologici irreversibili ed alla disabilità.

Sindrome di Wobbler nel cane - Sintomi della sindrome di Wobbler

Diagnosi della sindrome di Wobbler

Il veterinario farà le analisi adeguate come raggi X, risonanza magnetica e tomografia computerizzata o mielografia, per poter procedere ad una diagnosi differenziale della sindrome di Wobbler, a partire dall'osservazione delle vertebre cervicali e della colonna. Inoltre ha importanza anche verificare il profilo genetico del cane. Si potranno inoltre realizzare analisi dell'urina e del sangue per scartare altre patologie e verificare lo stato del sistema immunitario.

Ricordiamo sempre che solo il veterinario sa davvero quale sia la diagnosi corretta ed il trattamento migliore per il nostro amico a quattro zampe. Per questo se notate qualche cambiamento nel comportamento o nelle abitudini del vostro cane non dubitare a contattarlo. Una diagnosi precoce può salvare la vita del vostro cane.

Trattamento della sindrome di Wobbler

L'unico trattamento veramente risolutivo della sindrome di Wobbler nel cane è l'intervento chirurgico che permette di attenuare la pressione sul midollo spinale della zona cervicale. Va però detto che questo tipo di soluzione non è fattibile nei casi di cani in età avanzata o con un quadro clinico già debilitato. In questi casi la chirurgia può anche peggiorare i danni neurologici e provocare la morte.

Sarà il medico veterinario che con la sua esperienza saprà valutare caso per caso il miglior trattamento possibile, valutando se l'intervento chirurgico rappresenti una alternativa o solo un rischio. I cani che si sottopongono all'intervento di chirurgia cervicale dovranno stare a riposo per un periodo di 2-3 mesi. La cosa migliore sarebbe che potessero rimanere sempre sotto osservazione durante il periodo di convalescenza, in modo da evitare colpi, cadute o movimenti inadeguati, e fare in modo che rimangano su superfici morbide e comode, come materassi o cuscini. Inoltre la terapia fisica è fondamentale per evitare l'atrofia e la perdita di massa muscolare e velocizzare la guarigione del cane.

Nei casi in cui l'intervento chirurgico è da escludere, il veterinario troverà una terapia palliativa per alleviare il dolore, migliorando così la qualità della vita dell'animale. Possono anche essere seguite terapie alternative e non invasive coche possono offrire sollievo al cane, come i massaggi o l'aromaterapia. Infine anche l'affetto e le coccole possono contribuire a rilassare l'animale e fare in modo che riesca a riposare.

Sindrome di Wobbler nel cane - Trattamento della sindrome di Wobbler
Immagine: animalpetdoctor.homestead.com

Prevenzione della sindrome di Wobbler

Visto che le cause scatenanti della sindrome di Wobbler nel cane sono sconosciute è difficile poter parlare di misure preventive. Non possiamo cambiare l'eredità genetica del nostro cane, l'unica maniera è di contribuire alla sua salute generale ed alla rafforzamento del sistema immunitario attraverso una alimentazione corretta ed un buon esercizio fisico.

Inoltre il rispetto del calendario delle vaccinazioni e della sverminazione e delle visite periodiche dal veterinario possono essere una buona azione preventiva per la salute del cane.

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Sindrome di Wobbler nel cane, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Malattie degenerative.

Scrivi un commento

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Sindrome di Wobbler nel cane
Immagine: canadawestvets.com
Immagine: animalpetdoctor.homestead.com
1 di 4
Sindrome di Wobbler nel cane

Torna su