Condividi

Come prendersi cura di un gatto epilettico

 
Di Cecilia Natale, Traduttrice e copywriter di AnimalPedia. Aggiornato: 31 luglio 2017
Come prendersi cura di un gatto epilettico

Vedi schede di Gatti

L'epilessia non è una malattia che colpisce solo l'essere umano, ma possono averla anche gli animali come i cani e i gatti. Nei felini è più comune di quanto si pensa e può avere cause diverse, dalla genetica a vari problemi fisici.

I sintomi dell'epilessia nei gatti sono simili a quelli che compaiono in un essere umano e anche se le convulsioni sono il sintomo più evidente, in questi animali se ne possono osservare altri utili a diagnosticare la malattia. Se sospetti che il tuo gatto soffra di epilessia, dovrai portarlo dal veterinario e dovrai anche apportare alcuni cambiamenti dentro casa. In questo articolo di AnimalPedia ti mostriamo come prendersi cura di un gatto epilettico per potergli dare tutto ciò di cui ha bisogno.

Potrebbe interessarti anche: Come prendersi cura di un cane con linfoma

I sintomi dell'epilessia nei gatti

L'epilessia nei gatti è una malattia che diventa evidente se il gatto ha delle convulsioni spontanee. Tuttavia, è possibile riconoscere altri sintomi più nascosti ma che devono essere tenuti in considerazione anche perché possono precedere una convulsione. Vediamo di seguito quali sono i sintomi dell'epilessia nei gatti:

  • Nervosismo
  • Rigidità muscolare
  • Perdita di equilibrio
  • Difficoltà a camminare
  • Iperventilazione
  • Salivazione eccessiva
  • Perdita di controllo degli sfinteri
  • Difficoltà a mangiare e bere

Cosa non fare se il gatto ha una convulsione

Esiste una cura a base di farmaci specifica per l'epilessia nei gatti che deve essere seguita solo con la supervisione del veterinario. Tuttavia, anche se il gatto riceve tali cure, le convulsioni potrebbero non scomparire del tutto e potrebbe avere lo stesso una crisi epilettica. Vediamo quali sono gli errori da evitare se il gatto ha le convulsioni:

  • Dargli acqua o altri liquidi: in generale, quando si hanno le convulsioni, si perdono anche i sensi, per cui il gatto potrebbe soffocare. Durante una crisi epilettica non deve ingerire assolutamente nulla.
  • Coprirlo con una coperta: il gatto non è consapevole dei suoi movimenti in questo momento, per cui coprirlo con una coperta o altre cose non è una buona idea dato che potrebbe farsi del male o addirittura soffocare.
  • Reggerli la testa: da parte tua potrebbe essere un gesto istintivo, ma si tratta di un errore grave perché se gli si regge la testa mentre tutto il corpo si muove in maniera involontaria e improvvisa, potrebbe subire una frattura al collo.
Come prendersi cura di un gatto epilettico - Cosa non fare se il gatto ha una convulsione

Consigli per prendersi cura di un gatto epilettico

Spesso è difficile prevedere quando ci sarà la prossima convulsione, è un fenomeno molto difficile da evitare. Tutto ciò che puoi fare per aiutare il gatto è assicurarti che l'ambiente in cui vive sia adatto a lui, privo di pericoli. Tieni in considerazione i seguenti consigli:

  • Non mettere nulla che potrebbe diventare pericoloso durante una crisi epilettica nelle zone frequentate di solito dal gatto.
  • Assicurati che il gatto non si avvicini alle scale in tua assenza. Puoi mettere delle reti nei posti che possono essere pericolosi per un gatto che ha perso i sensi e che ha violenti spasmi muscolari.
  • Tieni sempre le finestre chiuse quando non puoi tenere sotto controllo il gatto, per ché se dovesse avere una convulsione nei pressi di una finestra aperta potrebbero esserci brutte conseguenze.
  • Metti un cuscino morbido nella zona in cui riposa il tuo gatto; in questo modo, se dovesse avere una crisi epilettica, il rischio di farsi male sarà minore.
  • Quando ha un attacco epilettico, spegni la televisione, la musica, le luci che illuminano direttamente il gatto ecc., per ridurre al minimo gli stimoli esterni che potrebbero peggiorare la situazione.
  • Scegli un'alimentazione di qualità adatta alla sua età e all'attività fisica che svolge. Ricorda che l'alimentazione è fondamentale per la salute dell'animale e perché il corpo abbia sempre le energie di cui ha bisogno.
  • Consulta il veterinario riguardo l'uso di feromoni sintetici, integratori che possono migliorare la salute del gatto in casa, diminuendo lo stress e stimolando la tranquillità.

La speranza di vita di un gatto con epilessia è sempre di circa 20 anni, anche se per arrivare a quest'età nelle sue condizioni dovrai prenderti costantemente cura di lui. Nel caso in cui le convulsioni diventino sempre più frequenti e non siano solo un fenomeno isolato, sarà necessario portare il gatto dal veterinario per sapere quali cure deve seguire.

Come prendersi cura di un gatto epilettico - Consigli per prendersi cura di un gatto epilettico

Questo articolo è puramente informativo, da AnimalPedia non abbiamo la facoltà di prescrivere trattamenti veterinari né realizzare alcun tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di malessere o fastidio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come prendersi cura di un gatto epilettico, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Altri problemi di salute.

Scrivi un commento su Come prendersi cura di un gatto epilettico

Aggiungi un'immagine
Fai click per aggiungere una foto insieme al commento
Ti è piaciuto l'articolo?

Come prendersi cura di un gatto epilettico
1 di 3
Come prendersi cura di un gatto epilettico

Torna su